Passa ai contenuti principali

Tipicamente Opel: dotazioni di comfort per viaggiare comodi anche in inverno



Una postura corretta: i sedili riscaldabili con certificazione AGR e funzione massaggio

Tanto calore: il sistema QuickHeat e il volante riscaldabile

Comfort anche nella fila posteriore: il riscaldamento dei sedili posteriori e del vano piedi

Pronti a partire subito: il parabrezza riscaldabile ThermaTec per un’ottima visibilità

Programmare il riscaldamento: Opel Grandland e Opel Astra ibridi plug-in e i veicoli elettrici con pompa di calore e pre-condizionamento

 


È in arrivo la stagione fredda che, tra le altre cose, significa togliere il ghiaccio dai finestrini e riscaldare l’abitacolo prima di partire ogni mattina. Nessun problema per chi guida una Opel. Infatti le automobili della Casa tedesca, a partire dall’ammiraglia, la Opel Insignia, per arrivare a nuova Opel Astra, Opel Grandland e Opel Crossland e alle elettriche Opel Mokka-e, Opel Corsa-e, Opel Combo-e Life e Opel Zafira-e Life diventano oasi di piacere anche in inverno, per il massimo benessere. Numerose tecnologie e dotazioni consentono alle vetture di accogliere guidatore e passeggeri con temperature gradevoli fin da subito. Il freddo resta semplicemente fuori. I sedili attivi ergonomici con certificazione AGR, riscaldabili e regolabili in numerose direzioni, e il riscaldamento del volante e del vano piedi consentono di viaggiare sempre nel massimo relax e in tutta sicurezza. In base al modello, il parabrezza riscaldabile assicura un’eccellente visibilità anche in presenza di ghiaccio, e la pompa di calore nelle Opel elettriche a batteria garantisce una produzione termica particolarmente efficiente. Le automobili elettriche possono inoltre essere comodamente preriscaldate con l’app myOpel.

La certificazione AGR: sedili al vertice del segmento con funzioni massaggio, riscaldamento e ventilazione


I sedili sono fondamentali per viaggiare in modo comodo e rilassato. Essi costituiscono il punto di collegamento tra la persona e il veicolo. Pertanto Opel ha sempre posto particolare attenzione al loro sviluppo, con il risultato che i sedili migliori del segmento con certificazione AGR sono una tradizione per Opel e sono disponibili in numerosi modelli e versioni. I sedili ergonomici sviluppati internamente dal costruttore e certificati dagli esperti di postura di AGR rendono un piacere anche i viaggi più lunghi sulle ammiraglie Opel Insignia e Opel Grandland, ma anche su Opel Crossland e sulla nuova Opel Astra. Le diverse possibilità di regolazione, tra cui lunghezza, altezza, inclinazione, sostegno delle cosce e imbottitura dei sedili, e il sostegno lombare elettropneumatico garantiscono una postura corretta a persone di ogni statura. Nella nuova Opel Astra, i sedili anteriori sono stati posizionati 12 millimetri più in basso rispetto al modello precedente, per un’esperienza di guida sportiva. Il guidatore e il passeggero anteriore possono accomodarsi sui sedili “Sport”, più rigidi, o su quelli “Comfort”, leggermente più morbidi. I sedili anteriori e i sedili posteriori esterni sono riscaldabili (in base alla versione). Nella versione in pelle Nappa, il sedile guidatore ha anche le funzioni ventilazione e massaggio.


Ma sedersi bene su una Opel non è una questione di segmento. I passeggeri possono accomodarsi e rilassarsi anche su modelli come Opel Corsa e Opel Mokka, e sulla monovolume Opel Zafira Life. Anche su queste vetture i sedili comfort regolabili in numerose direzioni con sostegno lombare e funzione massaggio per il guidatore, e i sedili riscaldabili lato guidatore e passeggero anteriore fanno stare tutti bene dal momento in cui si sale in auto al momento dell’arrivo. Anche i passeggeri sui sedili posteriori di Opel Corsa, Mokka e Crossland possono sfruttare il sistema di riscaldamento del vano piedi di serie per dimenticare le gelide temperature esterne.


Tutto sotto controllo: sistemi di riscaldamento per comfort e sicurezza


I sedili attivi comfort, ergonomici e riscaldabili, sono una funzione allo stesso tempo di benessere, di salute e di sicurezza. Guidatore e passeggero possono viaggiare comodi in una posizione corretta per la schiena; grazie al riscaldamento dei sedili ci si può togliere la giacca invernale anche prima di iniziare ogni viaggio. In questo modo capi d’abbigliamento spessi e pesanti non limitano la libertà di movimento ed è possibile fare aderire bene la cintura di sicurezza al corpo, questo è l’unico modo per garantire la massima protezione in caso di incidente. La sicurezza aumenta anche grazie al volante riscaldabile, che riscalda le dita nel giro di pochi secondi e permette di guidare senza dover indossare i guanti.


Sono altrettanto utili anche sistemi per combattere la formazione di ghiaccio come il parabrezza riscaldabile ThermaTec, presente su Opel Insignia o sulla nuova Opel Astra, su Opel Grandland e su Opel Crossland. Premendo un tasto, gli invisibili filamenti termici presenti nel parabrezza si attivano e garantiscono la migliore visibilità. Grazie a questa funzione, la tendenza dei vetri ad appannarsi nelle giornate umide e fredde diventa un ricordo del passato. Anche gli specchietti retrovisori riscaldabili consentono di vedere alla perfezione che cosa accade dietro la vettura.


In funzione del modello Opel, il sistema elettrico Quickheat in opzione permette di riscaldare rapidamente l’abitacolo e i finestrini. Nel giro di pochi secondi, l’abitacolo della vettura viene inondato di aria piacevolmente calda.


App e pompa di calore: climatizzare anticipatamente e in modo efficiente i veicoli elettrici Opel


Le vetture elettriche Opel sono la scelta perfetta per chi vuole salire su una vettura piacevolmente climatizzata e partire subito, anche nelle gelide mattine d’inverno. Chi possiede automobili elettriche come Opel Corsa-e oppure Opel Mokka-e può utilizzare la app myOpel per programmare il riscaldamento anticipato dell’abitacolo mentre si è comodamente seduti sul divano di casa. Nel giro di pochi minuti, l’abitacolo della vettura raggiunge una temperatura gradevole e i finestrini vengono sbrinati.


L’energia dei veicoli elettrici a batteria deve essere gestita in maniera efficiente, soprattutto d’inverno, per ridurre il consumo di energia e conservare la massima autonomia. Per farlo, basta attivare il controllo della temperatura quando la vettura è connessa alla rete elettrica mediante la presa domestica, la wallbox o una stazione di ricarica rapida – in quel caso l’energia necessaria per il riscaldamento proviene dalla fonte esterna e alla partenza si ha tutta l’autonomia possibile in modalità elettrica. Grazie alla pompa di calore, montata di serie su Opel Corsa-e e Opel Mokka-e, il calore prodotto in eccesso dai vari componenti può essere utilizzato per riscaldare l’abitacolo senza dover inserire il riscaldamento tradizionale, che ridurrebbe l’autonomia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Autobianchi A112: Il Piccolo Grande Miracolo Dell'Industria Automobilistica Italiana

Nel vasto panorama dell'industria automobilistica italiana, c'è un'auto che ha lasciato un'impronta indelebile nella storia del settore: l'Autobianchi A112. Questo piccolo gioiello, prodotto tra il 1969 e il 1986, ha conquistato il cuore degli italiani e non solo, diventando un'icona del design e dell'ingegneria automobilistica. Nascita e Sviluppo L'Autobianchi A112 è stata presentata al Salone dell'Automobile di Torino nel 1969, come erede della famosa Bianchina. Progettata da Dante Giacosa, l'ingegnere che ha dato vita a molti successi della Fiat, la A112 era destinata a diventare un successo immediato grazie alle sue dimensioni compatte, alla maneggevolezza e all'efficienza. Design e Caratteristiche Tecniche Il design della A112 era semplice ma accattivante, con linee morbide e un look giovanile. Le sue dimensioni compatte la rendevano perfetta per la guida in città, ma nonostante le sue piccole dimensioni, l'A112 offriva sorprendentem

Tavares: "Volevano farmi vendere Alfa e chiudere Lancia"

Se Alfa Romeo è in mano a Stellantis si deve a Carlos Tavares. E anche il fatto che la Lancia non sia stata chiusa è dovuto alle decisioni del manager. A ribadirlo è stato lo stesso amministratore delegato del gruppo Stellantis, che ha dichiarato di essersi opposto alle numerose richieste di vendita del marchio del Biscione e di chiusura del brand di Torino. "Non potete immaginare quante persone mi hanno chiesto di chiudere Lancia quando abbiamo creato Stellantis", ha commentato Tavares parlando dei futuri programmi sportivi dei marchi italiani. "Dovete sapere due cose. Innanzitutto, c'erano molte persone che bussavano alla mia porta per farmi vendere Alfa Romeo. E ho detto di no. E c'erano tante altre persone che mi dicevano che avrei dovuto uccidere Lancia. È imbarazzante: ho detto di nuovo no. Quindi oggi, quello che abbiamo fatto è stato riconvertire il business di Alfa Romeo. Il marchio è redditizio, è posizionato nel segmento premium. L'attività è in cr

Nuova Alfa Romeo Junior: La Sportività Si Compatta

Benvenuta Junior, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento più grande del mercato europeo. Un simbolico "ben tornato" per coloro che hanno amato Giulietta e Mito, e un caloroso benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. Junior definisce i canoni di bellezza nel segmento con il suo design italiano, opera del Centro Stile Alfa Romeo di Torino, offrendo una connessione emotiva al primo sguardo grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Con una dinamica di guida best-in-class, Junior  porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte grazie a soluzioni tecniche specifiche sviluppate dalla stessa squadra che ha progettato la Giulia GTA. Offrendo comfort e praticità ai vertici del segmento, Junior vanta il bagagliaio più capiente tra i competitor premium e soluzioni come l'Alfa Romeo Cable Organizer. Junior è "Elettrica", con batteria da 54 kWh e proposta in due varianti di potenza: 156 CV e la t

Alfa Romeo: non va bene Milano? Allora “Alfa Romeo Junior!”

In una delle settimane più importanti per il futuro di Alfa Romeo, un esponente del governo italiano dichiara che l’utilizzo del nome Milano, scelto dal marchio per chiamare la nuova compatta sportiva appena presentata, è vietato per legge. Il nome Milano, tra i favoriti del pubblico, era stato scelto per rendere tributo alla città dove tutto ebbe origine nel 1910. Non è la prima volta che Alfa Romeo chiede il parere del pubblico per scegliere il nome di una vettura. Successe già nel 1966 con la Spider 1600: in quel caso il nome scelto dal pubblico era stato Duetto. Pur ritenendo che il nome Milano rispetti tutte le prescrizioni di legge, e in considerazione del fatto che ci sono temi di stretta attualità più rilevanti del nome di una nuova autovettura, Alfa Romeo decide di cambiare il nome da Milano a Alfa Romeo Junior, nell’ottica di promuovere un clima di serenità e distensione. Il team Alfa Romeo ringrazia il pubblico per l’enorme numero di feedback ricevuti, la rete dei concession

Serie Speciale FIAT Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

Le nuove Lancia sono pronte

Dopo la Ypsilon, la Lancia ha altri modelli davanti in programma, con altre cinque auto, tra modelli nuovi e versioni ad alte prestazioni. L'anno prossimo arriverà la Ypsilon HF, a trazione anteriore con motore da 240 CV, ma nel 2026 e nel 2028 verranno presentate due vetture: l'ammiraglia Gamma e la segmento C Delta. Entrambe avranno una declinazione sportiva HF Integrale, che verrà svelata l'anno successivo al debutto, si baseranno sulla piattaforma Stla Medium del gruppo Stellantis e verranno prodotte in Italia. Per entrambi i modelli il Centro Stile Lancia ha già finalizzato il design. Carlos Tavares, ad del gruppo Stellantis, durante il weekend della tappa italiana della Formula E a Misano, ha parlato di queste due auto. "Come ben sapete, ora stiamo rilanciando il marchio Lancia, partendo dalla nuova Ypsilon che avete già visto", ci ha detto Tavares. "Ma c'è dell'altro in cantiere. Sono stato a Torino questa settimana per convalidare i prossimi m

Risultati dell’Assemblea generale 2024 di Stellantis

Stellantis N.V. (“Stellantis”) ha annunciato oggi che tutte le delibere sottoposte all’approvazione degli azionisti durante l’Assemblea generale annuale (AGM) tenutasi oggi in presenza e trasmessa in diretta sul sito web di Stellantis sono state adottate, compresa la proposta di approvare la distribuzione di un dividendo di 4,7 miliardi di euro sulle azioni ordinarie. La ripartizione proposta comporta un pagamento ai detentori di azioni ordinarie di 1,55 euro per ogni azione ordinaria in circolazione. Gli azionisti in possesso di azioni ordinarie negoziate al NYSE riceveranno 1,651680 USD per ogni azione ordinaria al tasso di cambio ufficiale USD/EUR riportato dalla Banca Centrale Europea al 15 aprile 2024. Il pagamento sarà effettuato attingendo dagli utili indicati nei conti annuali del 2023. Il calendario atteso per le azioni ordinarie quotate al New York Stock Exchange, all’Euronext Paris e all’Euronext Milan sarà il seguente: (i) data di stacco 22 aprile 2024, (ii) data di registr

In Germania la nuova Alfa Romeo Junior è già ordinabile

L'Alfa Romeo sta aprendo gli ordini in Germania per l'Alfa Romeo Junior, che attualmente sta attirando molta attenzione a causa del suo cambio di nome - in precedenza Alfa Romeo Milano. L'edizione di lancio SPECIALE, particolarmente equipaggiata, parte da 31.500 euro [1] per l'Alfa Romeo Junior Ibrida SPECIALE con tecnologia ibrida a 48 volt [consumo di carburante 5,2 l/100 km; Emissioni di CO2 117 g/km; Classe CO2 : D; (valori combinati secondo WLTP)]. L’Alfa Romeo Junior Elettrica SPECIALE ad alimentazione elettrica al 100% offre un’autonomia combinata fino a 410 chilometri e parte da 41.500 euro [consumo elettrico 15,6 -15,0 kWh/100 km; Emissioni di CO 2 0 g/km, CO 2 classe A (valori combinati secondo WLTP)]. La nuova Alfa Romeo Junior può ora essere ordinata in Germania. Al momento del lancio sul mercato, il SUV compatto, che si distingue per il suo design italiano unico e il look sportivo, è disponibile nell'edizione introduttiva SPECIALE particolarmente equipa

NUOVA ALFA ROMEO MILANO: LA SPORTIVITA’ DIVENTA COMPATTA

Benvenuta MILANO, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento di mercato più grande d’Europa. Un simbolico “ben tornato” a chi ha amato Giulietta e Mito, e un caldo benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. MILANO ridefinisce i canoni di bellezza nel segmento. Design italiano opera del Centro Stile Alfa Romeo (Torino): connessione emotiva al primo sguardo, grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Dinamica di guida best in class. MILANO porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte, grazie a soluzioni tecniche specifiche frutto di un processo di sviluppo coordinato dalla stessa squadra che ha progettato Giulia GTA. Comfort e praticità ai vertici del segmento, come dimostra il bagagliaio più capiente tra i competitor premium (400l) e la soluzione Alfa Romeo Cable Organizer. MILANO è “ELETTRICA”, con batteria da 54 kWh, proposta in 2 varianti di potenza: 156 CV, e la top di gamma VELOCE con 240 CV. MILANO ELETTRI

Lancia e Alfa Romeo torneranno nelle competizioni

L'Alfa Romeo e la Lancia torneranno nel mondo delle corse, a dirlo è Carlos Tavares, amministratore delegato del gruppo. Il "quando" è ancora da decidere ma il futuro è già tracciato. "È chiaro che a un certo punto Alfa Romeo tornerà nel motorsport, perché fa parte del DNA del marchio, è parte della sua storia. E sentiamo di avere la responsabilità di mantenere vivo il valore del marchio nelle corse. Discussioni a riguardo sono già in corso tra Jean-Marc Finot e il Jean-Philippe Imparato. Ma la decisione, molto probabilmente, non verrà presa prima della fine dell’anno. E quindi non posso ancora rispondere alla tua domanda su quale tipo di partecipazione avremo, perché non è ancora deciso". Bisognerà dunque attendere ancora diversi mesi prima di capire in quale campionato vedremo tornare il Biscione: le opzioni sul tavolo sono molteplici, dalla Formula E al Wec o, perché no, un ritorno in grande stile in Formula 1 o nei campionati a ruote coperte. Quello che è c