Variazione di programma per due modelli a marchio Fiat e Alfa Romeo


Dopo l'annuncio ufficiale del ritardo che riguarda il Tonale (la produzione sarà avviata a Pomigliano nel mese di marzo del 2022, mentre il lancio commerciale è fissato per la prima settimana di giugno 2022), arriva un'altra variazione di programma per un altro modello Alfa Romeo.

Stellantis non avrebbe ancora preso una decisione definitiva sulla produzione in Polonia della B-Suv dell’Alfa Romeo. Stando a quanto scrive Automotive News, il gruppo avrebbe approvato l’arrivo degli analoghi modelli per i marchi Jeep e Fiat sulle catene di montaggio dell’impianto di Tychy, mentre non ci sarebbe il via libera definitivo per la nuova vettura del Biscione.

Non è chiaro il motivo per cui il veicolo è ancora in attesa di approvazione. Mentre per quanto riguarda la produzione della B-Suv Fiat a benzina è stata anticipata da luglio ad aprile 2023, ma dopo un mese partirà anche l’assemblaggio dell’elettrica (le ibride leggere sono previste per febbraio 2024). In attesa del via libera, il cronoprogramma della Brennero prevede l’avvio produttivo non nel mese di gennaio del 2023, ma a ottobre: si partirà da subito con la variante a batteria, che sarà seguita nel luglio del 2024 dalle mild hybrid e da una versione elettrificata a trazione integrale.

La testata, inoltre, descrive l'ibrido leggero delle nuove B-Suv sostenendo che sarà caratterizzato dalla trazione anteriore e da un'unità elettrica situata tra il motore endotermico e la trasmissione, una soluzione che, abbinata a una batteria da pochi kWh, potrebbe dare vita a un powertrain full hybrid. Gran parte dei sistemi mild hybrid, infatti, utilizza uno schema molto più semplice che prevede l'impiego di un'unità Bsg (Belt Starter Generator) che, collegata esternamente all'albero motore, funge da motorino di avviamento per lo Start&Stop e da alternatore, ma in alcuni casi può supportare anche il funzionamento dell'unità termica, senza però essere in alcun caso l'unica fonte di trazione dell'auto, caratteristica che, invece, contraddistingue i sistemi full hybrid.

Le nuove B-Suv condivideranno la piattaforma Cmp sviluppata da PSA. Il gruppo ha intenzione di investire circa 200 milioni di euro per approntare le nuove produzioni nello stabilimento polacco. La capacità salirà fino a 300 mila unità l’anno, di cui 130 mila per il piccolo crossover Fiat che dovrebbe nascere sulla base del prototipo Centoventi svelato al Salone di Ginevra nel 2019. Mentre per la Brennero - sempre che arrivi il via libera - di 60 mila. A Tychy vengono attualmente assemblate le Lancia Ypsilon e le Fiat 500: tuttavia, “non è chiaro se la produzione di questi due modelli continuerà insieme ai tre basati sulla Cmp”.

La scelta di Tychy per i nuovi modelli è legata sostanzialmente alla necessità di ridurre i costi di produzione tramite la condivisione non solo di una sola piattaforma, ma anche di un’unica catena di montaggio. Stando alle ultime dichiarazioni del responsabile del marchio Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato, è improbabile che alla fine a Tychy non arrivi la B-Suv del Biscione: "Confermo che c'è un'Alfa Romeo prevista a Tychy”, ha assicurato il manager nel corso di un incontro online con la stampa italiana.

Commenti

  1. Va bene tutto ma......evitare queste voci?
    Dov'è l'ufficio marketing....a giocare a scopone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ???
      Si chiama diritto di cronaca. Se continuano a cambiare i programmi è un problema loro. Pensi che se non escono queste notizie la gente non si accorge che continuano a deludere?

      Elimina
    2. E cosa deve dire l'ufficio marketing? Altre bugie o illusioni? Se vogliano fare bella figura devo fare quello che dicono

      Elimina
  2. a me dispiace se non fanno la brennero,con i costi che hanno ora le auto ci voleva una piccola....

    RispondiElimina
  3. Questo Imparato inizia veramente male! Non promette nulla di buono.

    RispondiElimina
  4. Chiedete cosa deve fare un ufficio marketing?
    Sicuramente dovrebbe lavorare per promuovere i prodotti dell'azienda....evitando problematiche tipo queste dichiarazioni...
    Ritardare il lancio perché le prestazioni della versione plug-in non soddisfano il responsabile del marchio.....oppure il CEO che si lamenta degli elevati costi di produzione degli stabilimenti italiani.... oppure il via libera alla produzione dei Bsuv FIAT e JEEP e il dubbio su quello ALFA
    Sono dichiarazioni che creano malumore, dubbi e....non aspettativa come dovrebbe essere al lancio di un nuovo modello.
    Si sentono queste voci quando gli altri presentano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi l'ufficio marketing deve zittire un loro superiore dicendo che va tutto bene?

      Elimina
    2. Se un manager fa una dichiarazione o c'è una fuga di notizie da fonti autorevoli, l'ufficio marketing che deve fare? Niente! Fanno un comunicato stampa in cui dicono che il loro superiore sparla? O devono inventarsi che non è vero che il B-UV non ha ancora ottenuto il disco verde?
      Stellantis ha solo da dimostrare le cose con i fatti, non con slogan!

      Elimina
    3. L'ufficio marketing sta sotto ai manager. Se non vogliono far sapere queste cose basta non fare dichiarazioni o farsi scappare informazioni riservate.
      L'ufficio marketing serve a promuovere i prodotti, non a dire bugie o a coprire queste cose.
      Se era uscito un comunicato stampa, la gente lo vede lo stesso che non mantengono quello che hanno detto

      Elimina
    4. Matteo... SÌ
      Dovrebbero riferire al signor Imparato cosa e, soprattutto, come parlare alla stampa italiana.
      Una azione del genere non è da considerarsi irrispettosa nei confronti di un manager.
      È meglio essere costretti ad una precipitosa retromarcia....
      come successo?

      Elimina
    5. Ascolta io ho avuto modo di vedere come lavora un azienda del genere. L'ufficio marketing non è presente e i manager dicono quello che vogliono alla stampa. Al massimo è presente una persona dell'ufficio stampa per ascoltare l'intervista.
      I manager hanno la capacità di intendere e volere e non hanno bisogno di un tutore.
      Ovviamente c'è la delusione, ma il lato positivo della notizia è che c'è la volontà di perfezionare il progetto. Quindi perché nascondere il motivo di un ritardo che sarebbe comunque stato evidente. Pensi che dopo che la stampa ha pubblicato il precedente cronoprogramma, la gente non si sarebbe accorta c'è un ritardo? Se il BUV Alfa diventa Lancia, la gente non si chiede che fine ha fatto il modello Alfa? Quindi perché giudichi l'onestà di una persona? Se c'è una fuga di notizie l'ufficio marketing deve dire che non è vero, mentre il tempo dirà come stanno le cose

      Elimina
    6. L'ufficio marketing non esiste.....
      L'ufficio stampa osserva....
      I manager dicono quello che vogliono....
      Mi sembra ci sia qualcosa....anzi
      molto che non funziona a questo livello.

      Imparato poteva dire, per esempio.....
      La versione PHEV uscirà qualche mese dopo le versioni endotermiche tradizionali.

      Lasci la presentazione a settembre e il lancio sul mercato nella primavera mentre nel frattempo modifichi la plug-in.
      La 3008 come la Granland hanno un sistema più efficiente....
      29/31 gr/km contro i 42/49 di Compass....
      oltre che più potente.
      Viste le richieste pressanti sul ridurre le emissioni era evidente che sarebbe successo questo ma poteva essere gestito meglio!
      Il tempo dirà come stanno le cose..... spero siano positive.

      Elimina
    7. Per quanto riguarda il B xover Alfa sai quale è la mia opinione.
      Potrebbero tranquillamente non farlo e....se dovessero che lo facciano a Melfi.
      Per risparmiare Tavares vuole che Renegade e 500x escano dalla stessa linea a differenza di oggi....e sono nati malumori coltivati dai soliti.

      Elimina
    8. Siamo nell'era dei social, della comunicazione... non capisco perché quando non vi va bene una cosa non fare altro che sbraitare al vento, sembrando che avete ragione solo voi

      Elimina
    9. Appunto!!
      Siamo nell'era dei social....ma sfruttiamoli a dovere!
      Io non sbraito al vento.....
      casomai ci sono altri che non aspettano altro per spalare letame in quantità!
      Io, piuttosto, vorrei non dare l'occasione come è successo ogni volta dopo le parole di Tavares e Imparato.

      Elimina
    10. Veramente era rivolto a te. La gente critica i manager alle spalle, ma non avete mai le palle per dire certe cose in faccia direttamente agli interessati. Dovete ripete ogni volta all'infinito la stessa cosa pensando di avere la verità assoluta in tasca. Imparato ha tutto il diritto di dire quello che gli pare, anche se ci sono critiche o ignoranti che non capiscono. Se deve stare zitto vai su Twitter e gli scrivi che deve tapparsi la bocca o deve dire bugie.

      Elimina

Posta un commento

Facebook - Instagram - Google News - YouTube Matteo Volpe