Il 21 settembre 1924 Vittorio Emanuele III, percorreva con una Lancia la prima autostrada del mondo: la Milano Varese



Il 21 settembre 1924, alla presenza di Vittorio Emanuele III, re d’Italia, un corteo di auto percorreva per la prima volta l’Autostrada Milano-Varese, inaugurando di fatto la prima autostrada del mondo.

La “Autolaghi” nacque da un’idea dell’ingegnere Piero Puricelli che già nel 1921, quando in tutta Italia c’erano appena 80mila auto e camion, ebbe l’idea di una strada veloce che dalla città di Milano portasse alle zone di Varese, Como e del Lago Maggiore, già allora frequentate per il turismo sui laghi. Autolaghi, appunto.

Il quarantenne ingegner Piero Puricelli, milanese di nascita e varesino d’adozione, il 21 settembre 1924 prese posto a fianco del re Vittorio Emanuele III, che fece anche una breve sosta a Gallarate per salutare le autorità locali (Gallarate e Busto Arsizio erano allora in provincia di Milano, mentre Varese era in provincia di Como: la provincia di Varese nacque nel 1927).

La costruzione dell’autostrada fino a Varese richiese solo quindici mesi di lavoro. La tratta da Lainate a Como, che transitava anche dal centro industriale di Saronno, venne inaugurata nel giugno del 1925.

A completare il sistema della “Autolaghi” arrivò sempre nel 1925 la diramazione da Gallarate a Sesto Calende, per lunghi anni poi “capolinea” dell’autostrada, ampliata solo a fine anni Ottanta con l’inaugurazione della A26 Genova Voltri-Gravellona Toce: questa diramazione serve a raggiungere la sponda piemontese del Lago Maggiore, quella più prestigiosa, e le montagne dell’Ossola.

Commenti