Alfa Romeo apre le porte del nuovo headquarter



Alfa Romeo sceglie il Centro Stile come sede del nuovo headquarter, un luogo iconico e ispirazionale per il marchio, in cui la miglior espressione del design italiano si intreccia con una concezione evoluta degli spazi operativi all’insegna della condivisione delle idee e del lavoro di squadra.


 


Alfa Romeo continua a lavorare con impegno e passione per il proprio futuro, in modo da cogliere tutte le opportunità generate dalla nascita di Stellantis, quarto produttore di auto a livello mondiale, accelerando nella transizione verso il futuro professionale delle donne e degli uomini che animano il brand.

Nell’ultimo anno, lo scenario globale ha portato a ripensare le modalità di lavoro secondo canoni inediti, e il marchio ha dedicato le proprie energie all’apertura di un nuovo quartier generale capace di accogliere i dipendenti secondo una nuova concezione di spazi condivisi e aperti, che sin dalla loro architettura agevolano il lavoro di squadra, la diffusione delle idee, il confronto.


 


Un luogo di storia e di ispirazione


Questo ambiente è stato identificato nel Centro Stile di via Plava, un’area riqualificata dello stabilimento di Mirafiori che occupa gli spazi delle storiche Officine 83. Si tratta di un luogo iconico, con forti legami alla tradizione: del resto, in centodieci anni, la bellezza e il dinamismo sono sempre stati tratti distintivi di ogni creazione Alfa Romeo. Oggi tutto il team del Biscione può lavorare a stretto contatto con i designer che hanno creato, e creano, modelli entrati nella storia, così che la storia possa assumere ancor più marcatamente un valore ispirazionale.


 


Uno spazio in cui dall’esperienza nasce il futuro


Come accennato, la sede, appena rimodernata, è caratterizzata da ambienti ampi e luminosi, fortemente personalizzati secondo i canoni stilistici del brand e postazioni di lavoro appositamente studiate per favorire al massimo l’interazione e la cooperazione. Sono previsti, inoltre, spazi operativi all’aperto.

La nuova squadra Alfa Romeo, poi, ha contribuito a personalizzare gli spazi portando con sé oggetti legati alla storia del brand e alle proprie esperienze professionali, in un intreccio tra il passato, il coinvolgimento personale e le ambizioni future.

Commenti

  1. Speriamo di non avere disegni disgustosi come Peugeot o Citroën. Qualcuno ha notizie di Klaus Busse? È ancora con noi?

    RispondiElimina

Posta un commento

Facebook - Instagram - Google News - YouTube Matteo Volpe