Fiat festeggia in Argentina i 50 anni della Fiat 125



È trascorso mezzo secolo dal lancio di un modello diventato protagonista indiscusso del mercato e della cultura automobilistica argentina negli anni 70. Soprannominata "The Machine" per le sue prestazioni e per il suo motore "bialbero", la Fiat 125 è stata prodotta nell'El Centro di produzione Palomar fino al 1982.


 

Nel settembre del 1972 Fiat presentò alla propria rete di concessionari la Fiat 125, versione nazionale della 125 Special di origine italiana, vettura che fu protagonista della ricca storia di oltre 100 anni della Fiat nel nostro Paese. 

 

Prodotto nello stabilimento Fiat di El Palomar e derivato dalla Fiat 1600, fu un modello che si distinse subito per prestazioni e novità tecnologica. Il veicolo venne inizialmente lanciato sul mercato con la versione berlina, a cui poco tempo dopo si aggiunsero le varianti Coupé o Sport, Family e un pick-up, il Multicarga. Nel 1980 ricevette un "aggiornamento" con il nome di Mirafiori; primo veicolo prodotto a livello nazionale a incorporare un cambio manuale a 5 marce; in produzione fino al 1982.

 

Montava un motore a 4 cilindri in linea da 1,6 litri che erogava 110 CV ed era abbinato a un cambio manuale a 4 marce. Il motore tipicamente italiano si caratterizzava per il doppio albero a camme in testa, da cui il nome "bialbero", fu la prima vettura nazionale ad incorporare questa tecnologia, fino ad allora riservata ai segmenti superiori.

 

"The Machine", com'era anche chiamata, raggiungeva la velocità massima di 170 km/h (nella versione Berlina) e frenava in sicurezza grazie al suo impianto frenante a doppio circuito, con dischi all'anteriore e tamburi al posteriore. Le virtù della 125 furono subito riconosciute dai media specializzati raggruppati in APICA, che le assegnarono l'Auto dell'anno nel 1973.

 

Più di 100.000 unità sono state prodotte nello stabilimento di El Palomar dal 1972 al 1982. La 125 è una delle 10 auto più prodotte del marchio nella sua storia di produzione nel paese. È un riferimento indiscusso che ha contribuito alla costruzione di una tradizione di rilievo e leadership del marchio italiano nella categoria media che continua ancora oggi. 


 

Il 125 in tempo

 

Erano i tempi in cui Fiat era il principale gruppo industriale privato del Paese, con oltre 22.000 dipendenti diretti e stabilimenti che producevano automobili, trattori, camion, grandi motori e treni nelle province di Córdoba, Buenos Aires e Santa Fe.

 

Nel 1967 il marchio italiano nel nostro Paese si è posizionato all'avanguardia del mercato con una quota del 23% e una produzione di 40.000 unità, raggiungendo il record di 50.000 unità due anni dopo. Tra il 1965 e il 1970 alla gamma 600 si aggiungono i modelli 770 e 800 Coupé e Spider, mentre nel 1969 viene lanciata la Fiat 1600, erede della 1500, e l'anno successivo la sua versione Coupé Sport, con la ricordata carrozzeria. ” e la sua coda “tronca”, che presentava una migliore penetrazione aerodinamica e una maggiore presa alle alte velocità. Questo design era nazionale ed esclusivo della Fiat per il nostro paese, non è stato realizzato in nessun altro mercato.

 

Negli anni '70 il rinnovamento delle forniture fu una costante. Alla 128 successe la già citata Fiat 125 nelle versioni Berlina, Coupé denominata Sport, Familiar e Multicarga. Nel 1980 ricevette un "aggiornamento" con il nome di Mirafiori, rimanendo in produzione fino al 1982. Emulando il successo sportivo della 128, dal 1974 in poi, la Fiat 125, con il suo motore bialber, sia nella squadra ufficiale del marchio che nelle squadre private , ha rilevato il motorsport fino a 1.600 cm3, vincendo quattro campionati e diversi Gran Premi

 

la scommessa coraggiosa

 

Parlare della "Sfida dei Coraggiosi" significa ripercorrere la storia più importante delle corse automobilistiche nel nostro paese. Nasce come un'idea senza precedenti, quando nel 1970 i membri dell'Automoto Club Carlos Paz dovettero coprire i debiti di un evento che non ripagò come previsto. La necessità li portò a Buenos Aires con lo scopo di indurre i dirigenti della Fiat Argentina a condurre una competizione fino ad allora sconosciuta con vetture impreparate riservate ai migliori piloti argentini del momento. Delle otto edizioni contestate, forse è quella del 1972 quando la prova assunse maggiore importanza. L'azienda ha presentato il nuovo modello Fiat 125 dotato di un nuovo motore dotato di due alberi a camme in testa e di una potenza di 109 CV.

 

Fangio

 

Ci sono molte pagine che si possono scrivere sul vincitore Juan Manuel Fangio, cinque volte campione di F1. Tre dei grandi traguardi dello sport sono stati raggiunti dai marchi che appartenevano direttamente al gruppo Fiat, come Alfa Romeo, Maserati e Ferrari. Dopo il ritiro, ha partecipato a numerose gare espositive, omaggi e all'organizzazione di eventi legati agli sport motoristici. Indubbiamente, 15 anni dopo il suo ritiro, Juan, il "Chueco", è stato uno dei grandi protagonisti della cosiddetta "Race of Remembrance" che si è svolta il 4 novembre 1973 all'Autodromo di Buenos Aires nell'ambito di un festival di categorie di formule argentine. A bordo di una Fiat Berlina 125, ha regalato uno spettacolo inaspettato per la gente del posto e non solo insieme a Oscar Gálvez, il grande «rivale» del "Chueco". Una rivalità che si vedeva in questo, l'ultima gara per entrambi eminenti piloti. Con il 1° e 2°, senza approfittarne, hanno tagliato la griglia la Fiat 125 nº 7 beige di Gálvez e la nº 9 rossa di Fangio.

Commenti