Passa ai contenuti principali

FCA Heritage allo Zoute Grand Prix 2017 con due modelli storici Alfa Romeo


Facebook - Instagram - YouTubeFiat Punto -  Skype/Mail redazionewm@outlook.com ©  

Il marchio sarà presente alla prestigiosa manifestazione che si terrà in Belgio dal 5 all'8 ottobre.
In esposizione la 33 Spider Cuneo (1971) e la Giulia TZ2 (1965): due modelli eccezionali, appartenenti al Museo Storico Alfa Romeo.
L'Alfa Romeo 33 Spider Cuneo è stata presentata al Salone dell'Automobile di Bruxelles nel 1971, mentre la Giulia TZ2, guidata dal belga Lucien Bianchi, ha ottenuto la vittoria di categoria al Nürburgring nel 1966.

FCA Heritage partecipa all'edizione 2017 dello Zoute Grand Prix, che andrà in scena dal 5 all'8 ottobre. Il brand che rappresenterà in Belgio la struttura nata per coordinare tutte le azioni di FCA nel mondo dell'automobilismo storico sarà Alfa Romeo: un'occasione per riaffermare un DNA sportivo assolutamente unico e ineguagliabile. FCA Heritage esporrà due preziosi esemplari provenienti dal Museo Storico Alfa Romeo: si tratta della Alfa Romeo 33 Spider Cuneo e della Giulia TZ2. Accanto a questi gioielli, presso il padiglione Alfa Romeo situato sulla diga di "Knokke" il pubblico potrà ammirare i più entusiasmanti modelli della gamma attuale: Stelvio, il primo SUV del brand, Giulia e 4C. Sul podio allestito presso la celebre Place Albert di Knokke, poi, gli sguardi saranno attirati dai veicoli più emblematici in tema di prestazioni e sportività: Giulia Quadrifoglio e Stelvio in allestimento Super, entrambi in livrea "Rosso Competizione", che richiama la tradizione del marchio.

33 Spider Cuneo (1971)
Tra le vetture più importanti della storia di Alfa Romeo e dell'automobile in generale, un posto in prima fila nella griglia spetta alla 33 Stradale del 1967, una versione da strada della 33/2, concepita inizialmente per essere prodotta in 50 esemplari, di cui solo 18 hanno effettivamente visto la luce. Il potente motore V8 90° posto in posizione centrale all'interno di un futuristico telaio a traliccio e soprattutto la leggera carrozzeria in fibra di vetro "scolpita" dal maestro Franco Scaglione, un autentico capolavoro di eleganza e aggressività, costituivano i punti di forza di questa vettura. Dopo aver disegnato la P33 Roadster e la 33 Coupé Speciale, nel 1971 a Bruxelles Pininfarina presentò un'ultima interpretazione della struttura della Alfa Romeo 33 Stradale, creando la 33 Spider, che in azienda fu in seguito ribattezzata "Cuneo". Il suo profilo ricorda infatti un cuneo, in linea con le nuove tendenze del design automobilistico: l'ampio parabrezza inclinato risalta insieme alla semplice barra stabilizzatrice, mentre i dettagli - incluso il logo Alfa Romeo - sono delle forme geometriche perfette. Il motore è posteriore longitudinale, da 1999 cm3, capace di erogare 230 CV a 8800 giri.

Giulia TZ 2 (1965)
Mentre la TZ stava dando grandi soddisfazioni all'azienda nella stagione 1964, nell'edizione del Salone dell'automobile di Torino di quello stesso anno presso lo stand della Carrozzeria Zagato venne esposta la sua logica evoluzione, la Giulia TZ 2 (il cui nome ufficiale rimase TZ), una vettura che, ancora oggi, merita un posto d'onore tra le Alfa Romeo che hanno fatto la storia delle competizioni automobilistiche. Il traliccio di tubi che costituiva il telaio, il fiore all'occhiello della TZ, era rimasto sostanzialmente invariato, ma ad esso si era aggiunta una leggera carrozzeria in fibra di vetro disegnata da Ercole Spada, con parti del telaio immerse nella resina per rendere l'intera struttura più rigida. A prima vista la TZ 2, pur mantenendo la forma del modello precedente, con la parte frontale aggettante e la parte superiore che seguiva una linea continua fino alla coda tronca, e con un ampio lunotto posteriore avvolgente, era in realtà più bassa, più armoniosa e più "robusta", per un aspetto più dinamico. A parte la linea, le maggiori novità riguardavano le sospensioni, ora dotate di ammortizzatori verticali (una modifica che era stata introdotta anche sulla TZ) per fare spazio ai nuovi cerchi da 13", che sostituivano i precedenti da 15". Il motore quattro cilindri da 1570 cm3 con doppio albero a camme, alesaggio e corsa di 78x82 mm e lubrificazione a carter secco sviluppava una potenza massima di 170 CV a 7500 giri/min grazie alla doppia accensione e a un nuovo sistema di aspirazione dell'aria dinamico. Tra le altre caratteristiche tecniche della TZ 2 sono da menzionare il serbatoio da 100 l, i dischi dei freni sulle quattro ruote e una trasmissione a 5 marce più retromarcia che, a seconda del rapporto di cambio, consentiva alla vettura di raggiungere una velocità vicina ai 250 km/h. Grazie alla carrozzeria in fibra di vetro e a uno specifico programma di alleggerimento degli interni, la vettura era circa 40 kg più leggera rispetto alla TZ. Fin dal suo debutto in pista il 25 aprile 1965 nella Mille chilometri di Monza, la TZ 2 dimostrò di essere una vettura vincente, e guidata dal belga Lucien Bianchi ottenne la vittoria di categoria al Nürburgring nel 1966. Un altro successo sancisce il legame con il Belgio: la vittoria di categoria alla 1000 km del 1967 con l'equipaggio belga Trosch/Pilette.

FCA Heritage
Alla storia dei marchi Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth è dedicato il sito www.fcaheritage.com, il portale che rappresenta la vetrina online del dipartimento FCA Heritage e mira a essere il punto di riferimento per tutti gli interessati alle storie, agli eventi e alle iniziative che coinvolgeranno le auto classiche dei brand italiani del Gruppo.Sul sito, gli appassionati avranno l'opportunità di iscriversi alla Newsletter di FCA Heritage, per rimanere sempre aggiornati sulle attività e sui servizi che saranno progressivamente resi disponibili per i vari marchi del gruppo e avere la possibilità, per i proprietari delle auto storiche dei marchi Alfa Romeo, Fiat e Lancia, di richiedere online il "Certificato d'Origine" della propria vettura.

Museo Storico Alfa Romeo - La macchina del tempo
Il museo è uno straordinario strumento di divulgazione della storia del marchio, e la sua nuova architettura ne ha rinnovato le funzionalità, adattandolo a nuove attività e a nuovi flussi di visitatori. I 69 modelli esposti sono stati selezionati in ragione del loro significato non solo relativamente allo sviluppo del marchio, ma anche quello del settore automobilistico in generale. In esposizione è possibile trovare il primo modello A.L.F.A. (24 CV), le leggendarie automobili vincitrici delle Mille Miglia come ad esempio la 6C 1750 Gran Sport guidata da Tazio Nuvolari, la 8C Touring, la Gran Premio 159 "Alfetta 159" (Campione del Mondo di Formula 1 con Juán Manuel Fangio al volante), la Giulietta, icona degli anni Cinquanta, e la gloriosa 33 TT 12. Il DNA del marchio è stato riassunto in tre principî: la "Timeline" rappresenta la continuità industriale; la "Bellezza" riunisce esempi di stile e design di ogni epoca; la "Velocità" mostra la sintesi tra l'ingegneria più raffinata e l'architettura leggera. Non manca poi il "Tempio delle vittorie", un altro volume dell'edificio nel quale uno spettacolo di immagini, suoni e filmati presenta i dieci più grandi trionfi della storia del marchio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Nuova gamma FIAT Panda/Pandina

Clicca: Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V La nuova gamma della Fiat Panda introduce importanti novità sul modello rendendolo conforme alle nuove normative sulla sicurezza. La nuova gamma Panda è ordinabile e nei prossimi giorni arriverà nelle concessionarie.  La nuova gamma mantiene un'offerta semplice, con la possibilità di scegliere tra l'allestimento base PANDA, con dotazione essenziale che si può arricchire con il Pack City e una versione top di gamma e full optional chiamata PANDINA, basata sulla precedente Cross, personalizzata con dettagli specifici e dotata di serie di tutti gli optional disponibili per il modello. Oltre alle nuove dotazioni di sicurezza, la dotazione della Panda viene aggiornata con sensori di parcheggio posteriori di serie su tutta la gamma, nuova strumentazione digitale con display da 7" a colori e schermate personalizzabili e il nuovo volante con comandi. Prezzi: - Panda Classic 15.900€ (di serie: sensori di parcheggio posteriori, stru

Numerose novità per Fiat Pandina

La nuova gamma Fiat Panda/Pandina è ordinabile, e oltre alle novità già citate ( CLICCA QUI ), va segnalata anche l'introduzione della nuova chiave con telecomando, che oltre alla funzione blocco e sblocco portiere e bagagliaio, ha in più la possibilità di accendere le luci. Questa funzione permette, ad esempio, di individuare facilmente il proprio veicolo in un parcheggio buio. Dal telecomando è possibile accendere le luci di posizione e delle luci anabbaglianti, per una durata massima di 90 secondi. Luci di svolta, questa funzione si attiva con luci abbaglianti accese a una velocità in inferiore a 40km/h. In caso di ampi angoli di rotazione del volante o di accensione degli indicatori di direzione, si accende una spia integrata nel fendinebbia, riferita al lato di svolta che amplia l'angolo di visibilità notturna. Sempre per quanto riguarda l'illuminazione, Pandina è dotata di luci abbaglianti con sistema AHB, cioè un sistema che gestisce automaticamente le luci abbaglian

Primo video ufficiale della NUOVA FIAT PANDA

 

Nuova Fiat 500 ibrida 1.0 FireFly 70cv 12V

La Fiat 500 ibrida arriverà tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026, come ha ufficializzato la Fiat. Si tratta della versione ibrida della 500e prodotta a Torino. Il motore scelto è lo stesso, ma aggiornato, delle Fiat Panda Hybrid e della 500 Hybrid prodotta in Polonia e appena uscita di produzione. Quattroruote ha ricevuto la conferma della presenza del tre cilindri 1.0 FireFly con cambio manuale da Olivier François, Ceo del marchio, e Francesco Morosini, Fiat & Abarth Head of Serial Life. Il motore tre cilindri N3 Firefly sarà prodotto a Termoli, mentre il cambio verrà realizzato a Mirafiori, dove nasce l'automatico eDct6. La nuova 500 ibrida monterà un 1.0 3 cilindri da 70cv e 95 Nm mild hybrid 12V abbinato a un cambio manuale a sei rapporti. La versione ibrida della 500e rimarrà in gamma almeno fino al 2029 e si baserà sulla piattaforma Stla City, nome utilizzato dalla Fiat per identificare la piattaforma della 500 elettrica, strettamente imparentata con quella della

Come funziona la tecnologia Mild Hybrid a benzina di Fiat Pandina e Fiat 500 ibrida

La Fiat Panda, la Fiat Pandina ( Clicca qui e scopri le numerose novità per FIAT Pandina ) e la nuova Fiat 500 ibrida, in arrivo tra la fine del 2025 e l'inizio del 2026 (Panda/Pandina sono prodotte a Pomiglianod’Arco - Napoli, mentre 500e e 500 ibrida è e saranno prodotte a Torino Mirafiori), sono e saranno dotate di tecnologia Mild Hybrid. Il propulsore Mild Hybrid a benzina, che raccoglie l’eredità del celebre motore Fire prodotto in più di 30 milioni di unità, prevede la configurazione da 1 litro a 3 cilindri ed eroga 70 CV (51,5 kW) di potenza massima a 6.000 giri/min e 92 Nm di coppia massima a 3.500 giri/min. La testata presenta 2 valvole per cilindro e un singolo albero a camme con variatore di fase continuo (la distribuzione è a catena); la struttura con camera di combustione compatta, i condotti di aspirazione “high-tumble” e la valvola EGR esterna consentono l’adozione di un rapporto di compressione particolarmente alto (12:1) che si traduce in un’efficienza termica elev

Fiat festeggerà i suoi 125 anni con la nuova Panda

La nuova Fiat Panda è più grande dell’attuale modello, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per i clienti di tutto il mondo, nel traffico urbano e allo stesso

Entro il 2026 vedremo 3 nuove Fiat, 2 Alfa Romeo e la Lancia Gamma

Stellantis ha ufficializzato alcuni modelli Fiat, Lancia e Alfa Romeo in arrivo entro il 2026. Per Fiat sono previsti 3 modelli tra il 2024 e il 2025 su piattaforma Smart Car. La prima la vedremo l'11 luglio 2024. Su piattaforma STLA Large vedremo due Alfa Romeo, una nel 2025 e l'altra nel 2026. Mentre su piattaforma STLA Medium vedremo nel 2026 la nuova Lancia Gamma, che sarà prodotta a Melfi.

Nuova nomina per Luca Napolitano

Luca Napolitano viene nominato Chief Sales & Marketing Officer, mantenendo la sua attuale responsabilità come CEO del brand Lancia. Luca sostituisce Thierry Koskas, che dopo aver gettato con successo le fondamenta della funzione di vendita e marketing globale, dedicherà ora la sua competenza nelle vendite e nel marketing all’espansione del brand Citroën. Luca porta la sua esperienza nel settore automobilistico e la competenza nelle vendite ai clienti flotte e privati, nella gestione dei concessionari e nello sviluppo della rete, qualità maturate durante gli incarichi svolti in diversi paesi in Europa, Medio Oriente e Africa.

Con l'arrivo della nuova Fiat 500 ibrida a Termoli aumenterà la produzione di motori

Stellantis ha deciso di potenziare la produzione di componenti Ics nello stabilimento di Termoli (Campobasso), grazie alla decisione di sviluppare la nuova Fiat 500 ibrida (prodotta a Torino - Mirafiori) per l'avvio commerciale a fine 2025, inizio 2026 e di estendere la vita commerciale della Fiat Panda ibrida (prodotta a Pomigliano D'Arco - Napoli) fino al 2029. Lo precisa un portavoce delle gruppo. Stellantis ribadisce "l'importanza dello stabilimento di Termoli per la produzione di motori endotermici per i veicoli del gruppo, portando avanti la strategia di riduzione della CO2 e garantendo la transizione".

Fiat Panda e Fiat 500: Icone dell'Industria Automobilistica Italiana, prodotte a Pomigliano d'Arco e Torino

Le Fiat Panda e Fiat 500 sono tra le più celebri e rappresentative vetture prodotte in Italia. Simboli di innovazione, design e praticità, entrambe le auto hanno lasciato un segno indelebile nella storia dell'automobilismo italiano e internazionale. Questo articolo esplorerà le caratteristiche principali di queste due icone, la loro evoluzione nel tempo e il loro impatto sulla cultura automobilistica. Fiat Panda: La Compatta Versatile Origini e Evoluzione La Fiat Panda ha fatto il suo debutto nel 1980. Progettata da Giorgetto Giugiaro, la Panda era pensata come una vettura economica e funzionale, ideale per le esigenze quotidiane. La semplicità del design, combinata con la robustezza e la versatilità, l'ha resa immediatamente popolare. La Panda ha attraversato diverse generazioni: Prima Generazione (1980-2003): Caratterizzata da linee squadrate e soluzioni pratiche come i sedili completamente reclinabili e la plancia spartana, ha introdotto innovazioni come la versione 4x4, mol