Addio ai vecchi concessionari Fiat: arriva la disdetta



Per allinearsi ai cambiamenti normativi e alle evoluzioni dell’industria automobilistica, Stellantis ha deciso di modificare il suo modello di distribuzione in Europa, promuovendone uno più sostenibile, dinamico, snello, idoneo per tutti i suoi brand. I rappresentanti dei concessionari europei saranno coinvolti attivamente nello sviluppo dei piani futuri e della strategia applicata da Stellantis che, dal giugno 2023, aprirà la strada ad una nuova struttura di vendita. Alla fine di maggio sarà inviata una lettera di disdetta a tutta la rete che avrà due anni di tempo per aggiornarsi sulle nuove normative legate al modo di vendere, sia direttamente che on-line, con un programma globale di responsabilità sociale che aiuterà a sviluppare anche i prodotti futuri. La rete di distribuzione, potrà cosi essere selezionata, portando benefici ai clienti, adeguandosi al loro comportamento prima, durante e dopo l’acquisto di un auto, ormai completamente modificato.

Tutti i costruttori stanno già trasformando i propri piani legati alla commercializzazione dei modelli, i retailer moderni devono ragionare in un altro modo, in particolare per ciò che riguarda i veicoli elettrici. I consumatori sono sempre più esigenti e informati, il rivenditore rimarrà un attore chiave, come fornitore anche di servizi e dovrà gestire il cliente su diversi percorsi, impegnandosi in tutta la catena di soddisfazione. L’obiettivo è garantire maggiori ricavi al gruppo Stellantis e allo stesso rivenditore, nel breve e lungo termine, accelerando così lo sviluppo della mobilità elettrica e riducendo le emissioni di Co2. 

Commenti

  1. Era ora! Speriamo che finalmente avremo delle concessionarie serie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono concessionarie in cui ai venditori va spiegato che vendono auto. Molti non sanno perché sono lì

      Elimina
  2. Il problema é che nonostante tutti gli sforzi da parte del concessionario non si a alcun aiuto da parte della casa madre per risolvere i problemi come nel mio caso da ben 5 anni non si coccola così il cliente

    RispondiElimina

Posta un commento

Facebook - Instagram - Google News - YouTube Matteo Volpe