Passa ai contenuti principali

CarPlay: FCA sceglie (anche) l'entertainment firmato Apple


Fiat 500X sta arrivando!!! Continuate a seguirci

A Cupertino fanno 29. Ecco quanti sono ora i marchi automobilistici che a partire dal 2015 lavoreranno sull'integrazione del sistema di infotaiment CarPlay, e quindi dell'iPhone, nei rispettivi cruscotti. All'elenco delle 20 aziende già partner di Apple, impegnatesi ad offrire ai clienti la possibilità di scegliere come opzione anche la soluzione della società della Mela, se ne sono aggiunte oggi nove e, in compagnia di Audi e Mazda, ci sono anche i marchi del gruppo Fiat, vale a dire Chrysler, Dodge, Abarth, Ram, Jeep e Alfa Romeo. Ferrari, la punta di diamante della casa italo-americana, aveva da subito sposato l'ingresso in campo di Apple nelle quattro ruote al pari di Hyundai, Mercedes, Volvo e Honda, mentre fra le case che hanno abbracciato il progetto di recente spiccano i nomi di Bmw, Nissan, Ford, Citroen e Kia Motors. Va detto a chiare lettere che la scelta di Fiat-Chrysler non è esclusiva, visto che il gruppo italo-americano ha aderito anche alla Open Automotive Alliance di Google per lo sviluppo di Android Auto. Per conoscere l'identità dei singoli modelli che sfrutteranno CarPlay, che verrà reso disponibile entro la fine dell'anno come aggiornamento del sistema operativo iOs 7, bisognerà aspettare ancora un pò e solo Audi ha confermato che le prime sue vetture con la tecnologia "in car" di Apple usciranno nel 2015. Da sottolineare che la casa dei quattro anelli è tra i membri fondatori della Open Automotive Alliance che mira a portare Android nel cruscotto. Le finalità del sistema nato in pancia al colosso californiano le ricordiamo subito: mettere a disposizione di chi ha in tasca un iPhone una "console", controllabile dal display della plancia o semplicemente attivando direttamente dal volante l'assistente vocale Siri, per effettuare chiamate, utilizzare le mappe di navigazione, ascoltare musica e accedere ai messaggi. Con solo una parola o un tocco oppure con manopole e sistemi di input scelti dai costruttori. Chi sta (anche) con Google Toyota, Bmw (che ha scelto di sviluppare un sistema proprio) e Daimler: sono solo questi, fra i grandi costruttori, i marchi che ad oggi non hanno stretto un accordo di collaborazione con il colosso di Mountain View per adottare la piattaforma Android. La Open Automotive Alliance, l'organismo nato per l'appunto con il fine di portare il sistema operativo mobile di Google all'interno degli abitacoli, si è via via allargata e accanto ai soci fondatori General Motors, Audi (come accenato sopra), Honda, Hyundai e Nvidia ha trovato l'adesione di Bentley, Fiat, Chrysler, Infiniti, Maserati, Mazda, Mitsubishi, Nissan, Renault, Seat, Škoda, Subaru, Suzuki, Volkswagen, Kia e Volvo. Marchi che a loro volta sono raggruppati in grandi gruppi che marca per marca possono differenziare i sistemi di bordo a secondo del Dna del brand. Come noto Google ha annunciato una soluzione ad hoc per gli sviluppatori, Android Auto, e l'intento è naturalmente quello di facilitare ulteriormente il cosiddetto "porting" dei servizi e delle app mobili della galassia di "Big G" e che risiedono su smartphone e tablet dentro le auto. Mettendo nelle mani dei conducenti, come nel caso di CarPlay, strumenti di controllo di tutto il sistema di infotainment basati sui comandi vocali. L'idea in comune sia di Google sia di Apple è mettere al centro del sistema di bordo lo smartphone che opererà cosi da cervello pensante di tutto l'infotainment di bordo. E qui emerge la prima criticità: adottando questa soluzione, gli utenti saranno vincolati ai device basati sul software di Google o di Apple e cosi gli tocca fare una precisa scelta di campo e se si considera che l'auto dura molto di più di un telefonino, e che l'utente dovrebbe rimanere vincolato a uno dei due "schieramenti" per anni e supportare magari elevati costi di aggiornamento, si può intuire come la strada per integrare gli smartphone a bordo deve passare da sistemi interoperabili, liberi, aperti e multi piattaforma. Ed è questo che alla fine vogliono fare i costruttori: dare più possibilità di scelta e tenersi i clienti, non regalarli ad Apple o a Google.

Fonte motori24.ilsole24ore.com

Commenti

Post popolari in questo blog

La Fiat Pandina verrà presentata il 29 febbraio

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026.

Nuova Fiat Pandina - Fiat Panda MY 2024

L'attuale Fiat Panda rimarrà in listino almeno fino al 2026 e sarà sempre prodotta a Pomigliano D'arco (Napoli).  Per questo motivo stanno arrivando alcuni aggiornamenti come la strumentazione digitale, un nuovo volante e nuovi sistemi adas per la sicurezza stradale. Ma l'11 luglio 2024 verrà svelata anche la nuova Fiat Panda, che sarà parente stretta della nuova Citroen C3 e per non creare una sovrapposizione di nomi, la Panda attuale con il model year 2024 acquisirà il nome di Pandina. La Fiat Pandina sta per arrivare e rappresenterà il modello d'accesso al mondo Panda. Sarà disponibile con motore 1.0 Hybrid e non dovrebbe essere prevista la versione 4x4.

Nuova Lancia Gamma

La nuova Lancia Gamma sarà il secondo modello della nuova era Lancia. Durante la presentazione della nuova Lancia Ypsilon è stata mostrata anche la prima immagine ufficiali delle nuove Lancia Gamma. Sarà un ammiraglia della categoria di Citroen C5X e Peugeot 408, e sarà prodotta a Melfi.  Nel 2026 vedremo questa nuova ammiraglia, lunga 4.6 metri e che permetterà al marchio Lancia di entrare nel segmento più grande in Europa. Sarà disponibile solo con motorizzazione completamente elettrica.

Nuova Lancia Ypsilon da 24.000€

CLICCA QUI PER SCOPRIRE LE PRIME IMMAGINI UFFICIALI DELLE NUOVE LANCIA GAMMA E DELTA La nuova Lancia Ypsilon è ordinabile ed è disponibile nella serie speciale top di gamma Cassina in versione completamente elettrica. L'unico prezzo ufficiale, è riferito a questa versione, ed è di poco meno di 40.000€.  Ma a maggio verrà presentata l'intera gamma della nuova Lancia Ypsilon, e sarà disponibile anche la versione termica con motore ibrido, l'unica nuova Lancia disponibile con questa motorizzazione.  Per le altre versioni non è stato ufficializzato il listino, ma si parla di un prezzo di partenza di cerca 24.000€, riferito all'allestimento base con motore termico a 3 cilindri da 1.2 litri in grado di erogare fino a 100 CV, con batteria agli ioni di litio da 48 Volt e il nuovo cambio elettrico a doppia frizione a 6 rapporti. L'intera gamma sarà ordinabile da maggio, mentre a giugno Lancia sarà presente alla Mille Miglia e in questa occasione avremo maggiori informazioni

Da oggi cambia la gamma FIAT

Oggi è l'ultimo giorno in cui sarà possibile ordinare le Fiat 500, 500X e Tipo. Questa decisione è legata all'introduzione della nuova norma europea omologativa di sicurezza, che introduce una serie di sistemi avanzati di assistenza alla guida, ora obbligatori. La nuova normativa è obbligatoria e si applica alle nuove immatricolazioni a partire dal 1 Luglio 2024. Di conseguenza i modelli di nuova produzione possono essere immatricolati entro Giugno 2024. Entro questa data, quindi, andrà esaurita la produzione e lo smaltimento degli stock dei modelli sopra indicati.  Per 500, 500X e Tipo non ci sono informazioni su un possibile arrivo di un aggiornamento, anzi, per 500 e 500X si parlava già di uscita di produzione nel corso del 2024. Per la 500 si sapeva già che ci sarebbe stato lo spostamento della produzione dalla Polonia all'Algeria, senza la possibilità di avere aggiornamenti alle nuove normative, e di conseguenza la possibilità di mantenere le vendite nei Paesi della Co

Mirafiori produrrà anche la prossima generazione della Fiat 500e

Stellantis è inoltre convinta, ed ha i piani per farlo, che con l’avvio del nuovo piano incentivi italiano ci sia la possibilità di aumentare la produzione a Mirafiori della 500 elettrica, riportandola a numeri che gli spettano per il gioiello che è. Così come il futuro di questa iconica vettura elettrica, e le sue naturali evoluzioni che arriveranno nell’ambito del Piano strategico Dare Forward 2030, sarà sempre legato alla città di Torino che va considerata come la Casa della 500.

Fiat vuole riproporre la Multipla. La nuova Fiat Strada arriverà anche in Europa

Olivier Francois, intervistato da Fedez sul suo canale YouTube Wolf, ha dichiarato che il piccolo pickup Strada, venduto in Sud America, avrà presto una nuova generazione, che sarà globale. Per quanto riguarda la Multipla, il manager dichiara che ha intenzione di riproporla, soprattutto la 600 Multipla, dichiarando che sta lavorando per far tornare modelli iconici del marchio Fiat. L'11 luglio 2024 vedremo la nuova Fiat Panda, che sarà più grande ed elettrica. L'attuale rimarrà in produzione fino al 2026 con il nome Pandina. Maggiori informazioni saranno disponibili il 29 febbraio.

Gli interni della nuova Alfa Romeo Milano

Procedono presso il centro sperimentale di Balocco i test di sviluppo dell’Alfa Romeo Milano, la piccola sportiva della gamma concepita e disegnata dalla maestria del Centro Stile Alfa Romeo. Milano verrà presentata al mondo il 10 aprile attraverso un evento che avrà luogo proprio a Milano, e sarà trasmesso via streaming per tutti coloro che vorranno prendervi parte. Sotto la guida esperta della squadra di ingegneri italiani protagonista di progetti straordinari 100% Alfa Romeo (come la 4C, la 8C, Giulia e Stelvio Quadrifoglio e la Giulia GTA), si affina lo sviluppo di Milano, la vettura che vedrà Alfa Romeo esordire nel mondo dei veicoli 100% elettrici. Le strategie di sviluppo vengono coordinate dalla squadra italiana di ingegneri Alfa Romeo presso il Proving Ground di Balocco dove i collaudatori ritrovano le condizioni ideali per testare in pista i requisiti e target espressi dagli ingegneri dinamici Alfa Romeo, responsabili della validazione del progetto.

In Olanda arriva la nuova Fiat 600 Hybrid

FIAT presenta la Fiat 600 Ibrida; Iconico fuori e Dolce Vita dentro. La Fiat 600 Hybrid è dotata di motore Mild Hybrid da 100 CV e cambio automatico eDCT-6. Offerta di lancio temporanea: versione top La Prima riccamente equipaggiata per 31.990 € (sconto 2.500 €), con tanto lusso, sistemi di sicurezza e assistenza all'avanguardia e guida autonoma (livello 2).   FIAT prosegue sulla strada della mobilità urbana sostenibile e presenta la nuova versione ibrida leggera della Fiat 600. Proprio come la 600e completamente elettrica, anche questa variante del B-SUV eccelle in termini di spazio interno e di un elevato grado di sensazione di Dolce Vita. La Fiat 600 Hybrid garantisce quindi un'esperienza di guida in cui divertimento e divertimento vengono al primo posto, basandosi sul carattere e sulle caratteristiche dell'auto familiare compatta di successo del passato: l'iconica Fiat 600 degli anni '50. La nuova Fiat 600 Hybrid offre uno spazio notevole per cinque passeggeri i

La nuova community Lancia per una formazione premium certificata

Parte essenziale del percorso di Rinascimento del marchio è rappresentata da Casa Lancia, una community dedicata ai 240 venditori italiani dedicati e certificati Lancia, inaugurata a luglio 2023 e gestita direttamente da Luca Napolitano, CEO del marchio. Casa Lancia nasce con il chiaro obiettivo di creare un legame diretto ed autentico all’interno della community, dove ogni venditore ha l’opportunità di fare domande, commentare le notizie, dare il proprio parere, confrontarsi con tutta la squadra e approfondire tematiche diverse, avendo la certezza di ricevere una risposta entro 72 ore! Il canale si inserisce all’interno di un più ampio processo di rinnovamento della forza vendita, costituita da venditori dedicati Lancia e certificati, attraverso diversi livelli di attività di formazione parte di un percorso della durata di 15 mesi, su tre diversi livelli e composto da 50 moduli per un totale di 13.000 ore di training, che termineranno a settembre 2024, nell’ottica di rendere ancora pi