Passa ai contenuti principali

Le auto elettriche provocano inquinamento e problemi etici



L'auto elettrica è veramente green? Se l’energia che alimenta i veicoli non è pulita, l’uso di un veicolo elettrificato non porta alle zero emissioni di CO2. In sostanza, il problema dell'anidride carbonica passa dal tubo di scappamento alle ciminiere delle centrali elettriche, ancor di più se queste sono alimentate da carbone, gas oppure olio combustibile. 

All'interno del settore automobilistico la convinzione è che, senza fonti rinnovabili, l'auto elettrica abbia ben poco senso. Entro il 2026, la capacità produttiva globale di elettricità rinnovabile è previsto aumenti di oltre il 60% rispetto al 2020, raggiungendo un peso equivalente a quella legata a combustibili fossili e nucleare. Risolta, però, la questione energetica, non vanno dimenticati i problemi ambientali associati ad alcuni elementi chimici ormai fondamentali per le produzioni elettriche. 

È il caso delle terre rare. Questi elementi chimici, che a dispetto della loro definizione sono particolarmente abbondanti sulla terra, sono dannosi per l'ambiente. La loro estrazione non è solo particolarmente inefficiente a causa delle difficoltà di separarli dai minerali associati, ma libera polveri inquinanti, acidi pericolosi come quello solforico, anidride solforosa e perfino elementi radioattivi. Non a caso gli Stati Uniti hanno ridotto l'estrazione di terre rare lasciando il dominio del mercato alla Cina, dove le normative ambientali non sono certo stringenti come nei Paesi occidentali.

Ed è proprio il quadro normativo più lassista sul fronte ambientale che ha consentito alla Cina di conquistare la leadership globale per un altro elemento chimico fondamentale per la mobilità elettrica: il cobalto. E qui si apre una questione etica non dissimile a quella legata allo sfruttamento delle riserve petrolifere, fonti da sempre di tensioni geopolitiche e soprattutto di guerre intestine in alcuni dei Paesi più poveri al mondo e non solo nel ricco e martoriato Medio Oriente. Per il 60% viene estratto nella Repubblica Democratica del Congo, tra i Paesi più poveri al mondo nonostante le enormi ricchezze minerarie e tra i più dilaniati da faide locali, guerre e persecuzioni anche razziali. Dell'ex Zaire si sono occupate diverse, importanti testate americane, con reportage che hanno messo sotto accusa le pratiche di stampo colonialista proprio della Cina e i danni prodotti dall'estrazione del cobalto. Si parla di oltre 150 mila minatori che estraggono il minerale sostanzialmente a mani nude e senza alcuna precauzione, mentre l'Unicef ha quantificato in almeno 40 mila i bambini sfruttati nelle attività minerarie. E spesso il cobalto, insieme al famigerato coltan, ai diamanti e al nickel, si trasforma nella causa principale di massacri perpetrati da milizie para-militari, per non parlare di corruzioni, tangenti e tanto altro ancora. Ai cinesi, evidentemente, non importa, perché devono alimentare la loro industria di trasformazione: il 90% della capacità di raffinazione del cobalto è in mano ad aziende site in Cina. 

Così come non sembra importare quanto dannoso per l'ambiente sia il litio, un elemento diventato sempre più importante per l'elettronica di consumo e ormai imprescindibile per la mobilità elettrica. La sua estrazione, sotto forma di carbonato, è considerata particolarmente devastante, soprattutto per le falde acquifere, visto che per ogni chilo di minerale estratto sono necessari almeno 2 mila di litri d'acqua. Il problema è ancor più sentito laddove sono presenti le maggiori riserve mondiali: l'80% arriva dal territorio andino compreso tra Cile, Argentina e Bolivia e i principali siti estrattivi sono gli immensi deserti salati: il boliviano Salar de Uyuni e il cileno Salar de Atacama. Le associazioni ambientaliste stanno lanciando da anni allarmi sulle conseguenze dello sfruttamento minerario dell'area e sui gravi problemi causati soprattutto all'agricoltura e alle attività zootecniche. Qualcuno si è perfino spinto a parlare di rischi di escalation militare alla luce dei movimenti di truppe militari ai confini dei tre Paesi e sono in molti a ritenere che il recente colpo di stato contro l'ex presidente della Bolivia, Evo Morales, sia stato causato dagli interessi in gioco nello sfruttamento delle concessioni per l'estrazione di un minerale che sembra abbia tutto per assumere un peso geopolitico analogo a quello del petrolio.

Ma il discorso dell'impatto ambientale andrebbe esteso anche a tanti altri elementi chimici, come il rame, il nickel o il magnesio...

Fonte www.quattroruote.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Nuova gamma FIAT Panda/Pandina

Clicca: Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V La nuova gamma della Fiat Panda introduce importanti novità sul modello rendendolo conforme alle nuove normative sulla sicurezza. La nuova gamma Panda è ordinabile e nei prossimi giorni arriverà nelle concessionarie.  La nuova gamma mantiene un'offerta semplice, con la possibilità di scegliere tra l'allestimento base PANDA, con dotazione essenziale che si può arricchire con il Pack City e una versione top di gamma e full optional chiamata PANDINA, basata sulla precedente Cross, personalizzata con dettagli specifici e dotata di serie di tutti gli optional disponibili per il modello. Oltre alle nuove dotazioni di sicurezza, la dotazione della Panda viene aggiornata con sensori di parcheggio posteriori di serie su tutta la gamma, nuova strumentazione digitale con display da 7" a colori e schermate personalizzabili e il nuovo volante con comandi. Prezzi: - Panda Classic 15.900€ (di serie: sensori di parcheggio posteriori, stru

Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V

La Fiat 500 ibrida arriverà tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026, come ha ufficializzato la Fiat. Si tratta della versione ibrida della 500e prodotta a Torino. Il motore scelto è lo stesso, ma aggiornato, delle Fiat Panda Hybrid e della 500 Hybrid prodotta in Polonia e appena uscita di produzione. Quattroruote ha ricevuto la conferma della presenza del tre cilindri 1.0 FireFly con cambio manuale da Olivier François, Ceo del marchio, e Francesco Morosini, Fiat & Abarth Head of Serial Life. Il motore tre cilindri N3 Firefly sarà prodotto a Termoli, mentre il cambio verrà realizzato a Mirafiori, dove nasce l'automatico eDct6. La nuova 500 ibrida monterà un 1.0 3 cilindri da 70cv e 95 Nm mild hybrid 12V abbinato a un cambio manuale a sei rapporti. La versione ibrida della 500e rimarrà in gamma almeno fino al 2029 e si baserà sulla piattaforma Stla City, nome utilizzato dalla Fiat per identificare la piattaforma della 500 elettrica, strettamente imparentata con quella della

Numerose novità per Fiat Pandina

La nuova gamma Fiat Panda/Pandina è ordinabile, e oltre alle novità già citate ( CLICCA QUI ), va segnalata anche l'introduzione della nuova chiave con telecomando, che oltre alla funzione blocco e sblocco portiere e bagagliaio, ha in più la possibilità di accendere le luci. Questa funzione permette, ad esempio, di individuare facilmente il proprio veicolo in un parcheggio buio. Dal telecomando è possibile accendere le luci di posizione e delle luci anabbaglianti, per una durata massima di 90 secondi. Luci di svolta, questa funzione si attiva con luci abbaglianti accese a una velocità in inferiore a 40km/h. In caso di ampi angoli di rotazione del volante o di accensione degli indicatori di direzione, si accende una spia integrata nel fendinebbia, riferita al lato di svolta che amplia l'angolo di visibilità notturna. Sempre per quanto riguarda l'illuminazione, Pandina è dotata di luci abbaglianti con sistema AHB, cioè un sistema che gestisce automaticamente le luci abbaglian

Fiat festeggerà i suoi 125 anni con la nuova Panda

La nuova Fiat Panda è più grande dell’attuale modello, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico urbano e allo stesso

Come funziona la tecnologia Mild Hybrid a benzina di Fiat Pandina e Fiat 500 ibrida

La Fiat Panda, la Fiat Pandina ( Clicca qui e scopri le numerose novità per FIAT Pandina ) e la nuova Fiat 500 ibrida, in arrivo tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026 (Panda/Pandina sono prodotte a Pomiglianod’Arco - Napoli, mentre 500e e 500 ibrida è e saranno prodotte a Torino Mirafiori), sono e saranno dotate di tecnologia Mild Hybrid. Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elev

Con l'arrivo della nuova Fiat 500 ibrida a Termoli aumenterà la produzione di motori

Stellantis ha deciso di potenziare la produzione di componenti Ics nello stabilimento di Termoli (Campobasso), grazie alla decisione di sviluppare la nuova Fiat 500 ibrida (prodotta a Torino - Mirafiori) per l'avvio commerciale a fine 2025, inizio 2026 e di estendere la vita commerciale della Fiat Panda ibrida (prodotta a Pomigliano D'Arco - Napoli) fino al 2029. Lo precisa un portavoce delle gruppo. Stellantis ribadisce "l'importanza dello stabilimento di Termoli per la produzione di motori endotermici per i veicoli del gruppo, portando avanti la strategia di riduzione della CO2 e garantendo la transizione".

Restyling in arrivo per Fiat 500e. Al debutto con la nuova versione Hybrid

Tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026, arriverà la versione ibrida della 500 elettrica prodotta a Torino. La versione ibrida della 500e rimarrà in gamma almeno fino al 2029 e si baserà sulla piattaforma Stla City, nome utilizzato dalla Fiat per identificare la piattaforma della 500 elettrica, strettamente imparentata con quella della 500 Hybrid prodotta fino a pochi giorni fa in Polonia, e dell'attuale Fiat Panda. Il telaio sarà aggiornato e verranno apportate modifiche tecniche importanti anche agli interni, che dovranno accogliere un nuovo comando per la trasmissione manuale. Ma le 500e e ibrida beneficeranno di tutte le modifiche estetiche e tecnologiche previste inizialmente per la 500e in occasione del facelift, atteso entro la fine del prossimo anno. Quindi il motore sarà il 1.0 tre cilindri da 70cv mild-hybrid 12V, abbinato al cambio manuale a sei rapporti.

Nuova nomina per Luca Napolitano

Luca Napolitano viene nominato Chief Sales & Marketing Officer, mantenendo la sua attuale responsabilità come CEO del brand Lancia. Luca sostituisce Thierry Koskas, che dopo aver gettato con successo le fondamenta della funzione di vendita e marketing globale, dedicherà ora la sua competenza nelle vendite e nel marketing all’espansione del brand Citroën. Luca porta la sua esperienza nel settore automobilistico e la competenza nelle vendite ai clienti flotte e privati, nella gestione dei concessionari e nello sviluppo della rete, qualità maturate durante gli incarichi svolti in diversi paesi in Europa, Medio Oriente e Africa.

LA NUOVA GAMMA FIAT PANDA PARTE DA 15.900€ CON ADAS E STRUMENTAZIONE DIGITALE DI SERIE

La nuova gamma della Fiat Panda introduce importanti novità sul modello rendendolo conforme alle nuove normative sulla sicurezza. La nuova gamma Panda è ordinabile e nei prossimi giorni arriverà nelle concessionarie.  La nuova gamma mantiene un'offerta semplice, con la possibilità di scegliere tra l'allestimento base PANDA, con dotazione essenziale che si può arricchire con il Pack City e una versione top di gamma e full optional chiamata PANDINA, basata sulla precedente Cross, personalizzata con dettagli specifici e dotata di serie di tutti gli optional disponibili per il modello. Oltre alle nuove dotazioni di sicurezza, la dotazione della Panda viene aggiornata con sensori di parcheggio posteriori di serie su tutta la gamma, nuova strumentazione digitale con display da 7" a colori e schermate personalizzabili e il nuovo volante con comandi. Prezzi: - Panda Classic 15.900€ (di serie: sensori di parcheggio posteriori, strumentazione digitale da 7", dispositivi ADAS, n

Fiat Panda e Fiat 500: Icone dell'Industria Automobilistica Italiana, prodotte a Pomigliano d'Arco e Torino

Le Fiat Panda e Fiat 500 sono tra le più celebri e rappresentative vetture prodotte in Italia. Simboli di innovazione, design e praticità, entrambe le auto hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell'automobilismo italiano e internazionale. Questo articolo esplorerà le caratteristiche principali di queste due icone, la loro evoluzione nel tempo e il loro impatto sulla cultura automobilistica. Fiat Panda: La Compatta Versatile Origini e Evoluzione La Fiat Panda ha fatto il suo debutto nel 1980. Progettata da Giorgetto Giugiaro, la Panda era pensata come una vettura economica e funzionale, ideale per le esigenze quotidiane. La semplicità del design, combinata con la robustezza e la versatilità, l'ha resa immediatamente popolare. La Panda ha attraversato diverse generazioni: Prima Generazione (1980-2003): Caratterizzata da linee squadrate e soluzioni pratiche come i sedili completamente reclinabili e la plancia spartana, ha introdotto innovazioni come la versione 4x4, mol