Passa ai contenuti principali

LA MIA OPINIONE SU STELLANTIS



Uso questo spazio sul mio blog non per darvi le solite notizie e quant'altro riguarda il mondo Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth. Ma per rendere pubblico quello che penso di Stellantis. 

All'inizio, quando si parlava di fusione tra PSA e FCA ed è nata Stellantis, la vedevo come un'opportunità, ma più passa il tempo e più mi rendo conto che non è cosi. Magari dal punto di vista del prodotto lo è e lo sarà, nel senso che si crea la possibilità di avere più modelli, il ritorno in segmenti strategici o come la rinascita del marchio Lancia e magari l'ampliamento della gamma Abarth. Ma da quello che raccolgo ogni giorno noto che la pressione Francese è sempre più forte. Vorrei raccontarvi molte cose di cui sono venuto a conoscenza, ma molte volte è scomodo il fatto che certe verità vengano a galla, specialmente se a farlo è un piccolo blog come questo. Ma non ho paura di dire la verità, più che altro voglio tutelare le persone che nel tempo sono diventati amici e che in confidenza mi raccontano come stanno le cose. Molte volte lo fanno per sfogare la frustrazione che si è creata con questa pressione francese sulla parte italiana del gruppo. E potete immaginare cosa intendo.

Certo, vi ho raccontato degli investimenti a Mirafiori, Melfi, Cassino, Pomigliano D'Arco, Atessa... il fatto che esiste ancora la società italiana FCA Italy di cui fanno parte Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth e questa società fa parte del gruppo multinazionale italo, francese, americano con sede in Olanda: Stellantis. Ma vado avanti solo ed esclusivamente per passione, aggrappato a quel briciolo di Italia rimasto nei nostri marchi e per amore di questi. Non amo per niente Stellantis e non mi piace Tavares. Il mio blog è basato sulla mia passione per Fiat, Lancia e Alfa Romeo e se qualcuno li ritiene marchi francesi, per me non lo sono. Perché sono nati in Italia e non diventano francesi solo perchè sono all'interno di una multinazionale con baricentro in Francia e con sede in Olanda. Il mio blog non si chiama passione auto made in Italy, 100% italiane... mi riferisco alle radici italiane dei marchi e la loro lunga storia, e quelle non le cambia nessuno. Sul resto non vi do torto, ma si entra in un discorso più ampio e complesso, in cui entrano in gioco discorsi come costi, globalizzazione ecc... Vi dico solo che non amo per niente la trasformazione in atto, soprattutto per il destino di molti reparti di Stellantis in Italia e dei loro dipendenti. Oltre alla sempre meno italianità dei prodotti. Non basta la sportività, l'eleganza e la semplicità italiana per avere Alfa Romeo, Lancia e Fiat italiane. Lo so benissimo e la cosa mi da tremendamente fastidio. Sono il primo a volere la totale italianità dei nostri marchi, ma il mio pensiero non conta niente. Consapevole che non sono più prodotti totalmente italiani, almeno lasciatemi la magra consolazione che Passione Auto Italiane tratta di marchi nati in Italia, e quello non lo può negare nessuno. Le radici sono quelle e non si discute. Poi rimane la speranza che la situazione si può sempre ribaltare e non è un punto di non ritorno. Illuso? no, non costa nulla sognare o sperare. 

Per il resto non ho nessun rapporto con Stellantis, anzi ho una certa antipatia. Questo ve lo racconto perché mi riguarda e quindi non metto di mezzo persone che magari possono avere dei problemi se qualcuno racconta la verità. Questo blog è nato grazie a FCA, perché nel 2014 (anno in cui è nato questo blog) nell'ufficio stampa del gruppo c'era un gruppo di persone che credeva nei giovani blogger o influencer, al punto che furono proprio loro a farmi credere in Passione Auto Italiane, di portalo avanti con impegno e a trasformarlo in un lavoro. Avevo la possibilità di avere auto in prova, di partecipare ad eventi, di avere materiale e informazioni. Anche se, tranne qualche rimborso spese che mi spettavano, non ho mai preso soldi da loro. Passione Auto Italiane è cresciuto grazie al mio lavoro, ai miei pochi soldi, senza l'aiuto di nessuno, continuando a crederci. Ed è per questo se molte volte vado sulle difensive. Perché questo blog l'ho fatto crescere da solo e con sacrifici e quindi lo difendo con le unghie e con i denti.

Con Stellantis tutto questo non esiste. Non mi arrivano gli inviti agli eventi, se chiedo un auto in prova se mi rispondono stranamente le auto che chiedo non sono mai disponibili. Addirittura mi è stata negata la possibilità di avere ulteriori foto della 500X con il nuovo logo 500 quando il modello era già stato svelato ed entrato in commercio. Per non parlare delle informazioni sempre puntualmente negate. Si ricordano di me (e li i mei contatti li conoscono molto bene) se dico in anticipo che Stellantis ha confermato che la Dodge Hornet verrà prodotta a Pomigliano e ti chiedono di rivedere l'articolo, se pubblico le foto dalle 600 completamente camuffata all'interno di un ambiante Stellantis occultato, ti contattano per la rimozione delle foto. Oltre ad accusarti di esserti fatto dare le foto della nuova Abarth 500 a Mirafiori senza coperture, quando la foto l'ha pubblicata un utente di un gruppo Facebook che non ha nulla a che fare con me ed è stata ripresa ovunque.

Però non ti contattano per chiederti se per sbaglio vuoi provare il Tonale. La multinazionale non lo fa, ma lo fa la piccola concessionaria non ufficiale e di provincia, che ti contatta per proporti di provare il Tonale che hanno a disposizione per i test drive dei clienti. E lo fanno per darti una mano! Un giro di dieci minuti con il venditore? No, un intero fine settimana senza porre tanti limiti sulla zona in cui devi stare e per quanto tempo. (La prova la troverete a fine mese sul blog).

Questo per dirvi che non amo Stellantis come gruppo, ma amo i sui marchi italiani e le radici italiane di quei marchi, e che non ho per niente simpatia dal punto di vista lavorativo per questo gruppo. Lo faccio per chiarire l'antipatia che ho per Stellantis e il suo spostare il baricentro in Francia e l'amore che ho per le radici italiane dei marchi Fiat, Lancia e Alfa Romeo, che per me saranno sempre italiani, nonostante la forte influenza francese. E per chiarire che il mio blog è frutto della mia passione e basta. E poi voglio ringraziare pubblicamente quella concessionaria che mi aiuta come può, che è la F.lli Simonetta di Cadrezzate con Osmate, in provincia di Varese, vicino a Sesto Calende e Angera.

Ci tengo a precisare anche un altra cosa. A me le auto elettriche non mi danno fastidio e dopo aver provato l'elettrico non mi dispiace. Ognuno la pensa come vuole, vi ricordo solo che l'elettrico sta arrivando a suon di normative ed una transizione che riguarda tutti. Libertà di pensiero e rispetto di tutte le opinioni da parte di tutti quelli che frequentano il mio blog.


Matteo

Commenti

Post popolari in questo blog

NUOVA ALFA ROMEO MILANO: LA SPORTIVITA’ DIVENTA COMPATTA

Benvenuta MILANO, la nuova compatta che riporta la sportività Alfa Romeo nel segmento di mercato più grande d’Europa. Un simbolico “ben tornato” a chi ha amato Giulietta e Mito, e un caldo benvenuto a una nuova generazione di Alfisti. MILANO ridefinisce i canoni di bellezza nel segmento. Design italiano opera del Centro Stile Alfa Romeo (Torino): connessione emotiva al primo sguardo, grazie alla reinterpretazione degli stilemi tipici del marchio. Dinamica di guida best in class. MILANO porta il tipico piacere di guida Alfa Romeo nel segmento delle compatte, grazie a soluzioni tecniche specifiche frutto di un processo di sviluppo coordinato dalla stessa squadra che ha progettato Giulia GTA. Comfort e praticità ai vertici del segmento, come dimostra il bagagliaio più capiente tra i competitor premium (400l) e la soluzione Alfa Romeo Cable Organizer. MILANO è “ELETTRICA”, con batteria da 54 kWh, proposta in 2 varianti di potenza: 156 CV, e la top di gamma VELOCE con 240 CV. MILANO ELETTRI

Alfa Romeo: non va bene Milano? Allora “Alfa Romeo Junior!”

In una delle settimane più importanti per il futuro di Alfa Romeo, un esponente del governo italiano dichiara che l’utilizzo del nome Milano, scelto dal marchio per chiamare la nuova compatta sportiva appena presentata, è vietato per legge. Il nome Milano, tra i favoriti del pubblico, era stato scelto per rendere tributo alla città dove tutto ebbe origine nel 1910. Non è la prima volta che Alfa Romeo chiede il parere del pubblico per scegliere il nome di una vettura. Successe già nel 1966 con la Spider 1600: in quel caso il nome scelto dal pubblico era stato Duetto. Pur ritenendo che il nome Milano rispetti tutte le prescrizioni di legge, e in considerazione del fatto che ci sono temi di stretta attualità più rilevanti del nome di una nuova autovettura, Alfa Romeo decide di cambiare il nome da Milano a Alfa Romeo Junior, nell’ottica di promuovere un clima di serenità e distensione. Il team Alfa Romeo ringrazia il pubblico per l’enorme numero di feedback ricevuti, la rete dei concession

DINAMICA DI GUIDA ALFA ROMEO MILANO offre la dinamica di guida migliore della categoria

Forte del peso più basso nel segmento e di una ottimale distribuzione delle masse, MILANO entra nel mondo delle elettriche da vera Alfa Romeo. Il team che ha coordinato lo sviluppo della dinamica di guida è lo stesso che ha sviluppato la Giulia GTA presso il centro sperimentale di Balocco (VC), con il chiaro obiettivo di ottenere sulla nuova MILANO il road handling migliore della categoria, grazie a soluzioni tecniche specifiche: lo sterzo è il più diretto del segmento (14,6) ed estremamente preciso con calibrazione ad hoc per esaltare le eccezionali doti di tenuta di strada; sulla versione VELOCE, l’assetto è sportivo e ribassato di 25 mm; le barre antirollio anteriori e posteriori hanno una taratura sportiva per garantire un inserimento in curva rapido e preciso; l’impianto frenante prevede all’anteriore dei dischi da oltre 380mm con pinze monoblocco a 4 pistoncini; il differenziale Torsen offre la migliore trazione possibile in ogni condizione. Inoltre, gli pneumatici performanti d

ALFA ROMEO MILANO SPECIALE La versione top di gamma disponibile al lancio commerciale

È ordinabile la MILANO SPECIALE, versione di lancio top di gamma disponibile nelle motorizzazioni IBRIDA (136CV) ed ELETTRICA (156CV). MILANO SPECIALE, limitata esclusivamente all’edizione di lancio, sintetizza sportività, tecnologia e comfort in una configurazione unica che prevede una selezione mirata dei migliori contenuti offerti in gamma. Negli esterni, spicca la nuova reinterpretazione dello scudetto “Progresso”, le finiture sportive opache con inserti nel nuovo e già iconico rosso Brera e cerchi in lega “Petali” da 18”. L’abitacolo è impreziosito da tratti sportivi e contenuti esclusivi come gli interni “Spiga” in vinile e tessuto, il volante in pelle ed il sedile guidatore a movimentazione elettrica con funzione massaggio. La cura nei dettagli è assicurata dall’elegante e distintiva illuminazione interna a 8 colori che caratterizza le bocchette aria, il tunnel centrale e l’iconico Cannocchiale. Completano un allestimento estremamente ricco le dotazioni di sicurezza: MILANO SPE

Le nuove Lancia sono pronte

Dopo la Ypsilon, la Lancia ha altri modelli davanti in programma, con altre cinque auto, tra modelli nuovi e versioni ad alte prestazioni. L'anno prossimo arriverà la Ypsilon HF, a trazione anteriore con motore da 240 CV, ma nel 2026 e nel 2028 verranno presentate due vetture: l'ammiraglia Gamma e la segmento C Delta. Entrambe avranno una declinazione sportiva HF Integrale, che verrà svelata l'anno successivo al debutto, si baseranno sulla piattaforma Stla Medium del gruppo Stellantis e verranno prodotte in Italia. Per entrambi i modelli il Centro Stile Lancia ha già finalizzato il design. Carlos Tavares, ad del gruppo Stellantis, durante il weekend della tappa italiana della Formula E a Misano, ha parlato di queste due auto. "Come ben sapete, ora stiamo rilanciando il marchio Lancia, partendo dalla nuova Ypsilon che avete già visto", ci ha detto Tavares. "Ma c'è dell'altro in cantiere. Sono stato a Torino questa settimana per convalidare i prossimi m

Lancia e Alfa Romeo torneranno nelle competizioni

L'Alfa Romeo e la Lancia torneranno nel mondo delle corse, a dirlo è Carlos Tavares, amministratore delegato del gruppo. Il "quando" è ancora da decidere ma il futuro è già tracciato. "È chiaro che a un certo punto Alfa Romeo tornerà nel motorsport, perché fa parte del DNA del marchio, è parte della sua storia. E sentiamo di avere la responsabilità di mantenere vivo il valore del marchio nelle corse. Discussioni a riguardo sono già in corso tra Jean-Marc Finot e il Jean-Philippe Imparato. Ma la decisione, molto probabilmente, non verrà presa prima della fine dell’anno. E quindi non posso ancora rispondere alla tua domanda su quale tipo di partecipazione avremo, perché non è ancora deciso". Bisognerà dunque attendere ancora diversi mesi prima di capire in quale campionato vedremo tornare il Biscione: le opzioni sul tavolo sono molteplici, dalla Formula E al Wec o, perché no, un ritorno in grande stile in Formula 1 o nei campionati a ruote coperte. Quello che è c

ALFA ROMEO MILANO IBRIDA L’esperienza della mobilità elettrica senza ricaricare

MILANO offre due soluzioni di motricità per la versione Ibrida: trazione anteriore oppure trazione integrale Q4, una novità nel segmento premium, che sarà disponibile in una fase successiva. MILANO IBRIDA adotta un’architettura 48v Hybrid VGT (Variable Geometry Turbo) da 136 CV. L’unità termica adotta il motopropulsore 3 cilindri da 1,2 litri a ciclo Miller con turbo a geometria variabile e catena di distribuzione per la massima affidabilità. La componente elettrica è composta da una batteria agli ioni di litio da 48 volt e un motore elettrico da 21 kW integrato nell’ innovativo cambio a doppia frizione e 6 rapporti che opera insieme all’ inverter e la centralina della trasmissione per garantire la massima efficienza. MILANO IBRIDA offre un’esperienza di guida estremamente fluida e consente di procedere in modalità elettrica per oltre il 50% in città; MILANO garantisce guida in elettrico non solo nelle manovre di parcheggio o a basse velocità cittadine ma anche su percorsi extraurbani,

Fiat Mega Panda, il nuovo modello sarà svelato l'11 luglio 2024

Il concept qui sopra è la City Car. Più grande dell’attuale Panda, una sorta di “Mega Panda”, il cui design è stato ispirato anche dal luogo di nascita del brand – l’iconico edificio del Lingotto a Torino con la sua celebre pista di prova sul tetto. Il nuovo modello sarà svelato l'11 luglio 2024. I designer FIAT si sono ispirati ad alcune caratteristiche peculiari del Lingotto per creare il nuovo linguaggio stilistico: leggerezza strutturale, ottimizzazione degli spazi e luminosità. Ad esempio, la forma ovale de "La Pista 500" è ripresa negli interni: dalla plancia allo schermo e ai sedili. Inoltre, FIAT è attenta all'uso di materiali sostenibili come plastiche riciclate e tessuti di bambù e mira a rimuovere alcune barriere ad una mobilità più sostenibile, tra cui ad esempio rendere semplice l’utilizzo del cavo di ricarica grazie a un "sistema autoavvolgente". La posizione di guida rialzata e il design che ispira solidità rendono questa city car perfetta per

Origini del nome Alfa Romeo Junior

Dopo il successo della Giulia e della sua versione coupé Giulia Sprint GT, disegnata da Giugiaro per Bertone, l’obiettivo di Alfa Romeo è quello di attrarre un pubblico più giovane, nuovo e desideroso di avere una vettura brillante ed esclusiva senza però eccedere nelle spese di acquisto e gestione. Il 26 settembre 1966 viene presentata a Blocco la GT 1300 Junior che, rinunciando al nume “Giulia”, è la capostipite di una nuova generazione di Alfa Romeo. Con Junior verranno infatti identificate anche le versioni analoghe della gamma Spider. La principale variante meccanica è l’adozione del propulsore bialbero di 1290 cc che – grazie all’alimentazione singola e ad una nuova fasatura – eroga 89 CV per una velocità massima di oltre 170 Km/h solo di poco inferiore a quella della 1600 e in grado di garantire prestazioni e piacere di guida di alto livello. Anche la carrozzeria viene aggiornata con un allestimento dedicato e più giovanile. Con quasi 92mila esemplari venduti, la GT 1300 Junior

Risultati dell’Assemblea generale 2024 di Stellantis

Stellantis N.V. (“Stellantis”) ha annunciato oggi che tutte le delibere sottoposte all’approvazione degli azionisti durante l’Assemblea generale annuale (AGM) tenutasi oggi in presenza e trasmessa in diretta sul sito web di Stellantis sono state adottate, compresa la proposta di approvare la distribuzione di un dividendo di 4,7 miliardi di euro sulle azioni ordinarie. La ripartizione proposta comporta un pagamento ai detentori di azioni ordinarie di 1,55 euro per ogni azione ordinaria in circolazione. Gli azionisti in possesso di azioni ordinarie negoziate al NYSE riceveranno 1,651680 USD per ogni azione ordinaria al tasso di cambio ufficiale USD/EUR riportato dalla Banca Centrale Europea al 15 aprile 2024. Il pagamento sarà effettuato attingendo dagli utili indicati nei conti annuali del 2023. Il calendario atteso per le azioni ordinarie quotate al New York Stock Exchange, all’Euronext Paris e all’Euronext Milan sarà il seguente: (i) data di stacco 22 aprile 2024, (ii) data di registr