Passa ai contenuti principali

e-Hybrid: "La vendetta di Mr. Miller"



Dopo essere rimasto per decenni ai margini dell'industria automobilistica, il ciclo Miller sta tornando con forza nell'era elettrificata dell'automobilismo, . Ma quali sono i segreti di questo speciale design che sembra adattarsi perfettamente ai motori elettrici, portando l'efficienza dei sistemi ibridi a nuovi livelli?  


 


La tecnologia ibrida è una fase di transizione nel passaggio dell'automobilismo dall'era dei motori a combustione interna al movimento puramente elettrico. La ricerca della massima efficienza con la combinazione di motori termici ed elettrici ha portato alla ribalta idee particolarmente interessanti, che offrono ottimi benefici agli automobilisti, ma anche all'ambiente. Un esempio più recente è la presentazione del nuovo sistema ibrido a 48V utilizzato dai modelli FIAT, Alfa Romeo e Jeep, riportando a standard moderni un'idea innovativa dell'americano Ralph Miller.


 


Esattamente 65 anni fa, il 24 dicembre 1957, l'ingegnere americano Ralph Miller depositava il brevetto numero 2.817.322. La sua idea era una proposta per ottimizzare le prestazioni dei motori a combustione interna funzionanti a ciclo Otto, che il tedesco Nicolaus August Otto aveva già scoperto nei primi anni 1860. Il principio di base era abbastanza semplice poiché Miller cercava di massimizzare l'efficienza aumentando il rapporto tra il lavoro prodotto dal motore durante la fase di espansione dei gas di scarico e l'energia necessaria per comprimere la miscela. Il modo per raggiungere questo obiettivo era ritardare la chiusura della valvola di aspirazione durante la fase di compressione. Il concetto ricordava abbastanza il ciclo Atkinson, che è una scelta preferita dei sistemi ibridi, ma nel caso di Miller, l'aggiunta di sistemi di sovralimentazione all'equazione ha consentito un aumento significativo della potenza con un consumo vicino ai livelli del motore diesel. Allo stesso tempo, l'idea di Miller ha permesso di aumentare il rapporto di compressione e l'efficienza complessiva senza il timore di fenomeni di preaccensione, difficilmente affrontabili con efficacia prima dello sviluppo dei sistemi di gestione elettronica. Lo svantaggio invece dell'idea dell'americano è il basso rendimento ai bassi regimi, che per molti anni ha limitato l'utilizzo del ciclo Miller principalmente ad applicazioni non automobilistiche.


 


Chi la fa l'aspetti…


L'imposizione di sistemi ibridi come soluzione per ridurre significativamente le emissioni delle auto, combinata con sistemi avanzati di gestione elettronica del motore, ha permesso agli ingegneri di liberare la loro creatività e riportare alla ribalta nuove soluzioni. "Mr. Miller's Revenge" è ormai un dato di fatto, con questo nome dimenticato che fa un enfatico ritorno ai propulsori ibridi. Grazie al motore elettrico che con l'erogazione diretta della coppia supporta il lavoro del motore termico, il ciclo Miller turbocompresso nell'era ibrida offre alta efficienza, risposta immediata e flessibilità in un campo di operatività estremamente ampio. E tutto questo con consumi estremamente ridotti e, di conseguenza, basse emissioni di CO 2si avvicinano agli equivalenti delle auto diesel. Tipico è l'esempio del set 1.5T Hybrid 130cv funzionante su ciclo Miller ed utilizzato da FIAT (500X e Tipo) e Jeep (Renegade e Compass), dove le prestazioni e le prestazioni sono equivalenti al precedente set 1.3T 150cv. I dati sono ancora più impressionanti per quanto riguarda i consumi, con le ibride 500X e Tipo che consumano meno carburante anche rispetto alle corrispondenti versioni diesel (1.6MTJ 130 CV).


 


La massima efficienza del motore a benzina è in gran parte dovuta al funzionamento del motore termico nel ciclo Miller, che è stato ottimizzato con una serie di ulteriori opzioni tecniche che migliorano ulteriormente le prestazioni termodinamiche, come il sistema di iniezione diretta ad altissima pressione da 350 bar e l'altrettanto elevato per il tipo di motore (Turbo benzina) rapporto di compressione (12,5:1). L'impressionante rapporto di compressione è un'altra caratteristica del ciclo Miller, dove in tempi moderni sembra funzionare idealmente sia con turbocompressori classici (Turbo) sia con quelli che utilizzano un sistema a geometria variabile, come ad esempio nel caso dell'Alfa Romeo 160 Hybrid VGT ( Geometria Variabile Turbo).


 


I vantaggi del ciclo Miller sono completati nel caso del sistema e-Hybrid dal potente motore elettrico da 20 CV integrato nel cambio automatico, che, oltre a poter guidare in maniera puramente elettrica, elimina anche lo svantaggio di questo particolare ciclo a bassi regimi, completando idealmente "Mr Miller's Revenge".

Commenti

Post popolari in questo blog

La Fiat Pandina verrà presentata il 29 febbraio

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026.

Dopodomani verrà svelata la Fiat Pandina

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026. Il restyling della Panda attuale non prevede stravolgimenti: Pandina conserverà inalterata la sua meccanica ibrida a 48 Volt ma potrà beneficiare di nuovi sistemi di sicurezza (come il dispositivo di mantenimento corsia, la frenata automatica d'emergenza o il riconoscimento dei cartelli stradali) per allinearsi alle nuove direttive Ue previste per l'omologazione. Inoltre verrà introdotto un nuovo volante e la strumentazione digitale.

Fiat Pandina, fatta in Italia

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis presenta la nuova serie speciale Fiat Pandina dallo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d’Arco. Conferenza il 29 febbraio alle ore 12.00.

Nuovo Fiat E-Doblò MY24: tanto spazio per tutti e per tutto

Il nuovo E-Doblò unisce il meglio del comfort e della tecnologia con un tocco di stile per aiutare i clienti ad aggiungere praticità e benessere nella vita di tutti i giorni: una versione “all-in” che rende meno stressante e molto più sicura la guida in città. Versatile, spazioso, flessibile e adatto alle esigenze di tutti, il nuovo E-Doblò è senza compromessi, moderno e conveniente. Il suo upgrade di stile è visibile nel nuovo paraurti anteriore con skidplate inferiore, cerchi in lega da 17" e fendinebbia per viaggiare ovunque in sicurezza e tranquillità. È dotato di due porte scorrevoli con finestre ad apertura elettrica che garantiscono ai clienti praticità e comfort. Lo spazio interno del nuovo E-Doblò offre tanto spazio per tutti e per tutto grazie a diverse configurazioni di sedili e vani portaoggetti che garantiranno ai clienti la massima flessibilità durante la guida e il trasporto. Sono infatti disponibili 3 sedili posteriori singoli abbattibili, con la possibilità di amp

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube, è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il

Nuova Lancia Gamma

La nuova Lancia Gamma sarà il secondo modello della nuova era Lancia. Durante la presentazione della nuova Lancia Ypsilon è stata mostrata anche la prima immagine ufficiali delle nuove Lancia Gamma. Sarà un ammiraglia della categoria di Citroen C5X e Peugeot 408, e sarà prodotta a Melfi.  Nel 2026 vedremo questa nuova ammiraglia, lunga 4.6 metri e che permetterà al marchio Lancia di entrare nel segmento più grande in Europa. Sarà disponibile solo con motorizzazione completamente elettrica.

Nuove dotazioni per Fiat Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

Nuova Fiat Pandina - Fiat Panda MY 2024

L'attuale Fiat Panda rimarrà in listino almeno fino al 2026 e sarà sempre prodotta a Pomigliano D'arco (Napoli).  Per questo motivo stanno arrivando alcuni aggiornamenti come la strumentazione digitale, un nuovo volante e nuovi sistemi adas per la sicurezza stradale. Ma l'11 luglio 2024 verrà svelata anche la nuova Fiat Panda, che sarà parente stretta della nuova Citroen C3 e per non creare una sovrapposizione di nomi, la Panda attuale con il model year 2024 acquisirà il nome di Pandina. La Fiat Pandina sta per arrivare e rappresenterà il modello d'accesso al mondo Panda. Sarà disponibile con motore 1.0 Hybrid e non dovrebbe essere prevista la versione 4x4.

FIAT lancia una nuova sfida globale

L’Amministratore Delegato di FIAT, Olivier Francois, ha appena svelato i prossimi passi nella creazione della nuova gamma. Il video è disponibile a questo link. Tutti i nuovi modelli, che condivideranno una piattaforma globale comune, saranno disponibili ai clienti di tutto il mondo. FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo. La prima vettura di questa nuova famiglia sarà presentata a luglio 2024, seguita dal lancio di un nuovo modello ogni anno per i tre anni successivi. In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è s

Novità per la Fiat Pandina

Dal punto di vista del design, presenta una nuova fascia della plancia verniciata di bianco e nuovi sedili con monogramma e logo "Pandina" in rilievo, doppie cuciture gialle, dettagli bianchi e filato Seaqual contenente una materia prima sostenibile e completamente tracciabile ricavata da rifiuti marini. Gli esterni sono arricchiti da dettagli giocosi come il musetto di un panda sul coprimozzo, le calotte degli specchietti retrovisori gialli, la scritta Pandina sulle modanature laterali e la serigrafia "Pandina" sul finestrino posteriore. Oltre ai colori già esistenti - Bianco Gelato, Nero Cinema, Rosso Passione e Blu Italia - Pandina offre il nuovo Giallo Positano e nuovi abbinamenti bicolori (tetto nero a contrasto). La nuova serie speciale Pandina sarà disponibile a partire da quest'estate nei principali Paesi europei.