FCA What’s Behind, seconda stagione – episodio 3: Supply Chain Management



La terza puntata esplora il “dietro le quinte” della logistica: racconta come è fatto e come funziona il meccanismo della Supply Chain FCA.

La funzione Supply Chain Management di una Azienda automobilistica è l’anello di congiunzione fra l’attività industriale e l’azione commerciale: in FCA ha un perimetro globale e un approccio sostenibile.

L’efficienza di questa funzione genera vantaggi per il cliente, per il sistema di produzione e per l’ambiente.

 


Le prime due puntate della seconda stagione di FCA What’s Behind hanno offerto una panoramica ampia della filosofia che anima FCA: una costante tensione al progresso, espressa tramite la ricerca sui sistemi di propulsione sempre più sostenibili e adatti alle nuove forme di mobilità, che convive con l’attenzione a una storia preziosa e ispiratrice. L’automobile non è un semplice strumento, ma racchiude in sé idee, sogni, prospettive che devono essere quanto più possibile democratiche e accessibili. Servono i progetti e l’attività industriale, ma sono fondamentali anche i processi che consentono di raggiungere i clienti: la terza puntata puntata si sofferma dunque sulla fondamentale funzione della Supply Chain Management.


 


Il link tra l’attività industriale e l’azione commerciale


La funzione Supply Chain Management di una Azienda automobilistica è l’anello di congiunzione fra l’attività industriale e l’azione commerciale. Le donne e gli uomini della Supply Chain muovono i materiali e i semilavorati, attivano i nodi produttivi, e distribuiscono le vetture in base alle richieste dei clienti. La missione della Supply Chain è sincronizzare l’intero processo come il preciso meccanismo di un orologio, per evitare immobilizzi, ritardi e diseconomie.


 


Un perimetro globale


In FCA, il perimetro operativo della funzione comprende l’intera “supplier base” globale, tutti i centri di stoccaggio, e più di 100 stabilimenti FCA nel mondo: un esempio davvero concreto della natura globale del Gruppo. Per produrre con tempestività ed efficienza quanto richiesto dai mercati, è necessario che l’intero flusso dei materiali in entrata e in uscita sia progettato a partire dalle prime fasi del ciclo, e sia perfettamente a pieno regime già dal momento dello start-up produttivo.


 


Un sistema complesso che soddisfa i desideri del cliente


La Supply Chain deve garantire la fattibilità degli obiettivi bilanciando la domanda e la capacità delle fabbriche; deve inoltre definire i volumi e allocare tutte le risorse necessarie, ottimizzando i flussi e il magazzino. È un sistema estremamente complesso e organico in cui tutti i componenti lavorano per un obiettivo comune: trasformare in realtà i desideri del Cliente. Solo in questo modo è possibile soddisfare con rapidità ed efficienza ordini provenienti da qualunque dealer FCA nel mondo. La Supply Chain, infatti, entra in gioco nel momento stesso dell’ordine: sono le funzioni Demand & Production Planning e Capacity Planning che danno il via al processo produttivo coinvolgendo gli stabilimenti.


 


Logistica e sostenibilità


Sulla base della pianificazione ricevuta, la I-Fast Container Logistics (una società al 100% FCA) organizza la movimentazione dei componenti dai fornitori alle fabbriche dove verranno lavorati e assemblati. Una volta che la vettura è prodotta, la funzione Vehicle Distribution organizza il trasporto per consegna ai dealer dei Paesi attraverso un’altra azienda FCA: la I-Fast Automotive Logistics. Per portare le vetture dai piazzali ai porti, o alle destinazioni finali, vengono utilizzate bisarche di ultima generazione alimentate a gas naturale, l’evoluzione “green” e sostenibile del trasporto su gomma, poi le vetture attraversano l’Oceano attraverso i contratti siglati con diverse compagnie marittime. Circa il 60% delle movimentazioni “inbound” e “outbound” sono effettuate via nave o treno, e questo consente di contenere in modo importante l’impatto ambientale.


 


Risparmio di CO2


Anche l’innovazione organizzativa va nella direzione della sostenibilità: l’ottimizzazione della saturazione dei contenitori hanno portato a un risparmio di circa 600 tonnellate di CO2 nel 2019, e l’adozione di nuove metodologie per il trasporto ottimizzato dei materiali ha portato al risparmio di oltre 1.500 tonnellate di CO2 in un anno. Infine, la razionalizzazione dei trasporti su gomma e interventi sulla movimentazione via nave e ferrovia hanno ridotto il CO2 di ulteriori 2.700 tonnellate. La funzione Supply Chain Management, dunque, lavora in modo innovativo, flessibile e sostenibile, per soddisfare ogni cliente e generando vantaggi per il sistema produttivo e per l’ambiente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nel 2023 arriverà la nuova Fiat 600. Nel 2024 la nuova Abarth 600

Nuove anticipazioni sulla Nuova Lancia Ypsilon 2024!

TUTTE LE ANTICIPAZIONI SUL NUOVO DESIGN LANCIA CHE VEDREMO SULLE NUOVE YPSILON, DELTA E D-CROSSOVER

Imparato “L'elettricità è efficienza. Così aereo. La berlina è più aerodinamica. Per me, l'industria tornerà a questo tipo di auto. Quindi sì, ci sarà una futura Giulia”.

Fiat conferma il nuovo pick-up medio per il 2023

Paesi in cui è tornato l'ufficio stampa Lancia

Ho provato l'Alfa Romeo Tonale Hybrid 130cv

Tutte le novità Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth in programma