L’Italia è il primo Paese in cui Stellantis estende il commercio elettronico a tutti i brand



La tendenza verso la digitalizzazione e il commercio elettronico continua ad accelerare e Stellantis lancia un’innovativa piattaforma digitale che integra il meglio dell’esperienza virtuale e di quella tradizionale.

L’Italia sarà il primo Paese a offrire attraverso l’e-commerce i modelli dei marchi Abarth, Alfa Romeo, Citroën, DS Automobiles, Fiat, Jeep®, Lancia, Opel e Peugeot mantenendo, per ciascuno, una customer journey peculiare.

L’acquisto on line garantisce la possibilità di reso entro 14 giorni dalla consegna e ordini senza vincoli, oltre a prezzi e promozioni dedicate, ed è possibile accedere alla piattaforma dai siti ufficiali di tutti i marchi Stellantis e da quelli dei dealer.

“Stellantis continua così a rispondere ai cambiamenti nella mobilità e nel comportamento dei consumatori sviluppando soluzioni innovative per la vendita di auto online, oltre alle vendite nelle concessionarie, che mantengono un ruolo centrale nella nostra strategia”, ha dichiarato Santo Ficili, Country Manager di Stellantis in Italia.

 


Lo scenario generato dalla pandemia ha modificato numerosi atteggiamenti da parte del pubblico, e in un contesto di profonda trasformazione del processo di acquisto delle vetture, Stellantis lancia in Italia una piattaforma completamente digitale comune per i suoi marchi, capace di integrare online e offline, seguendo ogni fase della vendita delle auto che compongono le gamme dei singoli brand e garantendo le peculiarità di ogni brand nella customer journey.


 


Transizione ecologica attraverso un processo di vendita innovativo


Attualmente sono quasi 27 milioni gli e-Shoppers nel nostro Paese, consumatori digitali che hanno dimestichezza con gli acquisti fatti dal proprio computer o da qualsiasi altro device. In base a un’indagine Google per Stellantis Italia, una persona su quattro si dichiara già oggi pronta all’acquisto di un’auto nuova online, con una crescita di 4 punti percentuali rispetto al periodo pre-Covid, e questi numeri trovano riscontro nelle oltre 6.000 iscrizioni alle piattaforme di e-Commerce di Stellantis, con oltre 2.500 clienti che hanno acquistato una nuova vettura del Gruppo. E l’80 percento degli acquisti ha interessato un modello con tecnologia 100 percento elettrica, plug in hybrid o mild hybrid. È evidente dunque l’affinità tra l’innovazione del canale di vendita e l’innovazione tecnologica dei modelli più gettonati.


 


Pricing e promo dedicate: grandi vantaggi per tutti gli e-Shoppers


L’e-Commerce per Stellantis non è solo un nuovo market place da sviluppare, ma una vera e propria startup che vuole offrire un’esperienza diversa seppur coerente con il processo di acquisto tradizionale. Una strategia che entra in una nuova fase con il lancio di una piattaforma di commercio elettronico per i clienti per configurare e acquistare un veicolo “su misura” dai siti web dei marchi in Italia.

Gli ordini effettuati on line sono senza vincoli, con recesso gratuito e restituzione immediata della caparra, e possibilità di reso entro i 14 giorni dalla consegna. Non solo: per gli acquisti sono previsti prezzi specifici e promozioni dedicate. Ad esempio chi acquista online una Jeep® Compass, riceve in omaggio un buono voucher dal valore di 500€ da poter utilizzare in prodotti e servizi Mopar®.


 


Le dichiarazioni di Santo Ficili, Country Manager di Stellantis in Italia


“L’aspetto vincente di questa nuova forma di commercio elettronico – sottolinea Santo Ficili, Country Manager di Stellantis in Italia – è l’integrazione tra gli aspetti virtuali, online, e quelli tradizionali: il dealer mantiene la propria centralità e resta attore protagonista del processo d’acquisto. Acquisisce però un ulteriore punto di contatto con i clienti in modo da intercettare e soddisfare le nuove esigenze di acquisto. La digitalizzazione rappresenta un passo fondamentale per soddisfare pienamente le necessità dei nostri clienti e migliorarne l’esperienza con i nostri brand e i nostri dealer, che restano comunque il perno della strategia operativa”.

Commenti