Passa ai contenuti principali

Problemi di salute per Sergio Marchionne, che potrebbero anticipare le dimissioni da AD di FCA


Instagram e Facebook - redazionewm@outlook.com
Fiat 500 Club

L’estrema discrezione che ha circondato il ricovero in una clinica di Sergio Marchionne e il guardare allo stato di salute dell’ad di Fca in maniera diversa a come si farebbe di fronte a “una sosta ai box”, come è stata descritto il ricorso all’intervento chirurgico alla spalla quando è crollato il muro di riserbo, alimentano e suffragano le voci di un’accelerazione del cambio al vertice del gruppo. Dopo lo scoop di ieri di Lettera43 e la sintetica conferma dell'azienda molti si interrogano sullo stato di salute del manager dei due mondi e sulle ripercussioni che potrebbe avere sul destino della casa automobilistica.

Il termine del suo incarico è, da tempo, fissato all’aprile del prossimo anno. Una data che, proprio alla luce dello stato di salute e di un’eventuale decorso di cui nulla è dato sapere, potrebbe essere anticipata di alcuni mesi. Ipotesi, nulla di più, vista la delicatezza della situazione e l’assenza di notizie ufficiali: la stessa conferma del ricovero e dell’intervento chirurgico sono arrivate da Fca solo dopo indiscrezioni riportate da alcuni organi di stampa.


L’ultima uscita in pubblico di Marchionne, apparso affaticato nei movimenti e nella parola, risale allo scorso 26 giugno quando il manager aveva partecipato alla consegna ufficiale di una Jeep Wrangler all’Arma dei carabinieri. Da quel giorno di lui non si erano più avute notizie, fino all’indiscrezione, poi confermata da un portavoce di Fca il quale aveva confermato il ricovero, spiegando che Marchionne era stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico a una spalla ed era in fase di recupero.

Nell’agenda di Marchionne c’è una data, quella del prossimo 25 luglio, quando a Torino è previsto il cda per la valutazione del secondo trimestre 2018. Un giorno importante e atteso (dai mercati e non solo) per la presenza e alle rassicurazioni dello stato di salute del numero uno di Fca.

Intanto c'è un piano industriale da portare avanti, con le nuove Panda, 500, 500 Giardiniera...Ma sopratutto le nuove Alfa Romeo.
E' forse la sfida più affascinante, quella che punta a riportare al posto che si merita un brand storico dell’automobilismo, l’Alfa Romeo. Le basi ci sono, se mai si trattava di ampliare l’offerta. Il piano programmatico va in questa direzione. Infatti dopo aver posto, con la berlina Giulia e il suv Stelvio, le basi per il futuro, sono finalmente in arrivo altri sei nuovi modelli destinati ad garantire al Biscione un’offerta all’altezza della più qualificata concorrenza. Due dei quali saranno dei crossover e altri due delle versioni “lunghe” sia di Giulia sia dello Stelvio. Una risposta al mercato che richiede sempre di più le prime due, mentre le altre sono destinate ad assecondare le esigenze del primo mercato al mondo, quello cinese.
Ma concentriamoci sui due modelli “forti” del programma Alfa Romeo e cioè le due inedite sportive in arrivo nei prossimi anni. A raccogliere, infatti, il testimone della 4C, che dovrebbe uscire di scena a breve, ci saranno due modelli accreditati di sempre maggiori ambizioni. Il primo, infatti, riporterà in auge la denominazione 8C: si tratterà, dunque, di una supercar vera e propria, realizzata sulla base di un scocca in fibra di carbonio, equipaggiata con un V6 biturbo in posizione centrale e di un motore elettrico sull’asse anteriore. Oltre 700 cv la potenza massima garanzia di un’accelerazione da 0 a 100 km/h stimata in meno di tre secondi.

L’ultima volta che si era vista una 8C su strada è stato il triennio dal 2007 al 2010 con la 8C Competizione che era un modello con motore anteriore che utilizzava un V8 derivato dalla Ferrari di 4,7 litri e aveva un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi. Il secondo progetto in casa Alfa Romeo, invece, è quello che porterà al ritorno sotto forma di “remake” o quasi della Gtv: si tratterà di un coupé derivato dalla Giulia accreditato di oltre 600 cv ed equipaggiato di un powertrain “ibridizzato” dell’attuale 2.9 sotto al cofano della Quadrifoglio, ma anche una distribuzione dei pesi 50/50 e uno spazio a bordo per 4 occupanti. Da segnalare poi che la trazione sarà integrale arricchita del torque vectoring.

L’ultima Gtv, come è noto, era uscito di produzione nel lontano 2005. Oltre alle due sportive da considerarsi una scelta di “cuore” la crescita di Alfa Romeo arriverà entrando in due segmenti dove oggi il Biscione non è presente, quello dei suv compatti il primo e dei suv più grandi il secondo. Che cosa arriverà è presto detto. Un crossover più piccolo della Stelvio e uno più grande anche nella configurazione a 7 posti. Non è, invece, previsto un modello che sostituirà la MiTo, mentre è confermate la Giulietta. Nel futuro globale dell’Alfa Romeo è prevista la sostituzione delle versioni diesel con motorizzazioni ibride nelle forme previste e cioè mild hybrid, al full hybrid e plug-in hybrid.

A piano completato saranno sei le ibride plug-in, ma tutti i modelli avranno una forma di elettrificazione. E per la guida autonoma ci saranno varianti con livello 2 o livello 3. L’obiettivo a fine del piano saranno le 400 mila unità vendute.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nuova gamma FIAT Panda/Pandina

Clicca: Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V La nuova gamma della Fiat Panda introduce importanti novità sul modello rendendolo conforme alle nuove normative sulla sicurezza. La nuova gamma Panda è ordinabile e nei prossimi giorni arriverà nelle concessionarie.  La nuova gamma mantiene un'offerta semplice, con la possibilità di scegliere tra l'allestimento base PANDA, con dotazione essenziale che si può arricchire con il Pack City e una versione top di gamma e full optional chiamata PANDINA, basata sulla precedente Cross, personalizzata con dettagli specifici e dotata di serie di tutti gli optional disponibili per il modello. Oltre alle nuove dotazioni di sicurezza, la dotazione della Panda viene aggiornata con sensori di parcheggio posteriori di serie su tutta la gamma, nuova strumentazione digitale con display da 7" a colori e schermate personalizzabili e il nuovo volante con comandi. Prezzi: - Panda Classic 15.900€ (di serie: sensori di parcheggio posteriori, stru

Primo video ufficiale della NUOVA FIAT PANDA

 

Numerose novità per Fiat Pandina

La nuova gamma Fiat Panda/Pandina è ordinabile, e oltre alle novità già citate ( CLICCA QUI ), va segnalata anche l'introduzione della nuova chiave con telecomando, che oltre alla funzione blocco e sblocco portiere e bagagliaio, ha in più la possibilità di accendere le luci. Questa funzione permette, ad esempio, di individuare facilmente il proprio veicolo in un parcheggio buio. Dal telecomando è possibile accendere le luci di posizione e delle luci anabbaglianti, per una durata massima di 90 secondi. Luci di svolta, questa funzione si attiva con luci abbaglianti accese a una velocità in inferiore a 40km/h. In caso di ampi angoli di rotazione del volante o di accensione degli indicatori di direzione, si accende una spia integrata nel fendinebbia, riferita al lato di svolta che amplia l'angolo di visibilità notturna. Sempre per quanto riguarda l'illuminazione, Pandina è dotata di luci abbaglianti con sistema AHB, cioè un sistema che gestisce automaticamente le luci abbaglian

Grande Panda: il nuovo modello globale di FIAT

FIAT svela le prime immagini della nuova Grande Panda, primogenita della nuova famiglia ispirata alla Panda degli anni '80, un’auto compatta che risponde alle esigenze dei clienti di tutto il mondo. Fiat Grande Panda è il primo modello di una nuova gamma globale basata su una piattaforma multi-energy. Con questo nuovo modello inizia il passaggio del marchio FIAT da una produzione locale a una offerta globale sviluppata da una piattaforma comune. La Grande Panda arriverà prima in Europa, Medio Oriente e Africa e sarà disponibile nelle versioni elettrica e ibrida. La Grande Panda si presenta come un veicolo del segmento B sotto i 4 metri di lunghezza, con linee semplici e uno spazio a bordo ben organizzato per cinque passeggeri grazie al volume compatto, perfetto per il confort delle famiglie e della mobilità urbana odierna. FIAT è una delle case automobilistiche in attività più longeve, un brand globale che vanta oltre un secolo di storia e che quest'anno festeggia il suo 125° a

Gli interni della nuova Fiat Grande Panda. Altre Fiat in arrivo nei prossimi anni

NOVITÀ ANCHE PER FIAT PANDA:  CLICCA QUI Non sono ancora state divulgate le foto degli interni della nuova Fiat Grande Panda, ma dal video che trovate sulla pagina Instagram Passione Auto Italiane, si può intravedere qualcosa. La Grande Panda, primo modello della nuova famiglia, sarà seguita dal lancio di un nuovo veicolo, ogni anno, fino al 2027. La nuova serie di modelli è stata progettata per conquistare le strade di tutto il mondo e completare la gamma del brand. Il progetto innovativo del marchio consiste nel realizzare veicoli sulla stessa piattaforma globale multienergy Smart Car Platform, disponibile in ogni regione del mondo, e che consente al brand di creare veicoli diversi rispondendo alle altrettanto diverse esigenze dei propri clienti.

Fiat Grande Panda: disegnata in Italia per il mondo

  Disegnata in Italia presso il Centro Stile di Torino, la Fiat Grande Panda si distingue dalle altre vetture del segmento B per la sua compattezza unica, con una lunghezza di soli 3,99 metri - inferiore alla media del segmento di 4,06 metri - e caratterizzata da linee semplici e da una capienza ben organizzata grazie al suo volume compatto. Il nuovo modello trasporta fino a cinque persone ed è perfetto per la vita delle famiglie e la mobilità urbana di oggi. Il volume appare robusto e strutturato conferendo forza nella sua originalità mentre il design dinamico e incisivo della carrozzeria è generato da linee di profilo molto tese. Il progetto della Grande Panda è stato concepito per consentire al brand di proiettarsi nel futuro attraverso un uso innovativo e intelligente dello spazio, una personalità cool ed elementi che sorprendono.

Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V

La Fiat 500 ibrida arriverà tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026, come ha ufficializzato la Fiat. Si tratta della versione ibrida della 500e prodotta a Torino. Il motore scelto è lo stesso, ma aggiornato, delle Fiat Panda Hybrid e della 500 Hybrid prodotta in Polonia e appena uscita di produzione. Quattroruote ha ricevuto la conferma della presenza del tre cilindri 1.0 FireFly con cambio manuale da Olivier François, Ceo del marchio, e Francesco Morosini, Fiat & Abarth Head of Serial Life. Il motore tre cilindri N3 Firefly sarà prodotto a Termoli, mentre il cambio verrà realizzato a Mirafiori, dove nasce l'automatico eDct6. La nuova 500 ibrida monterà un 1.0 3 cilindri da 70cv e 95 Nm mild hybrid 12V abbinato a un cambio manuale a sei rapporti. La versione ibrida della 500e rimarrà in gamma almeno fino al 2029 e si baserà sulla piattaforma Stla City, nome utilizzato dalla Fiat per identificare la piattaforma della 500 elettrica, strettamente imparentata con quella della

Come funziona la tecnologia Mild Hybrid a benzina di Fiat Pandina e Fiat 500 ibrida

La Fiat Panda, la Fiat Pandina ( Clicca qui e scopri le numerose novità per FIAT Pandina ) e la nuova Fiat 500 ibrida, in arrivo tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026 (Panda/Pandina sono prodotte a Pomiglianod’Arco - Napoli, mentre 500e e 500 ibrida è e saranno prodotte a Torino Mirafiori), sono e saranno dotate di tecnologia Mild Hybrid. Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elev

Entro il 2026 vedremo 3 nuove Fiat, 2 Alfa Romeo e la Lancia Gamma

Stellantis ha ufficializzato alcuni modelli Fiat, Lancia e Alfa Romeo in arrivo entro il 2026. Per Fiat sono previsti 3 modelli tra il 2024 e il 2025 su piattaforma Smart Car. La prima la vedremo l'11 luglio 2024. Su piattaforma STLA Large vedremo due Alfa Romeo, una nel 2025 e l'altra nel 2026. Mentre su piattaforma STLA Medium vedremo nel 2026 la nuova Lancia Gamma, che sarà prodotta a Melfi.

Fiat festeggerà i suoi 125 anni con la nuova Panda

La nuova Fiat Panda è più grande dell’attuale modello, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico urbano e allo stesso