Passa ai contenuti principali

Alfa Romeo punta all'alto di gamma ma senza la Mito


Le ambiziose iniziative annunciate per l'Alfa Romeo, sono quelle che faranno da base a una trasformazione destinata a entrare nella storia. A patto che quello che si legge sulla carta riesca a prendere effettivamente corpo.

L'Alfa di domani sarà una Casa dinamica, con una gamma ricca e tecnologicamente avanzata. Questo è quello che affermano Marchionne e soci, e soprattutto quello che si augurano gli appassionati del Biscione.
L'attesa per vedere le prime nuove Alfa è ancora lunga, la Giulia non debutterà che a fine 2015. Ecco un primo schizzo dei nuovi connotati della Casa.
La prima notizia è l'abbandono del segmento B, la MiTo non avrà eredi, e al termine della sua carriera l'Alfa uscirà del tutto dal settore poco remunerativo e in linea con il suo riposizionamento commerciale delle piccole. Base di gamma sarà dunque l'erede della Giulietta, che verrà affiancata da una seconda compatta, potrebbe trattarsi di una variante Sportwagon, peraltro ipotizzata e poi smentita per la generazione attuale, ma è solo un'ipotesi, che per il momento non trova conferme.
Il quadro è più chiaro per i segmenti superiori. A fine 2015 vedremo la Giulia, la prima Alfa del nuovo corso, quella che segnerà il debutto della nuova piattaforma Giorgio a trazione posteriore. Al fianco della berlina ci sarà verosimilmente una seconda variante di carrozzeria. Anche in questo caso, tuttavia, parlare di Sportwagon in senso stretto sarebbe fuorviante.
È possibile che il modello in questione assuma le forme di una shooting brake: le station, dopotutto, sono un fenomeno squisitamente europeo e la tentazione di mettere in campo qualcosa di più facilmente spendibile a livello globale, potrebbe sposarsi con quella di dare un'allure ancora più dinamica alla "familiare".
Altri sviluppi interessanti sono quelli attesi nel campo delle sportive. Confermata l'intenzione di produrre l'ammiraglia e le due Suv (una di medie dimensioni, l'altra più grande), l'Alfa tornerà a scommettere sui modelli più in linea con la sua tradizione. L'attuale 4C sarà declinata in due nuove varianti, la Spider, vista in forma semi-definitiva a Ginevra, e una inedita Quadrifoglio Verde, che arriverà come la Giulia a fine 2015.
La novità più importante nel campo sarà quella che è stata identificata come "specialty". Dopo il trasferimento del progetto MX-5/Duetto al marchio Fiat, l'Alfa non ha rinunciato alla sua spider a motore anteriore, spostando al contrario l'asticella verso l'alto. L'ipotesi più accreditata, al momento, ha in oggetto un modello di prestigio pensato prevalentemente per il mercato americano: posizionata dalle parti della futura Alfieri Cabrio, l'Alfa se ne distaccherà nella filosofia progettuale per evitare il rischio di indesiderate sovrapposizioni.
Non solo i modelli, ma anche i motori contribuiranno a rianimare la gamma Alfa. L'offerta degli anni a venire comprenderà i 3.0 V6 turbocompressi benzina e diesel, recentemente lanciati sulle nuove Maserati: i primi avranno potenze comprese fra i 410 e i 520 CV della futura variante ad alte prestazioni, mentre le unità a gasolio copriranno l'arco compreso fra i 250 CV dell'entry level e i 340 del prossimo biturbo.
Quattro cilindri, rivoluzione in vista. Le sorprese arriveranno soprattutto dalla gamma a quattro cilindri, anch'essa tutta turbo: due saranno le unità a benzina, con ogni probabilità entrambe di nuova progettazione. La prima andrà a coprire la fascia di potenza fra i 100 e i 180 CV, la seconda, che potrebbe essere un 2.0, quella fra i 180 e i 330 CV circa. Cambierà del tutto anche il panorama dell'offerta a gasolio: oggi l'Alfa dispone di tre diesel, il 1.3 della MiTo, il 1.6 e il 2.0. In futuro ci sarà un solo quattro cilindri al fianco del V6, e sarà in grado di coprire l'intero arco tra i 100 e i 200 CV, verosimilmente con soluzioni a turbina singola o doppia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Fleet & Tender di Stellantis Italia si aggiudica gara per fornitura di Fiat Panda, 600 e Doblò alla Pubblica Amministrazione italiana

In gara c’erano più lotti che riguardavano vari tipi di veicoli (city car, sport utility vehicle e veicoli commerciali) sia ibridi che elettrici I modelli che sono stati scelti sono la Fiat Panda, Fiat 600 e FIAT Professional Doblò.   Stellantis Italia, attraverso il dipartimento Fleet & Tender, si è aggiudicata un’importante gara nazionale indetta da Consip per la fornitura di veicoli alla Pubblica Amministrazione italiana. In gara c’erano più lotti che riguardavano vari tipi di veicoli (city car, sport utility vehicle e veicoli commerciali). In particolare, i modelli che sono stati scelti sono Fiat Panda (350 unità), Fiat 600 (1.260 ibrida) e 150 FIAT Professional Doblò termici. Il dipartimento di Fleet & Tender è la divisione altamente specializzata all’interno di Stellantis per la progettazione e la realizzazione di ogni specifica tecnica richiesta nelle gare promosse da Consip per la Pubblica Amministrazione ed in particolare per le forze dell’ordine. Tra cui una fornitura

PRIME IMMAGINI UFFICIALI DI DUE NUOVE FIAT IN ARRIVO DAL 2025

Durante la presentazione della nuova Fiat Grande Panda, Olivier Francois ceo di Fiat, ha mostrato un video in cui si intravedono le nuove Fiat Fastback e la familiare in arrivo dal 2025.

A Kragujevac parte la produzione della Nuova Fiat Grande Panda

La produzione della Nuova Fiat Grande Panda elettrica è cominciata nello stabilimento Serbo di Kragujevac, polo industriale a sud di Belgrado. I prossimi due mesi saranno dedicati alle prove della catena di montaggio, mentre in autunno partirà la produzione del modello di serie, che raggiungerà le concessionarie prima della fine dell’anno. L’elettrica avrà un listino con prezzi sotto i 25.000€, mentre la versione ibrida da 100 CV avrà prezzi a partire da meno di 19.000€.

Previsioni traffico estate 2024: 2 bollini neri all'inizio di agosto

Si avvicinano i giorni più trafficati dell'anno per gli spostamenti verso le località turistiche. Qui trovate le previsioni per luglio,  agosto e l'inizio di settembre,  oltre ai divieti di transito per i mezzi pesanti.  Bollino Verde: traffico regolare  Bollino Giallo: traffico intenso  Bollino Rosso: traffico molto intenso  Bollino Nero: massima concentrazione di traffico con criticità  Particolare attenzione al traffico intenso sulla rete autostradale ligure, sulla A1 tra Milano e Bologna e sulla A14 Adriatica. Per informazioni in tempo reale potete ascoltare Rtl 102.5 e Isoradio 103.3. Disponibili anche su radio DAB e per Isoradio con app RAI Play Sound.

Produzione FIAT Panda a Pomigliano d'Arco

Video del Canale YouTube Passione Auto Italiane 

Fiat Grande Panda arriva a fine anno con prezzi da meno di 19.000€

La Grande Panda segna il ritorno della FIAT sul mercato consumer globale. È stato sviluppato sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design si ispira all'iconica Panda degli anni '80, il 'blue jean' dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni occasione. occasione. cliente. È quindi un’auto socialmente rilevante, l’auto per tutti. La Grande Panda è letteralmente il clone della prima Panda, rendendola un nuovo veicolo del segmento B, conveniente e adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda parte da meno di 25.000 euro per la versione completamente elettrica e da meno di 19.000 euro per quella ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda si basa su un'idea semplice: una piattaforma multienergia unica e installabile in qualsiasi parte

In Svizzera chi acquista un'auto elettrica di Fiat, Abarth o Alfa Romeo e riceve un veicolo a combustione gratis per 1 mese

Astara innova: L'importatore ufficiale dei marchi Fiat, Abarth e Alfa Romeo lancia una nuova iniziativa per i suoi clienti in Svizzera, per facilitare il passaggio ai veicoli elettrici. I clienti che acquisteranno un veicolo elettrico tra l'1.7.24 e il 30.9.24 potranno usufruire gratuitamente di un veicolo a combustione per un mese. L'offerta è valida da subito presso i concessionari ufficiali Fiat, Abarth e Alfa Romeo in Svizzera.  Astara innova offrendo ai suoi clienti l'uso gratuito di un veicolo a combustione della stessa marca per un periodo di un mese. In questo modo i clienti possono godere del comfort della guida elettrica per tutto l'anno, beneficiando al contempo di un veicolo a combustione della stessa marca, in modo da poter andare in vacanza senza alcun vincolo.  Il veicolo viene consegnato al concessionario del cliente.  Il veicolo è reso disponibile da Astara attraverso la sua nuova offerta di abbonamento: Astara Subscription - Abbonati alla tua pross

Nuova Fiat Grande Panda

Video del Canale YouTube Passione Auto Italiane 

Nuova Fiat Multipla 2025

Nel 2025 arriverà un nuovo Suv Fiat, al momento conosciuto come Multipla,  e che appartiene  alla nuova famiglia Panda. Per capire come sarà basta incrociare le immagini del concept mostrato a febbraio,  con le forme delle nuove Citroën C3 Aircross e Opel Frontera. Il risultato è in grandi linee quello creato da auto-moto.com, che anticipa quello che dovrebbe essere l'aspetto definitivo del nuovo modello.  Questo nuovo B-SUV condivide con la C3 berlina e Aircross e con la Opel Frontera la piattaforma Smart Car, progettata fin dall'inizio per accogliere in modo ottimale l'offerta elettrica. Fiat proporrà l'offerta termica tradizionale, e una gamma ibrida che facilita l'accesso all'elettrificazione. E sarà disponibile anche in versione 100% elettrica, con una gamma accessibile. La Multipla avrà fino a 7 posti e avrà una lunghezza di circa 4,39m e avrà prezzi molto contenuti, grazie all'utilizzo della piattaforma Smart Car, e alla condivisione a livello globale

OBBLIGO DELL'UTILIZZO DELLA CORSIA PIÙ LIBERA A DESTRA

Fino al 2002 il comma 6 dell’art.143 del Codice della Strada diceva che la corsia di destra era riservata ai veicoli lenti, ma questa frase è stata totalmente eliminata dal 15 gennaio 2002. Oggi, l’articolo 143 comma 5 del Codice della Strada prescrive che, salvo diversa segnalazione, sulle strade a due o più corsie per senso di marcia si deve circolare sulla corsia libera più a destra , e la corsia o le corsie di sinistra sono riservate al sorpasso.  Le sanzioni per l’inosservanza di questa legge prevedono il pagamento di una multa compresa tra 42 e 173 euro, la decurtazione di 4 punti dalla patente di guida (8 per i neopatentati) e l’addebito della responsabilità in caso di sinistro o quantomeno il concorso di colpa anche in caso di tamponamento. Il sorpasso a destra non è consentito, ma il superamento sì. Nel sorpasso è previsto il passaggio da una corsia all’altra e il ritorno su quella di origine, mentre il superamento prevede l’avanzamento del veicolo sulla stessa corsia di marci