Carlos Tavares torna a lanciare l’allarme sulle conseguenze della mobilità elettrica



Carlos Tavares torna a lanciare l’allarme sulle conseguenze della mobilità elettrica. "Se i veicoli elettrici costano e saranno elitari, la classe media non potrà accedervi e avremo un problema di stabilità sociale. Per inciso, se non otteniamo volumi sufficienti, non avremo nemmeno un impatto positivo sul pianeta", spiega l’amministratore delegato di Stellantis.

Tavares rimarca la possibilità che anche le elettriche vengano escluse dalla circolazione nelle aree urbane. "Quando avremo solo auto pulite, sicure e convenienti, si continuerà a fare pressioni sull'automobile?", si chiede il manager, facendo riferimento ai sempre più frequenti blocchi alla circolazione. "Siamo qui per proporre soluzioni, a patto che la società accetti che la libertà di movimento individuale, familiare e professionale rimanga un asse fondamentale del nostro stile di vita. Perché questo tema sia dibattuto, creeremo un forum per la libertà di movimento", annuncia poi il numero uno di Stellantis.

Il manager torna a dimostrare le sue preoccupazioni per la concorrenza cinese in Europa, in particolare sul mercato delle elettriche: “La Cina sta attaccando il mercato con prezzi molto bassi, forse sovvenzionati, ma questo è un altro argomento". D’altro canto, l’Europa ha anche “aperto una porta" alle esportazioni cinesi e ora il Vecchio continente è "sottoposto a forti pressioni" che probabilmente costringeranno i produttori europei "a ridurre i loro costi in modo significativo". Tale contesto spiega le ragioni della fusione tra Fiat Chrysler e PSA e della nascita di Stellantis e l'obiettivo di "beneficiare di un effetto di scala sulla riduzione dei costi e, in definitiva, evitare danni sociali. Se non sei competitivo con i produttori cinesi, devi fare qualcosa: o vendi più caro, ma perdi quote di mercato e il tuo business diventa troppo grande; oppure vendi al prezzo imposto dalla concorrenza, ma rischiando di finire in rosso e di essere costretto a ristrutturare".


Il manager non intende comunque tornare indietro sui passi finora compiuti per abbracciare la mobilità del futuro (ciò che vuole la politica Europea) e punta le attenzioni su un problema ben più ampio, che travalica qualsiasi considerazione sulle strategie di elettrificazione: il ruolo dell’auto nella società civile, in particolare di quella francese, dove le quattro ruote hanno ormai perso il loro fascino e hanno un’immagine sempre più negativa. "Perchè abbiamo così tanti francesi innamorati delle loro auto in un Paese fondamentalmente 'autofobico'?", si chiede Tavares, rispondendo a una domanda sulle presenze attese per l'imminente Salone di Parigi. Il dirigente è convinto che le città progettate secoli o decenni fa non si adattino all'esplosione della mobilità urbana. "Alcune persone hanno iniziato a provare antipatia per le automobili. Se le persone iniziano a odiare l'auto, il 'gioco è finito.

Commenti

  1. Anonimo3.10.22

    in effetti con la guerra e il caro costo dell'energia, dubito un forte successo delle auto elettriche.....il problema da come mi sembra aver capito,è come tornare indietro?....il rischio di perdere soldi fa rischiare aumenti di listino.....mi stanno facendo diventare antipatico pure a me queste elettriche, bisognerebbe infatti avere un politica vera per seguirle, con i cinesi che attaccano poi.....sarà dura riprendersi il mercato,le cifre folli sembrano non poter neanche scendere di listino.....costeranno care a tutti, anche io lo stavo pensando....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono vietati i commenti Anonimi per tutti!!

      Elimina
  2. Anonimo3.10.22

    solo le auto collegati al passato possono diventare un bel capriccio, quindi 500 e futura 600 renault 5 e 4 ....mini....quelle sono sempre belle

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nel 2023 arriverà la nuova Fiat 600. Nel 2024 la nuova Abarth 600

Nuove anticipazioni sulla Nuova Lancia Ypsilon 2024!

Imparato “L'elettricità è efficienza. Così aereo. La berlina è più aerodinamica. Per me, l'industria tornerà a questo tipo di auto. Quindi sì, ci sarà una futura Giulia”.

Fiat conferma il nuovo pick-up medio per il 2023

Fiat si consolida già a novembre leader assoluto in Brasile nelle vendite del 2022 e raggiunge nel mese il 23,3% di quota di mercato

Paesi in cui è tornato l'ufficio stampa Lancia

Tutte le novità Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth in programma

Nuova Lancia Ypsilon MY'23, la city car più connessa di sempre

TORNA IL FIAT TALENTO. SI POSIZIONERA' TRA SCUDO E DUCATO. ARRIVA ANCHE IL NUOVO FIORINO?