Passa ai contenuti principali

Maserati Alfieri: sfiderà la Porsche 911

Maserati Alfieri sfida la Porsche 911, Tridente all’assalto. Nell’anno in cui festeggia i 100 anni dalla nascita (è nata nel 1914 a Bologna) la Maserati esulta per un piccolo grande “miracolo”. Le vendite di auto stanno salendo in modo impressionante settimana dopo settimana e le casse dell’azienda si gonfiano sempre più di denaro da reinvestire per sviluppare nuovi modelli.
Così il glorioso marchio di lusso italiano, che per quasi quarant’anni è stato confinato in una nicchia, ora comincia a sognare in grande e a cullare nuove ambizioni. Dopo l’ammiraglia, dopo la berlina Ghibli, dopo il Suv Levante che arriverà nel 2015, ora Maserati si prepara a lanciare la sfida alla Porsche sul suo stesso terreno. Con la futura coupé Alfieri, una anti-911 a tutti gli effetti.
La Alfieri ha la stessa”taglia” della coupé Porsche che dal 1963, da un singolo modello, ha creato un vero segmento, quello dei coupé 2+2 corti, compatti, sportivi. E può essere il modello che dal 2016 darà slancio alla Maserati nel mondo aiutandola a raggiungere quelle 75.000 auto prodotte che Marchionne sogna e su cui ha costruito buona parte della sua strategia di rilancio dei marchi di lusso italiani per dare lavoro alle fabbriche del nostro paese.
La Maserati, ora che ha rimesso i conti in ordine e s’è ricostruita una valida base tecnica con i nuovi motori V6 e V8 realizzati dall’ingegner Martinelli (ex Ferrari F1), i nuovi cambi ZF automatici a 8 marce, e la tecnologia della trazione integrale di derivazione Jeep, si sente abbastanza forte per viaggiare a testa alta nel mondo. E tentare la sfida ai marchi di lusso tedeschi, Porsche in testa. Sia nel fronte delle berline, che dei Suv che delle coupé. I numeri stanno lì a dimostrare l’impennata della Maserati negli ultimi anni: da quando l’azienda fu comprata dal gruppo Fiat, nel 1993, e pure a fronte di tanti sforzi di rilancio aveva perso soldi ogni anno.
L’ultimo bilancio passivo nel 2006, con una perdita di 33 milioni di euro. Quell’anno la Maserati viveva ancora sulla Quattroporte di Pininfarina del 2003 e su una manciata di GranSport cabrio. Poi, nel 2007, Maserati lancia finalmente la nuova GranTurismo, cui segue la Gran Cabrio qualche tempo dopo. E le vendite cominciano a salire: dalle 5.734 auto del 2006, che mantenevano in rosso cronico i bilanci dell’epoca, la Maserati per effetto della nuova coupé vende nel 2007 ben 7.496 vetture. E per la prima volta il bilancio volge in positivo: 24 milioni di utile netto. Il primo profitto da 14 anni di gestione Fiat-Ferrari. Da lì i conti della Maserati sono migliorati anno dopo anno, ma sempre a piccoli passi. Con qualche picco e qualche ricaduta: 72 milioni di utili nel 2008, calati a 11 milioni l’anno dopo, risaliti a 24 milioni nel 2010, e diventati 40 milioni l’anno successivo. Alti e bassi che si spiegano con investimenti, ammortamenti industriali, spese straordinarie varie.
Ma la cosa importante è che la Maserati è riuscita ad ottimizzare i propri conti e i costi produttivi. In quell’epoca, però, Maserati restava un brand molto di nicchia: basta vedere il confronto con la Ferrari che pur vendendo le stesse 6000/7000 auto di Maserati, faceva quattro volte il fatturato del Tridente e decuplicava gli utili: 350 milioni nel 2012 contro i 42 di Maserati. Poi nel corso del 2012 è successo qualcosa. Marchionne ha completato l’acquisto della Chrysler; e con lei la sua rete commerciale; migliaia di concessionari negli Stati Uniti e nel resto del mondo pronti a ricevere anche qualche Maserati da vendere.
Nello stesso tempo il marchio ha ricostruito e ampliato la propria gamma di modelli, affiancando a GranTurismo e GranCabrio la nuova Quattroporte e la berlina media Ghibli, con motori anche diesel per il mercato europeo. Ed ha aperto canali di vendita importanti in Cina, un paese dove i ricchi stravedono per i marchi di lusso italiani. La Maserati non aveva mai avuto prima una gamma di ben quattro modelli ed i motori gasolio.
Così le vendite della Maserati sono schizzate alle stelle nel giro di pochi mesi. Ed i profitti pure. Nel 2013 il marchio ha venduto più del doppio dell’anno precedente. Usa e Cina hanno trainato le vendite: solo gli Stati Uniti hanno assorbito 6.900 modelli, più di quanti la Maserati un anno prima ne vendeva in tutto il mondo. La Cina con 3.800 auto, un balzo del 334% in più, è diventato il secondo mercato mondiale per Maserati, più dell’Europa.
E i profitti hanno viaggiato di pari passo: i ricavi sono saliti da 634 a ben 1659 milioni, l’utile netto del 2013 è schizzato a 171 milioni. La Maserati insomma si è messa a generare denaro in quantità. E il progresso non si ferma.Dice l’amministratore delegato, Harald Wester: “Ogni mese stabiliamo un nuovo record: nei primi sei mesi del 2014 abbiamo venduto tante Maserati quanto tutto il 2013”. A fine anno continuando di questo passo, si supereranno le 30.000 auto vendute, impensabile ricordando le 6200 di appena due anni fa.
Questo fa pensare che quando entreranno in produzione il Suv Levante e la coupé Alfieri, si potranno davvero raggiungere gli obiettivi ipotizzati nel piano presentato da Marchionne agli azionisti due mesi fa: 50.0000 Maserati nel 2015 e 75.000 nel 2016. Le ragioni di questo successo secondo Wester sono chiare: “Nessun miracolo: è merito della qualità del prodotto, di un concetto di auto azzeccato, di un contenuto tecnologico al 100% in linea con il Dna Maserati. C’è il giusto livello di italianità in queste auto e ci sono i valori emozionali del brand Maserati”.
La marca del Tridente a questo punto può davvero sognare di sfidare il colosso Porsche, che è il suo riferimento più diretto per lusso, prestigio e sportività. Porsche vende 160mila automobili l’anno e se la Maserati di ieri era un insetto al paragone, con i numeri di domani non è più un confronto impari.
La prima sfida si giocherà sui Suv: la nuova Levante contro il colosso Cayenne, due tipologie di Sport Utility simili. Poi si passerà alla coupé compatta: la Maserati Alfieri, lo splendido concept presentato al salone di Ginevra, disegnato da Marco Tencone, 45enne designer piemontese, responsabile del design di Alfa Romeo e Maserati sotto la supervisione di Lorenzo Ramaciotti, capo dello stile del gruppo Fiat.
L’Alfieri è piaciuta talmente che andrà in produzione nel 2016. Sia in versione coupé, che sei mesi dopo come spider. E si è deciso di mantenere il nome Alfieri, rinunciando al nome di un vento come tradizione per molti modelli. Ma nell’anno del centenario era d’obbligo l’omaggio ad Alfieri Maserati, il più geniale e creativo dei fratelli, che fondò l’azienda nel 1914 e scomparve nel 1932 per i postumi di un incidente automobilistico.
La Alfieri sarà una 2+2, a differenza della concept di Ginevra, proprio come è la Porsche 911. Della rivale tedesca riprende le misure esterne: 449 cm la 911, appena più lunga – 459 cm – la Alfieri basata sul telaio della MC Stradale accorciato di 24 cm. Potrebbe montare il motore V8 di 4,7 litri da 460 cavalli di costruzione Ferrari, per sfidare il 6 boxer della 911, che in tutte le sue declinazioni ha potenze inferiori (da 350 a 400 cv) eccetto GT3 e Turbo.
Ma non è escluso che la Alfieri monti anche il V6 turbo da 410 cavalli della Ghibli. Manca un solo dettaglio: il motorsport. Dove Porsche è impegnata da anni nelle gare GT ed è tornata 16
anni dopo al massimo livello a Le Mans con un Prototipo ibrido. E Maserati, che può vantarsi nel 1940 di aver vinto due volte la 500 Miglia di Indianapolis e il mondiale F1 con Fangio nel 1957risponderà? Wester non si tira indietro: “Per ora stiamo costruendo la base e rafforzando la nostra economia. Poi, come in un dolce, una volta ben consolidata la struttura, aggiungeremo la panna...”. La sfida a Porsche su tutti i fronti è lanciata.
Fonte auto.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La Fiat Pandina verrà presentata il 29 febbraio

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026.

Nuova Fiat Pandina - Fiat Panda MY 2024

L'attuale Fiat Panda rimarrà in listino almeno fino al 2026 e sarà sempre prodotta a Pomigliano D'arco (Napoli).  Per questo motivo stanno arrivando alcuni aggiornamenti come la strumentazione digitale, un nuovo volante e nuovi sistemi adas per la sicurezza stradale. Ma l'11 luglio 2024 verrà svelata anche la nuova Fiat Panda, che sarà parente stretta della nuova Citroen C3 e per non creare una sovrapposizione di nomi, la Panda attuale con il model year 2024 acquisirà il nome di Pandina. La Fiat Pandina sta per arrivare e rappresenterà il modello d'accesso al mondo Panda. Sarà disponibile con motore 1.0 Hybrid e non dovrebbe essere prevista la versione 4x4.

Nuova Lancia Gamma

La nuova Lancia Gamma sarà il secondo modello della nuova era Lancia. Durante la presentazione della nuova Lancia Ypsilon è stata mostrata anche la prima immagine ufficiali delle nuove Lancia Gamma. Sarà un ammiraglia della categoria di Citroen C5X e Peugeot 408, e sarà prodotta a Melfi.  Nel 2026 vedremo questa nuova ammiraglia, lunga 4.6 metri e che permetterà al marchio Lancia di entrare nel segmento più grande in Europa. Sarà disponibile solo con motorizzazione completamente elettrica.

Nuova Lancia Ypsilon da 24.000€

CLICCA QUI PER SCOPRIRE LE PRIME IMMAGINI UFFICIALI DELLE NUOVE LANCIA GAMMA E DELTA La nuova Lancia Ypsilon è ordinabile ed è disponibile nella serie speciale top di gamma Cassina in versione completamente elettrica. L'unico prezzo ufficiale, è riferito a questa versione, ed è di poco meno di 40.000€.  Ma a maggio verrà presentata l'intera gamma della nuova Lancia Ypsilon, e sarà disponibile anche la versione termica con motore ibrido, l'unica nuova Lancia disponibile con questa motorizzazione.  Per le altre versioni non è stato ufficializzato il listino, ma si parla di un prezzo di partenza di cerca 24.000€, riferito all'allestimento base con motore termico a 3 cilindri da 1.2 litri in grado di erogare fino a 100 CV, con batteria agli ioni di litio da 48 Volt e il nuovo cambio elettrico a doppia frizione a 6 rapporti. L'intera gamma sarà ordinabile da maggio, mentre a giugno Lancia sarà presente alla Mille Miglia e in questa occasione avremo maggiori informazioni

Da oggi cambia la gamma FIAT

Oggi è l'ultimo giorno in cui sarà possibile ordinare le Fiat 500, 500X e Tipo. Questa decisione è legata all'introduzione della nuova norma europea omologativa di sicurezza, che introduce una serie di sistemi avanzati di assistenza alla guida, ora obbligatori. La nuova normativa è obbligatoria e si applica alle nuove immatricolazioni a partire dal 1 Luglio 2024. Di conseguenza i modelli di nuova produzione possono essere immatricolati entro Giugno 2024. Entro questa data, quindi, andrà esaurita la produzione e lo smaltimento degli stock dei modelli sopra indicati.  Per 500, 500X e Tipo non ci sono informazioni su un possibile arrivo di un aggiornamento, anzi, per 500 e 500X si parlava già di uscita di produzione nel corso del 2024. Per la 500 si sapeva già che ci sarebbe stato lo spostamento della produzione dalla Polonia all'Algeria, senza la possibilità di avere aggiornamenti alle nuove normative, e di conseguenza la possibilità di mantenere le vendite nei Paesi della Co

Mirafiori produrrà anche la prossima generazione della Fiat 500e

Stellantis è inoltre convinta, ed ha i piani per farlo, che con l’avvio del nuovo piano incentivi italiano ci sia la possibilità di aumentare la produzione a Mirafiori della 500 elettrica, riportandola a numeri che gli spettano per il gioiello che è. Così come il futuro di questa iconica vettura elettrica, e le sue naturali evoluzioni che arriveranno nell’ambito del Piano strategico Dare Forward 2030, sarà sempre legato alla città di Torino che va considerata come la Casa della 500.

Fiat vuole riproporre la Multipla. La nuova Fiat Strada arriverà anche in Europa

Olivier Francois, intervistato da Fedez sul suo canale YouTube Wolf, ha dichiarato che il piccolo pickup Strada, venduto in Sud America, avrà presto una nuova generazione, che sarà globale. Per quanto riguarda la Multipla, il manager dichiara che ha intenzione di riproporla, soprattutto la 600 Multipla, dichiarando che sta lavorando per far tornare modelli iconici del marchio Fiat. L'11 luglio 2024 vedremo la nuova Fiat Panda, che sarà più grande ed elettrica. L'attuale rimarrà in produzione fino al 2026 con il nome Pandina. Maggiori informazioni saranno disponibili il 29 febbraio.

Gli interni della nuova Alfa Romeo Milano

Procedono presso il centro sperimentale di Balocco i test di sviluppo dell’Alfa Romeo Milano, la piccola sportiva della gamma concepita e disegnata dalla maestria del Centro Stile Alfa Romeo. Milano verrà presentata al mondo il 10 aprile attraverso un evento che avrà luogo proprio a Milano, e sarà trasmesso via streaming per tutti coloro che vorranno prendervi parte. Sotto la guida esperta della squadra di ingegneri italiani protagonista di progetti straordinari 100% Alfa Romeo (come la 4C, la 8C, Giulia e Stelvio Quadrifoglio e la Giulia GTA), si affina lo sviluppo di Milano, la vettura che vedrà Alfa Romeo esordire nel mondo dei veicoli 100% elettrici. Le strategie di sviluppo vengono coordinate dalla squadra italiana di ingegneri Alfa Romeo presso il Proving Ground di Balocco dove i collaudatori ritrovano le condizioni ideali per testare in pista i requisiti e target espressi dagli ingegneri dinamici Alfa Romeo, responsabili della validazione del progetto.

In Olanda arriva la nuova Fiat 600 Hybrid

FIAT presenta la Fiat 600 Ibrida; Iconico fuori e Dolce Vita dentro. La Fiat 600 Hybrid è dotata di motore Mild Hybrid da 100 CV e cambio automatico eDCT-6. Offerta di lancio temporanea: versione top La Prima riccamente equipaggiata per 31.990 € (sconto 2.500 €), con tanto lusso, sistemi di sicurezza e assistenza all'avanguardia e guida autonoma (livello 2).   FIAT prosegue sulla strada della mobilità urbana sostenibile e presenta la nuova versione ibrida leggera della Fiat 600. Proprio come la 600e completamente elettrica, anche questa variante del B-SUV eccelle in termini di spazio interno e di un elevato grado di sensazione di Dolce Vita. La Fiat 600 Hybrid garantisce quindi un'esperienza di guida in cui divertimento e divertimento vengono al primo posto, basandosi sul carattere e sulle caratteristiche dell'auto familiare compatta di successo del passato: l'iconica Fiat 600 degli anni '50. La nuova Fiat 600 Hybrid offre uno spazio notevole per cinque passeggeri i

La nuova community Lancia per una formazione premium certificata

Parte essenziale del percorso di Rinascimento del marchio è rappresentata da Casa Lancia, una community dedicata ai 240 venditori italiani dedicati e certificati Lancia, inaugurata a luglio 2023 e gestita direttamente da Luca Napolitano, CEO del marchio. Casa Lancia nasce con il chiaro obiettivo di creare un legame diretto ed autentico all’interno della community, dove ogni venditore ha l’opportunità di fare domande, commentare le notizie, dare il proprio parere, confrontarsi con tutta la squadra e approfondire tematiche diverse, avendo la certezza di ricevere una risposta entro 72 ore! Il canale si inserisce all’interno di un più ampio processo di rinnovamento della forza vendita, costituita da venditori dedicati Lancia e certificati, attraverso diversi livelli di attività di formazione parte di un percorso della durata di 15 mesi, su tre diversi livelli e composto da 50 moduli per un totale di 13.000 ore di training, che termineranno a settembre 2024, nell’ottica di rendere ancora pi