Passa ai contenuti principali

ALFA ROMEO SPRINT, LA COMPATTA SPORTIVA DEGLI ANNI '70 E '80



Disegnata da Giugiaro e prodotta nello stabilimento di Pomigliano d'Arco, in provincia di Napoli, l'Alfa Romeo Sprint si è distinta, tra il 1976 e il 1989, per offrire sensazioni sportive con grip e stabilità eccezionali.

L'Alfa Romeo Sprint nasce come versione dell'Alfa Romeo Alfasud, una delle prime vetture compatte prodotte in Europa. Tuttavia, il suo successo commerciale e lo spirito dinamico lo hanno reso un modello completamente indipendente nella gamma.

La silhouette inclassificabile dell'Alfa Romeo Sprint, con tratti da coupé e berlina compatta a cinque porte, continua a influenzare il design di una moltitudine di automobili.

 


Gli anni '60 e '70 sono stati decenni di cambiamenti per l'Alfa Romeo. Il marchio Biscione lasciò per la prima volta il tradizionale feudo lombardo per avviare la produzione automobilistica nel sud Italia. Su iniziativa del Governo Italiano, nel 1968 aprì i battenti lo stabilimento di Pomigliano d'Arco, nell'area metropolitana di Napoli, che sarebbe poi diventato l'attuale stabilimento Giambattista Vico de Stellantis. Lì comincerebbe a essere prodotta una delle prime vetture compatte in Europa, l'Alfa Romeo Alfasud, che rendeva omaggio al Mezzogiorno italiano. Da questo modello rivoluzionario, nel 1971, sarebbe nata una versione sportiva, denominata Sprint.


L'allora denominata Alfa Romeo Alfasud Sprint era basata sulla berlina, anch'essa disegnata da Giugiaro. In questa vettura, il mago di Garessio si è immerso nel DNA sportivo del marchio per disegnare una silhouette decisa, di grande bellezza estetica, che mescolava stili e silhouette per unire il dinamismo di una coupé con l'equilibrio e lo spazio interno di una berlina. . Tutto questo in dimensioni compatte per le auto sportive dell'epoca, con 4,02 metri di lunghezza e 1,30 metri di altezza. Queste linee nette e spigolose si sarebbero ripresentate su una miriade di modelli successivi, dell'Alfa Romeo e di altri marchi, usciti dallo studio Italdesign. Il frontale segue lo stile Alfa dell'epoca:


La ricetta ebbe successo: nei suoi 13 anni di vita commerciale furono vendute 116.552 unità della Sprint, prodotta a Pomigliano d'Arco e anche in Sud Africa, dove questa sportiva è un'auto di culto tra i collezionisti.


Nei dettagli esterni, l'acciaio cromato dominava i paraurti, gli specchietti retrovisori e la griglia del radiatore. Uno stile che assume un'aria tutta anni Ottanta nella seconda generazione della Sprint, ora indipendente dall'Alfasud, adottando la plastica nera negli elementi decorativi e nelle modanature laterali che corrono lungo il profilo del veicolo. Questo "aggiornamento" permetterebbe all'Alfa Romeo Sprint di resistere saldamente in gamma fino al 1989.


L'abitacolo rispetta i codici tradizionali delle coupé, con una configurazione a quattro posti, due davanti e due dietro, che potevano essere convenzionali o sportivi, un'alternativa che avvolgeva gli occupanti e li immergeva nelle sensazioni della guida. Un'immersione che ha rifinito un cruscotto dall'estetica sportiva, con frecce rotonde e grande profondità. Il volante si distingueva per la sua versatilità: da esso uscivano leve con le quali si potevano azionare funzioni come la ventilazione delle bocchette interne. Quando si parla di abitabilità, l'Alfa Romeo Sprint è stata una delle auto sportive più spaziose del suo tempo. Ha offerto 425 litri di bagagliaio.


Sotto il cofano, l'Alfa Romeo Sprint equipaggiava una meccanica potente, grintosa, ma dai consumi contenuti. Le sue prestazioni non hanno smesso di evolversi dal suo lancio, con un motore Boxer a 4 cilindri disposto a due a due, in una struttura a V di 180º, dal suono inconfondibile. A seconda dei motori, era dotato di carburazione semplice o doppia, incorporando anche l'iniezione diretta negli ultimi anni di commercializzazione. Nel 1972, la sua versione top di gamma sviluppava 76 CV e raggiungeva una velocità massima di 165 km/h. Nel 1989 la potenza era salita a 118 CV e si potevano raggiungere i 196 km/h. Per tenere sotto controllo queste caratteristiche, negli anni '70 offriva due equipaggiamenti molto insoliti: un cambio manuale a 5 marce e freni a disco sulle quattro ruote.

Commenti

Post popolari in questo blog

La produzione della Fiat 500 ibrida in Polonia è terminata. La 500 elettrica e ibrida saranno prodotte a Torino

Il progetto di portare la produzione della Fiat 500 ibrida in Italia, nello stabilimento di Mirafiori, non è stato abbandonato: «Posso confermare che ci stiamo lavorando ed è un tema a cui io personalmente tengo molto — dichiara al Corriere della Sera Olivier François, Ceo di Fiat —. La questione non è chiusa: la produzione della Fiat 500 ibrida in Polonia è terminata e ci stiamo impegnando per poter costruire una nuova 500 ibrida a Torino insieme alla variante 100% elettrica». «C’è un investimento significativo da fare perché la piattaforma della 500 elettrica per poter accogliere un motore a benzina necessita di modifiche importanti. Si può fare, ma ci vuole tempo: l’inizio della produzione a Torino potrebbe non avvenire prima del 2026», continua Francois. «La base su cui è costruita la 500 elettrica ci è costata 600 milioni di euro, ma sfruttarla anche per la variante a benzina mild hybrid ci permetterebbe di continuare ad avere alti volumi per questo modello e vedere crescere la pr

Lancia svela in anteprima la Ypsilon HF e la Ypsilon Rally 4 HF e torna nei Rally

Lancia svela in anteprima la Ypsilon HF e la Ypsilon Rally 4 HF e torna nei Rally Lancia svela in anteprima la Lancia Ypsilon HF, la versione ad alte prestazioni della prima vettura della nuova era del marchio, 100% elettrica e che verrà introdotta sul mercato a maggio 2025. Lancia introdurrà una versione HF per ogni nuovo modello del marchio. Lancia svela in anteprima la Ypsilon Rally 4 HF, annunciando il proprio ritorno nei Rally. Lancia svela in anteprima il logo “LANCIA CORSE HF” che apparirà sulla Ypsilon Rally 4 HF, reinterpretando lo storico logo in chiave contemporanea con una grafica dai caratteri obliqui per esprimere la velocità e mantenendo i colori originali.   “1 vettura, 4 storie. Oggi Lancia racconta 4 storie. La prima è la partnership con Cassina, eccellenza italiana nell’arredamento di alta gamma che contribuisce al posizionamento del marchio nel mercato premium. La seconda è rappresentata da una gamma completa ed elegante, con un’offerta finanziaria che le permette

Nuova Fiat Panda: il debutto è vicino. Da 15.000€

L'11 luglio verrà presentata una nuova City Car FIAT. M odello globale su piattaforma Smart Car,  che appartiene al segmento B e sarà imparenta con la nuova Citroën C3.  Esteticamente sarà un incrocio tra la nuova C3 e il concept Fiat qui sopra,  e che è stato svelato lo scorso febbraio.  Le dimensioni e la tecnica saranno quelle della C3, con la proposta economica sia in versione elettrica che termica. Quest'ultima avrà un 1.2 100cv con cambio manuale, che nel suo allestimento base avrà un prezzo di circa 15.000€.  Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa n

LA FIAT 500 HYBRID SI FA E SARÀ PRODOTTA A TORINO

L'Amministratore Delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ha condiviso con i Sindacati il principio della flessibilità produttiva nei confronti delle incerte tendenze dell'elettrificazione. Ha annunciato ufficialmente la decisione di sviluppare una versione ibrida della Fiat 500, che sarà prodotta nello stabilimento di Mirafiori. Questo annuncio si aggiunge a quello recente relativo a una nuova generazione di batterie per rendere l'iconica Fiat 500e ancora più attraente per i clienti. 

“Diamo valore al Made in Italy” Stellantis rafforza il proprio impegno commerciale sui veicoli prodotti in Italia

Scattano i tanto attesi nuovi incentivi governativi e Stellantis propone vantaggi per i propri clienti con l’iniziativa “Diamo valore al Made in Italy” rivolta ai veicoli dei Brand Alfa Romeo, FIAT, Jeep, prodotti negli impianti italiani e che possono usufruire delle agevolazioni, a conferma del ruolo cruciale del Paese all’interno dell’Azienda. Una doppia azione, quella Governativa e quella di Stellantis, che porterà effettivi positivi non solo per i Clienti Italiani ma anche per le stesse attività produttive negli stabilimenti nazionali. E lo fa partendo dal suo Brand iconico, FIAT, con cui oggi lancia l’offerta “Social leasing by FIAT”. Per i primi mille clienti privati che passeranno alla mobilità elettrica con la FIAT 500e, prodotta nello stabilimento di Mirafiori, a Torino, sarà possibile guidare la vettura per 3 anni senza nessun costo1. L’obiettivo è rafforzare il profondo legame che da sempre unisce il Brand e l’Italia, rendendo accessibile a tutti l’innovazione tecnologica pe

Alfa Romeo Junior, anteprima francese

Dopo essere stata svelata nel cuore storico del marchio a Milano, la nuova Alfa Romeo Junior viene svelata per la prima volta in Francia durante l'edizione 2024 del Rallye des Princesses.   La partenza di questa gara da Place Vendôme offre uno scenario degno di una simile novità: l'Alfa Romeo Junior ha scosso il segmento delle auto compatte (segmento B), il più grande del mercato europeo, nonché uno dei più dinamici e contesi . Alfa Romeo Junior è la nuova compatta che reintroduce la sportività specifica dell'Alfa Romeo nel segmento B. Un ritorno simbolico per gli appassionati di Giulietta e Mito, ma anche un caloroso benvenuto per una nuova generazione di appassionati Alfa Romeo e, come di consueto in questo segmento, un pubblico più femminile e urbano. Con un design tanto sportivo quanto potente , carico dell'eredità secolare e leggendaria dell'Alfa Romeo, Junior presenta un nuovo linguaggio stilistico per i prossimi anni. Fedele al DNA sportivo del marchio, Alfa

Nuovo SUV FIAT

Il modello al debutto nel 2025 è uno spazioso SUV familiare, una sorta di “Giga-Panda”. In linea con il ruolo FIAT di leader della mobilità accessibile, innovativa e sostenibile, il veicolo è un'ulteriore conferma della particolare attenzione che il brand riserva alle esigenze di trasporto delle famiglie. Il concept qui sopra, soddisfa le richieste dei clienti più esigenti in termini di sicurezza, versatilità e design, offrendo spaziosità e robustezza alle famiglie di tutto il mondo. 

Nuova Lancia Ypsilon Hybrid

La versione ibrida è pensata per tutti coloro che ricercano versatilità e rispetto per l’ambiente. La vettura è infatti alimentata da un motore ibrido di ultima generazione, con cilindrata di 1.2 L da 100 CV (74 Kw), tecnologia 48V a 3 cilindri, che abbina il massimo dell’efficienza alla massima affidabilità. Il motore garantisce una velocità massima di 190 km/h, un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 9.3” e al contempo emissioni estremamente contenute, comprese tra i 103 e i 104 g/km in ciclo WLTP. L’intelligente sistema di propulsione commuta autonomamente in puro elettrico, ad esempio durante le manovre a bassa velocità, riducendo i consumi della vettura e migliorando l’esperienza di guida. La versione ibrida è dotata di cambio automatico e-DCT a 6 rapporti e, grazie al supporto delle funzionalità elettroniche quali e-Start, e-Parking, e-Queueing ed e-Creeping, permette di adattare lo stile di guida alle esigenze del conducente.

Lancia Ypsilon HF

La Lancia Ypsilon HF è l’espressione dell’animo più competitivo e prestazionale del marchio. Lancia si ispira ancora una volta al proprio passato, reinterpretandolo per guardare al futuro con grande ambizione. Alimentata con una motorizzazione 100% elettrica da 240 CV, con accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 5,8 secondi, la Lancia Ypsilon HF sarà caratterizzata da un assetto ribassato, una carreggiata allargata e da forme aggressive e muscolose, ispirate alle iconiche vetture più radicali che hanno fatto la storia del marchio, con forme e design al servizio della resa prestazionale. La vettura farà il suo debutto sul mercato a maggio 2025. Dopo Lancia Ypsilon HF, anche la Gamma e la Delta disporranno di una versione HF.   Il logo HF e l’inarrestabile corsa dell’elefantino Sulla Lancia Ypsilon HF tornerà a svettare il logo HF, storica firma dei modelli Lancia ad alte prestazioni introdotta per la prima volta nel 1960 in occasione del Salone dell’Automobile di Ginevra, quando un grupp

Lancia torna nei Rally con HF

Il nuovo logo HF farà il suo esordio sulla Nuova Lancia Ypsilon HF per poi impreziosire anche le versioni ad alte prestazioni dei futuri modelli del brand. A pochi giorni dalla presentazione di Nuova Lancia Ypsilon, la prima vettura della nuova era del marchio, facciamo un altro passo in avanti nel percorso del Rinascimento Lancia, che sottolinea l’anima più brutale e radicale del brand e il suo impegno nel puntare su modelli prestazionali. Luca Napolitano, CEO del marchio Lancia ha dichiarato: «Torneremo nel Rally? Ci stiamo lavorando». La Lancia Ypsilon inaugura una nuova era per il tradizionale marchio italiano. Restate sintonizzati per vedere quali novità annuncerà l'amministratore delegato di Lancia sulla nuova Lancia Ypsilon, ma anche sul marchio stesso. Appuntamento per lunedì maggio 2024 dalle ore 15:00.