Paragone mercato Italiano e mercato Europeo


Gennaio 2018

Europa                                                                           
Fiat Panda 14.828   -17,2% - 11.237 (Italia) - 3591 (Resto dell'Europa)
Fiat 500 14.470   -7,4% - 5.263 (Italia) -  9207 (Resto dell'Europa)
Fiat Tipo 10.883   +13,6% - 5.215 (Italia) -  5668 (Resto dell'Europa)
Fiat 500X 9.165   +25,5% - 5.734 (Italia) -  3431 (Resto dell'Europa)
Fiat 500L 4.887   +0,9% - 3.902 (Italia) -  985 (Resto dell'Europa)
Fiat 124 Spider 408   -34,4% - 119 (Italia) - 289 (Resto dell'Europa)
Fiat Punto 2.810   -40,7% - 1.776 (Italia) -  1034 (Resto dell'Europa)


Lancia Ypsilon 4.276   -26,7% - 4.250 (Italia) -  26 (Resto dell'Europa)

Alfa Romeo Giulietta 2.769   -2,7% - 1.979 (Italia) -  790 (Resto dell'Europa)
Alfa Romeo Stelvio 2.315   N/D - 1.141 (Italia) -  1174 (Resto dell'Europa)
Alfa Romeo Giulia 1.673   -11,7% - 771 (Italia) -  902 (Resto dell'Europa)
Alfa Romeo Mito 894   -24,7% (dato italiano scorporato non disponibile)

Commenti

  1. Grazie Matteo per averci fornito dati così interessanti! Ora è molto più chiaro l’atteggiamento di Marchionne verso i singoli modelli del gruppo FCA. Sapendo che lui considera più importante il mercato europeo e troppo limitante quello italiano se guardiamo le proporzioni fra le vendite Italia ed Europa si può già capire chi è condannato e chi sopravviverà. Il conto è facile: se vendi intorno al 50% all’estero allora hai un certo appeal, altrimenti sei fottuto. Tralasciando i modelli ormai morti o con numeri irrisori (124, Punto, Mito ed Y) metterei fra i vincenti Giulia e Stelvio (per fortuna), Tipo (quasi 50 e 50) 500x (sbilanciata in Italia ma comunque in forte crescita) e soprattutto 500 (una bella sorpresa visto che vende il 65% all’estero). Condannati o comunque inutili sono Giulietta che vende poco ed al 70% in Italia, 500L (apprezzata solo da noi) e, purtroppo la Panda! Accidenti non sapevo che vendesse così poco in Europa! Un modello tanto povero e con margini irrisori che vende il 75% da noi! Ed è pure in grosso calo. Ecco perché Marchionne punta solo su 500. Da AD della domenica, incompetente, appassionato ma che spesso ha indovinato prevedo che 500 avrà seguito anche in versione 5p così come 500X mentre 500L morirà sicuramente. Impossibille vedere una nuova Giulietta ma più probabilmente un C-suv Alfa. E, mi spiace, addio Panda!

    RispondiElimina
  2. Questi dati sinceramente non hanno proprio senso perché sono modelli vecchi che ovviamente fanno meno numeri di vendita....
    Ci vorrebbero dati di vendita dall' inizio della carriera per ogni modello fino ad oggi per fare un bilancio....
    Che senso ha questi dati per giustificare la fine di un modello se i modelli hanno più o meno 8 anni di carriera sulle spalle????
    Nessuno comprerebbe un nuovo modello tecnologicamente vecchio da più di 5 anni....
    La giulietta, punto, 500L e altri hanno avuto un boom commerciale che altre case se le sognano.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i dati di vendita arrivano mese per mese da sempre. oggi ci sono quelli di gennaio e tra due giorni pubblichiamo quelli di febbraio. succede cosi da sempre per tutti i marchi

      Elimina
    2. ma dove vivi??? i dati mensili sono la cosa più normale che ci sia. li pubblicano tutti. Anzi sono più dettagliati cosi! E comunque il blog pubblica anche i totali dall'inizio della produzione

      Elimina
    3. Scusami Pai, ho sbagliato commento perchè scritto con la fretta e mi sono espresso male perchè il mio commento era riferito a PaoloB.... mi spiego: leggendo questa notizia e il commento di paolob mi è venuto il (brutto) pensiero che Marchionne ha deciso di non fare l'erede della Punto perchè ultimamente sta registrando bassi numeri di vendita senza tener conto delle vendite dall'inizio fino ad adesso???
      So benissimo che ogni mese si pubblicano nr vendita di ogni modello... ma decretare la "morte" di un modello da che cosa è dovuto??? certamente non lo sappiamo nel pensiero marchionniano... Quindi ha pensato di sostituire punto e y in un solo modello: "MiTo" (crossover) a che prezzo e motorizzazione??? anche la MiTo sarà un "auto per pochi" (filosofia Marchionniana) come Giulia e Stelvio con motorizzazioni e prezzi quasi improponibili??
      Quindi per lui non conviene fare nuove Punto, Y e Tipo per listino basso e di conseguenza bassissima redditività... per lui conviene fare auto costose (con alta reddività) per pochi eletti??? bel ragionamento illogico.... e non deve lamentarsi dei bassi numeri vendita della giulia e stelvio con quella politica commerciale sbagliata...
      vedremo cosa farà... cosa dirà il 1° giugno, un giorno sempre più lontano per me....

      Elimina
    4. Nessun mistero. Marchionne ha spiegato più volte e lo fa ogni volta che si parla della Punto che è un segmento dove si fanno grandi numeri ma con bassi margini di guadagno. Per uno che vuole vendere è guadagnare vuol dire togliere ciò che non fa guadagnare come si deve

      Elimina
    5. quindi vuole "ferrarizzare" il gruppo fca vendendo poche auto con grandi margini di guadagno regalando quote di mercato alla concorrenza con grandi numeri di vendita??? per forza poi ci ridono in faccia per i bassi numeri di vendita della Giulia e Stelvio con quei numeri da quasi-flop...
      Menomale che il suo mandato non sarà rinnovato e il 2019 è alle porte perchè sta facendo un danno veramente irreparabile....
      Preferirei una fca dove le auto sono alla portata di tutti e non per pochi eletti come la ferrari... è un suicidio così...
      risparmiasse sul proprio stipendio annuale....

      Elimina
    6. Ma certo che i numeri attuali di vendita della Punto non sono attendibili perché è un modello a fine carriera cotto e stracotto! Di sicuro Marchionne l’ha condannata a morte per altri motivi il primo dei quali è la scarsa redditività. Così come per la Panda, auto che non fa guadagnare. Rende invece la 500, eccome, e lo faceva pure la Y, una misera pandina con il vestito fighetto che veniva venduta al prezzo di una B premium. Oggi non vende più neppure lei perché la gente sa che il marchio sparisce. Il problema di Marchionne sta altrove. Mi spiego. Tutti vorrebbero fare come i tedeschi che vendono molte auto con margini da favola (es. bmw serie 3) ma in FCA non succede. O vende tanto con margini zero (Panda, Punto) o vende pochi pezzi con margini alti (Giulia Stelvio). Per migliorare la situazione può solo riconquistare la fiducia dei consumatori. Le Alfa sono ottime auto ma la gente non si fida più. Ci vorranno anni per far apprezzare la Giulia sperando che non abbia problemi di affidabilità (purtroppo ne ha ancora). Bisogna fare gamme complete con versioni coupè, station proprio come bmw e mercedes. Bisogna offrire un sacco di accessori tecnologici, mantenere i modelli al passo coi tempi evitando l’errore di Maserati che deve sempre recuperare il gap con la concorrenza. Ed infatti stenta sul mercato facendo molto meno rispetto ad una Porsche (40.000 auto contro oltre 200.000!). Marchionne non conosce il prodotto e questo è un suo grosso limite. Pensa che un modello venda perché ha uno stemma sul cofano. Clamoroso il flop della Thema su base Chrysler infatti. Il sostituto di Marchionne deve tornare a curare il prodotto! Con modelli superiori alla concorrenza si possono fare ottime vendite! Il know-how di Fiat non va buttato nel cesso come quello di Lancia. 30 anni fa la Delta era il top nei rally, la Uno il top nel segmento B. E Fiat guadagnava, eccome. Insomma è inutile aspettare il primo gennaio 2019 un nuovo AD che sblocchi tutto. Bisogna farlo subito!

      Elimina
    7. la Panda è confermata e spostando la produzione in Polonia aumenterà la redditività

      Elimina
    8. Marchionne ha detto che il piano Fiat ruoterà su Panda e 500, quindi evitiamo di dare per morta anche la Panda

      Elimina
  3. La 500L, pensavo vendesse un po' di più nel resto d'Europa, così come la Panda.
    Un ottimo prodotto, ma all'estero preferiscono il trio PSA-Toyota ed il trio del Gruppo VW.
    Bene Tipo, ma si può migliorare considerato i 3 modelli disponibili, molto bene 500 (stesso segmento della Panda, due porte in meno, ma vende benissimo), migliorabile anche 500X, pensavo un 50-50.
    124 Spider, MiTo e Punto, sono di nicchia la prima ed in fase di pensionamento le altre due.
    Bene, ma anche in questo caso migliorabili, le vendite di Giulia e Stelvio, soprattutto all'estero.

    RispondiElimina
  4. Lo que a mi me extraña un poco, es que en el mercado europeo Fiat no comercialice un estupendo C-SUV de sobre unos 4:40 o 4:50 metros. O sea, a mi entender, grande, pero sin excesos. Es cierto que tiene coches magníficos como el 500X, o 500L, o el Compass de Jeep, pero sí es cierto que me llama esto un poco la atención, aunque supongo que igual sus razones tendrá. O sea, creo que el 500x es un coche extraordinario por sus formas, diseño, fiaidad, etc., pero pienso que visto lateralmente, después de su puerta trasera, le falta hacia atrás unos 15 o 20 centímetros más por ahí (es decir, que le falta a mi forma de ver igual por atrás, unos quince o veinte centímetros más, y pienso sería "redondo", para mi pensamiento), para mi gusto. De todas formas, enhorabuena a Fiat por tener y haber tenido casi siempre coches a mi forma de observar, robustos, fiables y con un diseño muy logrado y acertado, o elegante, muchos muy bonitos.

    RispondiElimina
  5. De todas formas, lo que siempre me llamaba la atención de Fiat eran sus diseños "rompedores", cosa que a mi juicio, no se debería perder, pues este creo que era un rasgo muy diferenciador, entre otros asuntos. Por ejemplo, me acuerdo cuando era niño, mi padre había comprado de aquellas un Ritmo, y realmente para su época, era impresionante y llamaba mucho, poderosamente la atención. Me acuerdo lo mucho que me llamaban -de aquellas- la atención sus llantas al moverse y circular, con aquellos cuatro dibujos negros que tenían muy bien colocados para cuando se rodase guardasen un cierto... eso... ritmo. De aquellas, era muy curioso. O recuerdo sus parachoques envolventes, que eran algo fuera de lo común, o su estudiada aerodinámica para la época, incluso el techo en su parte trasera se elevaba un poco, o las asas aerodinámicas, focos, frontal, etc. Yo creo que fue el coche más impresionante -dentro de un determinado período- de gran serie que hizo Fiat hasta le fecha, para mi. Realmente me acuerdo de niño, que este modelo me llamaba poderosamente la atención, pues los otros coches de la época eran casi todos "iguales" con un diseño muy cuadrado, los parachoques totalmente cromados y muchos detalles más diferentes, etc. Resumiendo, creo firmemente que Fiat no debería olvidar el diseño rompedor y acertado en muchos aspectos (habitabilidad, modernidad, avances tecnológicos aplicados a la gran serie, etc.) que tuvo en algunos de sus modelos. Saludos.

    RispondiElimina
  6. Mi sorprende molto i bassi numeri della Giulia e Stelvio visto che audi, bmw e mercedes fanno numeri oltre i 1000 al mese.... e secondo me Marchionne sta rifacendo l'errore della Lancia Thema di non mettere motori più adatti e consoni al mercato europeo mettendo a listino un bel 1.8 benzina (magari anche metano)... non tutti possono permettersi una Giulia o Stelvio con motori di cilindrate tipo 2.0; 2.2; 2.9 rendendoli auto per pochi.... con il 1.8 si allargherebbe la platea e ovviamente aumenterebbe i numeri di vendita...
    stesso discorso per il mercato americano dove gli americani prediliggono motori oltre il 3.0... amano avere sotto il cofano motori con cilindrate mostruose nell'ordine di 4.0, 5.0, 6.0...
    per il mercato usa ci vuole minimo un 4.0, 4.5 per aumentare volumi di vendita... basta poco per farlo...
    ps: il flop della lancia thema/chrysler 300 è dovuta al fatto che sotto il cofano aveva motori non consoni per il mercato europeo: un 3.0 diesel e un 3.6 benzina mentre la concorrente Audi A6 ha avuto buon successo commerciale grazie alla vasta gamma motori: 1.8; 2.0; 3.0 e 4;0...
    Mi chiedo: perchè????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e scusa come lo metti un 4,5 litri nel cofano della Giulia? magari 8 cilindri? E quante pensi di venderne....? Sarebbe contro la storia del marchio. No dai ti prego.

      Elimina
    2. La Giulia deve recuperare il terreno perso dall'Alfa negli ultimi anni. Penso che la gamma motori sia adeguata sia per il mercato europeo che per quello usa. Forse una versione intermedia tra la 2.0 da 280cv e la 2.9 QV potrà giovare alle vendite soprattutto negli usa. Anche il V6 diesel 3.0 non sarebbe stato fuori luogo, anche in europa. Ma soprattutto avrebbe giovato la versione SW, almeno in Italia e in europa. Per il resto, spero che FCA non decida di eliminare le vetture nei vari segmenti... meno vetture ci sono in concessionario, meno acquirenti si affacceranno per poi scegliere quella più congeniale... È necessario completare le gamme, facendolo con più attenzione, considerando anche che FCA a differenza di altre case costruttrici ha il vantaggio di possedere brand diversi da utilizzare in maniera oculata sia a livello locale che globale, sfruttando piattaforme condivise.

      Elimina
    3. Quello che Marchionne non capisce è che nel mondo automotive si muovono capitali enormi per ottenere utili molto più bassi che in altri settori. Se volesse guadagni facili dovrebbe entrare nel fashion. Produrre un occhiale di Luxottica costa 10 euro e lo si vende a 300… Detto questo c’è un altro grande capitolo che a Marchionne manca completamente, vuoi per forma mentis vuoi per ignoranza: per avere successo, per avere la fiducia dei clienti, per aumentare le vendite devi dare continuità ai prodotti. Non puoi smettere di fare la Punto, non puoi chiudere i marchi, non puoi limitare la gamma Alfa a due modelli senza varianti tipo coupè o sw. La gente pensa che l’azienda va male e non compra. Emblematico l’esempio che ho già riportato. Un mio collega ingegnere non comprerà la Stelvio perché pensa che tanto fra due anni non la faranno più e non avrà eredi. E lo dice perché in FCA è successo già mille volte che un modello morisse senza un successore. Ed ormai tutti i marchi di FCA hanno gamme striminzite, vecchie e senza futuro. Tranne la principessina JEEP e la Ferrari….

      Elimina

Posta un commento

Passione Auto Italiane: Facebook e Instagram
redazionewm@outlook.com
fiat500club.blogspot.com
www.passioneautoitaliane.com
Jeep: leautodimatteo.passioneautoitaliane.com
www.passioneautoitaliane.it
alfaromeoclub.passioneautoitaliane.com
Instagram: Matteo_Volpe_Passione_Auto_Ita

ISCRIVITI CLICCANDO SULLE 3 LINEE IN ALTO A SINISTRA
(HOME PAGE). Li puoi fare una donazione a Passione Auto Italiane

Post più popolari degli ultimi 30 giorni

Arriva il "Piano Italia" di FCA. Il marchio Fiat verrà rilanciato. Piena occupazione in Italia

Nuovi motori ibridi a Pratola Serra