Passa ai contenuti principali

Fiat Multipla Hybrid


Fiat Multipla Hybrid Power era frutto di un appassionato lavoro di ricerca e sviluppo guidato da motivazioni ecologiche e quindi assomma le migliori tecnologie disponibili all'epoca per garantire obiettivi ambiziosi in termini di riduzioni delle emissioni allo scarico e di consumo di combustibile.
Merito della scelta operata dai progettisti di Fiat che hanno sfruttato le possibilità offerte dalla doppia trazione (elettrica e termica) in modo originale ed innovativo per quel periodo.

Da un lato, per garantire alla vettura non solo consumi ridotti (6,8 l/100 km contro gli 8,6 fatti registrare nel ciclo combinato dalla stessa vettura equipaggiata con il solo motore termico) ma anche - e soprattutto - emissioni decisamente inferiori: in media del 50% nel funzionamento in modalità ibrida. Dall'altro per assicurare alla vettura una vera flessibilità di impiego.

Multipla Fiat Hybrid Power all'occorrenza poteva viaggiare con la spinta del solo motore elettrico. In città, insomma, si comportava come uno ZEV (Zero Emission Vehicle), ha una velocità massima di 80 km/h e un'autonomia superiore agli 80 km. Mentre sulle strade extraurbane e in autostrada, dove la propulsione è assicurata dal lavoro congiunto del propulsore termico e di quello elettrico, offriva le stesse prestazioni (ma con emissioni assai minori) di qualunque vettura tradizionale: velocità massima di oltre 155 km/h, 400 km di autonomia.

Tutto ciò in una vettura che non è molto diversa dalle versioni di Fiat Multipla che erano in commercio e quindi conservava la stessa capacità del bagagliaio, offriva comunque cinque comodi posti e manteneva inalterate le doti di sicurezza e comfort.

Dal punto di vista tecnico, questi risultati sono stati ottenuti mettendo a punto un sofisticato sistema elettronico che gestiva (e sfruttava al meglio, secondo le necessità) i due propulsori: il 1.6 16v Torque a benzina, caratterizzato da una potenza di 76 kW (103 CV) e da una coppia di 14,7 kgm (144 Nm); e il motore elettrico (asincrono trifase) a corrente alternata con una potenza massima di 30 kW (15 kW quella continuativa) e una coppia massima di 130 Nm (13,02 kgm).

Completavano l'equipaggiamento della vettura:
. l'inverter, convertitore che trasformava la corrente continua delle batterie in corrente alternata trifase
. le batterie stesse, 15 elementi al Nichel-Idruri metallici che complessivamente fornivano un'energia di 19 kWh
. il DC-DC converter che trasformava la corrente continua delle batterie di trazione da 220 V a 12 V
. il caricabatterie di bordo per ricaricare gli accumulatori
. il cambio robotizzato della famiglia Selespeed, che gestiva la selezione e l'innesto delle marce in modo totalmente automatico, con grandi vantaggi nel campo della riduzione dei consumi e del miglioramento del comfort.

Facile, a questo punto, intuire la complessità tecnica legata ad un impiego efficiente dell'intero sistema, sia dal punto di vista meccanico ed elettrico sia da quello del software di gestione.

Per chi siedeva al volante, tuttavia, Multipla Hybrid Power si rivelava una vettura semplice da usare. Alla "multimodalità", infatti, il guidatore poteva accedere in qualunque momento semplicemente ruotando una manopola sistemata sul mobiletto tra i sedili anteriori. Le possibilità di scelta sono tre, ad ognuna delle quali corrispondeva un diverso modo di funzionamento della vettura: elettrico, ibrido oppure elettrico con ricarica.

Elettrica è la modalità nella quale il motore a benzina era spento e scollegato dal cambio. La trazione, perciò, era assicurata dal solo motore elettrico. Era ideale nel traffico urbano, consentiva di arrivare alle porte della città sfruttando anche il propulsore termico e quindi di passare a quello elettrico: un po' come se si cambiasse vettura, ma si restava al volante della propria Multipla.

Ibrida è la modalità nella quale i due motori agivano in parallelo sulle ruote. Il propulsore elettrico, in particolare, interveniva durante la fase di avvio (dove lavorava da solo, sfruttando la sua grande coppia) e nelle fasi di ripresa e accelerazione, quando "aggiunge" la sua coppia a quella del motore termico. In decelerazione e in frenata, invece, recuperava energia cinetica per ricaricare le batterie. Grazie a questa logica di funzionamento, quando la vettura marciava in ibrido le emissioni si riducevano di pari passo con il diminuire della velocità. Risultavano, insomma, più basse proprio là dove si hanno i maggiori benefici ambientali, cioè nel traffico cittadino.

Elettrica con ricarica è la modalità nella quale Multipla Hybrid Power era mossa dal motore elettrico, mentre il propulsore termico, anch'esso in funzione, girava ad un regime stazionario per azionare l'alternatore ricaricando così le batterie. Risultava utile quando occorreva aumentare l'autonomia del veicolo e non si aveva l'opportunità, nell'immediato, di allacciarsi alla rete elettrica.

Fiat Multipla Hybrid Power, dunque, era rispettosa dell'ambiente in tutte le condizioni di esercizio e addirittura a "zero emissioni".

Era un'auto molto sofisticata dal punto di vista tecnico, ed è stata prodotta in dieci esemplari destinati al Comune di Napoli che, nell'ambito del Progetto Atena (Ambiente Traffico Telematica Napoli), ha avuto l'opportunità - con il supporto di Fiat - di sperimentare sul campo il veicolo e valutarne la funzionalità e l'impatto ambientale in relazione alle diverse modalità di utilizzo.

Post popolari in questo blog

Gli interni della nuova Fiat Grande Panda. Altre Fiat in arrivo nei prossimi anni

NOVITÀ ANCHE PER FIAT PANDA:  CLICCA QUI Non sono ancora state divulgate le foto degli interni della nuova Fiat Grande Panda, ma dal video che trovate sulla pagina Instagram Passione Auto Italiane, si può intravedere qualcosa. La Grande Panda, primo modello della nuova famiglia, sarà seguita dal lancio di un nuovo veicolo, ogni anno, fino al 2027. La nuova serie di modelli è stata progettata per conquistare le strade di tutto il mondo e completare la gamma del brand. Il progetto innovativo del marchio consiste nel realizzare veicoli sulla stessa piattaforma globale multienergy Smart Car Platform, disponibile in ogni regione del mondo, e che consente al brand di creare veicoli diversi rispondendo alle altrettanto diverse esigenze dei propri clienti.

Dichiarazioni di Olivier Francois su Fiat Grande Panda

Olivier Francois, CEO di FIAT e CMO globale di Stellantis, ha dichiarato: “Il modo migliore per festeggiare i 125 anni di FIAT è iniziare a scrivere le prime pagine del nostro futuro, a partire dalla nuova Grande Panda. Disegnata a Torino dal nostro Centro Stile, la nuova vettura di FIAT incarna i valori della Panda originale. Con lo scopo di consolidare la presenza mondiale del marchio, questa vettura compatta è basata su una piattaforma globale. Grazie alla Grande Panda, FIAT avvia la sua transizione verso piattaforme comuni globali che raggiungono tutte le regioni del mondo, trasferendo i vantaggi che ne derivano alla propria clientela internazionale. Infatti, la Grande Panda è ideale per le famiglie e per la mobilità urbana in ogni Paese... è una vera FIAT!”

Torna in Italia la Fiat Tipo 4 porte diesel da 17.950€

Grazie alla ancora forte richiesta del diesel in Italia, Fiat ha deciso di reintrodurre nel nostro Paese la Fiat Tipo 4 porte con motore diesel 1.6 130cv con cambio manuale a 6 marcie. La Tipo 4 porte diesel parte da 12.950€ con il massimo degli incentivi statali. La Tipo è stata aggiornata ed ora dotata di tutti i nuovi sistemi ADAS per la sicurezza, obbligatori da luglio.  La gamma parte dell'allestimento Tipo con un listino di 17.950€, che comprende climatizzatore, radio DAB da 5" e ADAS. Mentre la City ha un prezzo di listino di 19.800€ e comprende fari LED, radio con schermo da 7" con Android Auto e CarPlay, clima automatico e molto altro.

La nuova Fiat Grande Panda è lunga 3,99m e affianca la Pandina

Fiat Grande Panda si distingue dalle altre vetture del segmento B per la sua compattezza unica, con una lunghezza di soli 3,99 metri - inferiore alla media del segmento di 4,06 metri - e caratterizzata da linee semplici e da una capienza ben organizzata grazie al suo volume compatto. Il nuovo modello trasporta fino a cinque persone ed è perfetto per la vita delle famiglie e la mobilità urbana di oggi. Il volume appare robusto e strutturato conferendo forza nella sua originalità mentre il design dinamico e incisivo della carrozzeria è generato da linee di profilo molto tese. Il progetto della Grande Panda è stato concepito per consentire al brand di proiettarsi nel futuro attraverso un uso innovativo e intelligente dello spazio, una personalità cool ed elementi che sorprendono. La Grande Panda non sostituisce ma affianca l'attuale Panda che rimane in produzione a Pomigliano D'Arco con molte novità:  CLICCA QUI Gli esterni della nuova Fiat Grande Panda presentano una speciale com

Numerose novità per Fiat Pandina

La nuova gamma Fiat Panda/Pandina è ordinabile, e oltre alle novità già citate ( CLICCA QUI ), va segnalata anche l'introduzione della nuova chiave con telecomando, che oltre alla funzione blocco e sblocco portiere e bagagliaio, ha in più la possibilità di accendere le luci. Questa funzione permette, ad esempio, di individuare facilmente il proprio veicolo in un parcheggio buio. Dal telecomando è possibile accendere le luci di posizione e delle luci anabbaglianti, per una durata massima di 90 secondi. Luci di svolta, questa funzione si attiva con luci abbaglianti accese a una velocità in inferiore a 40km/h. In caso di ampi angoli di rotazione del volante o di accensione degli indicatori di direzione, si accende una spia integrata nel fendinebbia, riferita al lato di svolta che amplia l'angolo di visibilità notturna. Sempre per quanto riguarda l'illuminazione, Pandina è dotata di luci abbaglianti con sistema AHB, cioè un sistema che gestisce automaticamente le luci abbaglian

Come funziona la tecnologia Mild Hybrid a benzina di Fiat Pandina e Fiat 500 ibrida

La Fiat Panda, la Fiat Pandina ( Clicca qui e scopri le numerose novità per FIAT Pandina ) e la nuova Fiat 500 ibrida, in arrivo tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026 (Panda/Pandina sono prodotte a Pomiglianod’Arco - Napoli, mentre 500e e 500 ibrida è e saranno prodotte a Torino Mirafiori), sono e saranno dotate di tecnologia Mild Hybrid. Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elev

Primo video ufficiale della NUOVA FIAT PANDA

 

Fiat ritorna nel segmento della Punto

L'uscita di scena della Fiat Punto nel 2018 ha lasciato un vuoto nella gamma Fiat. Tra la Panda e la Tipo manca un modello compatto ed economico. Ma questo vuoto sta per essere coperto dalla nuova Grande Panda. FIAT ha svelato le prime immagini della nuova Grande Panda, primogenita della nuova famiglia ispirata alla Panda degli anni '80, un’auto compatta che risponde alle esigenze dei clienti di tutto il mondo. Fiat Grande Panda è il primo modello di una nuova gamma globale basata su una piattaforma multi-energy. Con questo nuovo modello inizia il passaggio del marchio FIAT da una produzione locale a una offerta globale sviluppata da una piattaforma comune. La Grande Panda arriverà prima in Europa, Medio Oriente e Africa e sarà disponibile nelle versioni elettrica e ibrida. La Grande Panda si presenta come un veicolo del segmento B sotto i 4 metri di lunghezza, con linee semplici e uno spazio a bordo ben organizzato per cinque passeggeri grazie al volume compatto, perfetto per

Nuova gamma FIAT Panda/Pandina

Clicca: Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V La nuova gamma della Fiat Panda introduce importanti novità sul modello rendendolo conforme alle nuove normative sulla sicurezza. La nuova gamma Panda è ordinabile e nei prossimi giorni arriverà nelle concessionarie.  La nuova gamma mantiene un'offerta semplice, con la possibilità di scegliere tra l'allestimento base PANDA, con dotazione essenziale che si può arricchire con il Pack City e una versione top di gamma e full optional chiamata PANDINA, basata sulla precedente Cross, personalizzata con dettagli specifici e dotata di serie di tutti gli optional disponibili per il modello. Oltre alle nuove dotazioni di sicurezza, la dotazione della Panda viene aggiornata con sensori di parcheggio posteriori di serie su tutta la gamma, nuova strumentazione digitale con display da 7" a colori e schermate personalizzabili e il nuovo volante con comandi. Prezzi: - Panda Classic 15.900€ (di serie: sensori di parcheggio posteriori, stru

Fiat Grande Panda: disegnata in Italia per il mondo

  Disegnata in Italia presso il Centro Stile di Torino, la Fiat Grande Panda si distingue dalle altre vetture del segmento B per la sua compattezza unica, con una lunghezza di soli 3,99 metri - inferiore alla media del segmento di 4,06 metri - e caratterizzata da linee semplici e da una capienza ben organizzata grazie al suo volume compatto. Il nuovo modello trasporta fino a cinque persone ed è perfetto per la vita delle famiglie e la mobilità urbana di oggi. Il volume appare robusto e strutturato conferendo forza nella sua originalità mentre il design dinamico e incisivo della carrozzeria è generato da linee di profilo molto tese. Il progetto della Grande Panda è stato concepito per consentire al brand di proiettarsi nel futuro attraverso un uso innovativo e intelligente dello spazio, una personalità cool ed elementi che sorprendono.