Passa ai contenuti principali

Stellantis investe in Italia



Lo stabilimento di Melfi dovrà essere sempre più performante e collocarsi tra i migliori nel mondo. Anche l'indotto dovrà investire in qualità, ricerca e innovazione.

La nuova stagione dell'elettrico passa dal Sud Italia, dalla Basilicata e dal Molise. Stellantis ha confermato il suo impegno e la volontà di continuare a investire in Italia: da Melfi (con il lancio entro il 2024 di 4 nuove vetture full elettric - una a marchio Lancia - e 400 mila auto l'anno), a Termoli (terzo sito europeo a ospitare la gigafactory e che in futuro potrà fornire le batterie anche allo stabilimento lucano). L’obiettivo di Stellantis: anticipare e supportare la transizione energetica di tutti i (suoi) siti industriali italiani, per garantirne la sostenibilità attraverso il miglioramento delle performance e per far ricoprire al Paese un ruolo strategico tra i principali mercati domestici del Gruppo.

Oltre 5 miliardi di investimenti in Italia. E al Sud, ora sono Pomigliano d'Arco (anche se qui viene prodotta la Fiat Panda e verranno prodotte le Alfa Romeo Tonale e Dodge Hornet) e Cassino (si parla di almeno nuova Alfa Romeo Giulietta e Lancia Delta) a sperare nei prossimi annunci di Stellantis, un cambio epocale attende lo stabilimento di Melfi (dove, in versioni ibride e benzina, si producono Fiat 500X, Jeep Renegade e Compass) che diventa il primo plant della galassia Stellantis a ospitare la nuova piattaforma elettrica 2030 ready (Stla Medium) con autonomia fino a 700 km e lo sviluppo di quattro nuove vetture tutte elettriche, multibrand, da distribuire sui mercati domestici europei dal 2024.

Ma ora, il momento è delicatissimo, per lo stabilimento lucano chiamato a essere sempre più performante e a tararsi tra i migliori al mondo perché Stellantis, come ribadito dal suo Ceo Carlos Tavares, presentando strategie e piano di investimento del gruppo intende «diventare leader di mercato nei veicoli a basse emissioni (Lev) e al 2030, il mix Lev di Stellantis per le autovetture è destinato a crescere in Europa oltre il 70%». Per rispondere all'attuale contesto e prepararsi allo scenario futuro, ha spiegato Stellantis, nasce anche la “superlinea” che permetterà di arrivare a una capacità massima fino a 400mila vetture l’anno, mantenendo la flessibilità di produrre tutte le varianti realizzate finora, abbassando i costi di ammortamento dell'impianto di Melfi, riutilizzando al meglio gli assets e facendo posto alla nuova area di assemblaggio delle batterie funzionale al nuovo progetto.

Ottimismo e una visione chiara per Confindustria Basilicata. «Siamo passati – sottolinea il presidente Francesco Somma - dalla soddisfazione per la fusione tra Fca e Psa, ai timori di ridimensionamento poi per fortuna fugati dalle prospettive del piano industriale di Stellantis che ora impone sfide ambiziose. Va progettato il futuro di Melfi che ha già dimostrato di essere un'eccellenza produttiva e che tale dovrà rimanere. Da subito è necessario aprirsi al confronto con i fornitori di primo e secondo livello in merito alle prospettive legate ai nuovi business previsti per la fabbrica lucana e, al tempo stesso, mettere in campo a livello di governo regionale tutti gli strumenti utili a sostenere l'indotto nella complessa sfida della competitività globale». «Bisogna investire - ribadisce Somma - in qualità, ricerca e innovazione, cercando da una parte di superare il gap infrastrutturale fisico e immateriale e dall'altra rilanciando subito l'idea di un Its sulla meccatronica che consenta di superare il mismatch tra domanda e offerta di lavoro ».

«Una road map che sulla base di scadenze di incontri, approfondimenti, tavoli tecnici, definisca il percorso da seguire per Melfi da oggi al 2024» è quella che propone Vincenzo Tortorelli, segretario generale della Uil di Basilicata, che rilancia la proposta di istituzione dell'Osservatorio automotive con la partecipazione di esperti. «Il nuovo piano industriale per Stellantis Melfi , che si intreccia con tutta l'attività dell'indotto, - spiega Tortorelli - necessita di una strategia e di proposte chiare e condivise da tutti i soggetti sociali ed istituzionali in campo».


Certo la scelta di Melfi non è casuale. Lo dicono i numeri elaborati dalla Fim-Cisl: nel 2020 a Melfi si è prodotta la metà delle autovetture di Fca, e il 46,3% nei primi sei mesi del 2021. Lo stabilimento lucano, con 112.976 vetture ha incrementato la propria produzione del 37,5% rispetto al 2020 condizionato dallo stop Covid-19, anche se nel primo semestre 2019 pre-pandemia le unità prodotte erano state 152.767. Si stima che a fine anno si supereranno le 229mila unità del 2020. A pesare la flessione dei mercati e i fermi produttivi per la mancanza dei semiconduttori e l'aumento della cig. Prodotte 48.694 Jeep Renegade, 34.586 Fiat 500X e 29.496 Jeep Compass.

È indubbio che lo stabilimento di San Nicola di Melfi, dalla sua nascita quasi 30 anni fa, intorno al rivoluzionario concetto di “prato verde”, di sfide ne ha affrontate tante, per mantenere il ruolo di leader, distinguendosi per qualità ed efficienza. Il modello, unico in Italia, di fabbrica integrata con stabilimento e indotto concentrati nel “recinto” con vantaggi sui costi di produzione abbattendo quelli di trasporto, continua ad essere uno dei suoi punti di forza che certo ha inciso nella scelta di Stellantis insieme alla grande flessibilità dell'organizzazione del lavoro che si può spingere fino a 20 turni settimanali (attualmente sono15 turni) e consentire di raggiungere il tetto delle 400mila auto l'anno. Lo stesso che ha permesso nel 2015 di assumere 1.800 giovani. Dalla parte di Melfi anche la professionalità dei lavoratori e l'alta qualità delle produzioni che, per esempio, hanno indotto a produrre le Jeep dall'America in Italia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tavares: "Volevano farmi vendere Alfa e chiudere Lancia"

Se Alfa Romeo è in mano a Stellantis si deve a Carlos Tavares. E anche il fatto che la Lancia non sia stata chiusa è dovuto alle decisioni del manager. A ribadirlo è stato lo stesso amministratore delegato del gruppo Stellantis, che ha dichiarato di essersi opposto alle numerose richieste di vendita del marchio del Biscione e di chiusura del brand di Torino. "Non potete immaginare quante persone mi hanno chiesto di chiudere Lancia quando abbiamo creato Stellantis", ha commentato Tavares parlando dei futuri programmi sportivi dei marchi italiani. "Dovete sapere due cose. Innanzitutto, c'erano molte persone che bussavano alla mia porta per farmi vendere Alfa Romeo. E ho detto di no. E c'erano tante altre persone che mi dicevano che avrei dovuto uccidere Lancia. È imbarazzante: ho detto di nuovo no. Quindi oggi, quello che abbiamo fatto è stato riconvertire il business di Alfa Romeo. Il marchio è redditizio, è posizionato nel segmento premium. L'attività è in cr

Serie Speciale FIAT Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

In Germania la nuova Alfa Romeo Junior è già ordinabile

L'Alfa Romeo sta aprendo gli ordini in Germania per l'Alfa Romeo Junior, che attualmente sta attirando molta attenzione a causa del suo cambio di nome - in precedenza Alfa Romeo Milano. L'edizione di lancio SPECIALE, particolarmente equipaggiata, parte da 31.500 euro [1] per l'Alfa Romeo Junior Ibrida SPECIALE con tecnologia ibrida a 48 volt [consumo di carburante 5,2 l/100 km; Emissioni di CO2 117 g/km; Classe CO2 : D; (valori combinati secondo WLTP)]. L’Alfa Romeo Junior Elettrica SPECIALE ad alimentazione elettrica al 100% offre un’autonomia combinata fino a 410 chilometri e parte da 41.500 euro [consumo elettrico 15,6 -15,0 kWh/100 km; Emissioni di CO 2 0 g/km, CO 2 classe A (valori combinati secondo WLTP)]. La nuova Alfa Romeo Junior può ora essere ordinata in Germania. Al momento del lancio sul mercato, il SUV compatto, che si distingue per il suo design italiano unico e il look sportivo, è disponibile nell'edizione introduttiva SPECIALE particolarmente equipa

Nuova Alfa Romeo Junior: La Sportività Si Compatta

Benvenuta Junior, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento più grande del mercato europeo. Un simbolico "ben tornato" per coloro che hanno amato Giulietta e Mito, e un caloroso benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. Junior definisce i canoni di bellezza nel segmento con il suo design italiano, opera del Centro Stile Alfa Romeo di Torino, offrendo una connessione emotiva al primo sguardo grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Con una dinamica di guida best-in-class, Junior  porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte grazie a soluzioni tecniche specifiche sviluppate dalla stessa squadra che ha progettato la Giulia GTA. Offrendo comfort e praticità ai vertici del segmento, Junior vanta il bagagliaio più capiente tra i competitor premium e soluzioni come l'Alfa Romeo Cable Organizer. Junior è "Elettrica", con batteria da 54 kWh e proposta in due varianti di potenza: 156 CV e la t

Nuova Lancia Ypsilon

La Nuova Lancia Ypsilon è un hatchback del segmento B Premium a 5 porte, 5 posti, più lunga, più larga e con cerchioni più grandi rispetto all'attuale Ypsilon. Queste caratteristiche conferiscono alla vettura una connotazione elegante e futuristica. Le sinuose forme di Nuova Lancia Ypsilon sono ispirate ai modelli che hanno scritto la storia del marchio, così come i fanali posteriori rotondi, chiaro rimando alla Lancia Stratos, e l’iconico calice presente sul frontale che viene oggi rivisitato attraverso tre raggi di luce LED. Il modello è, al tempo stesso, la prima vettura di produzione Stellantis dotata del sistema S.A.L.A., l’interfaccia virtuale e intelligente che garantisce un’esperienza di guida confortevole e coerente con la tecnologia senza sforzi Lancia. Nuova Lancia Ypsilon, disponibile nelle versioni full electric e ibrida, è anche best-in-class nel segmento B hatchback premium, grazie all’allestimento più completo della categoria, ampio display da 10.25”, miglior sistem

Imparato risponde alla politica: "Lasciate stare i nomi, salvate l’industria dalla Cina"

Non si placano le polemiche dopo la clamorosa decisione dell’Alfa Romeo di cambiare il nome della sua nuova Suv compatta da Milano a Junior, scaturita a seguito delle parole del ministro Urso, secondo cui il nome del capoluogo lombardo dato a un’automobile prodotta in Polonia violerebbe la legge sull’Italian Sounding. Il ceo dell’Alfa Romeo Jean-Philippe Imparato ha invitato i politici europei a “preoccuparsi della salvaguardia dei posti di lavoro nell’industria automobilistica piuttosto che dei nomi delle auto”. Il rischio vero per Stellantis e per tutta l’industria automobilistica nell’immediato futuro, dice Imparato, arriva dai costruttori cinesi che portano in Europa la loro produzione: “Quando vedi che la MG lancia un’auto che costa 16mila euro in Spagna, sono sicuro che vanno in perdita, ma sono pieni di soldi”. E prosegue: “Vedi la Tesla che taglia i prezzi di 10 mila euro o più, e riduce i margini in Europa dal 18% al 7, o 8%, e vedi alcuni dei nostri competitor tedeschi produr

La nuova Fiat 600 in evidenza al “17° Festival del Cinema Italiano”

FIAT sostiene la 17a edizione del “Festival del Cinema Italiano”, assumendo ancora una volta lo status di “Veicolo Ufficiale” Specchio dell'attuale direzione di elettrificazione del marchio italiano, la nuova 600 è esposta sotto i riflettori nelle varie fasi di un'iniziativa iniziata a Lisbona e che proseguirà, fino a luglio, in altre 20 città portoghesi. In evidenza per lo spot “The Upgrade”, mostrato nella sua versione da 60”   Associando la propria immagine al cinema del paese d'origine del marchio, la FIAT 600 è il “Veicolo Ufficiale” del “17° Festival del Cinema Italiano”, iniziativa che si svolge da aprile a luglio 2024, percorrendo il Portogallo da nord a sud, in due dozzine di città. L'inizio è avvenuto il 12 aprile, con il “Festival di Lisbona”, azione che proseguirà fino al 21 (domenica), dopodiché la carovana partirà per il restante tour cinematografico . La nuova Fiat 600 - uno degli ultimi lanci del marchio italiano nel nostro Paese - ha lo status di “Veico

Una Fiat E-Doblò, il 16milionesimo veicolo della Stellantis Vigo

Alla fotografia commemorativa hanno partecipato i lavoratori di tutte le officine, una rappresentanza del Comitato aziendale e membri della Direzione. E a simboleggiare le generazioni nuove e precedenti, si sono uniti alla celebrazione un gruppo di giovani lavoratori e l'ex direttore Javier Riera. La produzione in serie del Fiat Dobló è iniziata nel luglio 2022, con il lancio della versione 100% elettrica. Da allora, nello stabilimento di Vigo sono state prodotte 54.717 unità di questo modello, il 10% delle quali con motore elettrico. La Fiat E-Doblò è dotata di un motore elettrico da 100 kW e di una batteria da 50 kWh che consente più di 280 km di autonomia. Raggiunge una velocità massima fino a 135 km/h e ha un'accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 11,2 secondi. Stellantis Vigo ha prodotto 38 modelli diversi in una lunga storia di 66 anni di attività, 12 dei quali anche nella versione elettrica.   Vigo, 23 aprile 2024.- Una Fiat E-Doblò (100% elettrica) è il 16 milionesimo ve

Fiat Mega Panda

Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico urbano e allo stesso tempo, grazie allo spazi

La FIAT 500 rimane fino al 2026

Entro la fine del 2023 era prevista la fine della produzione della Fiat 500, ma che in realtà si intendeva la fine della produzione in Polonia o che sia un cambio di programma, la 500 Hybrid rimarrà in produzione fino al 2026 come la Panda. Fine produzione in Polonia perché la 500 è arrivata in Algeria e non solo nelle vendite. È in atto la fase di costruzione dello stabilimento di Tafraoui-Orano, che sarà completato entro agosto 2023 e la produzione della prima Fiat 500 è prevista per la fine del 2023. La produzione, quindi, si sposta in Algeria anche per l'Europa. La 500 verrà aggiornata almeno con i nuovi sistemi per la sicurezza adas che saranno obbligatori dal 2024. Ma potrebbero esserci altre novità disponibili anche su Panda, come il caricatore senza fili per smartphone. Si spera almeno nei nuovi loghi 5 0 0 e F I A T. Quindi la 500 continuerà ad essere proposta in versione ibrida con il vecchio modello ed elettrica con il nuovo modello. Non è da escludere che anche la Abart