Passa ai contenuti principali

Lancia Rally Legends: Lancia Stratos – Nata solo per vincere



Con la Fulvia che ha aperto la strada alla Lancia nei rally, il marchio ha deciso di cambiare radicalmente direzione progettando da zero un'auto specifica per le corse. La Stratos ha spaventato la concorrenza con il suo aspetto e le sue prestazioni, ma spesso anche i suoi piloti per il suo carattere puro. Quel che è certo è che la Stratos è nata solo per vincere e con il suo corso ha reso il mito del colosso Lancia nei rally.  


 


La Lancia Stratos nasce con l'unico scopo di vincere nei rally. Ben presto ha confermato il suo destino, ma è riuscita anche ad attirare i riflettori su di lei, non solo per le sue performance, ma anche per il suo temperamento impressionante a tutti i livelli.


Tutto ebbe inizio quando il direttore corse della Lancia, Cesare Fiorio, decise di progettare una nuova macchina da corsa per sostituire la Fulvia HF. Ma a differenza della Fulvia che è stata progettata sulla base della produzione di serie, la nuova vettura da corsa avrebbe dovuto essere progettata fin dall'inizio con un occhio alle corse. Nel 1970 Bertone presentò al Salone di Torino il prototipo "Stratos Zero", che colpì il pubblico per le sue linee futuristiche, ma anche Fiorio, che aveva già in mente l'idea di una trazione posteriore da corsa. Un anno dopo, al Salone di Torino del 1971 il pubblico incontrerà la Lancia Stratos HF creata dalla magica mano di Marcello Gandini, e Fiorio troverà finalmente le basi per l'auto da corsa dei suoi sogni.


Tutto ciò che riguarda la Stratos è stato progettato pensando ai rally. Il cofano anteriore e il cofano motore erano estremamente leggeri e davano accesso diretto alle parti meccaniche offrendo facilità e rapidità nelle procedure di riparazione. L'interno era estremamente angusto e rigorosamente per due persone e i loro caschi. Come disse caratteristicamente Nuccio Bertone "l'interno riunisce guidatore e passeggero e li fa sembrare una cosa sola".


Il telaio e la carrozzeria possono essere miracolosamente arrivati ​​nelle mani di Fiorio, ma la scelta del motore si trasformerebbe in un processo molto più complicato. Quello che era certo era che sarebbe servito un set estremamente forte per affrontare la fortissima concorrenza. Sono state provate diverse proposte, dal motore boxer della Lancia Flavia al motore V6 della Fiat 130, ma alla fine il motore V6 della Ferrari Dino 246 GT è stato valutato da Fiorio come la scelta ideale per le sue prestazioni, ma anche per l'ottima affidabilità. Fiorio ha dovuto impegnarsi abbastanza per convincere Enzo Ferrari a consentire alla Lancia di utilizzare il suo motore e persino fornirne un numero sufficiente per ottenere la relativa omologazione dalla FIA. Secondo le normative dell'epoca,


Con l'avvio della produzione, Stratos iniziò anche i primi test a livello racing, prima ancora di ottenere la certificazione ufficiale. Fin dall'inizio ha mostrato la sua velocità, mentre eventuali problemi della sua giovinezza - principalmente con la sospensione posteriore - sono stati presto risolti nelle sue prime due apparizioni ufficiali nel 1972, al Tour de Corse e al Rally Costa del Sol. La prima vittoria arriverà pochi mesi dopo in Spagna, nell'aprile del 1973, dove al Rally Firestone, Sandro Munari con il navigatore Mario Mannucci taglia per primo la bandiera a scacchi, continuando i successi iniziati con la Lancia Fulvia 1.6 HF.


L'ambita omologazione Gruppo 4 della Stratos da parte della FIA arrivò nell'ottobre 1974 e la Lancia Stratos HF poteva ora rappresentare ufficialmente la Lancia e segnare punti nel Campionato Mondiale Rally. La Lancia Stratos HF ufficiale con Munari/Mannucci vinse il Rally di Sanremo e il Rideau Lakes Rally in Canada, mentre insieme alla vittoria al Tour de Corse di Andruet con la Stratos HF, la Lancia vinse il Campionato del Mondo Rally 1974, il primo di una lunga lista di successi che il marchio avrebbe continuato a raggiungere.


La Squadra Corse Lancia ha utilizzato negli anni 26 vetture ufficiali, inizialmente a 12 valvole e poi a 24 valvole. Il colore rosso-bianco dovuto alla sponsorizzazione della Marlboro è stato sostituito dal 1975 con i colori dell'Alitalia, creando uno dei colori più classici e riconoscibili nella storia delle corse. La Lancia Stratos HF Gr.4 divenne ben presto l'"arma definitiva" delle corse rally con vittorie che arrivavano a ritmi vertiginosi e la concorrenza stentava a resistere a questa vettura nata con l'unico scopo di vincere. Con tre vittorie di fila al leggendario Rally di Monte Carlo, tre Campionati del Mondo Costruttori nel 1974, 1975 e 1976, oltre alla Coppa del Mondo Piloti Rally FIA 1977 di Sandro Munari, Stratos ha pienamente compiuto la sua missione.


Il motore Ferrari V6 con un angolo contenuto di 65 ° e una potenza da 280 (12V) a 320 (24V) cv accelerava la Stratos fino a 220 km/h, mentre le dimensioni compatte unite al peso contenuto che non superava i 980 chili , ha composto un set con prestazioni e flessibilità impressionanti.


Il passaggio di consegne dalla Lancia Stratos alla Fiat 131 Abarth è stato movimentato, con il Gruppo Fiat che alla fine ha scelto quest'ultima per rappresentarlo nel Campionato Mondiale Rally e Lancia si è concentrata sul Campionato Europeo. Anche la Fiat 131 Abarth Rally ebbe un ottimo andamento in gara, ma la Stratos HF non mancò di enfatizzare anche quel carattere nato per vincere quando Markky Alèn / Ilkka Kivimäki vinsero al Rally di Sanremo del 1978, davanti alla 131 Abarth Alitalia di Maurizio Verini e Arnaldo Bernacchini. Allo stesso tempo Stratos ha continuato a vincere vittorie e onori nelle gare in Europa fino all'inizio degli anni '80.


Oggi incontrare una Lancia Stratos originale è un'esperienza estremamente rara, con due vetture ospitate nello Stellantis Heritage Hub di Torino. Oltre ad essere un'auto da corsa di grande successo, la Stratos HF ha contribuito notevolmente alla creazione della leggenda Lancia nelle corse di rally e ha lasciato un'eredità molto pesante nella 037 Rally e S4 che avrebbe continuato la leggenda Lancia negli anni '80, un periodo con grandi cambiamenti nel campo delle corse di rally.

Commenti

Post popolari in questo blog

NUOVA ALFA ROMEO MILANO: LA SPORTIVITA’ DIVENTA COMPATTA

Benvenuta MILANO, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento di mercato più grande d’Europa. Un simbolico “ben tornato” a chi ha amato Giulietta e Mito, e un caldo benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. MILANO ridefinisce i canoni di bellezza nel segmento. Design italiano opera del Centro Stile Alfa Romeo (Torino): connessione emotiva al primo sguardo, grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Dinamica di guida best in class. MILANO porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte, grazie a soluzioni tecniche specifiche frutto di un processo di sviluppo coordinato dalla stessa squadra che ha progettato Giulia GTA. Comfort e praticità ai vertici del segmento, come dimostra il bagagliaio più capiente tra i competitor premium (400l) e la soluzione Alfa Romeo Cable Organizer. MILANO è “ELETTRICA”, con batteria da 54 kWh, proposta in 2 varianti di potenza: 156 CV, e la top di gamma VELOCE con 240 CV. MILANO ELETTRI

Alfa Romeo: non va bene Milano? Allora “Alfa Romeo Junior!”

In una delle settimane più importanti per il futuro di Alfa Romeo, un esponente del governo italiano dichiara che l’utilizzo del nome Milano, scelto dal marchio per chiamare la nuova compatta sportiva appena presentata, è vietato per legge. Il nome Milano, tra i favoriti del pubblico, era stato scelto per rendere tributo alla città dove tutto ebbe origine nel 1910. Non è la prima volta che Alfa Romeo chiede il parere del pubblico per scegliere il nome di una vettura. Successe già nel 1966 con la Spider 1600: in quel caso il nome scelto dal pubblico era stato Duetto. Pur ritenendo che il nome Milano rispetti tutte le prescrizioni di legge, e in considerazione del fatto che ci sono temi di stretta attualità più rilevanti del nome di una nuova autovettura, Alfa Romeo decide di cambiare il nome da Milano a Alfa Romeo Junior, nell’ottica di promuovere un clima di serenità e distensione. Il team Alfa Romeo ringrazia il pubblico per l’enorme numero di feedback ricevuti, la rete dei concession

DINAMICA DI GUIDA ALFA ROMEO MILANO offre la dinamica di guida migliore della categoria

Forte del peso più basso nel segmento e di una ottimale distribuzione delle masse, MILANO entra nel mondo delle elettriche da vera Alfa Romeo. Il team che ha coordinato lo sviluppo della dinamica di guida è lo stesso che ha sviluppato la Giulia GTA presso il centro sperimentale di Balocco (VC), con il chiaro obiettivo di ottenere sulla nuova MILANO il road handling migliore della categoria, grazie a soluzioni tecniche specifiche: lo sterzo è il più diretto del segmento (14,6) ed estremamente preciso con calibrazione ad hoc per esaltare le eccezionali doti di tenuta di strada; sulla versione VELOCE, l’assetto è sportivo e ribassato di 25 mm; le barre antirollio anteriori e posteriori hanno una taratura sportiva per garantire un inserimento in curva rapido e preciso; l’impianto frenante prevede all’anteriore dei dischi da oltre 380mm con pinze monoblocco a 4 pistoncini; il differenziale Torsen offre la migliore trazione possibile in ogni condizione. Inoltre, gli pneumatici performanti d

ALFA ROMEO MILANO SPECIALE La versione top di gamma disponibile al lancio commerciale

È ordinabile la MILANO SPECIALE, versione di lancio top di gamma disponibile nelle motorizzazioni IBRIDA (136CV) ed ELETTRICA (156CV). MILANO SPECIALE, limitata esclusivamente all’edizione di lancio, sintetizza sportività, tecnologia e comfort in una configurazione unica che prevede una selezione mirata dei migliori contenuti offerti in gamma. Negli esterni, spicca la nuova reinterpretazione dello scudetto “Progresso”, le finiture sportive opache con inserti nel nuovo e già iconico rosso Brera e cerchi in lega “Petali” da 18”. L’abitacolo è impreziosito da tratti sportivi e contenuti esclusivi come gli interni “Spiga” in vinile e tessuto, il volante in pelle ed il sedile guidatore a movimentazione elettrica con funzione massaggio. La cura nei dettagli è assicurata dall’elegante e distintiva illuminazione interna a 8 colori che caratterizza le bocchette aria, il tunnel centrale e l’iconico Cannocchiale. Completano un allestimento estremamente ricco le dotazioni di sicurezza: MILANO SPE

Le nuove Lancia sono pronte

Dopo la Ypsilon, la Lancia ha altri modelli davanti in programma, con altre cinque auto, tra modelli nuovi e versioni ad alte prestazioni. L'anno prossimo arriverà la Ypsilon HF, a trazione anteriore con motore da 240 CV, ma nel 2026 e nel 2028 verranno presentate due vetture: l'ammiraglia Gamma e la segmento C Delta. Entrambe avranno una declinazione sportiva HF Integrale, che verrà svelata l'anno successivo al debutto, si baseranno sulla piattaforma Stla Medium del gruppo Stellantis e verranno prodotte in Italia. Per entrambi i modelli il Centro Stile Lancia ha già finalizzato il design. Carlos Tavares, ad del gruppo Stellantis, durante il weekend della tappa italiana della Formula E a Misano, ha parlato di queste due auto. "Come ben sapete, ora stiamo rilanciando il marchio Lancia, partendo dalla nuova Ypsilon che avete già visto", ci ha detto Tavares. "Ma c'è dell'altro in cantiere. Sono stato a Torino questa settimana per convalidare i prossimi m

Lancia e Alfa Romeo torneranno nelle competizioni

L'Alfa Romeo e la Lancia torneranno nel mondo delle corse, a dirlo è Carlos Tavares, amministratore delegato del gruppo. Il "quando" è ancora da decidere ma il futuro è già tracciato. "È chiaro che a un certo punto Alfa Romeo tornerà nel motorsport, perché fa parte del DNA del marchio, è parte della sua storia. E sentiamo di avere la responsabilità di mantenere vivo il valore del marchio nelle corse. Discussioni a riguardo sono già in corso tra Jean-Marc Finot e il Jean-Philippe Imparato. Ma la decisione, molto probabilmente, non verrà presa prima della fine dell’anno. E quindi non posso ancora rispondere alla tua domanda su quale tipo di partecipazione avremo, perché non è ancora deciso". Bisognerà dunque attendere ancora diversi mesi prima di capire in quale campionato vedremo tornare il Biscione: le opzioni sul tavolo sono molteplici, dalla Formula E al Wec o, perché no, un ritorno in grande stile in Formula 1 o nei campionati a ruote coperte. Quello che è c

ALFA ROMEO MILANO IBRIDA L’esperienza della mobilità elettrica senza ricaricare

MILANO offre due soluzioni di motricità per la versione Ibrida: trazione anteriore oppure trazione integrale Q4, una novità nel segmento premium, che sarà disponibile in una fase successiva. MILANO IBRIDA adotta un’architettura 48v Hybrid VGT (Variable Geometry Turbo) da 136 CV. L’unità termica adotta il motopropulsore 3 cilindri da 1,2 litri a ciclo Miller con turbo a geometria variabile e catena di distribuzione per la massima affidabilità. La componente elettrica è composta da una batteria agli ioni di litio da 48 volt e un motore elettrico da 21 kW integrato nell’ innovativo cambio a doppia frizione e 6 rapporti che opera insieme all’ inverter e la centralina della trasmissione per garantire la massima efficienza. MILANO IBRIDA offre un’esperienza di guida estremamente fluida e consente di procedere in modalità elettrica per oltre il 50% in città; MILANO garantisce guida in elettrico non solo nelle manovre di parcheggio o a basse velocità cittadine ma anche su percorsi extraurbani,

Fiat Mega Panda, il nuovo modello sarà svelato l'11 luglio 2024

Il concept qui sopra è la City Car. Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. Il nuovo modello sarà svelato l'11 luglio 2024. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per

Origini del nome Alfa Romeo Junior

Dopo il successo della Giulia e della sua versione coupé Giulia Sprint GT, disegnata da Giugiaro per Bertone, l’obiettivo di Alfa Romeo è quello di attrarre un pubblico più giovane, nuovo e desideroso di avere una vettura brillante ed esclusiva senza però eccedere nelle spese di acquisto e gestione. Il 26 settembre 1966 viene presentata a Blocco la GT 1300 Junior che, rinunciando al nume “Giulia”, è la capostipite di una nuova generazione di Alfa Romeo. Con Junior verranno infatti identificate anche le versioni analoghe della gamma Spider. La principale variante meccanica è l’adozione del propulsore bialbero di 1290 cc che – grazie all’alimentazione singola e ad una nuova fasatura – eroga 89 CV per una velocità massima di oltre 170 Km/h solo di poco inferiore a quella della 1600 e in grado di garantire prestazioni e piacere di guida di alto livello. Anche la carrozzeria viene aggiornata con un allestimento dedicato e più giovanile. Con quasi 92mila esemplari venduti, la GT 1300 Junior

Heritage rende omaggio alla leggenda Abarth con due tributi di grande fascino

In occasione del 75° compleanno dello Scorpione, il team Heritage di Stellantis ha realizzato due omaggi: un’esposizione temporanea di alcune preziose rarità Abarth, appartenenti a collezionisti privati e alla collezione aziendale permanente, e l’annuncio del progetto Abarth Classiche 1300 OT. Allestita presso l’Heritage Hub, la mostra ripercorre le tappe salienti del brand, attraverso alcune delle sue vetture più famose, mentre il nuovo progetto nell’ambito “Reloaded by Creators” di Heritage è rappresentato da un modello di stile in scala 1:3 che esprime in ogni dettaglio la forma definitiva della nuova vettura.  Oltre ai 12 esemplari esposti all’ingresso del polo museale, la rassegna consente di ammirare altri 26 modelli Abarth disseminati all’interno dello spazio espositivo, sia quelli solitamente esposti nelle aree tematiche che quelli collocati in zone più defilate ma altrettanto preziosi. Ospite d’onore il modello di stile della Abarth Classiche 1300 OT, l’evoluzione della Abarth