100 anni di FIAT in Germania



Fondata a Monaco di Baviera nel 1922 come importatore di veicoli del marchio italiano FIAT, oggi con sede a Rüsselsheim.

Occasionalmente possiede una produzione a Heilbronn e Weinsberg.

Dalla Fiat 508 Balilla degli anni '20 alla Fiat 500e completamente elettrica, attuale bestseller del marchio.

A 100 anni dalla sua fondazione come parte del Gruppo Stellantis, siamo ben preparati per le sfide del futuro.

 


Rüsselsheim, maggio 2022 – Per la Fabbrica Italiana Automobili Torino (FIAT), fondata nel 1899, la Germania è stato uno dei primi mercati esteri in cui il marchio è stato ufficialmente rappresentato con una propria società di importazione. La Deutsche Fiat Automobil-Verkaufs-Aktiengesellschaft è stata fondata il 5 maggio 1922 a Monaco di Baviera.


Esattamente 100 anni dopo, il marchio è posizionato in modo ottimale anche in Germania come parte del Gruppo Stellantis per le sfide del futuro. Dalla sede dell'azienda a Rüsselsheim, FIAT attualmente vende in Germania i modelli completamente elettrici Fiat 500e e Fiat E-Ulysse, oltre alle serie 500/500C, 500X, Panda e Tipo, disponibili anche con tecnologia ibrida. I furgoni venduti con il marchio FIAT Professional, compresi i modelli elettrici E-Scudo ed E-Ducato, e i telai sono un'area di business separata.


La FIAT ha avuto molti fan in Germania all'inizio. Anche l'imperatore Guglielmo II e Thomas Mann, premio Nobel per la letteratura, guidavano da Torino automobili tecnicamente avanzate. Nel 1922, quattro uomini d'affari di Monaco fecero il passo successivo e fondarono la Deutsche Fiat Automobil-Verkaufs-Aktiengesellschaft. Secondo il protocollo di fondazione del 1922, l'oggetto sociale era “la produzione e il commercio di autoveicoli, sia per il lusso che per uso commerciale con trattori agricoli, motoaratri, stalle e motori per barche”. Ciò che era stabilito in tedesco ufficiale nel documento ufficiale significava in pratica: importazione e vendita di autovetture e veicoli commerciali.


Il commercio andò presto così bene che la sede dell'azienda fu trasferita nella capitale Berlino nel 1926. Rilevando lo stabilimento NSU di Heilbronn, dal 1929 FIAT disponeva anche di un proprio stabilimento di produzione in Germania, che fungeva anche da centro di vendita per veicoli importati dall'Italia.


La Fiat 508 Balilla uscì dalla linea di produzione qui come NSU Fiat 1000 del 1934. Nel 1938 a Heilbronn venivano già prodotti 5.632 veicoli, soprattutto i modelli NSU-Fiat 500, NSU-Fiat 1000 e NSU-Fiat 1400. Lo sviluppo economico fu così buono che la produzione dovette essere ampliata. Nel 1938 la FIAT rilevò la carrozzeria Weinsberg, situata a meno di dieci chilometri da Heilbronn. Subito dopo iniziò qui la produzione della NSU Fiat Topolino. Contemporaneamente, però, furono sviluppati anche modelli con carrozzeria indipendente, tra cui la NSU Fiat Weinsberg Roadster basata sul Topolino, oggi un classico particolarmente raro e di pregio.


Nel 1947 l'azienda trasferì la sua sede ufficiale da Berlino a Heilbronn, contemporaneamente il nome fu cambiato in Fiat Automobil AG. Negli anni successivi si riorganizzò l'amministrazione e, soprattutto, si sviluppò l'organizzazione dei concessionari. Già nel 1951 FIAT vendeva in Germania circa 5.500 veicoli. Un anno dopo, la produzione riprende a Heilbronn e Weinsberg. Grandi progressi vennero con l'introduzione della Fiat 600. La berlina a quattro posti, commercializzata in Germania come NSU-Fiat Jagst, provocò un aumento delle vendite a quasi 12.000 unità nel 1955. La Fiat 1300 venne fornita con attrezzature relativamente sontuose e presto guidò la lista dei risultati delle vendite di auto importate in Germania. Nel 1962, la FIAT ha venduto per la prima volta in un anno più di 100.000 veicoli in Germania.


Per far fronte all'aumento dei volumi, nel 1972 FIAT ha aperto un centro di distribuzione centrale a Kippenheim a Baden. Tutti i veicoli consegnati dagli stabilimenti di tutto il mondo vengono controllati qui prima di essere consegnati ai concessionari. Nel 1973 l'azienda, ora nota come Deutsche Fiat AG, abbandonò la produzione in Germania e si concentrò sulle vendite.


Con la Fiat Dino, che alla fine degli anni '60 giocò in un campionato a sé stante come coupé e spider con motore Ferrari sotto il cofano, la FIAT mise in evidenza oltre il campionato delle piccole auto. Le vittorie nei rally di Walter Röhrl, campione del mondo con la FIAT nella stagione 1980, hanno conferito alle vetture italiane un'immagine sportiva.


Oltre all'auto aziendale 131 Mirafiori di Röhrl, la 127, 128 e 124 Spider erano i modelli Fiat commercialmente più importanti di quest'epoca. Lo slogan pubblicitario "Qualsiasi dimensione, qualsiasi potenza da 18 a 180 CV" era rivolto alla gamma di prodotti particolarmente ampia.


Negli anni '80, la FIAT ha conquistato molti nuovi amici in Germania con la Panda, la prima vettura di questo segmento con trazione integrale opzionale e ingegnosamente pubblicizzata come la “Great Box”, e la Uno. Nel decennio successivo Fiat Cinquecento e Fiat Punto continuarono questa serie di successo. Con la coupé, la FIAT torna a fare appello anche agli appassionati di auto sportive, mentre la Fiat Barchetta annuncia il ritorno del marchio nel segmento delle roadster. Allo stesso tempo, i modelli Bravo/Brava e Marea conquistano nuovi gruppi di clienti per FIAT nella classe media. Con Fiat Ulysse e Fiat Qubo tornano in offerta un furgone di medie dimensioni e un compatto.


Dopo che tutte le attività di amministrazione, vendita, formazione, sviluppo e ricambi erano state controllate da Heilbronn per decenni, l'azienda, ora nuovamente chiamata Fiat Automobil AG, ha compiuto un importante passo avanti nel 1997 con il trasferimento nella nuova sede tedesca a Francoforte sul Meno . Nella metropoli bancaria dell'Assia, con l'importante aeroporto proprio davanti alla porta, i dipartimenti centrali della direzione si sono trasferiti in nuovi uffici nel distretto di Niederrad. La sede ufficiale dell'azienda inizialmente è rimasta a Heilbronn ed è stata trasferita a Francoforte solo nel 2007. Allo stesso tempo, la ragione sociale è cambiata in Fiat Group Automobiles Germany AG. Oltre alla FIAT, fanno ora parte dell'azienda i marchi Alfa Romeo, Lancia, Abarth e FIAT Professional.  


Nel 2007 è iniziata una nuova era per la FIAT: con la nuova Fiat 500, un nome iconico è tornato nella gamma dei modelli. Anche la FIAT ha avuto un'ampia presenza sul mercato tedesco in questo periodo con la Panda, ora completamente rinnovata, la Grande Punto, la Croma station wagon e il Sedici, il primo SUV del marchio.  


Nel 2011, una nuova generazione di modelli della Fiat Panda è stata una delle stelle al Salone di Francoforte IAA. Tre anni dopo, la FIAT sorprende con il modello crossover 500X, che combinava le caratteristiche positive di un piccolo SUV con il design iconico della Fiat 500.


Oltre alla variante Cabriolet, anche modelli speciali basati sulla Fiat 500 dimostrano quasi ogni anno il potenziale di questa serie La "Cinquecento", che fece la sua carriera nel 1957 come microcar minimamente equipaggiata per la prima volta non solo per gli italiani con mobilità individuale accessibile, ha mostrato la sua versatilità unica qui. In collaborazione con noti marchi nel campo della moda, del design e della costruzione di yacht, sono state create versioni esclusive della versatile city car. Tra le altre cose, la Fiat 500 Gucci, la Fiat 500 Ron Arad e la Fiat 500 Riva hanno aperto gruppi di clienti completamente nuovi per il modello. Altri modelli speciali come la Fiat 500 Anniversario riprendono gli stilemi della storica Cinquecento e li reinterpretano.


Con la nuova edizione della Fiat 124 del 2015, il marchio ha fatto appello ancora una volta agli appassionati di roadster puristi. Sul lato opposto della gamma di modelli c'era la Fiat Freemont, una spaziosa berlina familiare.


Dopo che FIAT ha presentato le prime concept car a batteria nel 1990 con la Panda Elettra e nel 1992 con la Cinquecento Elettra, nel 2020 è finalmente iniziata per il marchio l'era della mobilità elettrica. La Fiat 500e, il cui design riprende elementi caratteristici dell'icona del marchio "Cinquecento", ha dato la possibilità a un'ampia fascia di clienti di guidare a zero emissioni locali.


E come la Fiat 500, anche la Fiat 500e completamente elettrica ha sorpreso con spettacolari modelli speciali e concept car. I marchi di moda di lusso Armani e Bvlgari, nonché il marchio Kartell, noto per i suoi mobili dall'aspetto futuristico, hanno presentato show car uniche. La Fiat 500e "la Prima" di Bocelli ha a bordo un sistema audio premium sviluppato in collaborazione con il tenore Andrea Bocelli.


Ma la FIAT ha anche più volte dimostrato la sua consapevolezza della responsabilità sociale. In alcuni modelli, ad esempio, vengono utilizzati materiali realizzati con plastica riciclata pescata dal mare e certificata dall'Iniziativa SEAQUAL. Insieme all'organizzazione "Plant my Tree" FIAT ha sostenuto progetti di riforestazione nel nord della Germania. Il programma Fiat Autonomy include dispositivi tecnici che consentono la guida di persone con disabilità fisiche. E con i modelli speciali (RED) di Fiat 500e, Fiat 500 e Fiat Tipo, il marchio sostiene l'opera dell'omonimo ente di beneficenza nella lotta alle pandemie.


Dal 2021 FIAT è uno dei marchi del neocostituito Stellantis Group, la quarta casa automobilistica al mondo per fatturato. FIAT è attualmente rappresentata sul mercato tedesco con i seguenti modelli:


– Fiat 500e: piccola vettura completamente elettrica, disponibile nelle versioni berlina e cabriolet con capote ad azionamento elettrico e nell'innovativa variante 3+1 con seconda porta per i sedili posteriori lato passeggero


– Fiat E-Ulysse: monovolume tutto elettrico


- Fiat 500: City car come berlina e cabriolet con capote elettrica, trazione ibrida


- Fiat Panda: piccola vettura versatile, a richiesta con look fuoristrada, anche con trazione ibrida


- Fiat 500X: Crossover con un cenno al design iconico della Fiat 500, anche con powertrain ibrido


- Fiat Tipo: una berlina familiare molto versatile disponibile nelle versioni hatchback e station wagon cinque porte, anche con propulsore ibrido


Con questa offerta, FIAT ha iniziato con successo l'anno del suo centesimo compleanno in Germania. La famiglia di modelli Fiat 500 nelle sue diverse varianti è stata una delle prime nel primo trimestre del 2022 nelle statistiche della Federal Motor Transport Authority (KBA). Secondo i dati KBA, la Fiat 500e era a gennaio [1]anche l'auto elettrica più venduta in Germania in assoluto. Nel suo segmento (A), la Fiat 500e è stata nel primo trimestre il bestseller indiscusso tra i veicoli elettrici. L'intera famiglia Fiat 500, di cui le statistiche KBA comprendono anche i modelli con trazione ibrida o motore a combustione oltre alla Fiat 500e completamente elettrica, ha tagliato il traguardo due volte come leader di vendita nel segmento A. La serie è stata la numero 1 in questa classifica a marzo e per tutto il primo trimestre.


Questi successi sottolineano la competenza di FIAT per la mobilità urbana e sostenibile. In Germania, il marchio è sinonimo di design italiano, concetti di interni intelligenti e tecnologia innovativa ma accessibile dal 1922: nulla è cambiato dal 1922.


 


100 anni di FIAT in Germania: le date più importanti


1922


Il 5 maggio viene fondata a Monaco di Baviera la Deutsche Fiat Automobil-Verkaufs-Aktiengesellschaft.


1929


La FIAT rileva la produzione di automobili dalla NSU. NSU Automobil AG, fondata appositamente per questo scopo, produce automobili e furgoni a Heilbronn con il marchio NSU-Fiat.


Nello stesso anno viene fondata Fiat Bank GmbH, attraverso la quale i clienti possono finanziare il loro nuovo veicolo.


1938


Con l'acquisizione della carrozzeria a Weinsberg, NSU-Fiat costruisce un secondo sito produttivo.


1967


La Fiat 124 è eletta “Auto dell'anno”.


1970


Fiat vende le carrozzerie di Weinsberg, dove recentemente sono state prodotte principalmente case mobili.


La Fiat 128 è premiata come "Auto dell'anno".


1972


L'azienda, ribattezzata Deutsche Fiat AG nel 1960, apre un centro di distribuzione centrale a Kippenheim (vicino a Friburgo/Brisgovia).


Il modello 127 è la prossima “Auto dell'anno” della FIAT.


1973


La produzione a Heilbronn viene interrotta dopo che sono stati prodotti circa 360.000 veicoli. Deutsche Fiat AG diventa una pura società di vendita.


1980


Cambio di nome in Fiat Automobil AG.


1981


FIAT pubblicizza il panda come una "grande scatola" in una campagna pluripremiata.


1984


Un'altra “Auto dell'anno” nella gamma Fiat, questa volta il modello Uno.


1989


La Fiat Tipo è l'erede della Uno come "Auto dell'anno".


1993


Il Fiat Cinquecento Trofeo è una nuova serie entry-level per i giovani piloti di rally tedeschi.


1996


Denominazione insolita, premiata come “Auto dell'anno”: i modelli tecnicamente identici Bravo (berlina a tre porte) e Brava (berlina a quattro porte).


1999


Il campione del mondo di Formula 1 tedesco Michael Schumacher pubblicizza il monovolume Fiat Multipla.


2004


La Fiat Panda è promossa da "grande scatola" a "auto dell'anno".


2007


La nuova edizione della Fiat 500 conquista il cuore dei fan tedeschi dell'Italia. Nel 2008, la city car dal design iconico è stata eletta "Auto dell'anno".


Nello stesso anno l'azienda cambia nome in Fiat Group Automobiles Germany AG, che in Germania è responsabile dei marchi Fiat, Fiat Professional (Transporter), Abarth, Alfa Romeo, Lancia e Jeep.


2021


La Fiat 500e è da subito uno dei veicoli elettrici più venduti sul mercato tedesco.


Il marchio FIAT entra a far parte del Gruppo Stellantis.

Commenti