Fiat Professional apre l’ordinabilità del Nuovo Ducato 2021




Presso tutti i concessionari Fiat Professional in Italia è ora possibile ordinare il Nuovo Ducato di Fiat Professional.

Il modello è leader tra i veicoli commerciali in Europa nel 2020 grazie a 40 anni di innovazione continua a fianco dei clienti.

Forte di questa base, Ducato si rinnova per essere sempre un passo avanti alla concorrenza, unendo alle sue caratteristiche eccellenti di portata, volumetria, efficienza e flessibilità, l’innovazione basata su Connettività, Sicurezza, Comfort, Efficienza e Stile.

Con il lancio del Nuovo Ducato, si completa la gamma del modello, cui si era di recente aggiunto E-Ducato, il primo Ducato 100% elettrico.

 


Presso tutti gli showroom Fiat Professional si può ora ordinare il Nuovo Ducato 2021, giunto alla sua ottava serie. Il modello di punta della gamma Fiat Professional, lanciato nel 1981, porta splendidamente i suoi 40 anni e li ha celebrati alla grande già nel 2020, risultando il veicolo commerciale leggero più venduto in Europa.


 


Già best in class per capability grazie alla gamma “all forward” più ampia sul mercato, cui si è di recente aggiunto E-Ducato, il primo veicolo commerciale 100% elettrico di Fiat Professional, il Nuovo Ducato punta non solo a confermare il suo ruolo di leader, ma a migliorarsi per essere sempre pronto a ogni missione e a soddisfare tutti i bisogni di carico e mobilità dei suoi clienti, che gli riconoscono da sempre il primato per efficienza, flessibilità e un upgrade continuo, che gli ha consentito di diventare il veicolo commerciale più venduto in Europa dopo 40 anni di continui successi.


 


Con questo obiettivo nel mirino, Nuovo Ducato ribadisce la sua leadership e il suo essere sempre un “passo avanti” rispetto alla concorrenza puntando su tecnologia e connettività e rinnovando anche il design e l’aspetto generale degli interni. Una nuova configurazione interamente digitale della strumentazione interna, grazie al Full Digital Cockpit in grado di restituire con immediatezza e chiarezza le informazioni e gli avvisi più utili per il viaggio, dalla navigazione agli assistenti alla guida, offre un elevatissimo grado di flessibilità grazie alla riconfigurabilità ed alla interazione con il sistema di infotainment Uconnect, per adattarsi al meglio alle richieste del guidatore. A questo si aggiungono le nuove interfacce Uconnect con schermi fino a 10”, un sistema di radionavigazione completo al top della categoria che incorpora mappe TomTom 3D e interfaccia Apple Car Play/Android Auto con sistema wireless, attraverso il quale è possibile, con un semplice tocco, accedere ai controlli più importanti del veicolo. Completano l’offerta di nuove radio la Uconnect 7” sempre con interfaccia wireless Apple Car Play/Android auto e Uconnect 5”. Il design rinnovato degli interni viene arricchito da una plancia ridisegnata, un volante ed un pomello cambio nuovo, nuovi pannelli porta e comando del climatizzatore automatico.


 


Grazie all’architettura elettrica completamente rinnovata, Nuovo Ducato porta a bordo una nuova grande offerta di sistemi di Sicurezza e Assistenza alla guida, volti a migliorare l’esperienza su strada e rendere il Ducato un ambiente di lavoro o di svago più sicuro. Il Nuovo Ducato infatti si proporrà come il primo veicolo commerciale leggero con guida autonoma di livello 2 offrendo un range completo di Sistemi Avanzati di Assistenza alla Guida (ADAS) sia in marcia sia in fase di parcheggio, presto disponibili nei concessionari. Dal controllo della velocità a quello della frenata per gli ostacoli improvvisi come pedoni e ciclisti, dal riconoscimento dei segnali stradali al monitoraggio dell’attenzione di guida del conducente, fino ad arrivare al cruise control adattativo con funzione stop and go, al mantenimento della corsia di marcia ed al traffic jam assist, che mantiene un controllo attivo sulla traiettoria del veicolo, tenendo in considerazione le condizioni di traffico. L’utilizzo combinato di questi tre ultimi ADAS permette al Nuovo Ducato di raggiungere il livello 2 di guida autonoma in cui il veicolo assiste autonomamente il guidatore durante le operazioni di guida, accelerazione e frenata. Un risultato unico, mai finora raggiunto da un veicolo commerciale.


 


Completano la ricca dotazione di sistemi di ausilio alla guida ed al parcheggio il Digital Central Mirror che proietta in digitale, migliorandola, l’immagine posteriore sostituendo il retrovisore, il migliorato sistema ESC con Cross Wind Assist e Trailer Stability Control e l’Active Park Assist, l’assistente semi autonomo per le manovre di parcheggio in parallelo e perpendicolare.


 


Inoltre il boom e l’attesa affermazione, anche in futuro, dell’e-commerce e delle consegne a domicilio comportano nuove esigenze e richieste in termini di comfort alla guida. Nuovo Ducato offre la sua risposta con soluzioni pratiche e intelligenti come il Keyless Entry and Go per aprire e chiudere le porte della cabina e del vano di carico e avviare il motore senza chiave, il freno di stazionamento elettrico per ridurre gli ingombri in cabina e facilitare gli spostamenti, il sedile passeggero Eat and Work che, ribaltato, diventa un comodo spazio per lavorare o fare uno spuntino, il compartimento per ricaricare in modalità Wireless i cellulari o ancora le doppie prese USB di tipo A e C, la presa di corrente ad alta tensione a 230 V, pannelli porta più ampi e capienti, il parabrezza riscaldato con resistenze elettriche interne per un rapido sbrinamento del vetro o le sospensioni pneumatiche autolivellanti, per abbassare la soglia di carico facilitando le operazioni di carico e scarico.


 


Sedili dal look più moderno e con nuove imbottiture offrono più spazio e comodità, il nuovo servosterzo elettrico su tutta la gamma diventa più preciso e maneggevole in ogni condizione di marcia e di portata ed il volante più piccolo e dal diametro di sterzata ridotto ridefiniscono il concetto di comfort all’interno della nuova cabina del Ducato, a tutto vantaggio dell’ergonomia e della riduzione dello stress per conducenti e passeggeri sottoposti a impegni lavorativi sempre crescenti.


 


Anche in termini di motorizzazioni, Nuovo Ducato conferma la sua tradizionale esperienza nel mondo dei veicoli commerciali leggeri rinnovando completamente la gamma motori sviluppati secondo le normative Euro 6D-Final e ampliando la gamma disponibile con omologazione Heavy Duty. I nuovi motori diesel Multijet3, basati sulla esclusiva e nuova architettura H3 power sviluppata interamente in casa Stellantis, raggiungono la terza generazione e consolidano i loro punti di forza, offrendo una migliore efficienza grazie al peso ridotto (a tutto beneficio della portata) e alla diminuzione dei consumi e delle emissioni di CO2 (fino a -7%, risultato Best in Class). Viene inoltre incrementata la durabilità, caratteristica fondamentale per un motore dedicato all’utilizzo gravoso tipico dei veicoli commerciali e il comfort, grazie ad una maggiore elasticità e minore rumorosità rispetto alla generazione di motori precedenti. La gamma si articolerà tra quattro livelli di potenza (120, 140, 160, 180 cavalli) con un nuovo migliorato cambio manuale a 6 marce, disponibile su tutti e quattro i livelli ed il sempre apprezzato cambio automatico “9Speed” a 9 rapporti, disponibile sui livelli di potenza 140, 160 e 180 cavalli. La gamma Heavy Duty, a disposizione sui tre livelli di potenza più elevati, con cambio manuale ed automatico, completerà l’offerta di motori disponibili, mantenendo la stessa coppia delle versioni light duty, già best in class con i 450 Nm del motore più potente. “One mission, one engine” con in tutto 13 combinazioni differenti di gamma per adattarsi al meglio delle specifiche mission.


 


E poiché anche l’occhio vuole la sua parte, i designer del Centro Stile hanno prestato particolare cura nel ridefinire le linee del Nuovo Ducato e l’ergonomia degli interni, particolarmente nel frontale che ora presenta un look deciso, al cui centro campeggia il nuovo ed iconico badge Fiat che sottolinea con orgoglio l’appartenenza al marchio italiano, per un veicolo prodotto nello stabilimento di Atessa. Analogamente griglia, riparo motore e skidplate sono stati ridisegnati per fornire un’impressione di omogeneità stilistica al passo coi tempi. Quello che però colpisce immediatamente è il design dei nuovi proiettori con tecnologia Full Led ad alte performance. I gruppi ottici sono divisi in tre parti, con la sezione inferiore dedicata al guida luce a led che evolve la “firma” luminosa caratteristica del Ducato. I tre gruppi ottici centrali hanno un look decisamente sportivo e forniscono il 30% in più di luminosità rispetto ai classici fari alogeni. Infine la parte superiore è dedicata all’indicatore di direzione, rinnovato anch’esso nello stile con guida luce a Led con accensione a scorrimento, un effetto molto apprezzato e utilizzato tra le auto e portato qui sui veicoli commerciali. Per completare il lavoro compiuto sullo Stile, è stato introdotto il nuovissimo colore di lancio Grigio Lanzarote, che sottolinea il carattere “avventuroso” del Nuovo Ducato ed è dedicato in particolare ai clienti del settore ricreativo.


 


Inoltre, per offrire il massimo della personalizzazione, per Nuovo Ducato 2021 è stata studiata una strategia di pacchetti di dotazioni declinati nelle tre configurazioni Easy, Business e Lounge, sempre più ricchi. Queste tre configurazioni sono ulteriormente personalizzabili grazie ad altri pacchetti addizionali con contenuti ADAS, funzionali ed estetici come il Trekking, ognuno studiato per rendere Nuovo Ducato un veicolo “fit for every mission” e tagliato su misura per i bisogni del cliente. 


 


La connettività di Mopar per il Nuovo Ducato


Infine, il Nuovo Ducato rappresenta lo stato dell’arte per quanto riguarda la possibilità di mettere e mantenere in connessione costante i tre protagonisti del mondo automotive: costruttore, concessionario e cliente finale. Un approccio win-win che ha effetti positivi per tutti, grazie alla continua raccolta di dati comuni che permette offerte personalizzate, risparmi nei costi di gestione e assicurazione, una crescente fedeltà al punto vendita e così via. La porta di accesso a questo mondo è il sistema Uconnect che può essere arricchito a diversi livelli: grazie agli Uconnect™ Services e all’app FIAT sarà infatti possibile gestire e monitorare il proprio mezzo direttamente dai propri devices, ovunque e in qualsiasi momento. I servizi disponibili sono tantissimi, come l’assistenza a distanza, la navigazione intelligente, i comandi da remoto, la gestione di flotte e molto altro. Si crea così un circolo virtuoso in cui tutti gli attori beneficiano dei vantaggi di un’attività svolta in costante contatto e condivisione, grazie alle principali funzionalità offerte, a partire da My Assistant, che garantisce sicurezza e assistenza durante i vari spostamenti, assicurando un supporto geolocalizzato in caso di incidente o guasto. Inoltre ogni mese prevede l’invio di un report sulle condizioni del Nuovo Ducato, con indicazioni su come prendersene cura al meglio.


 


My Remote permette invece di interagire con il proprio mezzo anche a distanza, bloccando e sbloccando le porte, verificando la posizione, impostando degli avvisi per velocità, aree e fasce orarie. Inoltre, se si dispone di un assistente vocale, sarà possibile inviare indicazioni direttamente in vettura e ottenere informazioni sullo stato del mezzo con semplici richieste a voce.


 


My Car è l’app dedicata a monitorare in qualsiasi momento lo stato di salute del proprio Ducato, come il livello di carburante, la pressione degli pneumatici, il contachilometri e di ricevere notifiche dirette su manutenzione o riparazione.


 


Grazie a My Navigation si può raggiungere qualsiasi destinazione velocemente e senza stress, con informazioni sul traffico, meteo e autovelox in tempo reale. Le funzionalità Send&Go, Ricerca Parcheggio e Stazione di Rifornimento consentono di ottimizzare i tempi: per esempio una volta ricercata la destinazione su App, potrà esser inviata al Navigatore in un click e durante il viaggio sarà possibile visionare le stazioni di rifornimento e i parcheggi disponibili. Inoltre grazie alla funzione “over the air”, le mappe saranno sempre aggiornate, senza doversi recare in officina.


 


My Wifi, con il servizio di Wi-Fi Hot spot, consente di collegare fino a 8 dispositivi e di usare i servizi di Amazon Alexa Voice Service a bordo. Per essere avvisati in caso di tentato furto e ricevere assistenza in caso di veicolo rubato è disponibile il pacchetto My Alert.


 


Infine è disponibile il tool My Fleet Manager pensato per semplificare la gestione delle flotte aziendali con la massima efficienza e sicurezza, grazie a strumenti avanzati per monitorare, pianificare e analizzare i propri veicoli.


 


La connettività offerta dal Nuovo Ducato permette inoltre di integrare i dati telematici del veicolo ed i comandi remoti anche con soluzioni dei clienti già in essere, così da garantire il massimo dell'interoperabilità.

Commenti

  1. Questo simpatico furgone è arrivato nel 2014, ( ed era già un restyling di quella generazione ), a conti fatti ad oggi sarebbe dovuta uscire la nuova generazione, ma come al solito hanno spacciato un ulteriore restyling facendo credere chissà cosa per ciò che è semplicemente il nulla assoluto...non oso immaginare quanti anni passeranno prima di vedere il vero Nuovo Fiat Ducato, sperando che non diventi francese anche quello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nuovo Ducato sarebbe dovuto arrivare nel 2020

      Elimina
    2. Uno dei tanti progetti cancellati. Nulla di nuovo

      Elimina
  2. Qui c'è l'annuncio ufficiale del nuovo modello previsto nel 2020
    https://www.passioneautoitaliane.com/2018/01/primi-test-per-fiat-ducato-2020.html?m=1

    RispondiElimina
  3. Questo è l'esempio di come lavora bene Fiat con Peugeot e Citroen. Ora arriva anche in versione Opel e in base ai nuovi accordi con Toyota, dovrebbe arrivare anche in versione giapponese

    RispondiElimina
  4. Primo LCV con Liv 2 guida assistita....

    È un restyling tecnologico decisamente profondo....
    da considerarlo di nuova generazione.

    Per quello che si chiede se diventerà francese.....

    PSA collaborava con FGA/FCA nello sviluppo di Ducato fin dalla sua nascita.....quindi un po' di Francia è già presente da un pezzo.

    RispondiElimina
  5. a maggior ragione che dovrebbe arrivare la versione opel e toyota avrebbero dovuto lanciare una nuova generazione del ducato...contenti loro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' ma estetica a parte non si può dire che non sia stato rinnovato profondamente. Per motori, interni, tecnologia, contenuti... è nuovo. Solo esternamente sembra il solito Ducato

      Elimina
    2. Se si esclude il leggero lifting al frontale, per il resto è stato rinnovato completamente.
      Il rinnovo totale dei veicoli commerciali è più lento rispetto le auto, e vale per tutti i costruttori

      Elimina
    3. Clio è nuova...ma è difficilmente riconoscibile.
      Golf.....negli anni non è cambiata molto...
      Ducato esteticamente è uguale..... perché è un furgone e la praticità è il primo obbiettivo.
      Parlate della guida assistita livello 2 che è la vera novità in un veicolo commerciale.

      Elimina
    4. Che commento del cazzo... Clio e Golf sono modelli nuovi che hanno evoluto lo stile senza stravolgerlo. Oltretutto per Golf ha senso, per Clio hanno voluto mantenere uno stile che è piaciuto.
      Per Ducato è un secondo restyling. Il primo era principalmente sul design, mentre il secondo principalmente sui contenuti

      Elimina
    5. Potrei dire altrettanto del tuo....
      Come ti ho detto è un veicolo commerciale quindi votato alla praticità.
      È neccessario stravolgerlo per considerarlo nuovo?
      Lo hanno migliorato nelle emissioni, lo hanno dotato di adas .....cosa altro dovevano fare?

      Elimina
    6. Questo Ducato è del 2006, è lecito desiderare il modello nuovo??? O è vietato?

      Elimina
    7. E del 2006!!!!
      Nuovi motori, nuovi interni, muso ridisegnato nel cofano e nelle parti morbide, livello 2 di guida assistita, fari full led ecc.ecc.
      Pensi che dovevano cambiare la carrozzeria .... è un furgone e il suo compito è trasportare non vincere i concorsi di bellezza.
      Quanto sono cambiati nel tempo SPRINTER, MASTER ecc.ecc?

      Elimina
    8. Fa vomitare il modo assurdo che hai di andare contro gli altri sempre e comunque.
      Ti dà fastidio il fatto che la gente avrebbe voluto un nuovo Ducato, ti dà fastidio il fatto che la gente non trova adeguata la Giulia... Patetico...

      Elimina
    9. Si certo...mo i veicoli commerciali non hanno un design degno di nota. Vai a dire a quelli del centro stile che il loro lavoro vale 0.
      Triglia a me pare che stai qua solo per dare contro alla gente. Aspetti di vedere cosa scrivono per dargli del pirla.
      Mi pare che dopo 15 anni e un restyling di 7 anni fa, se facevano un progetto totalmente nuovo non muoriva nessuno. E sicuramente non avresti detto che andava bene quello vecchio

      Elimina
    10. Vedi Matteo e vedi Silver.....
      I veicoli commerciali non seguono le dinamiche delle auto.
      Vengono rinnovati molto più lentamente.
      Ducato è del 2006....
      Vi sembra che questo sia uguale?
      Ho lavorato 15 anni per una azienda che utilizzava veicoli di questo tipo.... MB SPRINTER per l'esattezza....
      Bene sapete cosa è cambiato in questi.
      I fanali, la trama delle stoffe, la radio, motore però....loro erano nuovo modello.
      È questo il motivo del mio rispondere a chi chiede un modello nuovo.
      Ripeto...anche se non vi piace...
      È un veicolo commerciale e in quanto tale il suo corpo deve privilegiare la volumetria di carico per prima cosa e poi l'estetica.
      In questo caso hanno modificato il cofano, adottato i fari led e modificato il paraurti questo a livello estetico il nuovo è tutto lontano dagli occhi.
      Nuovi motori, servosterzo elettrico, liv.2 guida e nuovo infotaitment....
      ch'è tutto quello che serve al trasportatore attento più alla gestione economica che al colpo d'occhio

      Elimina
    11. Te lo spiego per l'ultima volta. Per il 2020 era previsto il nuovo Ducato, e nel 2021 è arrivato un altro restyling importante.
      È LECITO AVER PREFERITO IL NUOVO MODELLO, SENZA CHE UN DEMENTE INSISTA A DAR CONTRO A CHI AVREBBE PREFERITO CHE NON VENISSE CANCELLATO/RINVIATO IL PROGETTO PREVISTO NEL 2021!!!!! Esiste la libertà di pensiero e tu devi accettare chi la pensa diversamente da te, senza cercare di fare il lavaggio del cervello!!! È da giorni che rompi a chi dice che la Giulia è cotta dal punto di vista tecnologico e rompi a chi dice che dopo 15 anni era meglio un nuovo Ducato rispetto ad un secondo restyling. Se non ti piace il fatto che ci sia gente che la pensa diversamente da te, fatti il tuo blog dove scrivi e nessuno commenta! Qui c'è la libertà di pensiero. Nessuno ha fatto commenti gravi, ma ha solo detto la sua!!! Se non impari sta cosa, risparmiati il tempo che impieghi per scrivere i commenti, perché non verranno pubblicati!

      Elimina
    12. Bravo Matteo! Qui c'è gente che non accetta chi la pensa diversamente, e chi esprimere il proprio pensiero viene attaccato per difendere a spada tratta FCA/Stellantis imponendo il proprio pensiero.
      Come dicevi tu, e ne hai dato anche notizia a suo tempo, nel 2020 era previsto il nuovo Ducato. Inteso come progetto totalmente nuovo. È lecito dire che sarebbe stato meglio vedere il nuovo progetto e non il secondo restyling. Di quello che fa la concorrenza non interessa a nessuno. Qui si parla del Ducato e ognuno dice la sua su questo progetto.
      Come non è giusto chi viene attaccato e accusato di preferire Clio e Leon solo per aver detto che la Giulia è da mo che ha bisogno di un restyling almeno come quello fatto con il Ducato.
      Queste persone andrebbero bannate a vita caro Matteo! Non sanno stare in mezzo agli altri e c'è la dittatura del pensiero

      Elimina
    13. PS che poi è il modo con cui interviene. Commenti arroganti da una persona che si pone con superiorità, facendo il saputello in mezzo a gente che considera scema e ignorante. Ha rotto il C...

      Elimina
    14. Qua il secondo me non esiste, c'è un elemento che se la pensa diversamente inizia a fare il maestrino con quello che non capisce un cazzo.
      Se si parla di un nuovo Ducato che doveva arrivare, pure io dico che era meglio il nuovo modello. Fare un restyling vuol dire andare avanti così ancora per un periodo, quando questo Ducato, altro che 15 anni. Ne avrà ancora di più.

      Elimina
    15. Lui aspetta che ci sia qualcuno che commenta, e poi a seconda di quello che dice, lo attacca per giorni

      Elimina
    16. Vi siete sfogati ?

      Ditemi cosa dovevano fare ...oltre quanto fatto.....per poter parlare di una nuova generazione?

      Elimina
    17. Ma capisci l'italiano o no??? Per il 2020 era in programma un Ducato totalmente nuovo, e invece è arrivato un profondo aggiornamento di un mezzo che ha 15 anni, e fa spostare l'arrivo del nuovo modello ancora più in là. È lecito o no dire che avremmo preferito il nuovo Ducato e non un secondo restyling? Mi spieghi perché non possiamo pensarla così????

      Elimina
    18. Anch'io avrei preferito il nuovo modello previsto nel 2020. È da stupidi dire che tra il nuovo modello e il restyling va bene il restyling

      Elimina
    19. Lo richiedo.... nuovamente.
      Cosa avrebbero dovuto fare per essere veramente nuovo?

      Elimina
    20. Ma sei scemo o ci fai? Conosci la differenza tra nuovo modello e restyling? Quello previsto nel 2020 sarebbe dovuto essere un nuovo modello, mentre questo è un restyling di un modello vecchio!!! Cerca di prendere meno per il culo!

      Elimina
    21. È un concetto troppo difficile per il tuo cervello. Questo è il secondo restyling di un modello del 2006. Meglio di un secondo restyling c'è l'arrivo del modello completamente nuovo, che sarebbe dovuto arrivare nel 2020. Ma è stato cancellato/rinviato e hanno fatto un ulteriore restyling al modello attuale!
      Penso che se lo spiego a mia nipote che ha 5 anni lo capisce meglio di te

      Elimina
    22. Continuate a menare il can per l'aia...

      Sarò più chiaro.

      Per fare si che Ducato sia nuovo...cosa dovevano fare?

      Elimina
    23. Vaffanculo!!! Vacci con tutto il cuore!
      Non ho tempo da perdere con gente che sa solo stare qui a rompere i coglioni prendendo per il culo il prossimo. Ti avevo avvisato, questo è il tuo ultimo commento.
      Se non capisci che al posto del restyling preferivamo un progetto totalmente nuovo o hai problemi o prendi per il culo.
      Buona vita!

      Elimina
    24. Avremmo preferito il progetto nuovo sai cosa vuol dire? Un furgone totalmente nuovo rivisto da 0, con un design totalmente nuovo...
      Manco sai cos'è un furgone nuovo... sei messo male!!
      Ripigliati e addio, non perdere tempo a scrivere, hai toccato il fondo

      Elimina
    25. Ti è stato spiegato molto chiaramente più volte!!! Invece di un restyling era meglio il nuovo Ducato previsto nel 2020. Un progetto totalmente nuovo e non un restyling!!! Capito o vuoi un disegno? Demente rompi coglioni!!

      Elimina
    26. Un Ducato per essere veramente nuovo deve essere un progetto nuovo. Questo è un restyling di un modello vecchio. È così difficile da capire?
      🤣🤣🤣🤣🤣

      Elimina
    27. Classico ragazzino senza una vita e che con la pandemia si annoia e per sfogarsi rompe le palle al prossimo.
      Solo lui non capisce che stanno dicendo che tra un nuovo modello e un restyling, avrebbero preferito il nuovo modello.
      Questo non è un nuovo modello, è un restyling, mentre loro parlano di un nuovo Ducato progettato da 0. Cosa non capisci? Sei talmente demente che non ci arrivi? Ti farei rintracciare e ti farei ricoverare d'urgenza

      Elimina
    28. Per far si che il Ducato sia nuovo doveva uscire il nuovo modello. Così è un vecchio modello aggiornato.
      Ma da dove cazzo sei uscito?

      Elimina
    29. Da un manicomio sicuramente.
      Per come la mette, Fiat poteva tenere il Ducato dell'81 fino ad oggi, aggiornandolo nei contenuti.
      Oltre al fatto che secondo lui i veicoli commerciali non sono oggetti di design perché devono svolgere il loro lavoro e non devono vincere il compasso d'oro. Se la mette così anche le auto sono solo mezzi di trasporto che devono spostare le persone dal punto A al punto B

      Elimina
    30. Il cesso serve per cagare, eppure è un elemento di design.
      Un furgone deve essere funzionale, ma questo non esclude che debba avere un design al passo con i tempi.
      Un ducato per essere nuovo deve essere un progetto nuovo. Non un progetto del 2006 rinfrescato per durare ancora

      Elimina
    31. Scusate ma evidentemente è un ragazzino che non conosce il mondo dei motori.
      Triglia questo Ducato è nato 15 anni fa e ha ricevuto 2 aggiornamenti. Quando si fa un aggiornamento, vuol dire che il veicolo va avanti così ancora per qualche tempo. 1/2 o più anni.
      Qui si dice che così è solo un vecchio modello aggiornato, ma sarebbe stato meglio fare uscire un modello completamente nuovo nel 2020, come aveva annunciato un ingegnere FCA qualche anno fa. Un modello nuovo, rispetto ad un restyling, ha un design nuovo, ha un progetto per renderlo più sicuro, più versatile, più adatto alle nuove esigenze e a quelle che verranno...
      Così non si può definire nuovo. È un vecchio modello modernizzato fin che si può, aggiungendo nuove tecnologie.

      Elimina
    32. Le uniche cose che non sono state modificate sono i pannelli carrozzeria del vano di carico.
      Se lo schema sospensioni va bene perché devono cambiare.
      Se cambiando il design cambia la volumetria in peggio....secondo me rimane com'è e così hanno fatto.
      Poi diventerà EV PURE solamente e sicuro cambia anche il design

      Elimina
    33. È un demente che deve fare passare per scemi tutti e sa solo rompere...

      Elimina
    34. Comunque ora ha finito di partecipare alle discussioni. Oltretutto ha scritto un altro commento per dire che per lui va bene così e bisogna pensarla così fino a quando non ha convertito tutti

      Elimina
    35. Bravo 👏👏👏👏👏👏👏
      Le persone che non sanno accettare il punto di vista degli altri, non meritano di fare parte di una comunità.
      Hai fatto benissimo a bannare Triglia!!!

      Elimina
    36. Se è stato bannato da altri siti un motivo c'è

      Elimina
  6. Ducato è semplicemente il miglior veicolo commerciale al mondo, da decenni, e con questi aggiornamenti ancora più all'avanguardia. Da sempre è stato Fiat (e per un periodo pure Alfa) più Peugeot-Citroen, di base veicoli praticamente identici ma con marchi diversi, costruiti tutti in Abruzzo. E' la storia di un clamoroso successo industriale mondiale. Suppongo, e spero, continueranno lì pure i futuri modelli: solo l'UE per comprensibili ragioni di concorrenza imporrà di fare accordi per vendere lo stesso veicolo con altri marchi non del gruppo Stellantis, altrimenti il mezzo è talmente migliore della concorrenza che si finirebbe per avere quasi tutto il mercato in mano ad un unico gruppo, e quindi prezzi fuori controllo per imprese e consumatori.

    RispondiElimina
  7. Anche io sarei propenso a vedere un Ducato tutto nuovo, ma comunque si sta parlando di un furgone che dal 2006 è al top nelle volumetrie, con una gamma molto molto diversificata ed quello che conta per chi compra questi mezzi, che poi date le forme cosa volete vedere di così stravolgente?
    E' anche il furgone più scelto in assoluto da chi realizza camper, la sua base è stata studiata appositamente.
    Che gli interni siano stati aggiornati invece era ora, quasi tutto molto bene, mi pare di vedere che hanno eliminato (già dalla versione precedente) il pratico scomparto davanti al passeggero centrale chiudibile a chiave che poteva ospitare anche un piccolo notebook o un tablet di discrete dimensioni.
    Come detto sopra, è il miglior furgone commerciale leggero, qualche caratteristica migliore l'avrà anche qualche concorrente, ma nel complesso non ce n'è per nessuno.
    Se serve un furgone per lavori pesanti allora c'è l'altro suo cugino al top: l'Iveco Daily a livello di portate è lui il campione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusatemi per il fatto che ho detto che ci vorrebbe un modello nuovo. Non scrivo più addio

      Elimina
    2. Guardate che Stellantis non vi da niente se li difendete a spada tratta dando del coglione a chi avrebbe preferito un progetto 100% nuovo come era previsto

      Elimina
    3. Silver....
      DUCATO è un prodotto SEVEL SUD.... società formata da PSA e FGA/FCA.
      Quindi quanto esce da Atessa è concertato da sempre da coloro che ora formano STELLANTIS.....
      anche questo che è la ottava versione.
      Io non sostengo nessuno!
      SECONDO ME
      hanno fatto ciò che dovevano fare..... cioè continuare ad essere migliori.

      Piangete sempre che non innovano.
      GUIDA ASSISTITA LIVELLO 2
      NESSUN ALTRO...PER ORA CE L'HA.

      Elimina
    4. Lo sappiamo cose Sevel, non c'è bisogno che cogli l'occasione per fare la lezione.
      Matteo, adesso basta! Blocca sto troll!!

      Elimina
    5. Utente anonimo ma io ho detto che appoggio un modello nuovo, ma con questo restyling affermavo che questo furgone guadagna caratteristiche pregevoli su un modello che è già molto valido.
      Semmai non capisco perchè la variante elettrica nuova ha ancora le vecchia versione, sono ancora in fase di test pubblica?

      Elimina

Posta un commento

Facebook - Instagram - Google News - YouTube Matteo Volpe