Ispirazioni dal passato, DS Active Scan Suspension



Confort, benessere e sicurezza rimangono al centro delle priorità DS Automobiles.

Anticipare le tecnologie, ha permesso al brand di sviluppare le sospensioni idropneumatiche nel 1955, portando oggi all'evoluzione in chiave moderna del sofisticato sistema DS ACTIVE SCAN SUSPENSION.

La storia DS Automobiles è già leggenda, con le sospensioni idropneumatiche che appaiono sulla prima vettura prodotta in serie nel 1955. L'ennesimo traguardo di uno dei primati tecnologici, con cui il brand ancora oggi mantiene la sua posizione di avanguardia tecnologica.


Le sospensioni idropneumatiche nascono grazie al genio del progettista francese Paul Magès e sono in grado di regolare l’altezza della vettura e di mantenerla costante indipendentemente dal carico. Un vantaggio che si concretizza in maniera evidente su differenti superfici stradali e che le moderne vetture DS Automobiles reinterpretano in chiave evolutiva.


DS 7 CROSSBACK, DS 4 e DS 9 E-TENSE dispongono oggi del sistema DS ACTIVE SCAN SUSPENSION: una telecamera multifunzione rileva in continuazione le condizioni del manto stradale, adattando di conseguenza l'ammortizzamento variabile della vettura.


La videocamera è posizionata dietro al parabrezza, abbinata a 4 captatori di assetto e 3 accelerometri con cui analizza la composizione della strada e parametri della vettura come velocità, angolo di sterzata e frenata. Le informazioni sono trasmesse in tempo reale alla centralina, che agisce in maniera indipendente su ciascuna ruota.


Il risultato porta in tempo reale ad una sospensione più rigida o morbida, con evidenti vantaggi per confort, reattività e precisione di guida. Il viaggio a bordo delle vetture DS Automobiles si traduce quindi in una nuova dimensione di benessere per tutti passeggeri, un rinnovato concetto di piacere di guida per il conducente e un innalzamento della sicurezza di bordo.


Tutto, nel segno di quella capacità nell'anticipare il futuro, che DS Automobiles già manifestava nel 1955.

Commenti

I più letti della settimana