Torna il reparto corse della Lancia?



La Scuderia Lancia, che in seguito divenne Squadra Corse HF Lancia, è il reparto corse della Lancia. Fu creato nel 1951 da Gianni Lancia, figlio del fondatore del marchio, Vincenzo.

Nel corso della sua storia il costruttore italiano ha partecipato a diverse competizioni automobilistiche, sia in circuito che nei rally.

Le versioni HF ("High Fidelity") nacquero innanzitutto per opera di Cesare Fiorio e di ciò che il suo allora ancora piccolo staff di uomini (creato "in un angolo dei capannoni Lancia") era riuscito a fare con la nascita della "Squadra Corse HF Lancia". Con poche risorse, portò con successo le prime Fulvia Coupé (elaborate dall'ingegnere Zaccone Mina) nelle competizioni, e via via ottenne risultati tali che persino la dirigenza Lancia dell'ingegner Fessia (che da sempre mal vedeva la casa impegnata nelle competizioni) si dovette piegare a quella che fu la più grande via di comunicazione internazionale che trovò il marchio torinese dai tempi delle gare volute da Gianni Lancia negli anni 1950, e poi abbandonate dopo la sua fuoriuscita dall'azienda a metà del decennio.

Questa strada, supportando la Squadra Corse di Fiorio, è stata poi seguita negli anni successivi anche dalla dirigenza del Gruppo Fiat, fino alle ultime Delta Integrale passando per la Stratos, la Rally 037, la Beta Montecarlo Turbo, le LC1 e LC2, e la Delta S4, con una serie incredibile di vittorie e popolarità che ancora oggi sopravvive tra gli appassionati, nonostante la chiusura della Squadra Corse sia avvenuta nei primi anni '90, quando era ancora considerata la più forte del mondo battendo case tedesche, francesi e giapponesi in queste competizioni.

Lancia tornerà con nuovi modelli, tornerà in altri mercati al di fuori dell'Italia, torna ad essere un marchio Premium e al suo antico prestigio. E chi sa se tornerà anche nelle competizioni e se ci sarà anche qualche versione sportiva con il logo HF. Non sarebbe male vedere una Lancia di segmento B e una Delta in una versione sportiva HF con l'elefantino rosso.

Commenti