Passa ai contenuti principali

Storia del logo Fiat


Il primo logo della Fiat è completamente differente rispetto al semi-quadrato rosso che conosciamo oggi. Sul cofano dei modelli di lusso veniva installata una pergamena in ottone che recava la scritta ‘Fabbrica Italiana Automobili Torino’. I modelli erano pochi e a cura riservatagli era di altissimo pregio e livello. Per questo motivo i loghi non erano prodotti in fabbrica, ma venivano creati da fabbri artigiani e il lettering era inciso a mano. Il logo inoltre recava una N dove veniva indicato il numero di produzione seriale.
L’immagine del logo associata al veicolo, considerando i tempi in cui venivano creati, erano un simbolo molto importante per la casa produttrice quindi risentivano degli spiriti e delle influenze artistiche dei tempi.

La moda e le tendenze, specialmente negli anni frenetica a cavallo tra i due secoli, cambiano in fretta e per questo motivo il logo della Fiat cambiò totalmente volto appena due anni dopo, quando nel 1904 venne ridisegnato seguendo i dettami dello stile Liberty. Il logo era inserito su una base quasi completamente rettangolare, fatta eccezione per il lato alto a forma di arco. Sulla base di un blu scuro, erano incisi in color oro la dicitura Fiat al centro e molti rami di ulivo tutto attorno ad arricchire di dettagli il disegno. I rami di ulivo e la combinazione di colori forse erano un riferimento alla Bibbia, precisamente alla citazione ‘Fiat Lux’.

Nel 1904 viene presentata una nuova forma del logo, stavolta incastrato in un ovale dove il colore di fondo è lo stesso blu di Prussia che caratterizzava il precedente, mentre le effige su di esso sono molto più semplice dalle forme più lineari, mentre al centro capeggia la scritta Fiat.

Il logo ovale ebbe un notevole successo al punto che rimase in vigore per quasi vent’anni, quando nel 1921 venne presentata la nuova Balilla, stavolta con un logo circolare e il nome incastrato al centro. Negli anni ne sono state presentate differenti versioni, cambiando il colore di fondo oppure la cornice esterna, senza però troppe trasformazioni.

Nel frattempo in quegli anni l’Italia risentiva delle forti pressioni sull’economia e sull’arte che venivano esercitate dal regime fascista.

Le nuove esigenze di una modernità sempre più spinta e lineare, caratterizzata anche da una certa semplicità, fece in modo che la Fiat cambiò nuovamente logo incastrando la propria sigla in un un semplice rettangolo.I l fondo è spoglio, è rosso (la tonalità che lo interesserà per vari decenni a seguire) mentre il bordo esterno e la dicitura Fiat sono bianchi, mentre le lettere sono allunate verso il basso. E questa sarà la linea che la Fiat assumerà per moltissimo tempo a seguire, con soli piccoli cambiamenti nella forma dal 1931 a 1938, dove una mutazione leggermente più marcata cambiò il fondo rendendolo spigolose ed allungando sempre di più il lettering.

Da segnalare un’altra piccola trasformazione nel 1959 dove fu ridisegnato leggerete più ‘grasso’. accorciando le proporzioni tra le forme e creando cornici di colori differenti, tendenti verso la tonalità dell’ottone.

Negli anni ’60 si ebbero due cambiamenti importanti. Il primo nel ’65 che vide il ritorno della forma circolare, in memoria dei loghi caratterizzanti gli anni ’20, ma con il lettering un po’ diverso, utilizzato però solo per contrassegnare i veicoli da corsa. Il secondo cambiamento importante si ebbe nel 1968 che stravolse completamene il marchio, rinchiudendo ogni lettera in un rettangolo blu, il tutto con un aspetto dinamico tendente verso destra. E questa dicitura Fiat, stavolta prodotta in serie, caratterizzerà le automobili fino al centenario della Fiat nel 1999 che vede il ritorno del marchio circolare su ogni veicolo. Il nuovo logo circolare Fiat, stavolta più semplice nelle decorazioni, manterrà il fondo blu (prima blu di Prussia, poi la stessa tonalità del precedente) fino a diventare il rettangolo rosso incastonato nel cerchio bianco odierno.

Ma con l'arrivo della Nuova Fiat 500 Elettrica, il logo cambia ancora. Limitandosi alla sola scritta Fiat in argento.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nuova gamma FIAT Panda/Pandina

Clicca: Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V La nuova gamma della Fiat Panda introduce importanti novità sul modello rendendolo conforme alle nuove normative sulla sicurezza. La nuova gamma Panda è ordinabile e nei prossimi giorni arriverà nelle concessionarie.  La nuova gamma mantiene un'offerta semplice, con la possibilità di scegliere tra l'allestimento base PANDA, con dotazione essenziale che si può arricchire con il Pack City e una versione top di gamma e full optional chiamata PANDINA, basata sulla precedente Cross, personalizzata con dettagli specifici e dotata di serie di tutti gli optional disponibili per il modello. Oltre alle nuove dotazioni di sicurezza, la dotazione della Panda viene aggiornata con sensori di parcheggio posteriori di serie su tutta la gamma, nuova strumentazione digitale con display da 7" a colori e schermate personalizzabili e il nuovo volante con comandi. Prezzi: - Panda Classic 15.900€ (di serie: sensori di parcheggio posteriori, stru

Numerose novità per Fiat Pandina

La nuova gamma Fiat Panda/Pandina è ordinabile, e oltre alle novità già citate ( CLICCA QUI ), va segnalata anche l'introduzione della nuova chiave con telecomando, che oltre alla funzione blocco e sblocco portiere e bagagliaio, ha in più la possibilità di accendere le luci. Questa funzione permette, ad esempio, di individuare facilmente il proprio veicolo in un parcheggio buio. Dal telecomando è possibile accendere le luci di posizione e delle luci anabbaglianti, per una durata massima di 90 secondi. Luci di svolta, questa funzione si attiva con luci abbaglianti accese a una velocità in inferiore a 40km/h. In caso di ampi angoli di rotazione del volante o di accensione degli indicatori di direzione, si accende una spia integrata nel fendinebbia, riferita al lato di svolta che amplia l'angolo di visibilità notturna. Sempre per quanto riguarda l'illuminazione, Pandina è dotata di luci abbaglianti con sistema AHB, cioè un sistema che gestisce automaticamente le luci abbaglian

Primo video ufficiale della NUOVA FIAT PANDA

 

Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V

La Fiat 500 ibrida arriverà tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026, come ha ufficializzato la Fiat. Si tratta della versione ibrida della 500e prodotta a Torino. Il motore scelto è lo stesso, ma aggiornato, delle Fiat Panda Hybrid e della 500 Hybrid prodotta in Polonia e appena uscita di produzione. Quattroruote ha ricevuto la conferma della presenza del tre cilindri 1.0 FireFly con cambio manuale da Olivier François, Ceo del marchio, e Francesco Morosini, Fiat & Abarth Head of Serial Life. Il motore tre cilindri N3 Firefly sarà prodotto a Termoli, mentre il cambio verrà realizzato a Mirafiori, dove nasce l'automatico eDct6. La nuova 500 ibrida monterà un 1.0 3 cilindri da 70cv e 95 Nm mild hybrid 12V abbinato a un cambio manuale a sei rapporti. La versione ibrida della 500e rimarrà in gamma almeno fino al 2029 e si baserà sulla piattaforma Stla City, nome utilizzato dalla Fiat per identificare la piattaforma della 500 elettrica, strettamente imparentata con quella della

Come funziona la tecnologia Mild Hybrid a benzina di Fiat Pandina e Fiat 500 ibrida

La Fiat Panda, la Fiat Pandina ( Clicca qui e scopri le numerose novità per FIAT Pandina ) e la nuova Fiat 500 ibrida, in arrivo tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026 (Panda/Pandina sono prodotte a Pomiglianod’Arco - Napoli, mentre 500e e 500 ibrida è e saranno prodotte a Torino Mirafiori), sono e saranno dotate di tecnologia Mild Hybrid. Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elev

Fiat festeggerà i suoi 125 anni con la nuova Panda

La nuova Fiat Panda è più grande dell’attuale modello, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico urbano e allo stesso

Entro il 2026 vedremo 3 nuove Fiat, 2 Alfa Romeo e la Lancia Gamma

Stellantis ha ufficializzato alcuni modelli Fiat, Lancia e Alfa Romeo in arrivo entro il 2026. Per Fiat sono previsti 3 modelli tra il 2024 e il 2025 su piattaforma Smart Car. La prima la vedremo l'11 luglio 2024. Su piattaforma STLA Large vedremo due Alfa Romeo, una nel 2025 e l'altra nel 2026. Mentre su piattaforma STLA Medium vedremo nel 2026 la nuova Lancia Gamma, che sarà prodotta a Melfi.

Nuova nomina per Luca Napolitano

Luca Napolitano viene nominato Chief Sales & Marketing Officer, mantenendo la sua attuale responsabilità come CEO del brand Lancia. Luca sostituisce Thierry Koskas, che dopo aver gettato con successo le fondamenta della funzione di vendita e marketing globale, dedicherà ora la sua competenza nelle vendite e nel marketing all’espansione del brand Citroën. Luca porta la sua esperienza nel settore automobilistico e la competenza nelle vendite ai clienti flotte e privati, nella gestione dei concessionari e nello sviluppo della rete, qualità maturate durante gli incarichi svolti in diversi paesi in Europa, Medio Oriente e Africa.

Con l'arrivo della nuova Fiat 500 ibrida a Termoli aumenterà la produzione di motori

Stellantis ha deciso di potenziare la produzione di componenti Ics nello stabilimento di Termoli (Campobasso), grazie alla decisione di sviluppare la nuova Fiat 500 ibrida (prodotta a Torino - Mirafiori) per l'avvio commerciale a fine 2025, inizio 2026 e di estendere la vita commerciale della Fiat Panda ibrida (prodotta a Pomigliano D'Arco - Napoli) fino al 2029. Lo precisa un portavoce delle gruppo. Stellantis ribadisce "l'importanza dello stabilimento di Termoli per la produzione di motori endotermici per i veicoli del gruppo, portando avanti la strategia di riduzione della CO2 e garantendo la transizione".

Fiat Panda e Fiat 500: Icone dell'Industria Automobilistica Italiana, prodotte a Pomigliano d'Arco e Torino

Le Fiat Panda e Fiat 500 sono tra le più celebri e rappresentative vetture prodotte in Italia. Simboli di innovazione, design e praticità, entrambe le auto hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell'automobilismo italiano e internazionale. Questo articolo esplorerà le caratteristiche principali di queste due icone, la loro evoluzione nel tempo e il loro impatto sulla cultura automobilistica. Fiat Panda: La Compatta Versatile Origini e Evoluzione La Fiat Panda ha fatto il suo debutto nel 1980. Progettata da Giorgetto Giugiaro, la Panda era pensata come una vettura economica e funzionale, ideale per le esigenze quotidiane. La semplicità del design, combinata con la robustezza e la versatilità, l'ha resa immediatamente popolare. La Panda ha attraversato diverse generazioni: Prima Generazione (1980-2003): Caratterizzata da linee squadrate e soluzioni pratiche come i sedili completamente reclinabili e la plancia spartana, ha introdotto innovazioni come la versione 4x4, mol