Come cambierà la nuova Fiat


Fiat era la migliore e la più grande rispetto a molti altri produttori. Nei migliori anni della Fiat non c'era neanche un segmento in cui il marchio Torinese non fosse attivo. Dalla city car alla grande famigliare. Dal camion all'aereo passando per i treni, i trattori... Attualmente è il contrario. La produzione per la massa è diventata in gran parte non redditizia.

Solo i segmenti più piccoli rimangono rilevanti per Fiat, afferma Marchionne. In altre parole, la 500 e la Panda. SUV e Crossover sono i più redditizi, ma si può fare meglio con i marchi Jeep e Alfa Romeo. Sognare una grande Fiat non è più realistico, secondo Marchionne. La nuova Fiat sarà un marchio generalista in Sud Ameria, mentre in Europa sarà un marchio specializzato in auto di segmento A e B, puntando principalmente sulle famiglia Panda e sopratutto 500. Quest'ultima è quella che da soddisfazioni in termini di incassi e vendite. Non si parla di chiusura, di vendita e la storia è ben diversa rispetto a Lancia. Fiat fuori dall'Italia è forte, ma grazie a Panda e 500. 

Commenti

  1. Beh se avessero fatto un bel suv con marchio Fiat in stile Compass avrebbero fatto dei bei numeri. E continuo a non spiegarmi il motivo x non aver speso 2 euro x fare una versione chiusa del Toro!!! Per venderla in Europa. Se non fai modelli nuovi è chiaro che le vendite ristagno, mi pare che marchionne ragioni con una logica contorta

    RispondiElimina
  2. Purtroppo Fiat non è mai stata COERENTE con la produzione dei modelli ( escluse punto, panda Ypsilon, almeno fino ad ora).
    In effetti è vero che potevano fare uno sforzo in più quando è stato lanciato il Fiat Toro, che tecnicamente non basta solo chiuderlo dietro poichè è progettato in maniera differente rispetto un suv, ma potevano quantomeno utilizzare la scocca della Compass o del Freemont. Purtroppo però l'idea di eliminare molti modelli potrà solo peggiorare la situazione nei prossimi anni fino ad arrivare al punto di LANCIA...

    RispondiElimina
  3. Fiat era un grande costruttore e smerdava Volkswagen. Poi con le cattive gestioni e lo strapotere sindacale i ruoli si sono invertiti ed il gruppo VAG domina e guadagna. Marchionne ha preferito non fare nessuno sforzo e ha lasciato affondare un enorme valore del made in Italy. Non ci venga a dire che i generalisti non funzionano più perché ci prende per il culo!!! La sua gestione ultradecennale ha ridotto i marchi del gruppo a dei malati terminali. Ha distrutto il valore inestimabile di Lancia, fino a 20 anni fa vera regina di tecnologia, non è riuscito a rilanciare Alfa nonostante montagne di soldi spesi male, ha ridotto la gamma Fiat a due macchinine da città ed una berlina low-cost nell’aspetto e mid-cost nel listino. Non ha lanciato una famiglia di SUV a marchio Fiat, gli unici che fanno guadagnare. In America ha calpestato Dodge e Chrysler, uccidendole. Ora parla da salvatore della patria ???? Deve solo andarsi a nascondere. Tutta la baracca sta in piedi solo grazie a Jeep, che rende senza grossi impegni. Il resto sono giochi di finanza senza nessuna base per il futuro. Ora a giugno ci verrà a dire che Fiat avrà Panda e famiglia 500? Non lo accetto e non lo accetterò mai! Cacciatelo subito. Matteo per favore lancia questo slogan:
    MAKE FIAT GREAT AGAIN!!!!

    RispondiElimina
  4. se ai giorni d'oggi vuoi una bella macchina,la devi pagare...come le squadre di calcio,se hai i soldi hai guadagni, hanno risparmiato sul design e qualità, e ha pagato!!!ora è normale che con 500 ha investito e si ricavano dei solida parte la 500l che solo in italia vende...fuori è un pupazzo travestito da cargo...non scherziamo

    RispondiElimina
  5. Fiat, da grande costruttore che smerdava vw, nel corso degli anni ha perso credibilità nel mercato proponendo modelli brutti; con nomi improponibili (come la fiat croma su una station wagon) e non al passo con la tecnologia e non offriva dispositivi di serie per risparmiare sulla produzione...
    Da allora c'è stato il declino... Fino agli anni 90 facevano belle auto e di tendenza grazie alla spinta di Gianni Agnelli e dopo la sua morte sono uscite brutte auto come multipla 1^ serie; punto 2^ serie restyling; stilo; croma; ecc ecc che hanno segnato il declino del marchio...
    E saremo ridotti a 2 famigliole di modelli: 500 e panda... sperando che saranno belli per risollevare le vendite e a far ritornare ad essere un grande costruttore....
    Tutto dipende dallo stile, dal rapporto dotazione/prezzo e marketing...

    RispondiElimina
  6. @paolo
    " Non ha lanciato una famiglia di SUV a marchio Fiat"
    dimentichi il suv 16 della suzuki rebadgizzata fiat... dimentichi la 500x e la sua sorellina jeep renegade che tirano le vendite...
    concordo in tutto, purtroppo Marchionne è uomo di operazioni borsistiche (mago nr 1 della finanza) e non uomo di auto come il designer Dante Giaccosa o Peter Schreyer che ha fatto passi da gigante al gruppo kia/hyundai....

    RispondiElimina
  7. C'è bisogno di dare risalto a questo personaggio anche qui?
    M. è un affarista e punta tutto sulla FCA Bank. A lui delle auto non interessa nulla, parla solo di debito e dividendi, senza entrare nel merito che per un periodo di tempo la sua principale ossessione è stata quella di salvare Chrysler; cosa fatta peraltro.

    Non si dovrebbe dare nessuno spazio ad un personaggio che afferma che Fiat non è in grado di produrre una nuova segmento B. E' l'unico CEO che in ambito automobilistico toglie i modelli e non li rimpiazza. Dobbiamo continuare?

    RispondiElimina
  8. Veramente una vergogna quest',uomo. Ha salvato che? Jeep? E' inaccettabile Lancia chiusa e Fiat ridotta a fare solo
    500 e Panda. Quando qualcuno dice che ha salvato Fiat....è consapevole che l'ha ridotta a un nano? Cacciateloooooo...

    RispondiElimina
  9. Caro C, questo è un blog su Fiat Lancia Alfa Romeo Abarth e Fiat Professional, quindi è inevitabile parlare dell'AD del gruppo che racchiude questi marchi. Le notizie vengono riportate senza essere di parte e in maniera obbiettiva, sia nel caso di notizia negativa che nel caso di notizia positiva. Chi esprime un parere su Marchionne è libero di farlo qualsiasi sia il suo pensiero. Il rispetto del pensiero altrui dovrebbe essere alla base di una disussione seria. Se ti urta quello che scrivi il blog o chi commenta sei libero di andare a leggere altri siti senza contestare la linea editoriale e di commenta.
    Grazie!!!

    RispondiElimina
  10. La "critica" era retorica per esprimere dei concetti precisi. Non era un appunto nei confronti della tua persona o del blog che è molto interessante, se hai letto questo c'è stato un malinteso e mi scuso se si è verificato.

    La critica che ho fatto è molto semplice: tutte le persone meritano rispetto ed io ho il massimo rispetto del sig. Marchionne come persona manageriale, ma un dirigente di società, criticabile o meno, simpatico o meno, cura sempre il prodotto della società di cui è dirigente.

    Nel caso di FCA abbiamo un dirigente che cura tante cose MENO che il prodotto che produce, ovvero le sue auto.

    Allora la mia domanda è una sola: è accettabile questo?

    Un marchio può produrre auto brutte, auto non competitive. Ma NON PRODURRE auto, dicendo che non sono redditizie, è accettabile?
    Fiat HA SEMPRE FATTO AUTO UTILITARIE, credo guadagnandoci; 127 (4versioni), uno (2versioni), Punto (3versioni)...

    Oggi non si produrrà più nulla, NULLA, non un altro veicolo (bello o brutto) e non faccio una critica da bar, è una cosa molto grave quella che sta delineando nell'industria automobilistica italiana. Di fatto una lenta morte sotto agonia. Volerlo dire non è fare polemica, per quanto potrebbe apparire come tale.
    Saluti e comunque hai tutto il mio apprezzamento per questo blog, fatto molto bene e sempre aggiornato. Ciao.

    RispondiElimina
  11. non è impossibile immaginare che una classica Fiat non fa fare soldi in un mercato dove c'è tanta concorrenza e la gente vuole tanto a poco. Marchionne l'ha detto, o condividi i costi con altri o ti specializzi su altro.

    Proprio perchè Marchionne è un uomo di finanza se fosse stato diversamente a quest'ora non direbbe quelle cose di Fiat. Quindi non vedo il marcio nelle dichiarazioni che fa. Il discorso è che lui queste cose le mette in piazza, mentre gli altri non dicono quanti soldi perdono, sopratutto chi punta sull'elettrico. Marchionne è stata chiamato a risanare i conti quindi dare contro a Marchionne dicendo che è un uomo di finanza è come contestare al panettiere il fatto che fa il pane. Marchionne l ha detto che la fase di risanamento finanziario è finito e ora è tempo di fare i prodotti. Ormai c'è solo da aspettare il piano e vedere come lavorerà il nuovo Ad e se questo è possibili è grazie al lavoro fatto da Marchionne. So che direte che sono un lecca culo ma sono dati di fatto

    RispondiElimina
  12. La Punto andrà in pensione a luglio e NON verrà sostituita.

    Come se il panettiere che tu hai citato domani ti dicesse che non produrrà più filoni ma solo panini all'olio perché le pagnotte non sono "remunerative", ma giri l'angolo e gli altri panettieri della via le producono e le vendono...

    Quindi non adesso, non solo oggi, ma proprio la Fiat non avrà più nel suo futuro una segmento B, se si fosse detta questa cosa negli anni 80-90 nessuno lo avrebbe creduto possibile.

    Mi rendo conto che oggi produrre in Italia è antieconomico per tante ragioni e qui tutto sta fallendo, ma è un motivo per non fare più investimenti?
    Alfa Romeo brand di lusso? Forse, ma Alfa e Lancia nacquero e si svilupparono come marchi di innovazione e di ricerca, sia tecnica che di design, con prodotti originali.
    Quanto possiamo dire che sia originale oggi un auto Alfa Romeo rispetto alla concorrenza, non molto, sinceramente. Ed io sono scettico in merito a questo radioso "futuro" del brand Alfa, sinceramente.
    O forse io sono ignorante e non lo capisco, magari qualcuno più bravo di me me lo spiegherà.

    RispondiElimina
  13. Fiat deve fare automobili.
    Via Marchionne.

    Anzi facciamo una petizione per salvare la Fiat (non la,Fca) americana.

    RispondiElimina
  14. Come si può dire che Marchionne è un bravo Manager , se ha chiuso la Lancia....è sta riducendo la marca Fiat al lumicino?

    RispondiElimina
  15. Purtroppo stiamo assistendo ad un genocidio. Di valori, di storia, di umanità. Marchi distrutti, tecnologia in discarica, operai in cassa. Ieri diceva di rilanciare Lancia. Ha proposto i cessi Thema Chrysler e Flavia cabriolet. Poi ha detto che Lancia era solo italiana con Y. Poi ha detto che Lancia muore. Oggi dice che Fiat non ha appeal. E dice che vanno bene solo Panda e 500. Domani dice che Panda non si fa perchè vende solo in italia. Dopodomani dice che 500 costa troppo svilupparla per le vendite che fa... Ieri diceva di rilanciare Alfa. Oggi dice che non soddisfano le vendite. Domani dice che Alfa va chiusa perchè troppo piccola... Prendetevela pure con me. Ma Marchionne ha ucciso l'auto italiana. Punto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Passione Auto Italiane: Facebook e Instagram
redazionewm@outlook.com
fiat500club.blogspot.com
passioneautoitaliane.com
Jeep: leautodimatteo.passioneautoitaliane.com
passioneautoitaliane.it
alfaromeoclub.passioneautoitaliane.com
Instagram: Matteo_Volpe_Passione_Auto_Italiane

ISCRIVITI CLICCANDO SULLE 3 LINEE IN ALTO A SINISTRA
(HOME PAGE)

Post popolari in questo blog