Passa ai contenuti principali

Conferenza stampa Sergio Marchionne al Salone di Ginevra 2015


Con l'AD di FCA Sergio Marchionne si parla di Apple e del progetto Titan. "Qualsiasi cosa faccia Apple non la prendo alla leggera, perché è un'azienda con grande credibilità e capacità finanziarie più elevate di qualunque Costruttore". L'ingresso di Apple, come quello di Tesla, che mostra quali aspetti impatteranno sull'auto del futuro, fanno bene. Non sottovaluto però la capacità dell'industria automobilistica a rispondere a uno stimolo simile. I Costruttori hanno la capacità tecnica di reagire all'arrivo di Apple: aiuterà anche noi ad evolvere, quindi sono cose buone".
"I manager del passato sono qualcosa che non esiste più: la logica del dominio sull'altro è superata, e proprio il caso della fusione tra Fiat e Chrysler dimostra come siano cambiati gli accordi tra le Case automobilistiche", ha dichiarato Marchionne rispondendo a una domanda su un'eventuale futura cessione di Fca ad altri.

"Non me ne andrò domani, ma la crescita dei leader futuri di questa Casa è sempre stato uno dei miei obiettivi": così risponde Marchionne alla recente designazione - da parte di Martin Winterkorn di Renschler e Diess per la sua successione. Aggiungendo: "C'è chi è cresciuto e chi no, ma questo succede ovunque.
Si parla poi di ibrido: "L'elettrico non potrà mai essere una soluzione totale. L'ibrido, al contrario, e soprattutto negli Usa, è invece una strada da percorrere: il nostro primo modello, la Chrysler Town & Country plug-in hybrid, si vedrà al Salone di Detroit 2016. Inizialmente, però, questa tecnologia ha bisogno di incentivi per essere vendibile: l'industria si sta appena riprendendo, e caricarla di altri costi legati alla riduzione delle emissioni in questo momento così delicato di ripresa non sarebbe opportuno".
Non manca lo spazio per parlare di Ipo Ferrari ed eventuale spostamento delle sedi legale e fiscale: "La Ferrari continuerà a fare le vetture in Italia, a pagare le tasse qui, e se ci sarà un'azienda sopra Ferrari S.p.A. con sede all'estero è un discorso completamente diverso, che non ha niente a che fare con il fisco, il fabbisogno finanziario dell'azienda. Quello che consideriamo il nostro mercato di riferimento non c'entra niente".

"Il jobs act" dichiara Marchionne "era un atto dovuto: ha fatto molto per modernizzare le relazioni industriali del nostro Paese. A Melfi i nuovi assunti sarebbero entrati con il tempo determinato senza possibilità di andare oltre. Come numero di assunzioni probabilmente andremo oltre i mille addetti. Naturalmente c'è una grande partita su Alfa Romeo: mancano meno di quattro mesi al lancio della nuova Alfa, il 24 giugno. Lo stabilimento si sta preparando per la produzione, che comincerà a cavallo tra la fine di quest'anno e l'inizio del prossimo. E non dimentichiamo la Levante, che partirà a fine anno a Mirafiori: tutte iniziative che porteranno assunzioni".
Formula 1: "Quando sono entrato a ottobre non eravamo in una buona situazione: negli ultimi mesi è stato fatto un lavoro eccezionale, che ci dà un certo ottimismo sulla nuova vettura, ma aspettiamo di andare in pista il 15 marzo prima di dire che siamo all'altezza della Red Bull. Sia Kimi sia Sebastian sono gasati, e stanno guidando qualcosa che a loro piace. Non va sottovalutata nemmeno quest'anno la Mercedes, che è pronta a ripetere i risultati del 2015: proveremo a ostacolarli il più possibile".

Marchionne ha commentato le classifiche di affidabilità recentemente pubblicate negli Usa: "Il primo problema è stato legato alla qualità delle nuove trasmissioni a otto e nove marce: abbiamo fatto una mossa azzardata per proporli il prima possibile. Il secondo è quello legato all'infotainment, ma non riguarda solo noi, e ha coinvolto anche Ford: si tratta di noie particolarmente gravi, perché il cliente le percepisce molto. Stiamo lavorando come matti per cambiare la situazione, ma non c'è niente di strutturale in questi problemi: dateci tempo, ci basterà".

Apprezzamenti in favore di Matteo Renzi: "L'ho conosciuto, si è messo lì con una squadra e sta portando avanti un discorso. La disoccupazione sta scendendo, il Pil cresce, lo spread è sceso sotto quota 100: non ho capito quale altro obiettivo abbiamo. Le prospettive sono decenti: lo lascerei lavorare, poi quando non ci va più bene lo cambiamo alle elezioni. Undici anni fa, quando sono arrivato al vertice della Fiat, il jobs act sarebbe stato impensabile. Un provvedimento che sta attirando investimenti stranieri, cosa che non sarebbe mai successa negli anni scorsi. Apprezzo il percorso e il fatto che non abbia paura del cambiamento, nonostante le tante critiche: ne ho prese parecchie io, e per esperienza personale gli dico di andare avanti. Bisogna avere la certezza morale di fare le cose giuste".

"Tornare ai livelli pre-crisi è impensabile per il mercato europeo. Sul lungo termine è impossibile esprimersi: le previsioni fatte nel 2008 si sono rivelate completamente sbagliate: nessuno aveva previsto la crisi né la sua intensità. Di certo, quello che sta aiutando oggi è la debolezza dell'euro. Gli attuali livelli sono decenti, ma se scendesse ancora un po' sarebbe un sogno". E il mercato europeo "crescerà tra lo 0,5 e l'1%" nel 2015".

Marchionne torna sulla visita di Renzi a Mirafiori: "È rimasto impressionato dall'impegno, e visti i risultati di Melfi ha intuito le possibilità industriali per le altre sedi del Gruppo. E ha bisogno di buone notizie, considerando le tante critiche che riceve".

Commenti

Post popolari in questo blog

La Fiat Pandina verrà presentata il 29 febbraio

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026.

Dopodomani verrà svelata la Fiat Pandina

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026. Il restyling della Panda attuale non prevede stravolgimenti: Pandina conserverà inalterata la sua meccanica ibrida a 48 Volt ma potrà beneficiare di nuovi sistemi di sicurezza (come il dispositivo di mantenimento corsia, la frenata automatica d'emergenza o il riconoscimento dei cartelli stradali) per allinearsi alle nuove direttive Ue previste per l'omologazione. Inoltre verrà introdotto un nuovo volante e la strumentazione digitale.

Fiat Pandina, fatta in Italia

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis presenta la nuova serie speciale Fiat Pandina dallo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d’Arco. Conferenza il 29 febbraio alle ore 12.00.

Novità per la Fiat Pandina

Dal punto di vista del design, presenta una nuova fascia della plancia verniciata di bianco e nuovi sedili con monogramma e logo "Pandina" in rilievo, doppie cuciture gialle, dettagli bianchi e filato Seaqual contenente una materia prima sostenibile e completamente tracciabile ricavata da rifiuti marini. Gli esterni sono arricchiti da dettagli giocosi come il musetto di un panda sul coprimozzo, le calotte degli specchietti retrovisori gialli, la scritta Pandina sulle modanature laterali e la serigrafia "Pandina" sul finestrino posteriore. Oltre ai colori già esistenti - Bianco Gelato, Nero Cinema, Rosso Passione e Blu Italia - Pandina offre il nuovo Giallo Positano e nuovi abbinamenti bicolori (tetto nero a contrasto). La nuova serie speciale Pandina sarà disponibile a partire da quest'estate nei principali Paesi europei.

Nuovo Fiat E-Doblò MY24: tanto spazio per tutti e per tutto

Il nuovo E-Doblò unisce il meglio del comfort e della tecnologia con un tocco di stile per aiutare i clienti ad aggiungere praticità e benessere nella vita di tutti i giorni: una versione “all-in” che rende meno stressante e molto più sicura la guida in città. Versatile, spazioso, flessibile e adatto alle esigenze di tutti, il nuovo E-Doblò è senza compromessi, moderno e conveniente. Il suo upgrade di stile è visibile nel nuovo paraurti anteriore con skidplate inferiore, cerchi in lega da 17" e fendinebbia per viaggiare ovunque in sicurezza e tranquillità. È dotato di due porte scorrevoli con finestre ad apertura elettrica che garantiscono ai clienti praticità e comfort. Lo spazio interno del nuovo E-Doblò offre tanto spazio per tutti e per tutto grazie a diverse configurazioni di sedili e vani portaoggetti che garantiranno ai clienti la massima flessibilità durante la guida e il trasporto. Sono infatti disponibili 3 sedili posteriori singoli abbattibili, con la possibilità di amp

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube, è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il

Nuove dotazioni per Fiat Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

Nuova Lancia Gamma

La nuova Lancia Gamma sarà il secondo modello della nuova era Lancia. Durante la presentazione della nuova Lancia Ypsilon è stata mostrata anche la prima immagine ufficiali delle nuove Lancia Gamma. Sarà un ammiraglia della categoria di Citroen C5X e Peugeot 408, e sarà prodotta a Melfi.  Nel 2026 vedremo questa nuova ammiraglia, lunga 4.6 metri e che permetterà al marchio Lancia di entrare nel segmento più grande in Europa. Sarà disponibile solo con motorizzazione completamente elettrica.

Fiat studiò le versioni Abarth di 500x e Panda

Qualche mese fa Oliver Francois, CEO di Fiat e Abarth, dichiarò che "l'etichetta Abarth fa appello soprattutto alla fantasia sulla 500. La Punto Abarth non ebbe molto successo. Qualche anno fa volevo costruire una 500X Abarth, ma non è successo, anche perché all'epoca non avevamo le risorse per svilupparla. Sarebbe stato meglio. La versione sportiva, puramente estetica, riscuote molto successo. Quella versione è stata come una seconda infanzia per il modello. Si ispirava infatti all'Abarth che non è mai arrivata. Penso che tutte le derivate della 500 siano adatte ad una versione Abarth. Qualche anno fa andavo in giro con il progetto per una Panda Abarth. Sarebbe stata davvero una bella macchina”.

Nuova Fiat Panda 2024

Rendering di Motor1 La nuova Fiat Panda sarà svelata l'11 luglio 2024 a Torino, sarà parente stretta della nuova Citroen C3, ma avrà un design vicino a quello della prima generazione della Panda.  Come la francese avrà la piattaforma Smart Car con dimensioni di circa 4 metri di lunghezza. A livello di motorizzazioni non ci sono conferme, se non quella riguardo all'alimentazione a batterie. Almeno all'inizio. Come detto infatti la Fiat Panda elettrica sarà basata sulla Smart Car, piattaforma multi energia, e quindi con la possibilità di avere anche motori a benzina o ibridi. La nuova Panda potrebbe iniziare la commercializzazione con un singolo motore elettrico da 83 kW (113 CV) alimentato da una batteria da 44 kWh, per un'autonomia stimata di 320 km e ricarica fino a 100 kW. In futuro poi potrebbe arrivare anche una versione con batteria meno potente, autonomia da 200 km e prezzo ridotto.