Le normative Europee stanno mettendo in discussione tutte le segmento A e B. Cosa farà Fiat?


Sta per essere riscritto il mercato dell'auto in Europa, dal momento che le case automobilistiche iniziano a mettere in discussione la loro strategia per le piccole auto (segmento A e B) in risposta alla costosa nuova legislazione dell'Unione europea riguardante le emissioni e sicurezza.

"Le nuove norme sulla CO2 richiederanno alle case automobilistiche di montare migliaia di euro di tecnologia per ogni macchina", ha scritto Max Warburton, analista presso la società di ricerca e intermediazione Sanford C. Le auto di grandi dimensioni hanno i prezzi e i margini per coprire questi costi, mentre le auto di piccole dimensioni semplicemente no. Questi segmenti potrebbero presto essere abbandonati da molti produttori.

Le case automobilistiche in tutta Europa stanno tagliando le loro auto più piccole o si stanno preparando a farlo. Opel abbandonerà le sue Karl e Adam, mentre i marchi del gruppo PSA Peugeot e Citroen hanno dichiarato che le loro 108 e C1 difficilmente sopravviveranno. Una fonte di Ford ha confermato che smetterà di importare la Ka + in Europa.
I dirigenti della Volkswagen hanno dichiarato che la casa automobilistica si sta preparando ad abbandonare le versioni con motore a scoppio della Up, il che significherebbe quasi certamente la scomparsa anche di Seat Mii e Skoda Citigo alimentati a carburante.
Daimler, nel frattempo, ha iniziato il processo di trasferimento della produzione e dello sviluppo del suo marchio Smart in Cina , dove le piccole auto saranno costruite a partire dal 2022 nell'ambito di una joint venture con Zhejiang Geely Holding. Questa decisione solleva un punto interrogativo sulla Twingo della Renault, sviluppata insieme all'attuale gamma di modelli Smart.
Warburton ha detto che non saranno solo le segmento B ad essere colpite. Il gruppo VW potrebbe essere costretto ad abbandonare la Polo così come Audi A1, Skoda Fabia e Seat Ibiza. Come ha fatto FCA con Fiat Punto e Alfa Romeo Mito. Ma anche BMW ripenserà il suo marchio Mini.

Queste auto sono a rischio perché le norme più severe dell'UE per la CO2 inizieranno ad avere effetto il prossimo anno. L'industria deve ridurre la media della sua flotta a 95 grammi per chilometro, rispetto a una media di 120,5 g / km. Il problema è che la maggior parte delle attuali piccole non può arrivare al di sotto della media di 95 g / km senza includere qualche forma di elettrificazione. Le normative su emissioni e per la sicurezza saranno sempre più severe, rendendo sempre meno conveniente produrre auto di segmento A e B.

Ridurre le emissioni di CO2 mediante l'elettrificazione parziale, come l'aggiunta di una tecnologia ibrida leggera, full-hybrid o plug-in, è un'opzione, ma questa soluzione non sarà economicamente valida per molte marche. Un'opzione mild-hybrid da 48 volt aggiunge dai 600 euro a 1.000 euro per auto, secondo l'analisi di Bernstein. Un ibrido completo costa quasi 2.000 euro mentre un ibrido plug-in costa fino a 5.000 euro.

Guardando il costo medio delle piccole auto, è chiaro che non sono in una buona posizione per assorbire i costi aggiuntivi. Le statistiche di JATO mostrano che il prezzo medio delle auto immatricolate in Germania, Spagna, Francia e Italia nel primo trimestre del 2018 era di 14.152 euro per minicar e di 17.459 euro per le auto di piccole dimensioni. Le case automobilistiche realizzano solo poche centinaia di euro di profitto lordo per auto. Qualsiasi aumento dei costi non sarà tollerato dal cliente.

In questo momento l'elettrificazione in piccole auto e minicar è rappresentato in una piccola parte del mercato. La sola Toyota ha dimostrato che le case automobilistiche possono far funzionare un sistema full-hybrid in una piccola auto come la Yaris. Toyota è unica nel realizzare economie di scala per il suo propulsore ibrido, in parte a causa della forte domanda per il sistema in Giappone. Quella popolarità dovrebbe anche aiutare Honda quando aggiungerà una versione ibrida della sua nuova Jazz nel 2020, mentre Nissan ha dichiarato che aggiungerà il suo sistema E-power, che è attualmente offerto solo in Asia.

I due marchi più dipendenti dalle piccole auto in Europa sono Fiat e Renault. Quasi tutta la quota di Fiat era in minicar a causa della popolarità della 500 e della Panda, che sono le due auto più vendute nel segmento, lasciando la casa madre Fiat Chrysler Automobiles particolarmente vulnerabile alle multe una volta che le nuove normative sulle emissioni iniziano ad avere effetto.

FCA prevede di spendere 1,8 miliardi di euro nei prossimi tre anni per acquistare crediti regolamentari per ridurre al minimo il numero di multe legate alle emissioni che pagherà in Europa e negli Stati Uniti. Questo piano include il pagamento di Tesla per unirsi a un pool per compensare le elevate emissioni di FCA in Europa e beneficiano anche dei cosiddetti "supercredits" che i veicoli a emissioni ultra-basse portano fino al 2022.

"FCA lavora costantemente per rendere le auto meno inquinanti e più sicure, ma ciò non significa dover rinunciare a segmenti di mercato che, per loro natura, soddisfano esigenze specifiche dei clienti", ha detto un portavoce .

Fiat il prossimo anno lancerà una versione full-electric della 500, su una nuova piattaforma, per prepararsi a quello che alcuni automobilisti ritengono sia l'unica propulsione valida per i settori automobilistici più piccoli. L'amministratore delegato del marchio Citroen, Linda Jackson, ha dichiarato a che il futuro della C1 sarebbe stato probabilmente elettrico. Nel frattempo, Skoda ha recentemente presentato una versione elettrica della Citigo, che sarà venduta sotto la nuova sottomarca di e-mobility della casa automobilistica chiamata iV.

La continua popolarità della Renault Zoe, che l'anno scorso era la seconda auto elettrica più venduta in europa, offre alle case automobilistiche la speranza che un futuro elettrico sia praticabile per le auto di piccole dimensioni. A Ginevra, Peugeot ha svelato un rivale alla Zoe nella forma della e208, mentre Opel e Citroen si stanno attrezzando per lanciare piccole auto elettriche. La strategia di elettrificazione di PSA è quella di limitare le auto completamente elettriche a quelle più piccole, dove la gamma è meno importante e aggiungere la tecnologia ibrida plug-in alle auto più grandi che tradizionalmente coprono più terreno.

Honda lancerà nel 2020 una piccola auto elettrica, la Honda E. Nel frattempo, Dacia, Nissan e Mazda dovrebbero debuttare con piccoli EV nel medio termine.

Il Gruppo VW si è finora concentrato sulle vetture compatte per la sua prima spinta su larga scala nei veicoli elettrici attraverso la sua piattaforma MEB, ma più recentemente la casa automobilistica ha annunciato lo sviluppo di una famiglia di veicoli elettrici leggeri più piccoli a partire da meno di 20.000 euro. Queste auto saranno in vendita intorno al 2023 e saranno guidate dal marchio Seat.

Il problema è ancora quello dei costi. Gli analisti prevedono che la parità di prezzo tra le trasmissioni convenzionali ed elettriche non arriverà prima del 2025.

La proposta di Fiat di contenere il costo delle piccole auto elettriche è stata svelata al salone dell'auto di Ginevra a marzo, sotto forma del concept Centoventi, uno sguardo a ciò che potrebbe sostituire la Panda. Il prezzo sarà mantenuto basso sull'auto offrendo una piccola batteria per percorrere 100 km, ma quella batteria sarà espandibile fino a 500 km di autonomia.

Fiat, quindi, continuerebbe a puntare sulle piccole con nuove soluzioni. Nei prossimi mesi arriveranno anche le Panda e 500 ibride. Ma in generale, vedremo come saranno i segmenti delle piccole.

I PIU' LETTI - ULTIMI 7 GIORNI