Pomigliano potrebbe tornare a produrre le Alfa Romeo


Seguici Cliccando QUI

L'estensione della solidarietà all'area di produzione della Fiat Panda nello stabilimento di Pomigliano d'Arco "consentirà in primis di abbassare ulteriormente la percentuale di lavoratori in riduzione orario ma soprattutto creare le condizioni per preparare meglio i lavoratori e lo stabilimento ad accogliere i nuovi modelli Alfa previsti dal piano Fca". Parole di Biagio Trapani (Fim Cisl di Napoli). "Nel 2010 con i nostri accordi abbiamo salvato l'occupazione e il sito di Pomigliano dalla chiusura, riportando in Italia la Panda attraverso l'operazione di back-reshoring al più alto impatto occupazionale e d'investimenti (750 milioni di euro) del nostro Paese". "Ora ci aspettiamo che entro l'anno, dopo i primi dati sulle vendite della nuova Giulia, ci sia una risposta chiara e precisa dall'azienda in termini industriali e occupazionali per dare ulteriori garanzie di prospettive dello stabilimento campano dentro il progetto Alfa Romeo".


Web Magazine Passione Auto Italiane: Seguici cliccando qui
Facebook, Google+, Twitter, Instagram e YouTube @Passione_AUTO_Italiane
Render, Foto, Sponsor, Contatti...: redazionewm@outlook.com

Commenti

Bobby ha detto…
Se non sbaglio hanno deciso un bel po' di sabati di straordinario, per l'ottima richiesta di Panda.
E' stato un fuoco di paglia? O è una mossa preventiva, nel caso in cui la domanda di Panda, dovesse scendere?
L'eventuale arrivo della Giulia, ovviamente dipenderà dalle vendite, speriamo bene.

Post popolari in questo blog

Problemi di salute per Sergio Marchionne, che potrebbero anticipare le dimissioni da AD di FCA

In autunno arriverà la Nuova Alfa Romeo Giulietta MCA

1.0 e 1.3 pronti per GAS ed elettrificazione

Fiat 500X 2019: i nuovi motori