Fiat X1/9: 50 anni per una "supercar" dalle umili origini



Motore al centro, design a forma di cuneo di Gandini , anche plafoniere pieghevoli. La Fiat X 1/9, che quest'anno compie 50 anni dalla sua presentazione, ha avuto le caratteristiche di una " supercar ", ma anche una carriera internazionale, nonostante le sue umili origini.


 


FIAT è nota soprattutto per i modelli che, attraverso il loro design, hanno offerto soluzioni intelligenti, pratiche e convenienti per il grande pubblico. Modelli come 500, 127, Panda e Uno/Punto sono ottimi esempi dello sforzo intramontabile del marchio italiano di trasformare in realtà la democratizzazione dell'automobilismo. Tuttavia, accanto a questo sforzo, ha anche creato una serie di auto sportive molto speciali, onorando al massimo le sue origini italiane. Uno di questi, lo specialissimo X1/9 compie 50 anni quest'anno.


 


Nel 1969 lo studio Bertone realizza il prototipo Autobianchi A112 Runabout. Un veicolo futuristico dalla forma a cuneo e dalla totale assenza di tetto. Dietro le linee estreme della vettura c'era Marcello Gandini, il maestro designer con un amore speciale per questo particolare stile, che ha messo la sua firma su modelli leggendari come la Lamborghini Miura e Countach, l'Alfa Romeo 33 Carabo e la Lancia Stratos. Tre anni dopo, dopo la Runabout, Gandini trasmise le sue battute preferite sulla Fiat X1/9, un'auto sportiva a motore centrale che assomigliava a una "supercar" nonostante le sue umili origini.


 


Il motore a quattro cilindri montato trasversalmente da 1.290 cc e 75 CV proveniva dalla 128, ma gli ingegneri dell'X1/9 lo collocarono al centro del veicolo. Questa scelta, oltre ad una migliore distribuzione dei pesi e ad un feeling più sportivo, ha consentito il mantenimento della parte anteriore molto bassa, che non ospitava parti meccaniche ad eccezione del radiatore. I corpi illuminanti pieghevoli sono venuti a completare l'immagine sportiva, ma anche semplice. Tra il motore e l'abitacolo rigorosamente biposto, i tecnici hanno trovato spazio per il serbatoio della benzina da 48 litri, completando la concentrazione di peso al centro del veicolo. In combinazione con le sospensioni indipendenti e l'impianto frenante a disco su tutte le ruote, l'X1/9 è giustamente identificato come un vero modello sportivo.


Una delle particolarità della X1/9 era il tetto staccabile che trasformò il modello da coupé a targa. Gandini ha fatto in modo che ci fosse abbastanza spazio libero sotto il cofano per adattarsi al tetto, mentre dietro il motore c'era un piccolo bagagliaio.


 


Il design e le caratteristiche dinamiche della X1/9 indussero Fiat e Abarth a prendere in considerazione l'idea di entrare nel modello nei rally, ma il coinvolgimento del modello fu limitato, lasciando la gloria alla futura Lancia Stratos.


 


Dal 1972 al 1982 la produzione iniziò negli stabilimenti Bertone e si concluse al mitico Lingotto, mentre dal 1982 - anno in cui il motore fu sostituito con un 1,5 litri - il carrozziere italiano si occupò dell'intera lavorazione. Con una produzione totale che ha raggiunto circa 150.000 unità entro il 1989, l'X1/9 ha avuto un particolare successo anche negli Stati Uniti, mentre è stata prodotta anche una versione con guida a destra. Grazie al suo aspetto dinamico, è riuscita a portare avanti la tradizione Fiat di costruire auto sportive economiche che, contro le loro umili origini, erano giustapposte a una personalità estremamente potente. 

Commenti