Marchionne: Arrivano i crossover Alfa Romeo. Procediamo da soli senza alleanze e fusioni. A settembre la Nuova Fiat Punto


Facebook - Instagram - YouTube - redazionewm@outlook.com © FCA Italy: società italiana del gruppo FCA (Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Abarth, Fiat Professional) - Fiat Ambassador - Sostieni PAI qui - Piano Industriale -5 mesi





"Non sono preoccupato dal rally di FCA in borsa: non credo ci siano movimenti sospetti sul titolo. È una questione di fiducia sul nostro piano industriale: confermiamo ulteriormente tutti gli obiettivi per il 2017 e il 2018. Considerando questo” dice Sergio Marchionne “vedo soltanto un giudizio obiettivo sulle nostre azioni”.

L’orientamento sul fronte di una possibile partnership, in quest’ultimo scorcio della presidenza Marchionne è profondamente cambiato rispetto al passato. “Siamo ancora convinti della necessità di consolidamento e condivisione, ma ora abbiamo capito che non ci sono partner con cui cambiare e allora procediamo da soli. Stiamo sviluppando le regioni e i singoli marchi per procedere da soli. Non ho più bisogno di nessuno”, ha chiuso l’ad.


Considerazioni anche sul futuro produttivo italiano: "Dobbiamo completare la ristrutturazione del sistema delle fabbriche italiane: l'impegno è finire questo ciclo di sviluppo di Alfa e Maserati, che non possiamo lasciare così incompiute: considero Alfa Romeo ancora un lavoro incompiuto perché due modelli, per quanto di successo, non bastano ancora.

A una domanda di Quattroruote in merito, Marchionne ha confermato le anticipazioni che a più riprese sono state date: “La sorella maggiore della Stelvio e la sorella minore della Levante avranno la priorità su tutto il resto. È naturale”, ha osservato l’ad, “la Giulia è una macchina eccezionale, ma non riesce a destare lo stesso interesse della Stelvio. Guardate cosa succede negli Usa, dove un colosso come la BMW fa fatica a vendere le proprie berline tradizionali: questo è un mercato che per due terzi è fatto di Suv e pick-up, e stiamo osservando lo stesso cambiamento repentino anche altrove, come in Europa”. Una scelta logica dunque, ma con una precisazione: “Non chiamatele Suv: quelle le facciamo con il marchio Jeep. Il resto sarà qualcosa di diverso, come lo sono Stelvio e Levante”.

Il numero uno di FCA ha ribadito il suo scetticismo sulla guida autonoma. Citando il filosofo Ludwig Wittgenstein: “Noi non abbiamo fatto annunci in merito, perché io credo in una sua frase: non parlare di una cosa se non la conosci. E l’industria automobilistica sta creando l’illusione che quello della guida autonoma sia un orizzonte vicino: non è così, anzi. Lo stiamo osservando nelle alleanze con Waymo e BMW-Intel-Mobileye, in cui senza dubbio crediamo”.
Esclusa, inoltre, la creazione ex novo di un marchio dedicato alle elettriche: “Non ne vedo il guadagno: se poi affidi le macchine agli stessi concessionari degli altri marchi, non fai la differenza. Bisognerebbe creare una rete di vendita dedicata, perché le vendite dirette hanno dei limiti che Elon Musk sta sperimentando su Tesla, ma si tratta di un investimento enorme, di cui non sono certo che valga la pena”.

Sul suo successore...: “Non ci sono donne in lizza, semplicemente perché non abbiamo figure femminili candidate. Credo che dopo il mio successore i tempi potrebbero essere maturi per una donna alla guida di FCA.

Alfa Romeo in F1 “Quello con la Sauber è un work in progress: stiamo definendo tutti gli aspetti del nostro rapporto. E dobbiamo ancora capire se manterremo il marchio sulle Ferrari. È una questione di soldi: non possiamo restare sulla loro carrozzeria senza pagarli”.

Notizia dell'ultima ora

Un nostro lettore ci informa che la nuova Fiat Punto è sempre più concreta. Salvatevi questa data, "Settembre 2018" qualcosa si sta iniziando a muovere. #NewPunto. Il modello deriva dalla Argo (foto) e potrebbe avere un nome del passato come 127 e Uno. Si posiziona nella gamma razionale di Fiat.
Scoop e indiscrezioni Fiat, Alfa Romeo, Lancia, Abarth e Fiat Professional

Commenti

Anonimo ha detto…
salvo la data di settembre e vedremo....
credo che sarà presentata a Ottobre a sorpresa...
quanta tanta santa pazienza ci vuole per aspettarla...
e motor.es non si è fatto vivo con il rendering??
fd
arriva nei prossimi giorni
Pietro Calabrese ha detto…
Indiscrezioni su dove sarà prodotta?
Anonimo ha detto…
Dove sarà prodotta la nuova Punto?
Joker1372 ha detto…
Priorità assoluta ai suv, quindi x Alfa e maserati bisognerà aspettare 2 anni... X fortuna che marchionne si è accorto (leggermente in ritardo) che con i suv si vende e si fanno soldi..
Anonimo ha detto…
per essere redditizio bisogna investire su crossover e suv...
bisogna fare la new punto come la new c3 della citroen un mini-crossover davvero carina... e se aggiungiamo il 4x4 sarebbe una bomba...
fd
Paolo B ha detto…
Benissimo i crossover Alfa! Anche se si sono svegliati solo adesso l’idea è quella giusta! Ma devono fare in fretta! Purtroppo il piano industriale 2014-18 è stato disatteso quasi del tutto per il Biscione. Spero di cuore che nei prossimi quattro anni non facciamo due soli modelli ma una gamma completa. Quanto a correre da soli probabilmente non siamo appetibili. Tutti vogliono Jeep e Marchionne offre l’intera baracca comprese le grane sul lavoro in Italia. Viste le precedenti vicende tragicomiche di Alitalia ci credo che se ne stiano alla larga. Ma penso che grazie al marchio principe del gruppo si possa competere come si deve anche da soli. Certo ora ci vuole un mago del prodotto esattamente come Marchionne lo è sulle finanze.
Paolo B ha detto…

Quindi alla fine Marchionne il pragmatico sta dettando le strategie future per il gruppo. Dalle sue parole dimentichiamoci grandi cose per il marchio Fiat. Punterà moltissimo su chi rende (Jeep, Ram, Ducato), molto su chi ha identità e discreti margini (Fiat in America latina), molto sui marchi dal grande potenziale ma scarse vendite (Alfa, Maserati), pochissimo su chi non rende (Fiat in Europa) e niente sul resto (Lancia, Dodge, Chrysler). Quindi speriamo arrivi l’Argo aggiustata con due rinforzi ed una riverniciata, la 500 5p. Dimentichiamoci la nuova Panda e tutto il resto. Certo che vedere cosa ha fatto Tavares con la PSA che era cotta e bollita viene una rabbia….
fin che c'è lui decide lui, è normale! io imparerei a guardare di più in FCA. Cioè che Marchionne ha dovuto dare la medicina al gruppo Fiat e Chrysler per poterle salvare. Le medicine sono sempre amare, ma è stata efficace. Per il resto non vedo nulla di male nel dire che vanno evitati sprechi e prodotti in perdita, se no saranno sempre in crisi. Dimentichiamoci la Panda non so il perchè, visto che Marchionne ha annunciato l'arrivo della Panda e 500
Anonimo ha detto…
Semplicemente: Tavares ha venduto un terzo dell'azienda ai cinesi con il cash, Marchionne no.
Per quanto riguarda il prodotto Fiat in Europa, Marchionne non ha detto che si chiude baracca perché non rende, bensì che non verrà sviluppata nessuna tecnologia o prodotto espressamente per il mercato europeo ma saranno prodotti sviluppati con visione globale (per esempio la Argo sarà adattata per il mercato europeo, la tipo è venduta anche come dodge, la Panda per fortuna ha successo anche in Giappone...). La parte emozionale del marchio rende di più perché viene venduta a prezzi più alti, ha molto più appeal della parte razionale e generalmente anche la qualità dei materiali e dei dettagli è maggiore, ecco perché piace di più. Ma attenzione Paolo: Marchionne non ha mai detto che Fiat sarà solo 500, ha detto che costruire Fiat in Italia non è remunerativo e le costruirà altrove, sia "emozionali" che razionali. Gli stabilimenti italiani saranno saturati (lo ha ribadito) da modelli premium (o comunque non soggetti a forti sconti al concessionario, come la maggior parte delle Fiat).
Enrico
Joker1372 ha detto…
Ma la Giulia coupe e la berlina segmento E che sembravano già belle pronte? Che fine avrebbero fatto?
abb the power ha detto…
alla fine per fare un tornaconti,al marchio fiat aspettiamoci auto con marchio 500 per rilanciarlo, l'alfa con le maserati sono in pieno sviluppo ,ferrari è un mondo a parte...con calma e sempre rinnovando gli stessi prodotti si può stare in piedi bene...spero nella mia fantasia, un piccolo deltino hf,in italia dovrebbe ripagare l'investimento, sono mica queste le utilitarie che rendono?vedi a1 mini ds3....ormai ovunque vai, tutti suv vedremo, non asfalteranno più neanche le strade, ahahahh
Anonimo ha detto…
già... che fine hanno fatto e a chi aspettano.... stanno perdendo tempo inutilmente...
fd
Anonimo ha detto…
Beh amico, secondo te perchè tutta questa moda americana dei suv e crossover in Italia???? Molti comprano suv e crossover proprio per questo motivo: le nostre strade in pessime condizioni di asfalto, stra-piene di buche... e i suv/crossover ovviano a questo seri problema....
Le nostre strade sono davvero da 3 mondo peggio del Brasile....
I nostri sindaci non asfalteranno più le strade perchè non ci sono soldi grazie al federalismo fiscale e al patto di stabilità...
Se fossi in Marchionne non darei il disco verde alla hatchback argo europeizzata.... ma darei il disco verde alla crossover argo europeizzata visto che molti comprano suv e crossover per motivi sopracitati...
Infatti non vedo in giro nuove polo, nuove ibiza... vedo tante c3 (che filtrano molto bene l'asfalto) e alcune nuove micra (anch'essa filtra bene l'asfalto)....
fd
Fadi Jiha ha detto…
Alfa Romeo have one mistake : the front grill must change it design because it's ugly it's like a triangle , please change the design of the front grill in all Alfa Romeo cars to sell more cars

Post popolari in questo blog

Prodotta la 2 milionesima Fiat 500

Marchionne: con il nuovo piano è tempo di investire nei prodotti. Già da quest'anno

La piena occupazione in Italia si raggiungerà con i nuovi modelli Alfa e Maserati. Fiat sarà un marchio specializzato in modelli piccoli