Alfista dipinto



I fan dell'Alfa Romeo sono noti per il loro amore quasi patologico per il marchio. Gli Alfisti mostrano in ogni modo la loro passione per l' Alfa Romeo , con alcuni - come Stefano Boetti - letteralmente dipinti con il loro amato marchio.


 


Stefano Boetti è uno dei tatuatori più famosi in Italia. Quando Stizzo, come è meglio conosciuto nel settore, non si occupa dei corpi dei suoi clienti, ama guidare le auto d'epoca. Per essere precisi, per guidare Alfa Romeo d'epoca. La passione per la storia e i modelli del marchio italiano è passata dal nonno al padre e poi a se stesso. La famiglia Boetti è senza dubbio una famiglia Alfisti.


 


“Ricordo molto chiaramente il garage di mio nonno e il fascino strepitoso della Giulia e dell'Alfasud che aveva. Uno spettacolo unico!" nota Stizzo.


 


Si dichiara un appassionato di auto d'epoca e completamente fedele all'Alfa Romeo. Ricorda chiaramente di aver guidato per la prima volta il 75 1.8 dell'amica di sua sorella e il giorno successivo ha comprato lui stesso un 75 2.0 Twin Spark. È stato davvero amore a prima vista. Mantiene un rapporto appassionato con la 75 in particolare, avendone acquisiti diversi, mentre è il modello che ritiene gli abbia fatto desiderare di diventare un collezionista di auto.


 


“Tutto è cambiato nel momento in cui ho sostituito la mia 75 Turbo America con una Giulietta 2.0 a carburatore. Ho subito notato la differenza di guida rispetto a un'auto con iniezione di carburante. Quindi dopo un viaggio di 2.000 km. in Sardegna ho deciso di tenerlo e usarlo solo in occasioni eccezionali e per i miei spostamenti quotidiani uso un'Alfetta 2.0 L. "


 


La passione di Stizzo si riflette anche nel suo corpo, dove ho sempre "portato" il marchio e Alfetta su di esso. L'artista condivide completamente con lei il suo amore per le Alfa Romeo per l'arte del tatuaggio. Al Best of Times Tattoo, che mantiene a Milano dal 2009, migliaia di persone passano per essere lasciate nelle sue mani e nel suo talento. Si dice che la sua attenzione ai dettagli sia uno dei motivi per cui è così popolare nel suo campo e crede che questa ossessione sia particolarmente utile per i restauri di auto d'epoca che fa.


 


"La mia auto preferita della mia collezione è un'Alfa Romeo 75 2.5" , ci dice con evidente orgoglio. Ricostruirla è stata un'avventura durata tre anni e che ha avuto molte difficoltà. A parte la rarità dell'edizione, la mia macchina è molto speciale in quanto è una Quadrifoglio 75 V 6 , telaio numero 2, che probabilmente è stata utilizzata anche per la valutazione presso il centro prove di Balocco . La sua prima licenza risale al 26 marzo 1985.


 


In particolare, il Quadrifoglio, mitico emblema dell'Alfa Romeo, lo commuove particolarmente, sia per la sua importanza storica che per ragioni estetiche, come è anche il caso del logo triangolare dell'Autodelta. Sono caratteristiche di cui usa spesso il senso nelle proprie creazioni, mentre a volte si ispira anche ai modelli del brand. Alla domanda se potesse paragonare il suo stile artistico a una vettura in particolare risponde: “Sarebbe un'Alfa Romeo Giulietta SS o forse una Giulia SS . Auto dinamiche con linee belle e curve dolci che definiscono un insieme forte ma elegante”.

Commenti