Alfa Romeo è Sponsor del Giro d'Italia 2018. OFFICIAL CAR


Tra 22 giorni, da Israele, partirà il Giro d'Italia 2018, e Alfa Romeo è sponsor della gara ciclistica a tappe più amata al Mondo in qualità di OFFICIAL CAR.
Fiat è tornata nel ciclismo. Alla Tirreno Adriatico 2018 era presente in qualità di sponsor. La giuria aveva in dotazione le 500X. Mentre la Shimano, per le sue ammiraglie, ha le Tipo Station Wagon.



Commenti

Nicola ha detto…
era ora! il Giro d'Italia è una vetrina mondiale molto importante
Nicola ha detto…
come dici tu il Giro è il più amato, ma il Tour è la gara ciclistica a tappe più importante del Mondo. Speriamo che saranno anche li
Sandro ha detto…
quindi la giuria avrà o la Giulietta, o la Giulia o lo Stelvio. Mi ricordi le edizioni in cui l'auto ufficiale era la Fiat Marea e il medico di gara aveva la Punto Cabrio
Gian ha detto…
finalmente! sopratutto al Giro d'Italia è meglio vedere i nostri marchi
Bobby ha detto…
Avevo visto sul sito qualche settimana fa, che lo sponsor (official car), sarebbe stato il marchio Fiat.
Evidentemente FCA, ha poi deciso per Alfa Romeo. Bene.
L'importante è l'aver mandato a casa Skoda.
Ora sul sito ufficiale, c'è come "official car" Alfa Romeo :)
Yes
http://www.giroditalia.it/it/sponsor/
Però fino all'anno scorso l'auto ufficiale era Honda
fabio ha detto…
In Marocco, usano la Giulia e Stelvio quadrifoglio come safety car per i campionati granturismo dove corrono auto di segmento C..... lo sapevate???
Ci farebbe piacere una Giulia qv come safety car anche in F1 al posto delle noiose e dominanti mercedes che fanno da oltre 10 anni quel ruolo.......
fabio ha detto…
Alfa romeo 4c safety car in Sepang...
Bobby ha detto…
Peccato che al Tour de France, ci sarà ancora Skoda... :(

Post popolari in questo blog

Prodotta la 2 milionesima Fiat 500

Marchionne: con il nuovo piano è tempo di investire nei prodotti. Già da quest'anno

La piena occupazione in Italia si raggiungerà con i nuovi modelli Alfa e Maserati. Fiat sarà un marchio specializzato in modelli piccoli

Fca e sindacati, accordo per Mirafiori. Nuovo modello per Torino