Le future Alfa Romeo avranno la piattaforma Giorgio



Stellantis rassicura e dettaglia il futuro di Alfa Romeo, attraverso un programma che "è già ben delineato, con i prossimi 5 anni che sono stati blindati e finanziati". Lo ha detto Jean-Philippe Imparato, il manager francese chiamato a guidare Alfa Romeo.

Stellantis vuole tutelare il valore mondiale del marchio premium e puntare alla redditività, non alle quote. Prossimo importante lancio sarà quello del suv Tonale, che sarà anche ibrido plug-in "sfruttando la migliore tecnologia del gruppo". Imparato, al riguardo, ha detto che "ci saranno anche altri motori" ed ha anticipato che la presentazione "avverrà nel marzo del 2022 e che il lancio commerciale sarà a giugno.

Imparato ha sottolineato che le piattaforme elettriche di Stellantis "promettono molto bene, con autonomie superiori a 700 km". E se "a lungo termine le auto del gruppo del segmento D ed E saranno costruite sulla nuova piattaforma Stella Large – ha detto il manager francese – la piattaforma Giorgio (cioè quella su cui sono nate Giulia e Stelvio) è localizzata a Cassino. Le future Alfa saranno fatte su Giorgio, mantenendo le prestazioni e le caratteristiche della marca anche con l’elettrificazione". E per non lasciare dubbi ha aggiunto: "L’anima di Alfa resta fortemente italiana, come il 90% delle persone che ci lavorano. I francesi qui sono solo due, e uno sono io".

Commenti

  1. Prima dice che non ci sarà più la piattaforma Giorgio, poi corregge il tiro e ora afferma che le nuove Alfa avranno la piattaforma Giorgio.
    Facciamo prima a vedere cosa concluderanno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente erano i "giornalisti" che mettono in bocca parole non vere. Nessun manager o ceo aveva menzionato sulla "fine del pianale Giorgio".
      E' stato il nuovo ceo Imparato a chiarire, una volta per tutte, che il pianale Giorgio sarà evoluto (come giusto che sia) adeguando all' elettrificazione.
      E' stato pure mal compreso dalla stampa.
      Ma adesso sono i vari alfisti a non credere a questa affermazione. E alcuni elementi che continuano a dire la fine del pianale giorgio e che le future alfa saranno dei "cessetti francesi rimarchiati" perchè fatti su pianale psa (che poi dove sarebbe il problema??).
      ps: firmati anche tu invece di stare nell' anonimato.


      Elimina
    2. Nel frattempo, visto la loro confusione e poco professionalità , io ho acquistato una gla 4matic premium Prestige.....
      Facessero pure con calma....la concorrenza non aspetta e ringrazia!!!
      Che Paese! Ora mancavano anche questi fenomeni francesi!

      Elimina
    3. Guai a chi tocca Imparato 🤣🤣🤣 Guarda caso tutti i giornalisti hanno capito male... che caso!

      Elimina
  2. Nel piano c'è Tonale, Brennero, Giulietta, New Giulia, New Stelvio e altre sorprese!

    RispondiElimina
  3. Romano a Milano16 maggio, 2021 20:29

    Vedremo...

    RispondiElimina
  4. Nel maggio 2018,prima della presentazione del piano industriale di Balocco, c'erano 4 modelli a listino e previsione di altri 7/8 modelli da lì al 2022. Fino all'autunno 2020,2 modelli a listino e presentazione del Tonale autunno 2021 e commercializzazione da febbraio e ora ancora riinvii....Dopo quasi 50 anni speriamo che non si ripeta la storia ingloriosa dell'Alfa 6....pensata agli inizi degli anni 70 e partorita solo nel 79....ormai vecchia come concezione....

    RispondiElimina
  5. Chiacchere... nulla di concreto... Tavares e Imparato dimostrano che non conoscono la storia di FCA. Io suoi fan e clienti vogliono meno chiacchiere e più fatti. E i fatti devono arrivare in tempi normali e senza cancellazioni.
    Solo così saranno credibili. Di sentire Imparato dire che è Alfista ecc non interessa nessuno. Anche Marchionne lo faceva e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Due modelli tecnologicamente vecchi e che vendono uno peggio dell'altro.
    Quindi che faccia poco l'Alfista a parole.
    Vogliamo una gamma completa per Fiat, Lancia e Alfa Romeo con fatti concreti e senza le figure di m di manager che dicono di avere la passione, che vogliono fare e poi non fanno niente. Il tempo delle illusioni è finito. A sto giro o fanno o verranno abbandonati definitivamente da tutti

    RispondiElimina
  6. @ anonimo 08,34
    Puoi esporre i ritardi tecnologici delle due ALFA ROMEO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai bisogno che ti vengono elencati???

      Elimina
    2. Alfa Romeo è imbarazzante. La Giulia è meno tecnologica pure rispetto alla Tipo 🤭

      Elimina
    3. Se tecnologia, sono fari full LED, infothement, e lavatrici elettriche, allora, qualcuno è un Alfista da tre mesi. Design, comportamento stradale, motori (endotermici) cambio, sono questi gli elementi di una VERA ALFA! La Giulia Stelvio non hanno nulla di meno rispetto alla concorrenza.Ma è difficile riconquistare il mercato dopo 20 anni di assenza.

      Elimina
    4. Scusa ma un Alfa non può avere design, comportamento stradale... insieme alle ultime tecnologie????
      Per i motori elettrici se non hai ancora capito, le normative Europee stanno spingendo le case automobilistiche a passare all elettrico. Se non lo sai le normative Europee valgono anche per Alfa Romeo!!!

      Elimina
  7. @ anonimo 17/05 10:17

    Sì....voglio sapere e fallo dettagliatamente.

    RispondiElimina

Posta un commento

Facebook - Instagram - Google News - YouTube Matteo Volpe