Niente Fiat 500X Plug-in per motivi di prezzi alti



A livello di posizionamento in gamma, la strategia di FCA è quella di rendere le plug-in i nuovi modelli di punta. La scelta è figlia di considerazioni commerciali piuttosto ineludibili. Si stima un aggravio di prezzo, che sarebbe difficile da giustificare nelle regioni medio-basse della gamma.

Per questo ragionamento di ordine economico, non ci sarà il plug-in sulla Fiat 500X. Considerata la comunanza completa della piattaforma, non sembrano esistere degli ostacoli tecnici. Ma la “cugina” italiana delle Jeep Renegade e Compass, rispetto alle quali si è ritagliata uno spazio di mercato su un gradino inferiore di prezzo, potrebbe non contemplare nella sua offerta una variante con listini significativamente superiori. A lei è quindi destinato l’ibrido leggero a 48 volt.

Presso lo stabilimento di Termoli sarà sviluppato un nuovo modulo motore ibrido. Lo sviluppo del nuovo GSE/MHEV (Mild Hybrid) farà nascere la 500X Hybrid, che sarà prodotta a Melfi dal 2021. Non è chiaro di quale motore si tratta, maggiori informazioni arriveranno prossimamente.

Commenti

  1. Benvenuti nel sito di Passione Auto Italiane completamente rinnovato

    RispondiElimina
  2. Ormai il marchio Fiat è morto, una volta si sogna che il marchio faceva le spider e coupè ora siamo ridotti a sognare di avere un'erede della punto per giunta su piattaforma francese, gli elkan hanno uccisp l'auto italiana.

    RispondiElimina
  3. Fiat è solo un marchio su una calandra!
    Ci lamenteremo ancora dei sabaudi e anche dei Peugeot perché loro comanderanno STELLANTIS!
    Spezzo una lancia.
    Tavares per salvare PSA cancello tutte le auto di nicchia e ridusse le gamme di ogni marchio .....ora Groupe PSA ha due piattaforme e cinque motori.
    FCA cosa porta oltre l'acredine verso i sabaudi?

    RispondiElimina
  4. Parole sante! Io personalmente con tutti i marchi di fca non vedevo proprio la necessità di una fusione, bisognava solo essere intraprendenti e sfruttare al massimo le caretteristiche dei singoli marchi con tecnologie proprie e invece ora tocca vedere sto schifo! Cmq mai più FCA passerò ad altro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna delle due avrebbe potuto investire adeguatamente nella evoluzione elettrica quindi hanno scelto di unirsi.
      Ci saranno altre aggregazioni in questo settore quindi c'è solo da sperare che partoriscano gamme di modelli piacevoli e all'altezza delle richieste del mercato.
      Hanno tutto quello che serve per questo periodo di transizione.
      Vediamo

      Elimina
  5. Non dimentichiamo che fine hanno fatto due aziende e marchi storici come Alfa Romeo e Lancia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la dimostrazione che in Italia è più difficile lavorare e produrre che in altre parti del mondo. La Ford prodice in Spagna e in Germania ma non in Italia, WW produce in Spagna, Slovacchia Germania me si guarda bene da produrrevin Italia. Siamo un oaese da scappare via.

      Elimina
    2. Veramente VW acquista molto da fornitori italiani...anche se non ci produce.

      Elimina
  6. Alfa e lancia sono stati fatti morire di proposito per agevolare la fiat sennò una giulia la 50 mila euro non si faceva.io avevo la vecchia giulia anzi ne ho avuto 3 ma costava 4150 mila lire anno voluto fare concorrenza alle tedesche ma Alfa Romeo aveva i suoi clienti ed erano tanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allo stato ogni Afa prodotta costava parecchio

      Elimina

Posta un commento

Facebook - Instagram - Google News