Astra? Il perché di questo nome per la compatta Opel


Astra prese il posto di Kadett per la bestseller Opel

Una vera automobile “europea”

Prodotta in 9 fabbriche differenti

 


Da 30 anni a questa parte Opel Astra è un nome molto familiare per gli automobilisti di tutta Europa. Tutto iniziò nel settembre 1991 quando la prima generazione di Opel Astra fu presentata ufficialmente al Salone di Francoforte. Il fatto però che quella vettura fosse identificata come Astra-F porta automaticamente pensare che quel modello fosse la naturale prosecuzione di un altro. E così è infatti.


Nei tre decenni precedenti la Casa tedesca aveva prodotto cinque serie della Opel Kadett, contraddiste infatti dalle prime cinque lettere dell’alfabeto (e qui si svela il piccolo mistero) per realizzare le quali aveva realizzato a Bochum, in Germania, uno stabilimento dedicato. Di qui lo slogan particolarmente indovinato "A new factory, a new car" (una nuova fabbrica, una nuova automobile) che nell'Estate del 1962 accompagnò il ritorno della Opel Kadett sul mercato. Già, perché quello della Opel Kadett del 1962 era un ritorno sul mercato, visto che dal 1936 al 1940 la stessa Casa tedesca aveva prodotto le Kadett K36 e K38. Ma questa è ancora un’altra storia.


Perché però abbandonare un nome come Opel Kadett legato alla produzione di oltre 4 milioni di autovetture? E soprattutto perché scegliere proprio il nome Astra? La risposta è legata alla Gran Bretagna dove la locale consorella Vauxhall produceva una sua versione della vettura tedesca: la Viva su base Kadett-A/B, la Chevette su base Kadett-C e per l’appunto Astra sulla base delle Kadett-D/E. Di qui l’idea all’inizio degli Anni Novanta di unificare su scala europea il nome del modello medio della gamma, un nome che terminava con la lettera “A”, cosa che per molti anni sarebbe stata consuetudine delle automobili Opel.


Una vera automobile “europea”


La prima generazione di Opel Astra era una vera automobile "europea". La sua introduzione coincideva con i più importanti passi della Comunità Europea verso l'apertura del mercato unico del 1992. Progettata e sviluppata presso il Centro di Sviluppo Tecnico di Rüsselsheim, in Germania, per offrire standard di guida fino a quel momento disponibili solo su autovetture appartenenti al segmento di mercato superiore, la prima generazione di Opel Astra fu subito prodotta contemporaneamente in cinque Paesi europei: in Belgio ad Anversa, in Germania a Bochum, in Portogallo ad Azambuja, in Spagna a Saragozza e nel Regno Unito ad Ellesmere Port. Quando, alla fine del 1992, entrarono in funzione anche le nuove fabbriche di Eisenach, nel lander tedesco della Turingia, e di Szentgotthard, in Ungheria, Opel poté contare su 9 basi produttive per l'Astra per una potenzialità produttiva di circa 800.000 unità all'anno. 


All’inizio degli Anni Novanta la nuova Opel Astra era costruita con le più avanzate tecnologie come un sistema di saldatura laser e una nuova generazione di presse studiate per garantire il massimo rispetto dell'ambiente. L'organizzazione del lavoro sulle linee produttive era basato sul concetto del lavoro di gruppo.

Commenti

I più letti della settimana