La rabbia dei concessionari


I concessionari ufficiali del gruppo FCA sono stufi dei continui porte aperte, che praticamente ci sono tutto l'anno.
Molti concessionari scelgono di NON aderire alla politica dei "Porte Aperte" poichè ritengono che la Domenica sia un giorno dedicato al riposo e alla famiglia.

Come molti altri, anche i concessionari chiedono a gran voce gli attesissimi nuovi modelli, di cui non si hanno notizie su cosa e quando arriveranno.

Tra quindici giorni ci sarà il Salone di Ginevra. Vedremo quali novià saranno esposte (novità minori a livello di allestimenti, my e serie speciali), ma sopratutto vedremo se ci saranno anticipazioni attraverso le dichiarazioni dei manager e Sergio Marchionne.

Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusatemi perché avete bannato il mio commento??? Ormai la verità è percepita come un offesa... Pazienza

      Elimina
    2. i concetti si possono esprimere senza parolaccie e senza offese

      Elimina
    3. era ora cosi certi troll la finiscono di offendere e usare il blog come parco giochi dove provocare la gente

      Elimina
    4. da ora in poi chi si comporta male non viene pubblicato!!!

      Elimina
  2. Incredibile Matteo questa situazione… fai bene a scriverne.
    Innanzitutto è ridicolo fare un porte aperte quando non hai niente di nuovo da far vedere. I costi aggiuntivi sono tutti a carico dei concessionari che fanno bene a non aderire. Non li invidio per niente a vendere auto di FCA. Il boss del gruppo sta chiaramente prendendo una strada di politica commerciale che esclude l’Europa dal core business. Alfa è messa in stand-by, Maserati pure (poi fa numeri minuscoli) Lancia… R.I.P. Fiat…. Ha la gamma più vecchia del continente e la vuole ridimensionare. A Ginevra non mi aspetto grandi parole. Se annuncia qualcosa è per illudere i pochi che ancora gli credono. Se cancella qualcosa allora è sincero. Io prima o poi mi aspetto che congeli new Panda e 500 perché non trova il partner con cui progettarle e quindi per il momento “non remunerative”. Mi spiace ma i segnali (tanti) dicono che va in questa direzione.
    A proposito di Ginevra… perché non organizziamo un pullman PAI e ci facciamo una gita al Salone?

    RispondiElimina
  3. ..Una bella leggina che limiti le aperture domenicali nel commercio. Un' apertura al mese per punto vendita. Ovviamente non è un problema di FCA ma di tutti i marchi generalisti. A questo si aggiunge che diverse aziende non retribuiscono i dipendenti facendogli recuperare il giorno di riposo in settimana.
    Marco S.

    RispondiElimina
  4. ...e comunque le grosse aziende commerciali del settore auto sono aperte la domenica indipendentemente dai porte aperte ufficiali.
    Marco S.

    RispondiElimina
  5. Bene o male, a parte nel periodo estivo (salvo la presentazione di modelli nuovi), mi pare che parecchi concessionari, di qualunque marca, siano aperti spesso la domenica.
    Probabilmente sarebbero meno arrabbiati, se avessero delle novità da far vedere e toccare con mano ai clienti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Passione Auto Italiane: Facebook e Instagram
redazionewm@outlook.com
fiat500club.blogspot.com
passioneautoitaliane.com
Jeep: leautodimatteo.passioneautoitaliane.com
passioneautoitaliane.it
alfaromeoclub.passioneautoitaliane.com
Instagram: Matteo_Volpe_Passione_Auto_Italiane

ISCRIVITI CLICCANDO SULLE 3 LINEE IN ALTO A SINISTRA
(HOME PAGE)

Post popolari in questo blog