All’evento “Data Driven Cities”, il CEO FIAT Olivier Francois racconta la missione sociale di FIAT per rendere la mobilità urbana più sostenibile



Si è tenuto stamane a Milano, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci, l’evento organizzato da Bain & Company Italy e Amerigo dal titolo “Data Driven Cities. Le infrastrutture digitali abilitanti per uno sviluppo urbano sostenibile: un confronto transatlantico”

Speaker d’eccezione Olivier Francois, CEO FIAT e CMO Global di Stellantis, con un intervento sulla mobilità sostenibile nelle smart cities e sul ruolo chiave della Nuova 500, l’icona italiana che sta guidando la transizione all’elettrico del marchio FIAT.  

Da oltre 120 anni FIAT ridisegna la mobilità urbana affinché sia un bene condiviso da tutti.

 


Si è da poco concluso l’evento “Data Driven Cities. Le infrastrutture digitali abilitanti per uno sviluppo urbano sostenibile: un confronto transatlantico”, organizzato da Bain & Company Italy e Amerigo a Milano, presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci, location simbolo dello sviluppo e dei cambiamenti della società moderna.


 


L’incontro è nato con lo scopo di promuovere una maggiore collaborazione tra settore pubblico e privato, con un focus sul ruolo che le grandi città possono svolgere come piattaforme infrastrutturali in grado di abilitare i piani nazionali di ripresa. Al prestigioso appuntamento ha partecipato Olivier Francois, CEO FIAT e CMO Global di Stellantis, che ha illustrato la visione di FIAT su tre concetti fondamentali che stanno guidando il percorso di elettrificazione del marchio verso una mobilità sempre più sostenibile nelle città.


 


«FIAT, in qualità di casa produttrice di apparecchiature originali, svolge il proprio ruolo nello sviluppo di una mobilità sostenibile per le città – ha dichiarato Olivier Francois –. E non è solo una questione di business, ma si tratta di una missione sociale. Come è avvenuto nel secondo dopoguerra con la 500, quando FIAT ha letteralmente creato la mobilità per le persone e le famiglie, segnando un passo importante. Oggi è ancora più importante, dal momento che parliamo di “mondo elettrico” con la Nuova 500 elettrica e la mobilità urbana sostenibile. Essendo già leader nel segmento delle city car in Europa, è naturale per noi – ed è nostro dovere - essere il game changer della mobilità urbana elettrica e sostenibile. E ci stiamo riuscendo: la Nuova 500 è già il secondo veicolo elettrico più venduto in tutto il mercato europeo e leader in Italia, Germania e Francia. Se il prodotto e le sue caratteristiche tecnologiche sono il nostro lavoro, fare in modo che i clienti vivano un’esperienza amichevole e senza stress è il nostro dovere, così come collaborare con i fornitori di energia per garantire una ricarica intelligente e facile e anche per servire la rete energetica con l'impianto V2G più ampio d'Europa, in grado di generare energia equivalente al consumo di circa 10 mila persone in media. Tuttavia, per avere successo e aprire la strada a una mobilità urbana più sostenibile dobbiamo fare gioco di squadra, combinando gli sforzi di molteplici soggetti. I temi chiave e più urgenti da affrontare sono la creazione di un’infrastruttura capillare di ricarica rapida nelle città, di edifici “smart” e di punti di ricarica domestica per i condomini esistenti e la mobilità interconnessa: i principali fornitori di mobilità devono lavorare insieme per offrire un'esperienza di mobilità combinata (ad esempio: treno, veicoli elettrici e ultimo miglio). Naturalmente, tutto questo ha bisogno del sostegno di diversi attori, sia pubblici che privati: solo in questo modo possiamo avere successo insieme per creare un futuro più sostenibile e migliore per i nostri cittadini».


 


Oggi, il DNA di FIAT si riassume nel claim “It’s only green when it’s green for all”, come ribadito da Olivier Francois nel suo intervento focalizzato sulla mobilità sostenibile nelle smart cities. Del resto, il lavoro quotidiano dei produttori di automobili è quello di ripensare alla mobilità urbana, rendendola sempre più sostenibile e accessibile a tutti.

Commenti