Carlos Tavares taglia il traguardo del 24° Rally Storico di Monte Carlo a bordo di una Lancia Stratos



Carlos Tavares, CEO di Stellantis, ha tagliato il traguardo del 24° Rally Storico di Monte Carlo a bordo di una Lancia Stratos HF del 1975 livrea Alitalia

Quasi 300 i kilometri percorsi con 17 Prove Speciali, dalle spiagge del Principato ai valichi innevati del Massiccio del Vercors

La Lancia Stratos dominò il mondo del Rally negli anni ’70, si ritirò imbattuta dalle competizioni e rappresenta ancora oggi un’icona di questo sport che continua a raccogliere appassionati lungo le strade di tutto il mondo

Uno sport mosso innanzitutto dalla passione che nasce dal cuore delle persone, tecnici, piloti e copiloti, appassionati di motori e della performance, uomini e donne di ogni nazione ed età accomunati dall’amore per un viaggio emozionante, sempre a tutta velocità.

 


È terminata la 24^ edizione del Rally Storico di Monte Carlo e, tra coloro che l’hanno portata a termine, spicca Carlos Tavares, CEO di Stellantis, che ha percorso i quasi 300 km di gara a bordo di una Lancia Stratos HF del 1975, la stessa vettura su cui all’epoca gareggiò il grande Sandro Munari.


Un’iniziativa personale di Tavares, manager con la passione per la competizione, che ha iniziato a gareggiare su strada nel 1980 partecipando a oltre 500 gare su strada e in pista e ha deciso di affrontare questa sfida in terra francese a bordo di un’icona del marchio Lancia e del Motorsport come Lancia Stratos. 


Infatti Lancia è, ancora oggi, il marchio che ha vinto di più nel mondo dei Rally, collezionando ben 15 titoli mondiali, tra piloti e costruttori. Una performance eccezionale che ha contribuito in modo decisivo al successo e alla popolarità mondiale del marchio, leader in una specialità sportiva che attira tanti spettatori lungo le strade di tutti i giorni che, per una volta, diventano percorsi di gara.


E Lancia Stratos è una delle migliori espressioni di questa passione e questa tradizione. Progettata appositamente per i Rally e costruita in soli 500 esemplari, la Stratos HF sbaragliò la concorrenza vincendo tre titoli mondiali consecutivi (1974, 1975, 1976) e due titoli europei, ritirandosi imbattuta dalle competizioni. Il suo successo e la sua popolarità derivarono tuttavia non solo dalle vittorie, ma anche dal design avveniristico: un coupé basso e filante, con la tipica forma a cuneo che sembrava calzare al pilota come una tuta da atleta. La successiva introduzione della grafica dello sponsor Alitalia, caratterizzata dal logo tricolore della compagnia aerea sdoppiato ed armonizzato con la forma della vettura, decretò un successo e una riconoscibilità della Lancia Stratos che dura ancora oggi. Come ha avuto modo di affermare Tavares stesso, intervistato a gara in corso: “Guidare Lancia Stratos su queste strade ricche di storia non implica solo passione, ma anche senso di responsabilità, perché Lancia Stratos non è solo una vettura, ma un monumento del Motorsport e del marchio Lancia.”


Un monumento, un’icona che è ancora nel cuore degli appassionati, come dimostrato dall’accoglienza ricevuta lungo tutto il percorso, con migliaia di spettatori che riconoscevano e incitavano la Lancia Stratos. Racconta ancora Tavares: “Il pubblico ci applaude e chiede di accelerare, perché l’emozione è fatta anche dal sound del motore che ne deriva. Guidare una vettura del genere e mettere in mostra le sue qualità è anche un modo di far felice la gente”.


Si è chiusa così, con la mitica ascesa notturna al Col de Turinì, la 24^ edizione del Rally Storico di Monte Carlo, che ha visto alla partenza ben 263 equipaggi. Solo in 203 sono arrivati al termine, ma per tutti c’è la grande soddisfazione di avere perpetuato la tradizione di una passione senza tempo, il tempo che misura le performance dei più grandi piloti ma scandisce anche le emozioni di ciascuno di noi. 

Commenti

I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA