Passa ai contenuti principali

Lancia e la scommessa americana


La nascita della nuova FCA nata dalla fusione di Fiat e Chrysler è cronaca quotidiana in questi ultimi tempi. Il salvataggio, e quindi l’acquisizione dell’Azienda statunitense da parte di Fiat è il “sogno americano" di Sergio Marchionne che si realizza. L’America è sempre stata per gli imprenditori europei terra di conquista, anche in tempi non sospetti come gli anni venti, quando in realtà non c’era ancora l’assoluta necessità per sopravvivere, di cercare nuovi mercati. Vincenzo Lancia, fondatore dell’omonima Casa, è sempre stato dipinto, nell’immaginario collettivo, come il classico torinese “bugianen”, che ha passato la sua vita tra i monti e le officine piemontesi. Il suo personaggio stereotipato, benché sia stato uno dei più famosi piloti dell’epoca, era quello di un tranquillo piemontese dedito alla passione per le partite alle bocce o per le grandi abbuffate con gli amici. In realtà non era proprio così. La sua è stata una vita avventurosa, con molti interessi e diverse storie degne di essere raccontate. Una delle più intriganti è senza dubbio quella che lo vide, nella seconda metà degli Anni Venti, involontario protagonista in concomitanza della nascita dell’elegante Lancia Dilambda. Lancia vendeva negli Stati Uniti già da diversi anni: gli americani andavano pazzi per le sue auto, lo testimonia una famosa foto dell’epoca che ritrae due miti assoluti: la Lambda con alla guida Greta Garbo. Frank M. Ferrari, nessuna parentela con il più famoso Enzo, fonda nel 1925 la “Lancia Motor Sales Corporation” e vende le Lancia alle più importanti personalità americane. E’ sempre lui a presiedere la “City Trust”, una finanziaria alla quale fanno capo quattro banche che a loro volta controllano una cinquantina di società diverse. Ferrari è il Presidente, Victor Rocca Vice Presidente, Michael M. Longo Amministratore. Siamo nell’America degli anni Venti e i cognomi italiani, che cominciano ad essere troppi, dovrebbero preoccupare. Ma Vincenzo Lancia si fida e decide di andare anche a fabbricare le sue auto negli States, in società proprio con questi businessman. Pare che a convincerlo definitivamente sia stato un certo Antony Flocker. Costui un americano di madre italiana, si presentò come incaricato da un gruppo statunitense che aveva in progetto di costruire in Usa uno stabilimento per la produzione di automobili. “Monsù” Lancia restò affascinato dall'uomo e dall'idea, e vi si buttò a capofitto. Come spesso accadeva, non informò di questa decisione nessuno, né i suoi collaboratori, né i suoi parenti. L’auto da produrre ideale per le strade americane era la Dilambda, proprio in quegli anni in fase di definizione. Le vetture, però, destinate al mercato americano avrebbero dovuto avere un motore di cilindrata maggiore del tipo 220 già pronto con “soli” 3960 cmc., e una carrozzeria di gran comfort. Il programma era quello di presentare un prototipo del nuovo modello al New York Auto Saloon del ‘28, il più importante dell'epoca, e successivamente altri esemplari più definitivi al National Automobile Show in programma dal 5 gennaio 1929 al Grand Central Palace. Vincenzo Lancia, fedele alla sua indole entusiastica, mise subito all'opera il suo staff di progettisti e fece studiare un nuovo telaio, quello che poi sarebbe diventato, attraverso alcune modifiche, appunto quello della magnifica Dilambda. Negli States, intanto, il 29 settembre 1927 viene fondata, la “Lancia Motor of America”, con Vincenzo Lancia Presidente, Flocker Amministratore e Ferrari operativo a tutto campo: è proprio lui che acquista il vecchio stabilimento della Fiat a Poughkeepsie nello Stato di New York. Il capitale della Società è di tre milioni di dollari, ma non si sa bene chi e con quale percentuale lo abbia versato, di sicuro una grossa parte arriva dalle tasche di Vincenzo Lancia. Intanto a Torino Flocker iniziò a frequentare l'Ufficio Tecnico, interferendo nello studio con continue proposte di modifiche per lo più ritenute assurde e incomprensibili dai tecnici, che in ogni caso riuscirono ad allestire dodici prototipi, con carrozzerie di gran lusso a sei luci, alcune persino con diversi parti dorate, peraltro di dubbio gusto. Si capì successivamente che le continue interferenze di Flocker fossero mirate a ritardare il completamento delle auto per impedire che giungessero a New York in tempo per l'apertura del Salone e, cioè prima che la preparazione del complotto in atto fosse compiuta. Finalmente le auto furono spedite a New York in regime di temporanea importazione. Inaspettatamente partì anche Vincenzo Lancia che, con il suo piglio da leader non poteva neanche immaginare una così importante trattativa nelle mani di un estraneo. Sbarcò a New York il 3 gennaio e volle vedere il Salone e prendere personalmente contatto con i soci d’oltre oceano. Non dobbiamo dimenticare che all'epoca le comunicazioni erano alquanto precarie nel nostro paese, figuriamoci poi fra due continenti così distanti. A questo punto le testimonianze sono un po’ confuse. Di sicuro Vincenzo Lancia si accorge di essere pedinato, probabilmente dopo aver scoperto qualche cosa di losco. Non si sa esattamente se venne minacciato o, addirittura, rapito. Lo ritroviamo nel suo albergo dove affronta Flocker che pentito, gli svela le vere intenzioni dei soci americani. Anche questa volta Flocker è molto convincente, tanto che Lancia molto spaventato, si traveste e lascia l’albergo da una porta secondaria, raggiunge il porto e s’imbarca sulla prima nave in partenza per l’Italia. Riesce così, probabilmente a salvarsi la vita, ma anche a sventare il progetto delittuoso messo in atto dai “soci” americani. Ferrari e compagni, finiti nelle mani dei gangster, avevano creato una società fasulla per la fabbricazione di vetture Lancia, che in realtà non sarebbe mai esistita, allo scopo di lanciare sul mercato dei titoli azionari. La “Lancia Motors of America” fallisce e così anche la “City Trust”; si scopre che non è stato pagato l’acquisto dello stabilimento e a ruota falliscono altre società più o meno coinvolte nell’affare. L’arrivo di Lancia negli States aveva mandato a monte tutto il piano. Ci rimise un po’ di soldi e le dodici Dilambda, ma senza l’aiuto del “pentito” Flocker sarebbe finita molto peggio. Vincenzo Lancia non amava parlare di questa pericolosa avventura, ma decise di costruire comunque la Dilambda che uscì con il primo esemplare nel 1931. Ne vennero poi fabbricate oltre 700 unità fino al 1938, con diverse carrozzerie, sempre elegantissime e con un motore 8V monoblocco, con testa in ghisa, di 3956 cmc. e 100 CV a 4000 giri minuto. Data la mole della vettura, lunga ben 4 metri e 87 centimetri, Lancia, dopo la fortunata intuizione della struttura portante inaugurata nel ’22 con la Lambda, ritornò al telaio separato, ma anch’esso innovativo. La sospensione anteriore è a ruote indipendenti. Ed è necessaria una grande rigidezza torsionale dello chassis, che viene quindi realizzato con longheroni scatolati e con una grande crocera centrale di lamiera sempre scatolata, disposta a X e forata per il passaggio dell’albero di trasmissione. Altre particolarità: la larga applicazione di cuscinetti “Silentbloc” alle articolazioni, il dispositivo a pompa per ripristinare il livello del lubrificante, il termostato sul radiatore e la lubrificazione centralizzata dello chassis per mezzo di una pompa comandata da un piccolo pedale sotto il cruscotto. Non solo: i fanali anteriori riprendevano la forma dello scudo Lancia e il pomello della leva del cambio aveva in testa una serratura per bloccarla e fare così da antifurto.

Fonte repubblica.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La Fiat Pandina verrà presentata il 29 febbraio

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026.

Dopodomani verrà svelata la Fiat Pandina

La Fiat Panda si trasformerà in Fiat Pandina per lasciare il nome Panda al nuovo modello che sarà svelato l'11 luglio 2024. I dettagli della Pandina verranno svelati il 29 febbraio a Pomigliano d’Arco, quando l’ad di Fiat, Olivier Francois, racconterà in che cosa si differenzia l’edizione speciale dall’utilitaria classica dopo oltre quarant’anni di storia, tre generazioni e più di 8,5 milioni di esemplari venduti, e che rimarrà in produzione a Pomigliano fino al 2026. Il restyling della Panda attuale non prevede stravolgimenti: Pandina conserverà inalterata la sua meccanica ibrida a 48 Volt ma potrà beneficiare di nuovi sistemi di sicurezza (come il dispositivo di mantenimento corsia, la frenata automatica d'emergenza o il riconoscimento dei cartelli stradali) per allinearsi alle nuove direttive Ue previste per l'omologazione. Inoltre verrà introdotto un nuovo volante e la strumentazione digitale.

Nuova Fiat Panda 2024

Rendering di Motor1 La nuova Fiat Panda sarà svelata l'11 luglio 2024 a Torino, sarà parente stretta della nuova Citroen C3, ma avrà un design vicino a quello della prima generazione della Panda.  Come la francese avrà la piattaforma Smart Car con dimensioni di circa 4 metri di lunghezza. A livello di motorizzazioni non ci sono conferme, se non quella riguardo all'alimentazione a batterie. Almeno all'inizio. Come detto infatti la Fiat Panda elettrica sarà basata sulla Smart Car, piattaforma multi energia, e quindi con la possibilità di avere anche motori a benzina o ibridi. La nuova Panda potrebbe iniziare la commercializzazione con un singolo motore elettrico da 83 kW (113 CV) alimentato da una batteria da 44 kWh, per un'autonomia stimata di 320 km e ricarica fino a 100 kW. In futuro poi potrebbe arrivare anche una versione con batteria meno potente, autonomia da 200 km e prezzo ridotto.

Fiat Pandina, fatta in Italia

Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing di Stellantis presenta la nuova serie speciale Fiat Pandina dallo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d’Arco. Conferenza il 29 febbraio alle ore 12.00.

Novità per la Fiat Pandina

Dal punto di vista del design, presenta una nuova fascia della plancia verniciata di bianco e nuovi sedili con monogramma e logo "Pandina" in rilievo, doppie cuciture gialle, dettagli bianchi e filato Seaqual contenente una materia prima sostenibile e completamente tracciabile ricavata da rifiuti marini. Gli esterni sono arricchiti da dettagli giocosi come il musetto di un panda sul coprimozzo, le calotte degli specchietti retrovisori gialli, la scritta Pandina sulle modanature laterali e la serigrafia "Pandina" sul finestrino posteriore. Oltre ai colori già esistenti - Bianco Gelato, Nero Cinema, Rosso Passione e Blu Italia - Pandina offre il nuovo Giallo Positano e nuovi abbinamenti bicolori (tetto nero a contrasto). La nuova serie speciale Pandina sarà disponibile a partire da quest'estate nei principali Paesi europei.

Nuovo Fiat E-Doblò MY24: tanto spazio per tutti e per tutto

Il nuovo E-Doblò unisce il meglio del comfort e della tecnologia con un tocco di stile per aiutare i clienti ad aggiungere praticità e benessere nella vita di tutti i giorni: una versione “all-in” che rende meno stressante e molto più sicura la guida in città. Versatile, spazioso, flessibile e adatto alle esigenze di tutti, il nuovo E-Doblò è senza compromessi, moderno e conveniente. Il suo upgrade di stile è visibile nel nuovo paraurti anteriore con skidplate inferiore, cerchi in lega da 17" e fendinebbia per viaggiare ovunque in sicurezza e tranquillità. È dotato di due porte scorrevoli con finestre ad apertura elettrica che garantiscono ai clienti praticità e comfort. Lo spazio interno del nuovo E-Doblò offre tanto spazio per tutti e per tutto grazie a diverse configurazioni di sedili e vani portaoggetti che garantiranno ai clienti la massima flessibilità durante la guida e il trasporto. Sono infatti disponibili 3 sedili posteriori singoli abbattibili, con la possibilità di amp

Nuove dotazioni per Fiat Pandina

Dotata di nuovi Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS), di un nuovo quadro digitale e di un nuovo volante, questa serie speciale è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Con il lancio della nuova Pandina, FIAT compie un enorme salto nel futuro, migliorando l'esperienza del cliente attraverso importanti sviluppi in termini di sicurezza e tecnologia, pur mantenendo la versatilità e l'accessibilità tipiche del suo modello iconico. La serie speciale Pandina presenta importanti aggiornamenti in termini di ADAS, come di consueto per FIAT offrendo soluzioni semplici alle esigenze del cliente, non per la ricerca della tecnologia come è sempre stato per la Panda. La dotazione di serie comprende nuovissime funzioni pensate per assistere il guidatore sia in città che fuori: il sistema di Frenata automatica d'emergenza, per ridurre i tamponamenti, come ad esempio nel traffico cittadino; il Sistema di mantenimento della carreggiata; il Rilevatore di stanchezza per avvisa

Fiat Pandina celebra l'amore per la Panda e l'estensione della produzione nello stabilimento di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027

La nuova serie speciale Fiat Pandina è la Panda più tecnologica e sicura di sempre. Fiat Panda continuerà a essere prodotta nello stabilimento italiano di Pomigliano d'Arco almeno fino al 2027. La produzione aumenterà di circa il 20% per soddisfare la domanda dei clienti.   Oggi FIAT ha svelato la nuova serie speciale Fiat Pandina. La data di presentazione del 29 febbraio rende omaggio allo storico lancio della prima Panda nel 1980, che fu presentata al Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini nella stessa data. La conferenza stampa, trasmessa su YouTube, è stata tenuta da Olivier Francois, CEO FIAT e Global Stellantis CMO, presso lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano d'Arco, nel Sud Italia, dove la Panda viene prodotta dal 2011. Olivier Francois, Amministratore Delegato di FIAT e Direttore Marketing Globale di Stellantis, ha commentato: "La nuova Fiat Pandina è un omaggio all'amore degli italiani per la Panda. In effetti, "Pandina" è il

Fiat studiò le versioni Abarth di 500x e Panda

Qualche mese fa Oliver Francois, CEO di Fiat e Abarth, dichiarò che "l'etichetta Abarth fa appello soprattutto alla fantasia sulla 500. La Punto Abarth non ebbe molto successo. Qualche anno fa volevo costruire una 500X Abarth, ma non è successo, anche perché all'epoca non avevamo le risorse per svilupparla. Sarebbe stato meglio. La versione sportiva, puramente estetica, riscuote molto successo. Quella versione è stata come una seconda infanzia per il modello. Si ispirava infatti all'Abarth che non è mai arrivata. Penso che tutte le derivate della 500 siano adatte ad una versione Abarth. Qualche anno fa andavo in giro con il progetto per una Panda Abarth. Sarebbe stata davvero una bella macchina”.

FIAT lancia una nuova sfida globale

L’Amministratore Delegato di FIAT, Olivier Francois, ha appena svelato i prossimi passi nella creazione della nuova gamma. Il video è disponibile a questo link. Tutti i nuovi modelli, che condivideranno una piattaforma globale comune, saranno disponibili ai clienti di tutto il mondo. FIAT offrirà propulsori elettrici, ibridi e ICE per soddisfare le esigenze dei clienti dovunque essi vivano nel mondo. La prima vettura di questa nuova famiglia sarà presentata a luglio 2024, seguita dal lancio di un nuovo modello ogni anno per i tre anni successivi. In un mercato globale della mobilità in continua evoluzione, ci sono coloro che sognano un futuro migliore e altri che compiono dei passi concreti verso un domani più sostenibile e responsabile. FIAT ha dimostrato che il futuro è già arrivato svelando la nuova famiglia di concept ispirata a Panda. Il primo nuovo prodotto sarà rivelato il prossimo luglio seguito dal lancio di un nuovo modello all’anno fino al 2027. La nuova serie di modelli è s