Avanti con Fiat Panda e 500 con nuovi modelli


Sergio Marchionne non ha usato giri di parole: per quanto riguarda i programmi di FCA, verranno comunicati fra pochi mesi, il prossimo primo giugno, alla presentazione del nuovo piano industriale. Il numero uno di FCA non ha rinunciato a dire la sua, concedendo qualche anticipazione sul futuro del marchio Fiat. In Europa segue la politica del gruppo, quindi più che i volumi di vendita, l’obiettivo è tenere sempre dei buoni margini di guadagno su ogni vettura venduta. Il marchio Fiat sarà meno presente, si darà più spazio a quelli che si possono definire dei “sotto brand”, ovvero 500 e Panda. Per quest’ultima Marchionne è soddisfatto dei risultati raggiunti ed è in cantiere la sua erede, che arriverà tra il 2019 e il 2020 come ha annunciato lo stesso AD, dicendo che tornerà in Polonia. Non è detto si limiti a un solo modello come oggi. Anche la famiglia 500 sta conoscendo un costante successo e l’offerta verrà implementata con nuovi modelli.

Si sa che l'erede della Punto è stata definitivamente bocciata (a gennaio l'AD non chiudeva la porta all'ipotesi di portare la Argo in Europa), mentre a giugno si vedrà cosa succederà a Tipo, 124, Qubo e Doblò (anche se questi ultimi due al massimo rimangono solo come Fiat Professional). La 124 è stata fatta perchè ormai avevano accordi con Mazda, ed evitando di fare l'Alfa Romeo Spider su una base giapponese, hanno optato per la 124 Spider.

Da quello che ha detto Marchionne avremo
Panda
Panda 4x4
Panda Cross
Pandone (Crossover di segmento B razionale)?

500
500 5p (al posto di Ypsilon)
500X
500L?
Altre?

Un po poco, ma Marchionne ha dichiarato che Fiat in Europa viene ridimensionata a ciò che va e fa guadagnare. La Panda, spostandola in Polonia, oltre ad andare farà anche guadagnare di più rispetto alla produzione a Pomigliano. Dove sono previsti altri modelli. 

Se Fiat, secondo Marchionne, deve essere ridimensionata, vuol dire che per Lancia non ci saranno speranze. 

Commenti

  1. Amarezza e delusione indicibili.. La mia personale passione al brand é a questo punto solo legata alla politica del nuovo AD, altrimenti cesserà, se non altro perché dopo 120 anni di sudore e ingegno italiani non ci sarà proprio "fisicamente" più nulla a cui essere appassionati......

    RispondiElimina
  2. Leggo molto catastrofismo in giro, in fondo non è stato annunciato nulla di diverso da tutte le altre interviste: si punta su quello che fa soldi quindi oltre al brand 500 (dai prezzi, quindi dai ricavi per singolo modello più alti) ogni altro singolo modello Fiat verrà fatto solo se remunerativo. Ma ragazzi ciò non significa che non verrà fatto nient'altro!!! Bisogna ragionare a mente fredda come Marchionne, non in modo emotivo.

    Passiamo ai modelli:
    - Fiat ha bisogno come l'aria di una segmento b e marchionne ha detto che la punto non avrà un'erede... e se questa nuova segmento b semplicemente non si chiamerà punto? Qualcuno ci ha mai pensato anziché brontolare di qua e di la tra un commento e l'altro?
    - suv b, non è stato detto niente da marchionne, ma, dati alla mano, è uno dei segmento dove si guadagna di più... (rileggete quello che ho scritto sopra.)
    - suv c e suv d, PAI stesso ha scritto ben tre articoli parlandone... le sue fonti son farlocche? Non penso. Tra l'altro Chrysler sta sviluppando i medesimi modelli, quindi perché non condividerli? Ribadisco che nella mia testa l'opzione migliore è farli a marchio Lancia (si, Lancia potrebbe rinascere coi suv e si Lancia sarebbe ancora sviluppata insieme a Chrysler) in modo da renderli meglio costruiti nelle finiture e nei dettagli e poterci guadagnare di più! L'ammiraglia di Fiat deve rimanere la 500X, nei segmento più alti è sempre sempre stata bastonata dalle altre. Pensate alle nuove Volkswagen e alle nuove Peugeot... I suv c e d di fiat non avrebbero senso fuori dall'Italia! Chiamatemi matto e ripetitivo ma Lancia PUÒ sopravvivere. Solo il giorno in cui diranno che chiudono il marchio dirò che sono stati ciechi.

    Io credo nel loro lavoro e anche se non sbandierano ai quattro venti quello che intendono fare, gli ingegneri e i designer e i manager continuano a lavorare! Gli operai sono in cassa integrazione, ma di ingegneri ne stanno assumendo...
    Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me Lancia potrebbe essere proposta insieme con Chrysler, ovviamente progettando le auto in modo che possano piacere sia in Usa che in Europa. Per Fiat invece vedo bene l'accoppiata con Dodge, come già in parte avviene in qualche mercato. Il brand 500 deve essere un marchio non isolato come Mini, ma una declinazione unica di Fiat, delle special, delle Fiat "original" non rimarchiabili con altro. Nella prossima gamma 500 eviterei la pur ottima L declinandola tra le Lancia/Chrysler, con un design ancora più crossover di adesso (negli Usa andrebbe solo con un passo allungato).
      Guardando le altre case costruttrici negli Usa, si nota che offrono auto di praticamente tutti i segmenti. per esempio guardando in casa GM, dalla segmento A della Chevrolet Spark, agli enormi pickup Silverado 3500 HD, passando da berline e crossover/suv. Facendo una similitudine, Dodge (Usa/Canada/Messico, Medio Oriente, forse Cina, mentre Fiat in SudAmerica, Europa, Africa, India, Giappone,,,) potrebbe proporre addirittura dalla Panda, passando da Argo, Cronos, Tipo/Neon, nuovo Caliber (Tipo crossover 5 e 7 posti, derivati dal Compass), nuovo Journey/Freemont derivato dallo Cherokee, nuovo Durango derivato da Stelvio ecc. fino ai Ram (Moby pickup, Strada, Toro, Dakota/Fullback, 1500, 2500 e 3500...)
      GM ha poi il brand Buick, al quale Fca potrebbe contrapporre Chrysler /Lancia con Crossover spaziose e qualche berlina, comprese Y e Delta...

      Elimina
  3. Va bene tutto, ma è normale che se non proponi modelli, poi non vendi.
    Che politica sarebbe, quella di rovinare un marchio storico come Fiat?
    Spero almeno che 500 5p, sia bella e pronta, altrimenti aspettare altri due anni, sarebbe un disastro.

    RispondiElimina
  4. Comprendo lo sdegno. Io sinceramente mi sento preso per il culo… Come fa Marchionne a dire che la Fiat non ha più appeal e va ridimensionata quando sotto la sua dirigenza non si sono viste novità? In 14 anni niente Punto, niente suv, solo le 500 e la misera Tipo pensata per i mercati emergenti e venduta in Europa a prezzi stracciati… per non parlare della 124, modello nato solo per l’obbligo di rispettare il patto con Mazda…. E Lancia poi? Dice che nessuno la caga più ma cosa ha provato a fare per rilanciarla? La Delta? Una semi station che non ha nulla a che fare con la mitica regina dei rally? La Y che è una Pandina con il trucco venduta come un gioiello? O una Thema, un Voyager ed una Flavia, ridicoli mostri ricavati da modelli vecchi di anni e pensati per il mercato americano? O la terribile agonia di Alfa che ad ogni piano industriale veniva proclamata futura regina del segmento sportivo di lusso e adesso con la scusa che la Cina non tira più si ritrova con due modelli privi di sviluppo e nessun allargamento della gamma???? Io dico che di auto non capisce una fava e non le sa neppure fare. Ha solo avuto un culo enorme a trovarsi in piena moda suv con la Jeep che gli permette di fare utili senza grandi sforzi. Com’è che va in giro con la Delta Integrale o la Stratos e non usa la “sua” Flavia cabriolet per fare lo sborone in Svizzera?

    RispondiElimina

Posta un commento

Passione Auto Italiane: Facebook e Instagram
redazionewm@outlook.com
fiat500club.blogspot.com
www.passioneautoitaliane.com
Jeep: leautodimatteo.passioneautoitaliane.com
www.passioneautoitaliane.it
alfaromeoclub.passioneautoitaliane.com
Instagram: Matteo_Volpe_Passione_Auto_Ita

ISCRIVITI CLICCANDO SULLE 3 LINEE IN ALTO A SINISTRA
(HOME PAGE). Li puoi fare una donazione a Passione Auto Italiane

Post più popolari degli ultimi 30 giorni

Arriva il "Piano Italia" di FCA. Il marchio Fiat verrà rilanciato. Piena occupazione in Italia

Nuovi motori ibridi a Pratola Serra