Stellantis chiude le attività in Russia



Carlos Tavares, ad di Stellantis, ha rivelato l'intenzione di tornare ai grandi Saloni, come quello di Ginevra, ma solo se l'iniziativa "avrà un senso dal punto di vista economico", con costi di partecipazione non troppo elevati e la garanzia "di un ritorno sull'investimento". 

Sulla Cina, l'ad ha ricordato la strategia "asset-light" svelata durante la presentazione del piano industriale Dare Forward, confermando la volontà di costruire un modello operativo che renda il gruppo immune da qualsiasi rischio o tensione geopolitica. In tal senso, la nuova strategia dovrà non solo ridurre le perdite e portare le attività locali alla redditività, ma anche spingere sulle importazioni da altre regioni. Tavares ha citato gli Stati Uniti per la Jeep e l'Italia per la Maserati.

Infine, sulla Russia il dirigente ha sottolineato come Stellantis si sia adeguata "rapidamente" alle sanzioni comminate dai Paesi occidentali e ha quindi confermato lo stop dell'intero business: "Presto o tardi, le attività che abbiamo in Russia andranno verso la chiusura".

Commenti