Fedeli: aggiornamenti retroattivi per infotainment di Giulia e Stelvio, elettrificazione, Giulietta non può essere abbandonata e la trazione posteriore sul modello è una delle opzioni. Impegno in F1


Facebook - Instagram - YouTube- redazionewm@outlook.com © FCA Italy: società italiana del gruppo FCA - Fiat Ambassador - GallottiAuto.it VA Tel 338 62 99 055 (Km0 Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Abarth, Fiat Prof)






L'impegno di Alfa Romeo in Formula 1, non vuole essere limitato alla sponsorizzazione o al rebadging del motore Ferrari: deve in definitiva significare un vero e proprio scambio tecnico tra il mondo delle monoposto e delle vetture stradali. Se c'è qualcuno che è in grado di gestire la collaborazione tra le due sfere, è Roberto Fedeli, che ha lavorato per 26 anni alla Ferrari. Il 57enne italiano è stato infatti responsabile delle vetture da strada, tra il 2004 e il 2007, prima di diventare, tra il 2008 e il 2014, vicepresidente senior della tecnologia alla Ferrari. Trasferimento di tecnologie dalle competizioni alle auto stradali. Ha racconato questo e molto altro a revueautomobile.ch.


Roberto Fedeli: su Stelvio Quadrifoglio abbiamo cercato di colmare alcuni dei ritardi registrati su Giulia, specialmente nel campo dell'infotainment. Il sistema presentato sullo Stelvio Quadrifoglio è completamente diverso da quello presentato su Giulia e Stelvio, e sarà possibile fare un aggiornamento retroattivo. Questo sistema aggiornato, che continua a funzionare tramite il controllo rotativo, offre una grafica migliore e una connettività estesa tramite Android Auto e Apple Car Play. Questo apre nuove possibilità, dal momento che saremo in grado di sviluppare le nostre applicazioni.

Su cosa state lavorando?
Lo sveleremo durante la presentazione del nuovo piano quinquennale, che verrà svelato nella primavera del 2018 da Sergio Marchionne. Noi, nel dipartimento tecnico, dobbiamo in ogni caso continuare lo sviluppo delle tecnologie. Questi sono, guardando al futuro, necessità di migliorare le prestazioni, la telematica e gli aiuti elettronici, al fine di trasmettere ai clienti più sensazioni. Ad esempio, le soluzioni di elettrificazione su cui stiamo lavorando devono essere sempre sviluppate pensando al piacere di guida. Anche i dispositivi di infotainment devono esprimere il DNA di Alfa Romeo e consentire più interazioni con il cliente. Incontrerò i funzionari Apple per future collaborazioni.
Certo, dobbiamo anche aumentare le nostre prestazioni, sviluppo di motori, cambi e sospensioni. Stiamo preparando tutta una serie di elementi in modo che possiamo essere sul mercato nel più breve tempo possibile, il giorno in cui un modello riceve il semaforo verde. In ogni caso, i segmenti che attualmente occupiamo non devono essere abbandonati. È impossibile non immaginare un modello Alfa Romeo come la 4C, o una di queste tipo. Inoltre, con il nostro ritorno in F1, è ancora più coerente avere modelli sportivi. Non posso dirti se sarà 4C o qualsiasi altra cosa, ma dobbiamo continuare a farlo. Abbiamo le capacità per farli. Anche la Giulietta non può essere abbandonata; il piano rivelerà il tipo di architettura che utilizzerà. Dovremo anche segnare la nostra presenza nei segmenti superiori, come nel segmento E, con un modello più grande e più efficiente. Lavoriamo su tutti questi scenari. Fortunatamente, la piattaforma Giorgio ci offre flessibilità, su e giù. Una Giulietta con trazione posteriore è una delle opzioni.
Riutilizzeremo tutta l'esperienza acquisita finora per realizzare modelli più piccoli. Per fare auto, devi avere alcune abilità e svilupparne altre. In particolare, con l'esperienza di Giulia e Stelvio, abbiamo imparato che dobbiamo diventare i migliori al mondo su alcuni punti, specialmente sulle simulazioni. Grazie a loro, possiamo ridurre il tempo di arrivo sul mercato ed essere più veloci. Lavoriamo in modo molto diverso dai tedeschi, che stanno pianificando i prossimi 10 anni. Dal momento in cui decidiamo di creare un modello, dobbiamo arrivare sul mercato tra un anno. È il nostro modello di business, che sia giusto o sbagliato. Ognuno sceglie il proprio modo di essere competitivi. Migliorare le simulazioni non significa solo sviluppare risorse informatiche, ma anche guidare simulatori e migliorare i collegamenti tra i simulatori di guida e il banco prova motore. Dobbiamo anche essere i migliori al mondo sui controlli elettronici. Penso che in futuro l'hardware tenderà ad essere sempre più simile tra i concorrenti; quindi, l'unico modo per essere diversi dagli altri e identificare le peculiarità sarà agire sui sistemi elettronici. Queste competenze, che dobbiamo avere all'interno dell'azienda, ci consentiranno di essere i migliori per sviluppare automobili secondo i nostri standard.

Cosa cambierà l'avventura in Formula 1 per te e il tuo team?
È una grande opportunità! Durante i 26 anni in Ferrari, ho partecipato a molti trasferimenti di tecnologia dalle vetture di F1 e GT, cercando di essere i primi sul mercato. La F1 è un laboratorio tecnologico, almeno come lo comprendiamo. Se la F1 continuerà ad essere la culla dello sviluppo tecnologico, si prenderà in considerazione alcuni trasferimenti indiretti per vetture stradali, tra cui l'integrazione tra i motori elettrici e a combustione. Questo sarebbe un modo per avere studi preliminari su cosa succederebbe sui modelli di serie. Potremmo considerare di avere persone del team di F1 che lavorano sulle auto o, al contrario, integrare elementi interni nel team di F1. Viviamo tutti nell'area di Modena e la nostra competitività migliorerà sempre di più.

Quindi ci sarà la tecnologia Alfa Romeo sull'auto di F1?
Sì, ma ci vorrà del tempo. Questo è il nostro obiettivo, altrimenti non saremmo impegnati in F1.

I PIU' LETTI - ULTIMI 7 GIORNI