Passa ai contenuti principali

Alfa Romeo, nata per la competizione: dalla 24 CV al Gran Premio di Spagna 2023



Le prestazioni e l'adrenalina della competizione sono presenti nella storia di Alfa Romeo fin dalle origini del marchio.

Con la 24 CV, pensata per ottenere la massima velocità massima, o la 24 CV Corsa, pensata per vincere le corse, l'Alfa Romeo si fece strada nel 1910 per dominare i Gran Premi e la Formula 1 nella prima metà del '900.

Lo spirito sportivo continua ad essere molto presente nel DNA di Alfa Romeo, con tratti distintivi come il Quadrifoglio o la sua partecipazione al Campionato del Mondo di F1, che arriva questo fine settimana all'appuntamento annuale con il Circuit de Barcelona-Catalunya. 

Nel 1910 nasce a Milano un nuovo marchio automobilistico: ALFA. Il suo elemento distintivo rispetto alle rivali dovrebbero essere le prestazioni e la sportività. È con questa filosofia che ha sviluppato i suoi primi modelli, come il 24 HP, capace di raggiungere una velocità massima di 100 km/h, o la sua versione da competizione, il 24 HP Corsa, progettato con la vittoria come unico obiettivo. I risultati non si fanno attendere: nel 1913 Nino Franchini ottiene la prima vittoria aziendale al Parma-Poggio di Berceto.


Allo stesso tempo, carrozzieri come Castagna stavano sviluppando concetti come l'aerodinamica con veicoli come l'ALFA 40/60 HP Aerodinamico, in grado di raggiungere i 139 km/h.


Dopo la prima guerra mondiale, che coincide con l'ingresso di un nuovo proprietario, Nicola Romeo, il marchio diventa Alfa Romeo, ma rimane fedele alla sua passione per la velocità e la competizione.


Gli anni '20 e '30 sarebbero stati una vera e propria età dell'oro per il marchio, con l'Alfa Romeo che dominava la categoria principale degli sport motoristici dell'epoca: il Gran Premio. Il “Biccione” è circondato da una squadra di piloti mitici, con leggende come Enzo Ferrari, Antonio Ascari, Tazio Nuvolari o Giulio Masetti e il compianto Ugo Sivocci, nel cui tributo il Quadrifolglio continua a essere dipinto su auto da corsa e più performanti Del marchio. con l'ingegner Vittorio Jano che pone le basi dell'identità Alfa Romeo nel mondo delle competizioni: semplicità strutturale, ricercatezza meccanica e massima potenza. Dalla vittoria di Antonio Ascari nel Gran Premio di Monza del 1924, le vittorie nelle gare più prestigiose del mondo si sono susseguite e hanno accresciuto il prestigio dell'Alfa Romeo.


Queste vittorie non significano che vengano trascurate le categorie di cilindrata minore, come quella delle “voiturette”, per le quali l'ingegner Gioachino Colombo lavora, dal 1938, all'Alfetta. Un progetto che sarebbe stato momentaneamente interrotto dalla seconda guerra mondiale


Dopo aver trascorso la gara nascoste nei fienili, le Alfetta 158 furono riportate allo stabilimento del Portello, accuratamente restaurate e preparate per le corse. E hanno cominciato a vincere subito, ma non tra le voiturette, ma nella categoria Grand Prix. Una pietra miliare che servirà da base per i primi successi dell'Alfa Romeo in Formula 1, il cui primo Campionato del Mondo si disputò nel 1950.


Già nella gara inaugurale l'Alfetta 158 ha monopolizzato il podio. In quella prima stagione il terzetto formato da Farina, Fangio e Fagioli vinse tutti i Gran Premi disputati, salendo dodici volte sul podio e realizzando cinque giri veloci. Nino Farina, che diventa così il primo Campione del Mondo di Formula 1.


La combinazione di velocità, manovrabilità e affidabilità della 158 ne fece l'apice della tecnologia automobilistica dell'epoca. Nel 1951, dopo 17 anni di sviluppo, lo straordinario motore dell'Alfetta aveva raggiunto il suo pieno potenziale. Tuttavia, durante la stagione di F1, i tecnici sono riusciti ancora una volta a ottenere potenza extra e a raggiungere il traguardo dei 450 CV. Grazie a questo ultimo sforzo (e ad alcuni piloti di straordinario talento), la 159 ha trionfato nei GP di Svizzera, Belgio, Francia e Spagna, con undici podi e giri veloci nelle sette gare disputate, chiudendo in bellezza una carriera leggendaria.


Dopo il ritiro come squadra ufficiale di Formula 1, l'Alfa Romeo ha continuato a essere strettamente legata alla classe regina del motorsport, sia come fornitore di motori per vari team, come Brabham negli anni '60 e '70 o tornando come squadra tra il 1976 e il 1985. Dalla stagione 2019 Alfa Romeo gareggia come squadra ufficiale nel FIA Formula 1 World Championship, dopo due stagioni associate allo storico team Sauber. Questo fine settimana sarà presente con la sua monoposto C43 e i suoi piloti Valtteri Bottas e Guanyou Zhou al Gran Premio di Spagna di Formula 1, che si disputa al Circuit de Barcelona-Catalunya dall'1 al 4 giugno.


Il "Biscione" ha vissuto pomeriggi di gloria anche in altre non meno impegnative discipline del motorsport. Negli anni '50 e '60, l'Alfa Romeo Giulietta forgiò gran parte del suo prestigio nei rally, vincendo eventi prestigiosi come il Tour de Córcega (1957), il Rally dei Mille Laghi (1958) o il Rally delle Alpi (1963, 1964 e 1966). .


Anche la categoria Turismo è stata ricca di successi per il marchio, con la GTA che ha dominato il Campionato Europeo della specialità tra il 1966 e il 1969, la GTAm che ha raccolto il testimone nei primi anni '70 e la GTV 6 Alfetta negli anni '80. e Fabrizio Giovanardi e Gabriele Tarquini che aggiungono titoli nei primi anni del 21° secolo. Nel prestigioso DTM, Nicola Narini ha ottenuto 11 vittorie nel 1993, al volante dell'Alfa Romeo 155 V6Ti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Grande Panda: il nuovo modello globale della FIAT

La Grande Panda segna il ritorno di FIAT sul mercato mainstream globale. È stata sviluppata sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design ha preso ispirazione dall'iconica Panda degli anni '80, i "blue jeans" dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni cliente. Pertanto, è un'auto socialmente rilevante, l'auto per tutti. La Grande Panda è il clone letterale della prima Panda, il che la rende un nuovo veicolo del segmento B che è sia conveniente che adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda dovrebbe partire da meno di € 25.000 per la versione completamente elettrica e meno di € 19.000 per la versione ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda sfrutta un'idea semplice: una piattaforma multi-energia unica nel suo genere

Fiat Grande Panda arriva a fine anno con prezzi da meno di 19.000€

La Grande Panda segna il ritorno della FIAT sul mercato consumer globale. È stato sviluppato sulla base di 3 pilastri: design italiano, piattaforma globale e rilevanza locale. Sostenibilità, inclusività, semplicità e bellezza sono i valori che hanno dato vita al progetto, mentre il design si ispira all'iconica Panda degli anni '80, il 'blue jean' dell'industria automobilistica, qualcosa di perfetto per ogni occasione e per ogni occasione. occasione. cliente. È quindi un’auto socialmente rilevante, l’auto per tutti. La Grande Panda è letteralmente il clone della prima Panda, rendendola un nuovo veicolo del segmento B, conveniente e adatto alle famiglie. Il prezzo della Grande Panda parte da meno di 25.000 euro per la versione completamente elettrica e da meno di 19.000 euro per quella ibrida. Progettata in Italia presso il Centro Stile FIAT di Torino, la Grande Panda si basa su un'idea semplice: una piattaforma multienergia unica e installabile in qualsiasi parte

Prime immagini di due nuove Fiat in arrivo dall'anno prossimo

Durante la presentazione della nuova Fiat Grande Panda,  Olivier Francois ceo di Fiat,  ha mostrato un video in cui si intravedono le nuove Fiat Fastback e la familiare in arrivo dal 2025.

Nuovi dettagli della Nuova Fiat Grande Panda

Domani pomeriggio verrà presentata la nuova Fiat Grande Panda, il modello con cui Fiat tornerà nel segmento B,  dopo l'uscita di scena della Fiat Punto nel 2018. Dopo aver visto tutto della parte esterna e qualcosa della plancia e dei sedili,  scopriamo qualche dettaglio dell'interno porta e questa simpatica Panda disegnata. Per tutto il resto non ci resta che aspettare domani pomeriggio, quando finalmente avremo maggiori foto, video e informazioni sulla nuova nata in casa Fiat.

Lancia Ypsilon da record nel primo semestre del 2024

Il Brand Lancia chiude il primo semestre 2024 con una crescita di immatricolazioni del 3% ed una quota del 2,8%, in linea con la performance dello scorso anno. Lancia Ypsilon è sul podio delle vendite del segmento B confermandosi un best seller del mercato nazionale. Da questo mese il testimone passa alla Nuova Ypsilon, la prima vettura della nuova era del marchio che sta riscuotendo grande successo tra il grande pubblico e la stampa internazionale.   Lancia Ypsilon “saluta” il mercato italiano come meglio non avrebbe potuto: la vettura, che ha reso le strade dell’Italia più belle, ha giocato un ruolo da protagonista assoluta nei primi sei mesi di questo 2024, facendo registrare numeri straordinari per il marchio. Lancia ha infatti chiuso il primo semestre con 24.709 immatricolazioni, con un incremento del 3% dei volumi e una quota di mercato al 2,8%, in linea con la performance dello scorso anno, confermandosi sul podio delle vetture più vendute nel suo segmento. L’iconica vettura da

Numeri di immatricolazione a giugno: la Fiat resta numero 1 nel segmento A in Germania

Fiat 500 Elettrica è stato il bestseller tra i veicoli elettrici a batteria (BEV) nel segmento mini con una quota di mercato del 36%. Con una quota del 24,5%, la Fiat 500 ha conquistato nella prima metà dell'anno il primo posto nell'intero segmento Mini.  Anche la Fiat 500 Elettrica e la Fiat 500 sono state in testa alle rispettive statistiche di giugno. Le ultime statistiche dell'Autorità federale dei trasporti automobilistici (KBA) confermano: il marchio FIAT rimane leader di mercato per i veicoli piccoli ed economici in Germania. Nel primo semestre 2024 la Fiat 500 Elettrica ha dichiarato al primo posto nelle immatricolazioni tra le piccole auto con trazione elettrica a batteria. Circa un acquirente su tre (quota di mercato del 36%) nel segmento mini BEV ha scelto la city car tecnologicamente innovativa e stilisticamente unica del marchio italiano. Solo nel mese di giugno la quota di mercato è salita addirittura al 60,5%. Tra gennaio e giugno la Fiat 500 è stata ancora u

La Fiat 126p torna nel reparto assemblaggio dello stabilimento di Tychy

La Grande Spedizione dei Bambini visita la fabbrica di Tychy. 80 vetture Fiat 126p sono partite per sostenere i bambini feriti in incidenti. Un incontro unico e una tappa speciale presso lo stabilimento di Tychy.   La Grande Spedizione dei Bambini è partita da Varsavia a Monte Cassino il 5 luglio per raccogliere fondi per i bambini feriti in incidenti stradali. Nell'ambito di questa grande campagna benefica, 80 vetture Fiat 126p percorreranno oltre 3.000 chilometri per attirare l'attenzione sul problema della sicurezza stradale, ma, cosa altrettanto importante, per insegnare alle giovani generazioni come partecipare consapevolmente alla circolazione stradale. La prima tappa del percorso della spedizione è stata lo stabilimento di autovetture Stellantis di Tychy, erede di FCA Polonia, produttore della Fiat 126p. 80 squadre partenti, tra cui vere e proprie leggende automobilistiche, in rappresentanza di diverse generazioni di campioni polacchi dello sterzo, come il pilota Longin

La Fiat 500 Ibrida avrà l'allestimento Torino e arriverà tra 18 mesi. Sarà prodotta a Mirafiori e il motore a Termoli

Lo storico stabilimento di Mirafiori sarà il sito produttivo della nuova Fiat 500 Ibrida, un nuovo modello ibrido Made in Italy il cui arrivo è previsto tra 18 mesi. A comunicarlo è Olivier Francois, CEO di FIAT. La nuova Fiat 500 Ibrida sarà prodotta presso lo storico stabilimento di Mirafiori a Torino. Il modello ibrido affiancherà la Fiat 500e, anch'essa progettata, ingegnerizzata, e disegnata a Mirafiori. Questa decisione sottolinea la dedizione del marchio all'innovazione e alla sostenibilità, rafforzando al contempo il profondo legame con le sue radici italiane e il forte ruolo strategico di Mirafiori. Si tratta della versione ibrida della 500e prodotta a Torino. Il motore scelto è lo stesso, ma aggiornato, delle Fiat Panda Hybrid e della 500 Hybrid prodotta in Polonia e appena uscita di produzione. Si tratta del tre cilindri 1.0 FireFly con cambio manuale. Il motore tre cilindri N3 Firefly sarà prodotto a Termoli, mentre il cambio verrà realizzato a Mirafiori, dove nasce

Video Nuova Fiat Grande Panda

Video del Canale YouTube FIAT 

Stellantis estende il sistema di propulsione ibrido a un numero maggiore di modelli per soddisfare la domanda dei clienti europei

L’innovativa trasmissione a doppia frizione elettrificata (eDCT) garantisce prestazioni eccellenti, confermandosi una tecnologia di ibridazione a prezzi accessibili. Il cospicuo recupero di energia in fase di decelerazione contribuisce a ottenere un risparmio di carburante fino al 20% e una riduzione equivalente delle emissioni di CO2 rispetto a un sistema di propulsione a combustione interna. Piattaforme multi-energia uniche e una strategia di produzione flessibile consentono a Stellantis di offrire ai clienti grande libertà di scelta nel portafoglio dei suoi 14 brand. Sfruttando il suo esclusivo approccio multi-energia, Stellantis sta rispondendo velocemente al rapido incremento degli ordini di modelli ibridi da parte dei clienti in Europa, in particolare le vetture dotate della nuova tecnologia ibrida avanzata eDCT. Le varianti ibride offrono un’esperienza di guida eccezionale, garantendo una riduzione delle emissioni di CO2 a un prezzo più accessibile rispetto alle auto completamen