Fiat Cinquecento: la piccola con l'aria condizionata



PAI © Facebook-Google+-Twitter-Instagram-YouTube passioneautoitaliane.it-Passione Fiat Italia -redazionewm@outlook.com

La Fiat Cinquecento è una superutilitaria prodotta dalla casa automobilistica italiana FIAT dal 1991 al 1998.

La vettura venne progettata dal designer architetto Ermanno Cressoni in collaborazione con Antonio Piovano; gli interni vennero invece disegnati da Claudio Mottino e Giuseppe Bertolusso. È stata la prima vettura della casa torinese ad essere prodotta esclusivamente in Polonia, nella fabbrica di Tychy, prima in affiancamento poi in sostituzione della 126.

Le origini della Cinquecento possono essere fatte risalire ai primi anni ottanta, coi progetti finalizzati ai trasporti (PFT) del CNR per lo studio di un veicolo supereconomico, dai quali vennero sviluppati una serie di prototipi (con sigle da X1/72 a X1/79) soprannominati "Nuova Topolino" e "Micro" dalla stampa specializzata. Parallelamente, anche FSM, non ancora completamente nell'orbita FIAT, stava studiando con BOSMAL un progetto di auto piccola e all'avanguardia che culminerà nella concept Beskid 106. Infine, l'acquisizione di FSM da parte del gruppo automobilistico italiano portò all'abbandono di questo prototipo in favore di una vettura che riprendeva alcuni dei concetti della serie X1/7 degli anni precedenti: in questo senso, fino al 1993 le vetture prodotte in terra polacca erano marchiate FSM anziché FIAT.


La Cinquecento era particolarmente avanzata nel profilo tecnico, essendo dotata di carrozzeria squadrata e compatta a 3 porte, motore e trazione anteriore, sospensioni a ruote indipendenti, freni a disco anteriori e optional quali: vetri elettrici, aria condizionata, correttore assetto fari, chiusura centralizzata, antifurto elettronico, tettuccio apribile e sedile posteriore sdoppiato. La Cinquecento è stata inoltre la prima FIAT ad adottare il nuovo logo rettangolare a sfondo blu.

Commenti

Anonimo ha detto…
Una delle utilitarie più belle del panorama automobilistico che nonostante gli anni non sfigura con la più moderna vw up....
Ci vorrebbe una riedizione di quel modello squadrato...
Fd
alfredo pcr ha detto…
no frills - Squadrata, una y10 più piccola e più moderna. Approvo: una 2 porte... no frills servirebbe ancora magari con un occhio agli over, uno a quelli dei minisuv.
Anonimo ha detto…
A me è sempre piaciuta, mi ha sempre ispirato tenerezza,poi è un gioco parcheggiarla e muoversi con lei nei centri urbani... Ma la meccanica era dea panda o progettata apposta per questo modello? Grazie a chi mi risponderà :D
F.c
Anonimo ha detto…
Progettata apposta, con retrotreno indipendente come la sorellona Tipo e al massimo piccoli 'spunti' progettuali da 126 e Panda ��
Anonimo ha detto…
Era progettata appositamente per quel modello e non era nemmeno banale, tanto che aveva sospensioni indipendenti al retrotreno con telai etto ausiliario. Schema identico alla punto prima serie e delle tipo,delta,dedRa etc.Infatti aveva un comfort ed una tenuta di strada di tutto rispetto, considerando la categorie.
Anonimo ha detto…
Vi ringrazio per avermi risposto :D
F.c
Bobby ha detto…
Simpatica.
Per qualche anno l'ha avuta anche mia sorella, come prima auto, dopo aver conseguito la patente.
Versione Sporting, colore giallo.
Peccato che a livello di sicurezza, era da mettersi le mani nei capelli, non tanto per l'inizio della commercializzazione, ma soprattutto per il fatto che, quando hanno generato la Seicento, venduta fino al primo decennio del 2000, il telaio non è stato modificato/rinforzato.

Post popolari in questo blog

Problemi di salute per Sergio Marchionne, che potrebbero anticipare le dimissioni da AD di FCA

1.0 e 1.3 pronti per GAS ed elettrificazione

Fiat 500X 2019: i nuovi motori