Marchionne manterrà i legami con Exor anche quando non sarà più AD FCA. Elkann: nessun contatto con altri gruppi. Siamo per Fiat-FCA. Magneti Marelli e Comau a Exor?


Facebook-Instagram-YouTube-Fiat Punto-Abassador Fiat Skype/Mail redazionewm@outlook.com ©   


Sergio Marchionne manterrà i legami con Exor, la holding della famiglia Agnelli, anche dopo il 2019, quando lascerà l’incarico di amministratore delegato del Gruppo FCA.

Jhon Elkann (presidente di FCA) ha dichiarato: "Sergio ha tanti cappelli, quindi continuerà a essere molto presente e a dare ancora a lungo il suo contributo. Quanto alla successione del manager italo-canadese, Elkann ha ribadito l'intenzionato a privilegiare un candidato interno all’azienda: "Noi confidiamo in persone molto capaci che lavorano in FCA e che hanno tutti i numeri per diventare il candidato ideale, avendo lavorato con un uomo straordinario come Sergio. La successione è un processo di cui lui ha parlato pubblicamente molte volte, è preso seriamente da lui, dal Cda e da me. Ci impegneremo tutti per fare in modo che questo avvenga nel modo più credibile possibile”.


"FCA è in una fase molto positiva e ha delle prospettive molto forti, anche grazie alla realizzazione del piano industriale. Anche personalmente con Sergio, quando fu presentato il piano e l'azione crollò, noi abbiamo investito per dimostrare la nostra fiducia, così come ha fatto la Exor.

Dopo Marchionne, anche Elkann ha smentito contatti con altre società, come Great Wall o Hyundai. "Noi siamo stati e siamo per Fiat-FCA un azionista il cui interesse principale è sempre stata la società; non siamo certo di quelli che ne impediscono lo sviluppo".

Elkann ha chiarito che sarà il Cda a esaminare la questione dell'eventuale spin-off di Magneti Marelli e Comau (azienda che si occupa di automazione). "Se Exor diverrà il maggior azionista di Comau e Marelli, valuteremo come fare crescere il business", ha concluso.

I più letti