Musica, news e servizi digitali innovativi a bordo vettura: dalla partnership tra Stellantis e GEDI un “bouquet” di soluzioni per la mobilità connessa



Un’ampia scelta per soddisfare le esigenze delle differenti tipologie di clienti Stellantis

La collaborazione, coordinata per Stellantis dal team e-Mobility, si svilupperà in tre step successivi che porteranno al completamento dell’offerta entro la fine del 2021

Si parte con l’integrazione delle app di Radio Deejay, Radio Capital, Radio m2o nella piattaforma Fiat Link&Drive di Stellantis.

 


Stellantis e GEDI danno il via a una collaborazione con l’obiettivo di offrire servizi digitali innovativi agli automobilisti di oggi e di domani: destinatari saranno i clienti che utilizzano le vetture dei vari brand di Stellantis e che potranno usufruire di contenuti musicali e giornalistici a loro dedicati.

GEDI Gruppo Editoriale è il primo gruppo di informazione quotidiana in Italia, leader nella carta stampata e nel digitale con testate quali La Repubblica, La Stampa, dieci giornali locali e l’Espresso ed è inoltre uno dei principali poli radiofonici nazionali, che include un brand di assoluta eccellenza come Radio Deejay, oltre a Radio Capital e m2o. Grazie ai contenuti audio, podcast e video originali prodotti quotidianamente, GEDI metterà a disposizione della nuova partnership un ampio bouquet di servizi dedicati alle differenti tipologie di clienti Stellantis.

“Fil rouge” del progetto è il concetto di integrazione dei servizi, con particolare riferimento al mondo delle app, al quale il team e-Mobility Stellantis ha dato crescente peso fino ad oggi, visto il loro ruolo cruciale nell’esperienza degli automobilisti che guidano autovetture connesse.

La partnership tra i due gruppi si articolerà in tre “step” e partirà con l’integrazione delle app di Radio Deejay, Radio Capital, Radio m2o nella app Fiat Link&Drive, che sarà disponibile nelle prossime settimane per essere utilizzata dai clienti per interagire con la nuova 500 Action. La collaborazione si svilupperà quindi completamente entro la fine dell’anno includendo altri formati digitali come per esempio i podcast e l’informazione giornalistica delle testate quotidiane, nell’ottica di proporre servizi innovativi per la clientela “connessa”, sempre alla ricerca di soluzioni smart per poter essere costantemente aggiornata in tempo reale su quanto avviene nel mondo.

Commenti