Stellantis al primo posto nei depositi di brevetto in Francia



L’Institut National de la Propriété Intellectuelle (INPI) ha pubblicato la classifica relativa al 2020

Nel 2020 l’azienda ha presentato 1.239 domande pubblicate

Per la seconda volta l’azienda si classifica al primo posto.

 


Stellantis conferma il primo posto nella classifica dei depositi di brevetto in Francia con 1.239 domande pubblicate nel 2020, secondo i dati annunciati dall’Institut National de la Propriété Intellectuelle (INPI).


Attraverso la ricerca tecnologica l’azienda punta a offrire ai clienti soluzioni di mobilità sicure, convenienti e sostenibili. Le invenzioni brevettate sono essenziali per ottenere questi risultati e forniscono all’azienda un vantaggio competitivo strategico. Le tecnologie protette creano valore e costituiscono una parte importante del capitale immateriale del Gruppo.


Da oltre 200 anni l’innovazione e la sua protezione fanno parte integrante del DNA del Gruppo. Tutti i nostri team di Ricerca e Sviluppo - dal reparto Stile alla Produzione - sono impegnati a identificare e proteggere le loro creazioni tramite un processo specifico ed efficace. Lo stesso processo dinamico che viene attuato nell’intera galassia Stellantis Engineering in tutto il mondo.


I nostri assi tecnologici, protetti da tali diritti di proprietà intellettuale, hanno come obiettivo prioritario le principali sfide della mobilità del futuro:


- Comprendono lo sviluppo di nuovi motopropulsori in grado di soddisfare le aspettative dei clienti sui temi della transizione ecologica e della mobilità sostenibile e responsabile (100% elettrico, ibridizzazione, idrogeno): motori, trasmissioni, batterie, celle a combustibile e i relativi sistemi di controllo.


- I conseguenti sviluppi a livello sociale portano a loro volta allo sviluppo dei sistemi digitali e della connettività e a nuovi utilizzi (veicoli condivisi, servizi): infotainment, connettività/applicazioni Car-to-X, diagnosi remota, aggiornamento del software di bordo, funzioni “E-call” avanzate, interfaccia uomo-macchina/cockpit digitale.


- L’implementazione di sistemi di assistenza alla guida sempre più avanzati per rendere i veicoli sempre più sicuri rappresenta il fulcro della nostra attività.


- Infine, la crisi sanitaria ha favorito lo sviluppo del canale online per la vendita delle automobili e di nuovi servizi di mobilità.


Nicolas MOREL, Stellantis Executive Vice President, Enlarged Europe Engineering, afferma: “Questo straordinario risultato conferma l’eccellenza tecnica delle donne e degli uomini di Stellantis, impegnati nell’affrontare le sfide della mobilità per tutti, per una mobilità connessa, sicura, decarbonizzata, affinché Stellantis possa svolgere un ruolo di primissimo piano nell’innovazione del settore”.

Commenti